Stefano Montanari

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

2 days ago

Stefano Montanari

L’intervista andrà in onda domani (giovedì) alle ore 12.00.Per ascoltare le mie interviste in diretta su radio studio 54 potete scaricare la app: per
Apple apps.apple.com/it/app/radio-studio-54-italia/id976739919

Per Android: play.google.com/store/apps/details?id=com.studio54.radio
... See MoreSee Less

L’intervista andrà in onda domani (giovedì) alle ore 12.00.

Comment on Facebook

Buona Sera , gentile professore ! Vorrei farle alcune domande e mettermi in contatto con le in privato per una questione privata ! Ha un email dove posso contattarla direttamente ? E molto importante !

2 days ago

Stefano Montanari

L’avevamo preannunciato (www.stefanomontanari.net/un-libro-per-i-bambini-di-ogni-eta/): il libro LA FUMOSA STORIA DELL’UOMO (E DEI SUOI RIFIUTI) sarà in distribuzione a partire dal 28 novembre prossimo quando, alle 20 e 30, ci sarà la presentazione alla Polisportiva Madonnina in Via Don Pasquino Fiorenzo, 135 a Modena.
Credo che in quell’occasione sarà invitabile parlare non solo dell’argomento specifico di cui il libro tratta, vale a dire l’ambiente, ma anche di tanto altro.
A differenza di quanto accade in occasione della presentazione di altri libri di altri autori, le domande saranno benvenute.
... See MoreSee Less

L’avevamo preannunciato (http://www.stefanomontanari.net/un-libro-per-i-bambini-di-ogni-eta/): il libro LA FUMOSA STORIA DELL’UOMO (E DEI SUOI RIFIUTI) sarà in distribuzione a partire dal 28 novembre prossimo quando, alle 20 e 30, ci sarà la presentazione alla Polisportiva Madonnina in Via Don Pasquino Fiorenzo, 135 a Modena.
Credo che in quell’occasione sarà invitabile parlare non solo dell’argomento specifico di cui il libro tratta, vale a dire l’ambiente, ma anche di tanto altro.
A differenza di quanto accade in occasione della presentazione di altri libri di altri autori, le domande saranno benvenute.

Comment on Facebook

Questo il link: chng.it/Rwq4gPYh

Facci sapere dove è possibile acquistare? Grazie

Egr.Prof.Montanari, chiedo scusa se esco fuori tema ma vorrei avere il Suo autorevole parere (per la stima che ho per Lei e per Sua moglie, nostro orgoglio nazionale), per sapere cosa pensa della petizione lanciata a favore della libertà di cura dei malati di cancro? Il Suo eventuale parere negativo mi aiuterebbe a rinunciare a sperare nella valanga di firme che ingenuamente attendevo fin dall'inizio (circa 2 settimane fa). Viceversa, se dovesse reputarlo un gesto comunque utile, oserei chiederLe un incentivo a spronare Lei stesso, magari anche attraverso questo stesso canale, chi ancora è restio a firmare e a sommare il proprio contributo gratis, perché altro non si richiede che una firma eppure perfino i diretti interessati restano sordi e muti. La ringrazio di cuore! Maria di Grazia

La realta e ancora piu triste !

Lo comprerò sicuramente grazie dottore Montanari

Dov'è possibile acquistarlo?Ho gia acquistato il suo libro sui vaccini(edizione aggiornata).

View more comments

4 days ago

Stefano Montanari

Ricevo ora da Robert Kennedy jr. alcuni risultati riportati da Children Health’s Defense relativi a comparazioni tra bambini vaccinati e non vaccinati.
Li riassumo di seguito. Per chiarezza, la patologia o la condizione elencata è quella rilevata nei bambini vaccinati e il segno + indica l’incremento rispetto a chi non è stato vaccinato.
Autismo + 760%
Disturbi del sonno +500%
Disturbi della parola +210%
Allergie +163%
Necessità di avere un supporto all’educazione +863%
Infezioni non relative all’influenza +440%
Mortalità nelle femmine +1.000%
Mortalità nei maschi +393%
Disturbi dello sviluppo neurologico nei nati a termine +370 %
Disturbi dello sviluppo neurologico nei prematuri +670%
Riniti allergiche +3.000%
Diabete in Finlandia: da 14/100.000 nei non vaccinati a 41/100.000 nei vaccinati
Diabete di tipo 1 in chi ha ricevuto tutte e tre le vaccinazioni antipolio: da 8,27/100.000 nei non vaccinati a 20,87/100.000 nei vaccinati
Asma nei vaccinati contro il Papilloma virus +801%
Pubertà prematura nei vaccinati contro l’epatite B +210%
Morbo di Crohn nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +301%
Colite ulcerosa nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +253%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza che furono vaccinate anche l’anno precedente +770%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza H1N1 e contro l’influenza corrente +1.140%
Narcolessia in Svezia dopo vaccinazione contro l’influenza suina +2.500%
Intussuscezione (invaginazione di alcuni tratti dell’apparato digerente) dopo vaccinazione contro il Rotavirus +580%
Atopia in Guinea Bissau dopo vaccinazione contro il morbillo +280%
Mortalità in Nuova Zelanda nelle bambine vaccinate contro la tubercolosi +245%
Mortalità nelle bambine vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse +568%
Mortalità nelle bambine indiane vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse e, insieme, con vaccino contro la tubercolosi confrontate con le bambine indiane vaccinate con uno solo dei due vaccini +240%
Mortalità nei bambini della Guinea Bissau dopo richiami vaccinali contro difterite, tetano e pertosse (1° richiamo +181%; 2° richiamo +436%)
Asma +1.140%
Rinite allergica (febbre da fieno) +1.000%
Mortalità nei bambini che hanno ricevuto la vaccinazione contro il morbillo e (vaccino trivalente) contro difterite, tetano e pertosse in confronto ai bambini che hanno ricevuto solo il vaccino contro il morbillo +259%
Sclerosi multipla nei vaccinati contro l’epatite B rispetto a chi non è stato vaccinato contro quella malattia +310%
Morte in culla (SIDS) associata ai vaccinati con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse 70% contro il 30% delle morti non associate a quel vaccino
Per evitare perdite di tempo, rendo noto che tutti i dati derivano da ricerche regolarmente pubblicate. A volte si potrà trovare la stessa condizione patologica con due risultati diversi (es. rinite allergica). La differenza nelle due pubblicazioni è quella normale quando si tratta di ricerche mediche. Il succo, però, resta immutato.

childrenshealthdefense.org/
... See MoreSee Less

Ricevo ora da Robert Kennedy jr. alcuni risultati riportati da Children Health’s Defense relativi a comparazioni tra bambini vaccinati e non vaccinati.
Li riassumo di seguito. Per chiarezza, la patologia o la condizione elencata è quella rilevata nei bambini vaccinati e il segno + indica l’incremento rispetto a chi non è stato vaccinato.
Autismo + 760%
Disturbi del sonno +500%
Disturbi della parola +210%
Allergie +163%
Necessità di avere un supporto all’educazione +863%
Infezioni non relative all’influenza +440%
Mortalità nelle femmine +1.000%
Mortalità nei maschi +393%
Disturbi dello sviluppo neurologico nei nati a termine +370 %
Disturbi dello sviluppo neurologico nei prematuri +670%
Riniti allergiche +3.000%
Diabete in Finlandia: da 14/100.000 nei non vaccinati a 41/100.000 nei vaccinati
Diabete di tipo 1 in chi ha ricevuto tutte e tre le vaccinazioni antipolio: da 8,27/100.000 nei non vaccinati a 20,87/100.000 nei vaccinati
Asma nei vaccinati contro il Papilloma virus +801%
Pubertà prematura nei vaccinati contro l’epatite B +210%
Morbo di Crohn nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +301%
Colite ulcerosa nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +253%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza che furono vaccinate anche l’anno precedente +770%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza H1N1 e contro l’influenza corrente +1.140%
Narcolessia in Svezia dopo vaccinazione contro l’influenza suina +2.500%
Intussuscezione (invaginazione di alcuni tratti dell’apparato digerente) dopo vaccinazione contro il Rotavirus +580%
Atopia in Guinea Bissau dopo vaccinazione contro il morbillo +280%
Mortalità in Nuova Zelanda nelle bambine vaccinate contro la tubercolosi +245%
Mortalità nelle bambine vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse +568%
Mortalità nelle bambine indiane vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse e, insieme, con vaccino contro la tubercolosi confrontate con le bambine indiane vaccinate con uno solo dei due vaccini +240%
Mortalità nei bambini della Guinea Bissau dopo richiami vaccinali contro difterite, tetano e pertosse (1° richiamo +181%; 2° richiamo +436%)
Asma +1.140%
Rinite allergica (febbre da fieno) +1.000%
Mortalità nei bambini che hanno ricevuto la vaccinazione contro il morbillo e (vaccino trivalente) contro difterite, tetano e pertosse in confronto ai bambini che hanno ricevuto solo il vaccino contro il morbillo +259%
Sclerosi multipla nei vaccinati contro l’epatite B rispetto a chi non è stato vaccinato contro quella malattia +310%
Morte in culla (SIDS) associata ai vaccinati con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse 70% contro il 30% delle morti non associate a quel vaccino
Per evitare perdite di tempo, rendo noto che tutti i dati derivano da ricerche regolarmente pubblicate. A volte si potrà trovare la stessa condizione patologica con due risultati diversi (es. rinite allergica). La differenza nelle due pubblicazioni è quella normale quando si tratta di ricerche mediche. Il succo, però, resta immutato.

 https://childrenshealthdefense.org/

Comment on Facebook

La popolazione mondiale deve diminuire.

Aiutooo il mio pediatra insiste a dirmi che i vaccini obbligatori vanno fatti... io non so più come difendermi ... voi come avete fatto???

Diamo ai nostri figli anche un alimentazione sana...oltre a non vaccinarli....e faremo ri-nascere una nuova umanità 🤗

Si chiama spopolamento programmato

E invece siamo solo dei complottisti per la massa ipnotizzata. governo di vigliacchi senza scrupoli.

Lasciatemi fare il solito sfogo...prenderei i politici e chi li vota e gli farei questo regalo personale....LA GHIGLIOTTINA..!!!!

Ancora per quanto tempo dovrà essere così....?

Come si fa a non prendere in seria considerazione questi dati?

Ma cosa ci vuole per far aprire gli occhi alla gente.....?

Vaccinarsi NON vuole dire essere immune ti inietti una malattia che non hai puoi avere una reazione avversa invalidante anche mortale leggere il bugiardino. Medici ricercatori hanno dichiarato che il vaccino non è scientificamente provato che sia valido soprattutto procura reazioni avverse invalidanti anche mortale giudici hanno concesso risarcimento danno da VACCINO

Grazie doc, sei un grande, uno dei pochi rimasti. 🙏

quindi fanno piu' morti i vaccini degli incidenti stradali ?

E dopo questi risultati, si muoverà qualcosa o ci sarà il solito silenzio totale?

Grazie Dottore.. Praticamente una strage 😭 perpetrata nel più totale silenzio con la complicità di chi governa 🤬

È da criminali continuare a imporre le vaccinazioni 😕

Peccato non sentirla più in radio... Percaso ha una rubrica su altra emittente?

E con questi dati non si potrebbe fare una Class Acton?

allucinante. E' sotto gli occhi di tutti ma la gente è cieca

È proprio vero che "nessuno è profeta in patria"... Peccato per noi, che viviamo in un paese che dà l'ostracismo a persone come Lei e sua moglie, per idolatrare delle menti malate e misere... Siamo messi veramente molto male. 😒

Di preciso dove sono pubblicati questi dati? Vorrei capire su quale campione e che metodo hanno utilizzato. Grazie

Ma si può fare di concreto x i nostri figli e per i nostri Nipoti?

E condivido, ché magari qualcuno si desta dal sonno.

Dottore, rispetto a che anni parliamo?

Almeno negli Usa quelle comparazioni le lasciano fare. Da noi quando?

Ma + rispetto a quando? Non ho capito il paragone ....

View more comments

2 weeks ago

Stefano Montanari

Non ho competenza politica. Almeno, non per quella che è definita “l’arte del compromesso”, qualcosa che con la conduzione virtuosa della cosa pubblica, vale a dire la politica come deve essere, non ha nulla a che spartire. Anzi, tutt’altro.
Io sono un soldato semplice di questa povera penisola e, come sosteneva e forse sostiene ancora qualcuno, valgo uno e nulla di più.
Ho appena ascoltato i discorsi trionfalistici di chi ha raccattato il maggior numero di voti in Umbria e quelli di chi, dopo aver soffiato in un disperato trombone, restando in tema di strumenti a fiato ha ficcato le pive nel sacco. Discorsi che condividono una certa comicità. Discorsi che da una parte aprono alla speranza che la sconfitta sia il preludio di una scomparsa a livello nazionale che sarebbe dovuta già arrivare anni fa e discorsi che destano apprensione. Se i vincitori, infatti, non sapranno, non potranno o non vorranno dare segnali di saggezza, avremo visto svanire anche quel pur esile sogno.
La mia opinione è che i risultati ottenuti dagli sconfitti siano brillanti oltre misura. Riuscire ad ottenere che più o meno 4 elettori su 10 ripongano la loro fiducia in chi, oggettivamente, dovrebbe essere felice di non dover pagare i danni è cosa straordinaria. Ancor di più lo è, in particolare, il risultato conseguito dai grillini, un partito che, comunque, qualche voto se l’è portato a casa. Da addetto ai lavori penso che, per motivi puramente scientifici, sarebbe di grande interesse se gli elettori di quel partito lasciassero il cervello alla scienza una volta dipartiti da questa valle di lacrime oggi in stato di alluvione.
Ma i vincitori?
Questi hanno vinto perché sono, al momento, “i meno peggio”, e non so quanto sia onorevole per loro e incoraggiante per gli umbri una posizione simile. Certo, è vero: sono “i meno peggio”, ma non vorrei che lo fossero semplicemente perché non hanno avuto in mano il timone e non hanno avuto possibilità di esibirsi in barbarie.
Di fatto abbiamo sentito tante chiacchiere, ma non una parola che abbia un significato su ambiente e salute e, mi si consenta, quelli sono i due argomenti fondamentali. Poi c’è il resto, istruzione in primis. A seguire c’è il lavoro…
Si dirà, a ragione, che le elezioni appena celebrate non contano nulla perché Roma è altra cosa. Giusto o quasi, ma le regioni hanno una certa autonomia e, volendo, la si può anche esercitare. Ma per esercitarla è indispensabile volerlo fare e, a braccetto, saperlo e poterlo fare.
A Terni e dintorni io ho lavorato e posso assicurare che, almeno dal punto di vista ambientale, non c’è da stare allegri. Che cosa faranno i nuovi timonieri?
In tema vaccini, quale sarà la loro posizione? Si vorrà fare come i primi della classe di Bologna e di Firenze o si vorrà applicare la Costituzione?
Non ci resta che aspettare, sperando che non ci resti che piangere.
... See MoreSee Less

Non ho competenza politica. Almeno, non per quella che è definita “l’arte del compromesso”, qualcosa che con la conduzione virtuosa della cosa pubblica, vale a dire la politica come deve essere, non ha nulla a che spartire. Anzi, tutt’altro.
Io sono un soldato semplice di questa povera penisola e, come sosteneva e forse sostiene ancora qualcuno, valgo uno e nulla di più.
Ho appena ascoltato i discorsi trionfalistici di chi ha raccattato il maggior numero di voti in Umbria e quelli di chi, dopo aver soffiato in un disperato trombone, restando in tema di strumenti a fiato ha ficcato le pive nel sacco. Discorsi che condividono una certa comicità. Discorsi che da una parte aprono alla speranza che la sconfitta sia il preludio di una scomparsa a livello nazionale che sarebbe dovuta già arrivare anni fa e discorsi che destano apprensione. Se i vincitori, infatti, non sapranno, non potranno o non vorranno dare segnali di saggezza, avremo visto svanire anche quel pur esile sogno.
La mia opinione è che i risultati ottenuti dagli sconfitti siano brillanti oltre misura. Riuscire ad ottenere che più o meno 4 elettori su 10 ripongano la loro fiducia in chi, oggettivamente, dovrebbe essere felice di non dover pagare i danni è cosa straordinaria. Ancor di più lo è, in particolare, il risultato conseguito dai grillini, un partito che, comunque, qualche voto se l’è portato a casa. Da addetto ai lavori penso che, per motivi puramente scientifici, sarebbe di grande interesse se gli elettori di quel partito lasciassero il cervello alla scienza una volta dipartiti da questa valle di lacrime oggi in stato di alluvione.
Ma i vincitori?
Questi hanno vinto perché sono, al momento, “i meno peggio”, e non so quanto sia onorevole per loro e incoraggiante per gli umbri una posizione simile. Certo, è vero: sono “i meno peggio”, ma non vorrei che lo fossero semplicemente perché non hanno avuto in mano il timone e non hanno avuto possibilità di esibirsi in barbarie.
Di fatto abbiamo sentito tante chiacchiere, ma non una parola che abbia un significato su ambiente e salute e, mi si consenta, quelli sono i due argomenti fondamentali. Poi c’è il resto, istruzione in primis. A seguire c’è il lavoro…
Si dirà, a ragione, che le elezioni appena celebrate non contano nulla perché Roma è altra cosa. Giusto o quasi, ma le regioni hanno una certa autonomia e, volendo, la si può anche esercitare. Ma per esercitarla è indispensabile volerlo fare e, a braccetto, saperlo e poterlo fare.
A Terni e dintorni io ho lavorato e posso assicurare che, almeno dal punto di vista ambientale, non c’è da stare allegri. Che cosa faranno i nuovi timonieri?
In tema vaccini, quale sarà la loro posizione? Si vorrà fare come i primi della classe di Bologna e di Firenze o si vorrà applicare la Costituzione?
Non ci resta che aspettare, sperando che non ci resti che piangere.

Comment on Facebook

Ormai dovrebbe essere chiaro ed evidente che CHIUNQUE e ovunque vinca la "farsa" delle elezioni, Dovrà Eseguire degli ordini scritti su un "Agenda" dalle Élites Mondiali del Potere, e per essere più chiari, i personaggi che in qualche modo avrebbero vinto le "elezioni", NON hanno nessun potere Decisionale (tranne qualche stupidaggine di poca importanza per cercare di salvare la "faccia"). Dopotutto le Élites Mondiali hanno Dichiarato : Ridurre DRASTICAMENTE e con ogni "mezzo" la Popolazione Mondiale (E lo stanno facendo)! Dubito fortemente che si fermeranno di fronte a dei "politicanti" da 4 soldi . L'Unica possibilità di "salvezza" per la penisola Italiana, sarebbe se un Rilevante numero di Italiani e alla velocità della Luce, cambiasse il modo di Pensare e Agire, MA anche qui ho Fortissimi dubbi che possa verificarsi, QUINDI . . . .

Sono sempre le Multinazionali che dettano legge a questi maggiordomi politicanti, ci sarà SEMPRE da piangere lacrime amare.

quando non contano sono tutti contri i vaccini, la plastica, il 5G e gli armamenti....tutte cose che annientano l'essere umano.....quando poi invece governano i produttori di tutte quelle cose, con le buone o con le cattive, comandano su coloro che devono amministrare! Se la gente non si sveglia dall'ebetismo in cui è finita...siamo rovinati!

Anche i cartoni animati girano. Incitano discriminazione verso i non vaccinati.. definendoli buoni (vaccinati) e cattivi (non vaccinati). Cosi indottrinano bene sin da piccoli il concetto

Caro Professore, penso che i politici non ascoltino mai uomini di Scienza o di Cultura. O,semplicemente, i cittadini. Sono chiusi nella loro torre d'avorio,da dove rubano e comandano. Grazie sempre per le sue analisi lucide e precise.

In Trentino, a governo leghista, non c'è da stare allegri nè in tema ambiente, nè tantomeno un tema di salute.

La politica è il teatrino di sempre, è l'illusione che lasciano al popolo della libertà di scegliere. Come diceva Mark Twain, se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare.

Egr dottore, stamani gira un link sul fatto che il morbillo “ smemorizza” il sistema immunitario.. ovviamente pubblicato da un esponente politico. Assurdo

In Umbria ha vinto, ancora una volta, l'ignoranza e la delinquenza.

Non ho intenzione di lasciare il mio cervello alla scienza ma distoglierlo dalla politica e dedicarlo a fare qualcosa di utile. Detto questo perché riconosco i molti errori e perché no; le delusioni avute, in ogni caso visto quello che si trova in giro le soluzioni sono perseguire nella speranza forse utopisticamente o astenersi al partecipare a buffonante dette elezioni per dare al popolo la sensazione di democrazia.

Caro Dr.Stefano Montanari.. Chi spera che questi applichino la costituzione che calpestano da sempre, stiamo inguaiati! Le cose cambieranno SOLO quando i cittadini capiranno che votare e' inutile! I cittadini devono volere Il Potere legislativo che compete a loro, attraverso petizioni ai sindaci per l'applicazione di leggi a favore della Democrazia Diretta - vedi costituzione e vedi dlgs.267/2000 art.8 - Come vige nel comune di Ortisei (bz) e altri in italia ..ma mai dove governa il m5fetecchie! Chissa' come mai!

per chi non lo sapesse questa è Terni di cui parla Stefano Montanari ( foto recente presa da Facebook) m.facebook.com/story.php?story_fbid=10221286130173351&id=1550224402&notif_t=feedback_reaction_gen...

"ma non vorrei che lo fossero semplicemente perché non hanno avuto in mano il timone e non hanno avuto possibilità di esibirsi in barbarie." Non sono d'accordo, i "vincitori" hanno avuto il timone in mano almeno una decina di anni, usati per far null'altro che danni irreversibili! Se poi vogliamo disquisire sul "più peggiore" (per dirlo alla Fedeli), possiamo solo tener a mente un antico adagio veneto: "Il peggio non è mai morto"; i sintomi ci sono tutti! L'unico augurio che ci si può fare è che, Quisling e ciarlatani vengano, anche brutalmente, scopati via dal Parlamento, ma temo che chi resterà potrebbe essere contato sulle dita di due mani ....

Da perugina, dico che siamo caduti dalla padella alla brace...Tesei ha gia' detto che vuole costruire l'inceneritore...questa gente ha vinto con slogan, e' priva di contenuti, ma NON priva di condannati in tutta Italia!

Buongiorno Dr. Stefano Montanari, purtroppo all'indomani della messa in atto del ddl Lorenzin, Luca Zaia presidente del Veneto (lega), ha provato a rifiutare la totale applicazione, con conseguente minaccia di commissariamento da parte dell'allora ministra, con immediata obbedienza da parte di Zaia per non perdere (forse giustamente, chi può dirlo) il posto.

Con la scrittura e le belle parole non si conclude nulla ; come non si conclude niente con i cortei silenti e cortesi.Se i gilet gialli si fossero comportati così ,nessuno al mondo ne avrebbe parlato.Alziamo il sedere e FACCIAMOCI SENTIRE!!!!!!!!!!

Immenso dottor Montanari, Lei è una delle poche isole rimaste in questo mare di ignoranza. Saluti cari.

Dott. Montanari lo spero pure io che in questa Regione je i suoi nuovi amministratori badino veramente alla salute di tutti ad iniziare dai bambini.

Montanari, che cosa ne pensa del Movimento 3V che sta raccogliendo firme nella nostra (mia e sua) regione?

Salute, ambiente, educazione, economia. Noi ce ne stiamo occupando....

Niente! Non faranno niente! Mi sta asselendo la paura che ci stiamo dirigendo verso l'ennesima delusione!

Meglio Lega al PD/5*. Vediamo cosa faranno. Se son bravi, li rivoteranno, sennò andranno a casa. Meno peggio o meglio é irrilevante.

Eccellente analisi prof , come sempre . Grazie 🙏

Beh, incominciamo a incrociare le dita! Buona giornata!

Dopo aver capito che sono uno peggiore dell’altro le incoraggianti parole che usano sono di nullo valore, indipendentemente di chi sta al timone la direzione sarà sempre la stessa, verso la schiavitù.

View more comments

2 weeks ago

Stefano Montanari

Per ascoltare le mie interviste in diretta su radio studio 54 potete scaricare la app: per
Apple apps.apple.com/it/app/radio-studio-54-italia/id976739919

Per Android: play.google.com/store/apps/details?id=com.studio54.radio
... See MoreSee Less

Per ascoltare le mie interviste in diretta su radio studio 54 potete scaricare la app: per 
Apple https://apps.apple.com/it/app/radio-studio-54-italia/id976739919

Per Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.studio54.radio

Comment on Facebook

Lei è un grande Montanari

👌👌

Si sente meglio che in FM

Dott.Stefano Montanari,per favore ,mi puo' dare indicazioni per poterla ascoltare ancora sul PC??? io ho solo quello... ma non trovo piu' nulla in spreaker Grazie

Ma sono udibili anche se la radio è stata silenziata?

Ma non ci sono tutte le interviste, e noi abbiamo fame di sapere !

Onnipresente Isaura Bianchi con le sue risate del c...o.

PER TUTTI I GENITORI DANNEGGIATI DA VACCINI ED ALTRO, METTETEVI IN CONTATTO CON LA SIGNORA FIORELLA RAPPA, CHE HA UNA RAGAZZA AUTISTICA DANNEGGIATA DAI VACCINI ! !, PRESENTE SU FACEBOOK, CHE STA OTTENENDO MIGLIORAMENTI STRABIGLIANTI CON SUA FIGLIA SARA , ANCHE CON GRANDE MERAVIGLIA DEL MEDICO CURANTE ! ! ! www.facebook.com/fiorella.rappa?fref=search&__tn__=%2Cd%2CP-R&eid=ARAlyWkQ9XsjcM126mBc-gWNrrfxMHo...

Per il PC??? non servono app... dove la ascolto ora?I podcast su spracker non ci sono 🙂 Grazie infinite 🙂

Ma non le pubblica più sul suo profilo?

Top🔝❤️‼️

Già fatto

View more comments

3 weeks ago

Stefano Montanari

m.youtube.com/watch?v=H-Z96_LNvQU&feature=youtu.beGrazie al vostro aiuto, siamo a "tanto così" da vera una televisione dei cittadini. Facciamo l'ultimo sforzo insieme! Con Paypal: paypal.me/byoblu. C... ... See MoreSee Less

Video image

Comment on Facebook

Ho comprato e letto il libro,non sono un medico e quindi non posso giudicare le terapie,ne del MDB ,ne di quella convenzionale...una cosa mi è chiara però -lo stato italiano è corrotto e prono alla finanza da sempre-

Jacopo

Michele Togni

Bella zio...

PER TUTTI I GENITORI DANNEGGIATI DA VACCINI ED ALTRO, METTETEVI IN CONTATTO CON LA SIGNORA FIORELLA RAPPA, CHE HA UNA RAGAZZA AUTISTICA DANNEGGIATA DAI VACCINI ! !, PRESENTE SU FACEBOOK, CHE STA OTTENENDO MIGLIORAMENTI STRABIGLIANTI CON SUA FIGLIA SARA , ANCHE CON GRANDE MERAVIGLIA DEL MEDICO CURANTE ! ! ! www.facebook.com/fiorella.rappa?fref=search&__tn__=%2Cd%2CP-R&eid=ARAlyWkQ9XsjcM126mBc-gWNrrfxMHo...

come fanno a usare il senato per questee cose da cocaina e eroina

Lo dovrebbero fare Santo. Un uomo.eccezionale!

Ho letto il libro lo definirei illuminante ..solo il titolo fa riflettere !!!

Bravo di bella E cura la gente povera senza niente così ai un posto in paradiso

Una Grande Anima che abbiamo avuto per Aiuto che la Luce sia con Lui

Mi scusi, ma le vaccinazioni consigliatissime per gli over 70 enni sulla polmonite, herpes zoster, influenza, tetano, pertosse dalla sanità italiana, gratuiti...... lei sostiene siano inutili over 65? Stanno amplificando tali campagne. La medicina non dice ciò che lei sostiene sul sistema immunitario degli anziani, possiamo chiarirlo?

Silvana Sella .....Per favore commenta ! Grazie !

Appena ordinato il libro. Mi arriva domani. Non vedo l'ora!!!

Non sono mai riuscita a capire quale sia questo metodo.

Molte delle cose dette sono verissime ... ma vorrei sapere di piu’ sul ruolo degli oncogeni

View more comments

3 weeks ago

Stefano Montanari

L’ignoranza è una condizione che accomuna senza eccezione tutti gli esseri umani. Al massimo, socraticamente, si può sapere di non sapere, il che costituirebbe un enorme passo avanti, specie se rientrasse nella consapevolezza di qualcuno che si ammanta di autocertificata onniscienza. E, ahinoi, di personaggi del genere non c’è carenza.
Lasciando pietosamente da un canto una ormai corposa e stucchevole collezione di bizzarrie, recentemente il professor Roberto Burioni (magari un giorno esibirà i documenti che certificano il suo cursus honorum) ci fece moderatamente divertire strepitando con l’isteria che gli è caratteristica contro chi aveva concesso la parola a qualcuno che non gli andava a genio. Nel caso specifico si trattava d’interventi in tema di salute nell’ambito di una manifestazione chiamata Modena Benessere che si è tenuta il fine settimana scorso.
Come è normale che sia o, almeno, come è normale che dovrebbe sempre essere, delle esternazioni del personaggio si è tenuto conto per quello che valevano, cioè nulla, gl’interventi ci sono stati (io ero con il dottor Giuseppe Di Bella) e la sala era talmente piena che non poche persone non sono state fatte entrare per motivi di sicurezza oltre che di capienza.
Ora questo personaggio che ormai è a livello di tormentone scrive un libro sull’omeopatia, un argomento di cui, in coerenza con se stesso, sa pochissimo e capisce ancora meno. L’ignoranza è quella condivisa dall’umanità aggravata, però, dal dilettantismo, aggravato, a sua volta, dalla grottesca presunzione, mentre la coerenza sta nel fatto di non avere idea di che diavolo sia la scienza e di non aver capito che cosa sia la medicina. Ma ora che il Burioni si è autocertificato come malleus maleficarum dove la strega di turno è l’omeopatia, eccolo tuonare contro l’Università di Modena la quale, horribile dictu!, tiene un corso proprio sulla demoniaca materia, quella che toglie business a Big Pharma.
A questo punto, appellandosi alla pazienza che si deve piamente esercitare quando ci s’imbatte in persone moleste e sopprimendo misericordiosamente le risate, ci si potrebbe interrogare quanto meno sull’autorità che questo personaggio avrebbe. Sì, perché, per motivi su cui preferisco sorvolare, costui è riuscito ad esercitare influenze pesanti su diverse istituzioni che, ancora una volta per motivi su cui preferisco sorvolare, non solo lo prendono sul serio ma, almeno saltuariamente, paiono disponibili ad assecondarne i capricci.
Aggiungo, non per lui che probabilmente non avrebbe intenzione di capire, che la facoltà di farmacia nella quale si tiene il corso è deputata ad insegnare che cosa siano i farmaci, vale a dire quelle sostanze che il Nostro fraintende, e i farmaci omeopatici sono, guarda un po’!, farmaci. Dunque, è indispensabile che il farmacista li conosca, e questo a prescindere dagl’interessi e dalle idiosincrasie di un quisque de populo non importa come abbigliato.
Mi rendo conto che parlare di lui significa attribuirgli una qualche importanza e mi rendo pure conto di come invitarlo per l’ennesima volta ad un confronto sia perfettamente inutile. Tralasciando le metafore gommistiche, astronautiche e altro e ricorrendo a quelle tennistiche a lui altrettanto care, il Burioni stravince giocando contro il muro. Ora sarebbe bello se si piazzasse dietro una rete e cercasse di fare almeno un quindici.
www.modenatoday.it/salute/roberto-burioni-critica-unimore-insegnamento-omeopatia-laurea-farmacia-...

P.S. del 24 ottobre – Ognuno è libero di agire come più gli aggrada e non è mio compito esprimere giudizi. L’Università di Modena si è presa la briga di rispondere, dicendo delle ovvietà, alle stramberie del tale Burioni come se le esternazioni di un signor Nessuno avessero qualche rilevanza (www.modenatoday.it/salute/replica-unimore-critica-insegnamento-omeopatia-modena-23-10-2019.html www.magazine.unimore.it/site/home/notizie/articolo820051000.html). Fosse stato per me, io mi sarei limitato a sorridere davanti a tanta ridicola spocchia, a tanta becera incompetenza e, se proprio avessi avuto tempo da perdere, avrei chiesto ragguagli alla scuola privata che paga lo stipendio al personaggio. In fondo, anche quella è classificata come università.
... See MoreSee Less

L’ignoranza è una condizione che accomuna senza eccezione tutti gli esseri umani. Al massimo, socraticamente, si può sapere di non sapere, il che costituirebbe un enorme passo avanti, specie se rientrasse nella consapevolezza di qualcuno che si ammanta di autocertificata onniscienza. E, ahinoi, di personaggi del genere non c’è carenza.
Lasciando pietosamente da un canto una ormai corposa e stucchevole collezione di bizzarrie, recentemente il professor Roberto Burioni (magari un giorno esibirà i documenti che certificano il suo cursus honorum) ci fece moderatamente divertire strepitando con l’isteria che gli è caratteristica contro chi aveva concesso la parola a qualcuno che non gli andava a genio. Nel caso specifico si trattava d’interventi in tema di salute nell’ambito di una manifestazione chiamata Modena Benessere che si è tenuta il fine settimana scorso.
Come è normale che sia o, almeno, come è normale che dovrebbe sempre essere, delle esternazioni del personaggio si è tenuto conto per quello che valevano, cioè nulla, gl’interventi ci sono stati (io ero con il dottor Giuseppe Di Bella) e la sala era talmente piena che non poche persone non sono state fatte entrare per motivi di sicurezza oltre che di capienza.
Ora questo personaggio che ormai è a livello di tormentone scrive un libro sull’omeopatia, un argomento di cui, in coerenza con se stesso, sa pochissimo e capisce ancora meno. L’ignoranza è quella condivisa dall’umanità aggravata, però, dal dilettantismo, aggravato, a sua volta, dalla grottesca presunzione, mentre la coerenza sta nel fatto di non avere idea di che diavolo sia la scienza e di non aver capito che cosa sia la medicina. Ma ora che il Burioni si è autocertificato come malleus maleficarum dove la strega di turno è l’omeopatia, eccolo tuonare contro l’Università di Modena la quale, horribile dictu!, tiene un corso proprio sulla demoniaca materia, quella che toglie business a Big Pharma.
A questo punto, appellandosi alla pazienza che si deve piamente esercitare quando ci s’imbatte in persone moleste e sopprimendo misericordiosamente le risate, ci si potrebbe interrogare quanto meno sull’autorità che questo personaggio avrebbe. Sì, perché, per motivi su cui preferisco sorvolare, costui è riuscito ad esercitare influenze pesanti su diverse istituzioni che, ancora una volta per motivi su cui preferisco sorvolare, non solo lo prendono sul serio ma, almeno saltuariamente, paiono disponibili ad assecondarne i capricci.
Aggiungo, non per lui che probabilmente non avrebbe intenzione di capire, che la facoltà di farmacia nella quale si tiene il corso è deputata ad insegnare che cosa siano i farmaci, vale a dire quelle sostanze che il Nostro fraintende, e i farmaci omeopatici sono, guarda un po’!, farmaci. Dunque, è indispensabile che il farmacista li conosca, e questo a prescindere dagl’interessi e dalle idiosincrasie di un quisque de populo non importa come abbigliato.
Mi rendo conto che parlare di lui significa attribuirgli una qualche importanza e mi rendo pure conto di come invitarlo per l’ennesima volta ad un confronto sia perfettamente inutile. Tralasciando le metafore gommistiche, astronautiche e altro e ricorrendo a quelle tennistiche a lui altrettanto care, il Burioni stravince giocando contro il muro. Ora sarebbe bello se si piazzasse dietro una rete e cercasse di fare almeno un quindici.
https://www.modenatoday.it/salute/roberto-burioni-critica-unimore-insegnamento-omeopatia-laurea-farmacia-modena-20-ottobre-2019.html
 
P.S. del 24 ottobre – Ognuno è libero di agire come più gli aggrada e non è mio compito esprimere giudizi. L’Università di Modena si è presa la briga di rispondere, dicendo delle ovvietà, alle stramberie del tale Burioni come se le esternazioni di un signor Nessuno avessero qualche rilevanza (https://www.modenatoday.it/salute/replica-unimore-critica-insegnamento-omeopatia-modena-23-10-2019.html  http://www.magazine.unimore.it/site/home/notizie/articolo820051000.html). Fosse stato per me, io mi sarei limitato a sorridere davanti a tanta ridicola spocchia, a tanta becera incompetenza e, se proprio avessi avuto tempo da perdere, avrei chiesto ragguagli alla scuola privata che paga lo stipendio al personaggio. In fondo, anche quella è classificata come università.

Comment on Facebook

Ho sempre curato le mie figlie, sin da piccolissime, con l'omeopatia. Sono sempre guarite. Sarebbero guarite lo stesso? Forse. Ma se così fosse, allora perché usare la medicina allopatica? L'omeopatia funziona come effetto placebo? Va bene. Ma strano che lo faccia su dei neonati. Semplici considerazioni di una mamma di tre figli...

Dottori meravigliosi: Mozzi , Berrino, Garoli, Caletti, mi hanno aperto un mondo nel considerare fondamentale il carburante che immettiamo nel corpo e che può apportare significative modifiche all'intero dna. Quindi grata a ricercatori, come lei dott. Montanari, per il vostro contributo a rendere migliore questa piccola umanità credendoci fino in fondo..... ambisco che i miei figli si ispirino a voi e possano contribuire al cambiamento indispensabile che ci attende. Grata di cuore....💚un cuore verde come la speranza.

Ho curato con prodotti omeopatici anche il mio cane con risultati sorprendenti , placebo be che ne sa un cane di omeopatia , quindi io la uso quando necessario e ho sempre avuto riscontro positivo , questo personaggio non sa niente di omeopatia come si arroga il diritto di parlane ,comunque il punto non cambia io sul mio corpo decido in totale autonomia quindi ciuppa

il dr Mozzi non vende medicine le sue teorie sono basate esclusivamente sulla dieta che nessuno obbliga a seguire. Personalmente ho potuto constatare la veridicità di alcune sue teorie sull'effetto di alcuni alimenti tipo il glutine o il formaggio, non ho smesso di mangiarli ma sperimentando, ho acquisito la consapevolezza del loro effetto su di me

Mi sporco io le mani per dire perché la fa sempre franca: è un massone. Si aiutano tra di loro.

non bisogna mai augurare del male alle persone , ma in questo caso per non farlo, si é chiamati a fare una grossa fatica!

Bubu semplicemente ha paura del fatto che la gente seppur con molta fatica si stia svegliando,è chiaro che chi costantemente lo foraggia profumatamente lo stia spingendo ad elargire pillole di scienza anche in campi che non riguardano le sue competenze(se mai le avesse).Ci vorrà ancora del tempo e una marea di tragedie ma il fenomeno Burioni è destinato ad eclissarsi.

In realta l unico obbiettivo primario del fenomeno denigratorio Di Burioni e di molti politici , scrittori e vips e’di influenzare il pensiero altrui...

Burioni dovrebbe fare altri post molto istruttivi per noi popolino che lui reputa "il nulla", per esempio dovrebbe domandarsi come mai c'è la maggior parte di sportivi e militari i quali contraggono malattie strane 🤔 ora va di moda chiamarle "malattie rare" Oppure le morti in culla e giovani che muoiono inspiegabilmente di infarto. Lui o è ignorante in materia medica oppure il suo scopo è appoggiare le multinazionali dei farmaci fregandosene del prossimo pensando di riempirsi solo le saccocce (tasche) È evidente che è questa ultima opzione!

Ma perché il signor bubu non smette di alimentarsi con cibi naturali ( frutta verdura ecc ecc. ) tanto non contengono nulla- si alimenti solo a pasticche così dirà che è scientificamente alimentato - e vediamo chi campa di più . Assurdo che un soggetto simile ancora sbraiti 🤮

Io penso che lo stato dovrebbe certificare ed investire un pool di professionisti per poter vagliare determinate competenze scientifiche, un pool di rinomata competenza scientifica come BUTAC e il CICAP

Poveretto. Che tristezza che un sommo scienziato come lui perda tempo con dei ciarlatani. Se tali fossero perché dare loro tanta attenzione?

Stimatissimo dottor Montanari prima o poi tutti i nodi vengono al pettine..... Le menzogne prima o poi vengono a galla..... Buon lavoro a lei e a tutti i medici seri che per fortuna esistono.... Grazie mille

Ma perché ancora non é morto?

Il grave è che Burioni ha raggiunto la posizione dalla quale può fare i danni maggiori ... e nessuno tenta nemmeno di emarginarlo ....

Bubu...settete 🤣🤣 gioca a nascondino va ...ma rimani nascosto x un bel po' va

....ma la gente avrà pure il diritto di ascoltare chi vuole e di farsi una idea propria su stile di vita, farmaci, terapie alternative o altro che la riguardi!!! A parlare non sono ciarlatani ma medici competenti ,a volte anche più competenti di colui che si arroga il diritto di giudicare tutto e tutti ... L’umiltà è sempre sinonimo di intelligenza!

Stefano Montanari la ringrazio e la ringrazierò sempre per il suo impegno, la sua dedizione e la sua lealtà intellettuale. Se si è perso Il Burrioni in TV dove per una volta diceva la verità, mentre chi diceva che i vaccini avendo inevitabilmente delle controindicazioni bisogna pesare le due cose la protezione e i danni invece che può causare. Arriva l uscita del Dottore Onnisciente e spirito santo "ecco, proprio perché ci sono controindicazioni che bisogna farli" finalmente la verità ci vogliono autistici, malati e probabilmente morti. Poi il video continua e continua a fare pessime figure... Se vuole lo trova nel mio profilo. Cari saluti Dottore anche se qualcuno la vuole sminuire lei rimarrà per noi sempre dottore

Ma questo Burioni non ha altro da fare?

Ammetto che la capacità di discernerne, quanto ci viene propinato, è spesso direttamente proporzionale alla cultura scolastica e lavorativa. L'opinione di ognuno di noi, legittima, si forma prendendo spunto da svariate variabili, condizionate spesso da pessimi strumenti, quali sono i social! Opinioni che poi però non ci trasformano in soggetti capaci di assurgersi a fini conoscitori di scienza e soprattutto ricerca, no...! Leggere post di qualche fantomatico personaggio che con puerili voli pindarici e latinismi vari ci vuole vendere fumo, magari annacquato, non porta a nuovi crediti formativi. Qui ci vuole lo studio vero, quello su carta. "...e sì, lo dice anche il mio fior fior di omeopata!" (Cit. sarcastica dello spettacolo di Aldo, Giovanni e Giacomo).

Avrei voluto esserci ma non ho potuto...questione di allergia al BIOSSIDO DI TITANIO per un impianto odontoiatrico...grazie Dr. Stefano Montanari...a lei e sua moglie <3

Ancora ascoltate burioni? Scusate se l'ho scritto minuscolo. Ignorare e ignorare. Buone burionate a tutti.

Da quando la seguo ho imparato a fiutare, dai toni e modi di esprimersi, i fans dello "scienziato" sopracitato. Sembrano fatti con lo stampino, tutti con lo stesso vocabolario.

Questo Signore RB si sta scavando la fossa con le sue mani, anzi con le sue azioni, ma almeno sa quanti milioni di abitanti scelgono uno stile di vita sano? Se lo sapesse non aprirebbe bocca a sproposito.

Ma che buffo questo signore! Davvero insegna in un Università? Privata spero!

View more comments

3 weeks ago

Stefano Montanari

Non è un libro scientifico a rigor di termini.
Nelle pagine della versione aggiornata di Immunità di Legge non troverete relazioni sulle analisi effettuate sui vaccini, discussioni su quanto male fanno tante delle porcherie, da sole (in purezza!) e in cocktail, che si trovano in tutta la gamma degl’ingredienti che corrono tra più o meno dubbia legalità e palese illegalità di regime o descrizioni dettagliate di quanto gli “eroi caduti per una guerra giusta”, così come un “luminare” ebbe a definire i bambini danneggiati dai vaccini, hanno subito e continuano a subire. Qui non troverete concetti fondamentali di tossicologia ignorati dietro ricatto dai medici e ignorati per manifesta inferiorità culturale da politici e giornalisti. Qui troverete quello che gli anglosassoni chiamano “food for mind”, cibo per la mente, un cibo che, se mangiato, salverebbe dall’anoressia culturale una folla immensa.
Il libro, scritto benissimo e che si leggerebbe d’un fiato se non fosse obbligatorio fermarsi a ragionare quasi ad ogni riga, offre fatti su cui è impossibile obiettare, comprese le sottolineature di tante delle assurdità meramente logiche eppure di successo che fanno parte del folclore vaccinale. In aggiunta, contiene considerazioni etiche a prova di qualunque sfida.
Curiosamente, la premessa si apre con una considerazione che nel succo è identica a quella che mia moglie ed io scrivemmo quando consegnammo il testo della nuova edizione di Vaccini: Sì o No?: non avremmo mai voluto tornare sull’argomento. Ottimisticamente, troppo ottimisticamente, noi come gli autori di Immunità di Legge ci eravamo illusi che il buon senso avrebbe avuto il sopravvento sulla follia e, quanto meno, l’imposizione vaccinale sarebbe stata cancellata lasciando ogni decisione alla libertà e al libero arbitrio di ognuno come sancito da qualunque approccio sano alla ragion pratica, cioè alla morale, e pure dalla nostra pur calpestata costituzione. Non solo non fu così, ma la nuova versione dello stesso regime si è sentito in dovere d’inchinarsi ancora più profondamente a chi comanda davvero. Insomma, oggi è peggio di ieri. Così, ecco l’edizione aggiornata del libro.
I vostri medici non lo leggeranno o, se lo faranno, cercheranno di non essere scoperti. Quanto ai personaggi trasformati d’incanto in maestri di pensiero, quelli che sono popolarmente spacciati per fari di sapere, ancora una volta, coerentemente con loro stessi, faranno finta di nulla e, comunque, si sottrarranno a qualunque tentativo di confronto. In fondo, al di là di ogni considerazione morale, hanno ragione loro: il loro compito è quello di fare i piazzisti dei vaccini e il loro successo dipende da quanto si vende. I media? Perché se ne dovrebbero occupare?
E, allora, leggetelo prima che sia bruciato in piazza come vuole una certa tradizione.
... See MoreSee Less

Non è un libro scientifico a rigor di termini.
Nelle pagine della versione aggiornata di Immunità di Legge non troverete relazioni sulle analisi effettuate sui vaccini, discussioni su quanto male fanno tante delle porcherie, da sole (in purezza!) e in cocktail, che si trovano in tutta la gamma degl’ingredienti che corrono tra più o meno dubbia legalità e palese illegalità di regime o descrizioni dettagliate di quanto gli “eroi caduti per una guerra giusta”, così come un “luminare” ebbe a definire i bambini danneggiati dai vaccini, hanno subito e continuano a subire. Qui non troverete concetti fondamentali di tossicologia ignorati dietro ricatto dai medici e ignorati per manifesta inferiorità culturale da politici e giornalisti. Qui troverete quello che gli anglosassoni chiamano “food for mind”, cibo per la mente, un cibo che, se mangiato, salverebbe dall’anoressia culturale una folla immensa.
Il libro, scritto benissimo e che si leggerebbe d’un fiato se non fosse obbligatorio fermarsi a ragionare quasi ad ogni riga, offre fatti su cui è impossibile obiettare, comprese le sottolineature di tante delle assurdità meramente logiche eppure di successo che fanno parte del folclore vaccinale. In aggiunta, contiene considerazioni etiche a prova di qualunque sfida.
Curiosamente, la premessa si apre con una considerazione che nel succo è identica a quella che mia moglie ed io scrivemmo quando consegnammo il testo della nuova edizione di Vaccini: Sì o No?: non avremmo mai voluto tornare sull’argomento. Ottimisticamente, troppo ottimisticamente, noi come gli autori di Immunità di Legge ci eravamo illusi che il buon senso avrebbe avuto il sopravvento sulla follia e, quanto meno, l’imposizione vaccinale sarebbe stata cancellata lasciando ogni decisione alla libertà e al libero arbitrio di ognuno come sancito da qualunque approccio sano alla ragion pratica, cioè alla morale, e pure dalla nostra pur calpestata costituzione. Non solo non fu così, ma la nuova versione dello stesso regime si è sentito in dovere d’inchinarsi ancora più profondamente a chi comanda davvero. Insomma, oggi è peggio di ieri. Così, ecco l’edizione aggiornata del libro.
I vostri medici non lo leggeranno o, se lo faranno, cercheranno di non essere scoperti. Quanto ai personaggi trasformati d’incanto in maestri di pensiero, quelli che sono popolarmente spacciati per fari di sapere, ancora una volta, coerentemente con loro stessi, faranno finta di nulla e, comunque, si sottrarranno a qualunque tentativo di confronto. In fondo, al di là di ogni considerazione morale, hanno ragione loro: il loro compito è quello di fare i piazzisti dei vaccini e il loro successo dipende da quanto si vende. I media? Perché se ne dovrebbero occupare?
E, allora, leggetelo prima che sia bruciato in piazza come vuole una certa tradizione.

Comment on Facebook

Samantha

Dott Montanari lei e sua moglie rappresentate l eccellenza italiana e internazionale della ricerca in questo campo specifico !!! Grazie di esistere e di continuare nel vostro grande lavoro !!! Nella speranza che molte. Menti ottuse e asservite al sistema ne prendano coscienza!!!

Prima c'era la chiesa con i suoi dogmi. Ora una dittatura sanitaria mascherata da scienza. Trova le differenze.

❤️❤️❤️

Lo comprerò sicuramente, soprattutto dopo la Sua stupenda descrizione introduttiva. È sempre un piacere leggere i Suoi scritti, dott. Montanari. Saluti.

Si può andare all'asl rifiutando vaccini con qs libro?!

Napoleone Bonaparte ne sapeva qualcosina dei suoi soldatoni immunizzati randomicamente che morivano lo stesso e ancora erano vaccini senza troppe manipolazioni genetico-metallurgiche. Sospese i vaccini allora, chiedendosene le ragioni con le sue truppe mediche, poi nel 1961 bastò un Ministro con la Emme maiuscola che disse "non potete sperimentare sui nostri bambini" e la allora famosissima IG Farben oggi confluita in Glaxo Smith Cline, padrona della sperimentazione mondiale che fu bloccata precedentemente per il talidomitico "contergan", oggi "contramal" fu fermata nel suo nuovo tentativo mondiale di sperimentazione su larga scala delle pratiche già fermate inoculavano al posto di vaccini veri e propri delle sperimentazioni talidomitiche per smaltire le dosi fermate di contramal...le relazioni gente leggetelo oggi sennò spariscono...come allora!

Lo sto proprio leggendo in questo periodo, un testo entusiasmante. Le note alla fine di ogni capitolo portano a talmente tanto materiale da riempire le sedi ASL di tutta la provincia!

Dottor Stefano Montanari io vorrei dirle solo una cosa. Ho massimo rispetto per la sua professione, ma parlando e postando sempre e solo di quanto siano "il male" i vaccini non sta dando un contributo al paese. Io non metto in discussione il suo lavoro, ma non posso credere che nessun mistro della salute non le abbia mai dato credito. Lavori solo su quello. Non sul popolo. Grazie

concordo in toto sul cibo dato da simili letture,sprono alla riflessione e luogo dell'umiltà

Comprato, letto e riletto....

Già letto e condivido ogni sua parola. Grazie.

Grazie dottore Montanari e dottoressa GATTI lo comprerò sicuramente siete persone UNICHE grazie davvero di esistere

"Eroi caduti per una guerra giusta".....Pazzesco!!!

Oltretutto la seconda parte a firma dott. Dal Monte contiene, con un taglio che va molto al di là della mera divulgazione, un'ottima trattazione del dibattito su epistemologia, filosofia della scienza e concetto di verità scientifica, utilissima per chi volesse diradare un minimo le nebbie diffuse da chi ubiquamente chiama in causa 'verità', 'evidenze', 'comunità scientifica', dando la falsa percezione di risultati e conoscenze incontestabili, acquisiti una volta per tutte.

Dove si puo ordinare ?

Vaccinare e' un delitto grave nei confronti dei nostri figli, perche' rovinano la salute. L'anno scorso sono morti 1500 bambini a seguito di vaccinazioni.

Ordinato! Grazie come sempre MITICO

Preso!

ordinato; grazie delle preziosissime segnalazioni. A presto

View more comments

3 weeks ago

Stefano Montanari

Il programma televisivo svizzero Falò ha trasmesso da poco un servizio nel quale s’illustrava come la Novartis, ditta farmaceutica grande ma non tra le grandissime multinazionali (è appena ventesima al mondo con nemmeno 52 miliardi di dollari di fatturato), corrompesse sistematicamente la “sanità” (virgolette) greca.
La mia reazione è stata di stupore. Mica però per le cosucce che la TV dello stato dietro casa raccontava: per lo stupore che questo ha destato in qualcuno.
Da molti anni la corruzione in campo sanitario è praticata, e lo è su scala sempre più vasta, talmente vasta da essere diventata la normalità e come tale universalmente percepita.
Io ho superato i 70 anni e ho vissuto i primi 24 in una minuscola farmacia di campagna, a un tiro di schioppo da quella che oggi è la favolosa Maranello della Ferrari ma che a quel tempo era una specie di Far West. Allora, prima su una Topolino C poi su fino ad una 127, passavano da noi i rappresentanti delle ditte farmaceutiche consigliando candidamente di fare un acquisto di quel farmaco o di quell’altro perché i medici locali erano appena stati beneficiati con buoni di benzina o, se si erano comportati “bene”, con un frigorifero o con un televisore. Dunque, sarebbero aumentate le prescrizioni di quel prodotto a scapito del concorrente.
Ma, si sa, il progresso avanza a lunghe e rapide falcate e gl’interessi delle ditte farmaceutiche, ditte in cui, credo sia necessario ricordarlo, l’unico scopo è il profitto e l’unica morale è come farlo, cominciarono a coinvolgere le università dispensando mance e carriere e a diventare di fatto le proprietarie delle riviste mediche con tutte le censure e le mistificazioni ben note agli addetti ai lavori. Poi, inevitabilmente, fu il turno dei politici. Forse qualcuno tra i miei pochi lettori ha contezza di chi fossero Duilio Poggiolini e signora e l’allora ministro Francesco De Lorenzo. Certo, ne fecero di cotte e di crude e ancora oggi, a distanza di decenni, c’è chi paga sulla propria pelle il conto della corruzione altrui. Bene: quei tre erano semplicemente dei monelli un po’ troppo vivaci se li si confronta con i personaggi che imperversano oggi.
I pochi italiani che ancora non sono stati rimbecilliti dalle dosi cavalline di rozza eppure efficacissima disinformazione somministrata ad ogni livello si scandalizzano e si disperano per la situazione oggettivamente da incubo che stanno vivendo. Chi, però, si guardasse intorno allungando la portata scoprirebbe che non soltanto non siamo soli ma ci troviamo in ottima compagnia. Sì: la corruzione in campo sanitario si è propagata come sanno fare le metastasi di un cancro, con cellule onnipotenti e più invulnerabili di un supereroe. La corruzione non ha bisogno di passaporto e la si può trovare, spesso del tutto alla luce del sole, a vari livelli dovunque. Di tanto in tanto qualche corrotto viene beccato ma poi farà una carriera luminosa perché essere corrotti, dimostrare di essere corruttibili, è un requisito che a volte è essenziale per raggiungere certe vette.
Una delle differenze tra la corruzione di oggi e quella di ieri è l’aver raggiunto i cervelli delle vittime finali trasformandole non solo in vittime consenzienti, non solo in vittime entusiaste di esserlo, ma in vittime che, come chi era morso dai leggendari vampiri, trascinano al loro stesso destino chiunque capiti a tiro.
Chi sono i Dracula di turno, quelli che iniziano a mordere? Nel passato di certi sport, per esempio il pugilato, si prendeva un tale il cui aspetto soddisfacesse i criteri del caso e lo si trasformava artificialmente in un campione. Che in realtà quello fosse un brocco non aveva la minima importanza: gli avversari crollavano al tappeto, incassavano quanto pattuito e con il giro delle scommesse i conti tornavano. Che il pugno del KO fosse stato micidiale era dimostrato al di là di ogni dubbio: dalla bocca dello sconfitto schizzava sangue. Poi, nello spogliatoio, si toglieva il pezzetto di fil di ferro dalla bocca e la salute tornava.
Oggi, in campi dove i colpi sono ben più forti di quelli della boxe, si fa, molto più in grande e in modo molto più capillare, esattamente la stessa cosa: si prende un imbecille qualunque, un imbecille che si renda disponibile, lo si porta alla ribalta della magica tibbù, gli si appiccica un titolo che non gli spetta (ma al popol bue che importa?) e quello diventa un maestro di pensiero e uno ”scienziato” le cui parole sono verità rivelata. È un dato di fatto che una situazione del genere implica sofferenze e morti, ma, come diceva un luminare di un italico ateneo, “se ci saranno dei morti, li seppelliremo.” E i morti ci sono. Tanti.
Per fortuna, come in tante tragedie di Shakespeare, c’è anche la parte buffa: non è raro che, dopo un po’, l’imbecille si convinca di essere davvero un genio e come tale tronfiamente si atteggi. Così ci sono occasioni in cui si raggiungono apici di esilarante comicità.
Insomma, possiamo sperare di morire facendoci una risata.

www-ilfattoquotidiano-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.ilfattoquotidiano.it/2019/10/17/novartis-corr...
www.rsi.ch/la1/programmi/informazione/falo/La-strategia-il-caso-Novartis-12248443.html
... See MoreSee Less

Il programma televisivo svizzero Falò ha trasmesso da poco un servizio nel quale s’illustrava come la Novartis, ditta farmaceutica grande ma non tra le grandissime multinazionali (è appena ventesima al mondo con nemmeno 52 miliardi di dollari di fatturato), corrompesse sistematicamente la “sanità” (virgolette) greca.
La mia reazione è stata di stupore. Mica però per le cosucce che la TV dello stato dietro casa raccontava: per lo stupore che questo ha destato in qualcuno.
Da molti anni la corruzione in campo sanitario è praticata, e lo è su scala sempre più vasta, talmente vasta da essere diventata la normalità e come tale universalmente percepita.
Io ho superato i 70 anni e ho vissuto i primi 24 in una minuscola farmacia di campagna, a un tiro di schioppo da quella che oggi è la favolosa Maranello della Ferrari ma che a quel tempo era una specie di Far West. Allora, prima su una Topolino C poi su fino ad una 127, passavano da noi i rappresentanti delle ditte farmaceutiche consigliando candidamente di fare un acquisto di quel farmaco o di quell’altro perché i medici locali erano appena stati beneficiati con buoni di benzina o, se si erano comportati “bene”, con un frigorifero o con un televisore. Dunque, sarebbero aumentate le prescrizioni di quel prodotto a scapito del concorrente.
Ma, si sa, il progresso avanza a lunghe e rapide falcate e gl’interessi delle ditte farmaceutiche, ditte in cui, credo sia necessario ricordarlo, l’unico scopo è il profitto e l’unica morale è come farlo, cominciarono a coinvolgere le università dispensando mance e carriere e a diventare di fatto le proprietarie delle riviste mediche con tutte le censure e le mistificazioni ben note agli addetti ai lavori. Poi, inevitabilmente, fu il turno dei politici. Forse qualcuno tra i miei pochi lettori ha contezza di chi fossero Duilio Poggiolini e signora e l’allora ministro Francesco De Lorenzo. Certo, ne fecero di cotte e di crude e ancora oggi, a distanza di decenni, c’è chi paga sulla propria pelle il conto della corruzione altrui. Bene: quei tre erano semplicemente dei monelli un po’ troppo vivaci se li si confronta con i personaggi che imperversano oggi.
I pochi italiani che ancora non sono stati rimbecilliti dalle dosi cavalline di rozza eppure efficacissima disinformazione somministrata ad ogni livello si scandalizzano e si disperano per la situazione oggettivamente da incubo che stanno vivendo. Chi, però, si guardasse intorno allungando la portata scoprirebbe che non soltanto non siamo soli ma ci troviamo in ottima compagnia. Sì: la corruzione in campo sanitario si è propagata come sanno fare le metastasi di un cancro, con cellule onnipotenti e più invulnerabili di un supereroe. La corruzione non ha bisogno di passaporto e la si può trovare, spesso del tutto alla luce del sole, a vari livelli dovunque. Di tanto in tanto qualche corrotto viene beccato ma poi farà una carriera luminosa perché essere corrotti, dimostrare di essere corruttibili, è un requisito che a volte è essenziale per raggiungere certe vette.
Una delle differenze tra la corruzione di oggi e quella di ieri è l’aver raggiunto i cervelli delle vittime finali trasformandole non solo in vittime consenzienti, non solo in vittime entusiaste di esserlo, ma in vittime che, come chi era morso dai leggendari vampiri, trascinano al loro stesso destino chiunque capiti a tiro.
Chi sono i Dracula di turno, quelli che iniziano a mordere? Nel passato di certi sport, per esempio il pugilato, si prendeva un tale il cui aspetto soddisfacesse i criteri del caso e lo si trasformava artificialmente in un campione. Che in realtà quello fosse un brocco non aveva la minima importanza: gli avversari crollavano al tappeto, incassavano quanto pattuito e con il giro delle scommesse i conti tornavano. Che il pugno del KO fosse stato micidiale era dimostrato al di là di ogni dubbio: dalla bocca dello sconfitto schizzava sangue. Poi, nello spogliatoio, si toglieva il pezzetto di fil di ferro dalla bocca e la salute tornava.
Oggi, in campi dove i colpi sono ben più forti di quelli della boxe, si fa, molto più in grande e in modo molto più capillare, esattamente la stessa cosa: si prende un imbecille qualunque, un imbecille che si renda disponibile, lo si porta alla ribalta della magica tibbù, gli si appiccica un titolo che non gli spetta (ma al popol bue che importa?) e quello diventa un maestro di pensiero e uno ”scienziato” le cui parole sono verità rivelata. È un dato di fatto che una situazione del genere implica sofferenze e morti, ma, come diceva un luminare di un italico ateneo, “se ci saranno dei morti, li seppelliremo.” E i morti ci sono. Tanti.
Per fortuna, come in tante tragedie di Shakespeare, c’è anche la parte buffa: non è raro che, dopo un po’, l’imbecille si convinca di essere davvero un genio e come tale tronfiamente si atteggi. Così ci sono occasioni in cui si raggiungono apici di esilarante comicità.
Insomma, possiamo sperare di morire facendoci una risata.

https://www-ilfattoquotidiano-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.ilfattoquotidiano.it/2019/10/17/novartis-corrotti-decine-di-migliaia-di-medici-per-prescrivere-farmaci-inutili-alla-tv-svizzera-la-testimonianza-di-tre-ex-manager/5519934/amp/?usqp=mq331AQC.KAE%3D&_js_v=0.1#referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.ilfattoquotidiano.it%2F2019%2F10%2F17%2Fnovartis-corrotti-decine-di-migliaia-di-medici-per-prescrivere-farmaci-inutili-alla-tv-svizzera-la-testimonianza-di-tre-ex-manager%2F5519934%2F
https://www.rsi.ch/la1/programmi/informazione/falo/La-strategia-il-caso-Novartis-12248443.html

Comment on Facebook

Prima e' nata la corruzione e sopra ci hanno costruito la sanita'... repubblica e tutto il resto.. La repubblica non e' basata sul lavoro (schivismo) ma sulla corruz...

Quando una persona guarda il "male", lo rifiuta, lo caccia via. .. Poi la notizia si sparge ad altre persone, ed anche queste cacceranno il "male"... Ma c'è sempre un momento nella storia delle cose malvage, in cui si raggiunge il Punto di ROTTURA. Come è sparito l'Impero Romano, così sparirà il "male"...

Le modalità di persuasione sono cambiate, ma le basi della truffa planetaria sono le medesime. Per quanto riguarda il nostro povero Paese, non c'è differenza, Poggiolini, come tutti quelli che lo hanno seguito erano e sono dei semplici esecutori, di un sistema malato da tempo e tutti indistintamente sono stati e sono affiancati, da "scienziati" farlocchi che portano avanti il verbo della globalizzazione "lo dice la scienzah" chi può contraddire la scienza? Specie quando la scienza, non si comporta come tale, ma tende a somigliare più ad una piovra, quella che ci hanno sempre spiegato, come rappresentasse in modo preciso il tentacolare sistema del male...

Dott.Montanari lei ha una capacità di far intendere quello che vuole dire come pochi in Italia,ogni volta che la leggo è un piacere ma anche un forte dispiacere per le verità che dice,i miei complimenti a lei e sua moglie per il lavoro che svolgete facendo aprire gli occhi a noi capre.

A chi lo dici .Ho lavorato per anni nel settore e so come andavano e vanno queste cose e. Uno schifo lo ho sempre contestato ,però così va il mondo.Ne so di cose vergognose che non ti puoi immaginare quante .

Mah...Non ci credo. Figuriamoci se un'azienda farmaceutica farebbe questo per i soldi. Mettendo anche a rischio la vita delle persone? Naaaa. Allora diciamo anche ci impongono i vaccini solo per fare cassa e non per tutelarci da malattie incurabili come il Morbillo e il Vaiolo. No io credo che sia una fake news della lobby dei no vax... Ecco ho provato a immedesimarmi in una pecora con immunità di gregge. Consiglio l'esperienza, lascia senza fiato provare a pensare come il gregge. Grazie sempre doc.👍👏👏

Le 3 massime bande mafiose, almeno secondo me, sono le banche, l'industria farmaceutica e il vaticano. Non so chi sia la prima, ma sono più che certo che tutte e tre si contendono il primato.

Caro dottor Stefano Montanari sono una sua più accanita 'fan 'anche perché sono in primis una danneggiata da vaccino .Per quanto io ne sappia abbastanza di informazioni attraverso lei e dottori come lei ,(che io ammiro tantissimo anche per il coraggio di affrontare colleghi e aver rischiato di essere radiato dal ordine dei medici) ho avuto spesso scontri con dottori ma poiché non sono una laureata in medicina a volte non so rispondere di dovere ma anzi qualcuno ha ' epitetato 'come cialtroni e burloni i colleghi che hanno avuto invece il coraggio di pronunciarsi e dire le loro verità, ovviamente basate su ricerche . Con mio dispiacere a volte avrei voluto ,in questi miei scontri un aiuto verbale da parte di un Illustre come lei. Nei miei disguidi e senza offendere li condanno per non considerare il beneficio del dubbio sul nesso causa- effetto post vaccino .E questo mi da molto da pensare....

Un docente della facoltà che frequentavo soleva ripetere (affinché i palloni gonfiati lo ricordassero):- "chi troppo in alto sale, velocemente scende, precipitevolissimevolmente". Gentile Dott. Montanari, tempo al tempo...

A volte sembrano scoprire l'acqua calda.....basterebbe fermarsi e guardarsi intorno, nelle piccole cose, per capire come sta in piedi il mondo.

Limpido come sempre. Tanta stima dott. Montanari !

oggi all'affermazione "LO DICE LA SCIENZA" è lecito chiedersi: "finanziata da chi"?

Fantastico professore lei scrive magnificamente . Grazie

Come ogni volta...leggere il suo pensiero su un determinato argomento supera ogni aspettativa, complimenti dottore come lei nessuno.💪

Tolga pure la parola "a volte": essere corrotti é un requisito sempre indispensabile per fare quei tipi di carriera. Che poi l anima corrotta sia frutto dell ignoranza é un altro paio di maniche.. Se uno é materialista ce poco da fare. Anche perché se una persona ama più la veritá ed il bene altrui di uno stipendio extralusso o di una macchina, pur essendo uomo e commettendo errori, di certo non saprá stare zitto e indifferente davanti certe cose o situazioni.

Grazie Dottor Montanari ..se vengono a galla certe verità è grazie a persone come lei ..grazie .grazie molto coraggioso

Che strano. Non me lo sarei proprio mai aspettato. Lavorano per l'Ebitda invece che per le persone....

il farmaco non dovrebbe essere prodotto da Aziende , ma direttamente dallo stato ...

70 anni già ... ai tempi si chiamava "comparaggio"

Ottimo post! Il problema è che se mi viene prescritto un farmaco inutilmente, ma solo per guadagnare, è grave ma se mi viene prescritto un farmaco che mi serve realmente e il medico preferisce quello che gli garantisce il frigorifero omaggio per me è indifferente, l'importante non nuocia alla mia salute

Lei, Di Bella e altri meritevoli dei titoli che portate.... create scuole parallele. Dopo la vostra scuola di pensiero.... che poi è quella sana e libera...... chi rimarrà? Ci dovranno pur essere 40/50enni con voglia e desiderio ma sopratutto Coscienza di voler uscire dal gregge medico e farmaceutico! Che ognuno si attivi in coscienza nel suo raggio di azione. L’Uomo e l’irreversivile (se pur lento) risveglio di coscienza sono sotto pesante attacco.

Ecco cosa volevo dire ma non ci sarei mai riuscito a metterlo per iscritto.

Grazie Dottor Montanari., per la precisione e dedizione a darci sempre informazioni corrette

Grazie dr. Montanari, e sono stata davvero contenta di averle potuto stringere la mano alla conferenza del dr. Di Bella domenica scorsa a Modena 🙏🏻

Grazie per la resilienza. Ogni tanto riguardo “il pianeta verde” un delizioso film francese e....spero. Non per me ma almeno per i nostri pronipoti.

View more comments

4 weeks ago

Stefano Montanari

In diretta dalla conferenza presso #modenafiere con il Dottor Di Bella. Tutto esaurito. ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

La fuffa del Di Bella tira ancora?

Qualcuno va ripetendo che dopo l'acqua potabile......i vaccini sono la più grande scoperta della medicina moderna. E ti credo con quello che guadagnano!!!! 😄

Siete grandissimi!!! 💖 Di Bella, Gatti, e Montanari, ecco i veri ricercatori !!! Complimenti a voi!! Grazie di cuore per quello che continuate a fare!!

Questa è la scienza che ci piace!

si c ero anch io- molto bravo il medico

Esisterà una visione online?

Grazie davvero di cuore

Esiste ancora chi cerca la verità... Grandi e soprattutto grazie al dott Di bella, sto leggendo il suo ultimo libro... Illuminate lo consiglio a tutti e soprattutto a chi, purtroppo, lotta contro il cancro...

Ma si potrà vedere uno streaming???

C'è stata una sua conferenza a Monza?!? Un grande

Conferenza molto illuminamte e con citazioni di fonti attendibili. Da leggere!! Grazie di cuore per la vostra disponibilità a lottare per la verità e la salute di tutti noi.

Avessi saputo sarei venuta

Grazie!!!!!

Mi dispiace che non si possa ascoltare tutta la conferenza, ma solo uno stralcio!

Mente aperta e conoscenza! Grazie❤️

Siete grandi.Grazie!

Grazie! Non ci abbandonate!

Vi Amo❤️❤️

Peccato si capisca poco e peccato sia solo uno stralcio . Speriamo si potrà ascoltare per intero ....grazie👐💚

Il grosso problema sono i costi da sostenere per prevenzione o cura

Uomini veri a lavoro per la gente tutta! <3

GRAZIE ♥️

Io c'ero!! Grazie

Grazie è stato una cosa meravigliosa

Già...ci han lasciati fuori. Peccato perché eravamo venuti in Fiera solo ed esclusivamente per questa conferenza.

View more comments

1 month ago

Stefano Montanari

Φάρμακον: farmacon per chi non legge il greco. Quella parola ha un’origine curiosa: φαρμακός, farmacos, più o meno traducibile come “da cacciare perché maledetto.”
In greco antico farmacon significava sia medicinale sia veleno, il che, per chi ha nozioni di farmacologia, non desta alcuno stupore. Di fatto non esiste nessun farmaco che non sia anche un veleno e un po’ più di mezzo secolo fa mi s’insegnò che prima di somministrare un medicinale è indispensabile mettere in atto una serie di controlli su più fronti e poi occorre sempre farsi una domanda semplicissima: se metto su un piatto della bilancia gli effetti benefici che mi auguro di ottenere e sull’altro quelli che non si vorrebbero avere, da che parte pende la bilancia? Come sempre bisogna essere onesti, onestamente rispondersi e altrettanto onestamente comportarsi.
Che la medicina non possa essere davvero una scienza qualunque epistemologo rigoroso lo può illustrare e, anche per questo, la sperimentazione dei farmaci non potrà mai essere ineccepibile. Almeno, però, qualcosa bisognerebbe fare, ma farlo costa caro e, allora, con una strizzatina d’occhio o qualcosa di più, lo si fa poco e male o, in certi casi, non lo si fa per niente come è per i vaccini. La sperimentazione si fa sulle cavie paganti, vale a dire sui pazienti. “Prenda questo medicinale appena uscito,” dice il dottore al paziente felice di godere della novità. Poi vedremo di nascosto l’effetto che fa.
Non è affatto raro che i medicinali, specie se assunti a lungo, producano nel tempo effetti deleteri e non sempre questi sono denunciati tempestivamente, se mai lo sono. “Aspettiamo: qualche caso non basta…” Quasi mai, poi, le contromisure, non fosse che per quelle ovvie di precauzione, vengono adottate nei tempi e nei modi augurabili.
Il popolo ne è spesso ignaro, ma di farmaci ritirati dalla distribuzione, magari dopo aver goduto di un mercato fiorente, ce n’è un’infinità. Volendo vedere a tutti i costi il bicchiere mezzo pieno, è consolante.
Capita pure che non sia il principio attivo ad essere incolpato ma siano i controlli che dovrebbero sempre e comunque essere eseguiti sui componenti e sui prodotti finiti ad essere in fallo.
Ora sta facendo qualche rumore il ritiro di un po’ di lotti di un farmaco che i signori medici hanno prescritto con gran lena per i tanti sofferenti di stomaco, e il problema starebbe nella presenza di nitrosammine, composti organici che in alcune loro formule sono cancerogene. Non tantissimo: un po’.
Per quanto mi riguarda la cosa mi ha lasciato abbastanza indifferente, e questo da una parte perché non c’è novità e dall’altra, egoisticamente, perché non ne sono toccato, visto che d’abitudine i medicinali li lascio prendere ad altri.
A divertirmi, invece, è stata l’intervista rilasciata dal professor Silvio Garattini, ultranovantenne in gran forma, portabandiera della farmacologia “che conta” e unanimemente definito scienziato.
Riassumendone il pensiero, questo signore si mostra stupito e pure vagamente scandalizzato e, a proposito dei controlli così palesemente tardivi su prodotti diffusissimi, dice: “…desta anche un po’ di sorpresa che questo tipo di test non venga fatto a priori, in modo regolare, su tutte le materie prime che vengono utilizzate e sui prodotti finiti.” (Adnkronos Salute.)
Il mio divertimento ha origine nel mio “non incontro” con il personaggio.
Anni fa Luigi Pelazza (trasmissione Le Iene) mi chiese di accompagnarlo dal prof. Garattini per mostrargli le fotografie al microscopio elettronico delle porcherie che trovavamo nei vaccini. Detto per inciso, da allora la nostra casistica è aumentata di parecchio e i risultati restano coerenti con quelli di quel tempo. Questo senza che nessuno smentisca i risultati come si fa secondo le regole della scienza, senza che ci sia chi si presta ad un confronto e senza che le istituzioni muovano un dito.
Io andai e, con l’educazione che gli va riconosciuta, Garattini fece entrare nel suo studio Pelazza e mi lasciò un’ora abbondante nel corridoio con le mie fotografie e i miei spettri chimici nella borsa. A Pelazza disse che “Montanari è contrario ai vaccini,” il che, nella logica del personaggio, equivaleva al fatto che i risultati che gli portavo non erano da prendere in considerazione e ne giustificavano un giudizio a priori su cui gli scienziati (quelli senza virgolette) non potrebbero che storcere il naso.
A questo punto, inevitabilmente, l’etichetta di scienziato si fa di nebbia, essendo una tra le caratteristiche della categoria quella di essere curiosi, sempre felici di vedere e sempre pronti a confrontarsi. Insomma, onesti.
Ecco, allora, il mio divertimento. Il Garattini-pensiero invoca, giustamente, che la produzione del farmaco sia controllata ab ovo ad malum, dai componenti ai passaggi di lavorazione fino al prodotto finito.
E i vaccini?
Facendo appello alla sua onestà della cui esistenza non dubito, che cosa dice lo “scienziato” Garattini di un prodotto che non viene sperimentato (vogliamo confrontarci?), che contiene sostanze del tutto indebite (vogliamo confrontarci?), che non viene controllato (vogliamo confrontarci?) e che viene somministrato a persone sane facendolo addirittura sotto costrizione? Vogliamo, poi, dare insieme un’occhiata ai risultati statistici tenendo conto solo dei fatti? O, alla Totò, vogliamo dire allo “scienziato” “ma mi faccia il piacere!”?
www.youtube.com/watch?v=boYpFCgcyYM
... See MoreSee Less

Φάρμακον: farmacon per chi non legge il greco. Quella parola ha un’origine curiosa: φαρμακός, farmacos, più o meno traducibile come “da cacciare perché maledetto.”
In greco antico farmacon significava sia medicinale sia veleno, il che, per chi ha nozioni di farmacologia, non desta alcuno stupore. Di fatto non esiste nessun farmaco che non sia anche un veleno e un po’ più di mezzo secolo fa mi s’insegnò che prima di somministrare un medicinale è indispensabile mettere in atto una serie di controlli su più fronti e poi occorre sempre farsi una domanda semplicissima: se metto su un piatto della bilancia gli effetti benefici che mi auguro di ottenere e sull’altro quelli che non si vorrebbero avere, da che parte pende la bilancia? Come sempre bisogna essere onesti, onestamente rispondersi e altrettanto onestamente comportarsi.
Che la medicina non possa essere davvero una scienza qualunque epistemologo rigoroso lo può illustrare e, anche per questo, la sperimentazione dei farmaci non potrà mai essere ineccepibile. Almeno, però, qualcosa bisognerebbe fare, ma farlo costa caro e, allora, con una strizzatina d’occhio o qualcosa di più, lo si fa poco e male o, in certi casi, non lo si fa per niente come è per i vaccini. La sperimentazione si fa sulle cavie paganti, vale a dire sui pazienti. “Prenda questo medicinale appena uscito,” dice il dottore al paziente felice di godere della novità. Poi vedremo di nascosto l’effetto che fa.
Non è affatto raro che i medicinali, specie se assunti a lungo, producano nel tempo effetti deleteri e non sempre questi sono denunciati tempestivamente, se mai lo sono. “Aspettiamo: qualche caso non basta…” Quasi mai, poi, le contromisure, non fosse che per quelle ovvie di precauzione, vengono adottate nei tempi e nei modi augurabili.
Il popolo ne è spesso ignaro, ma di farmaci ritirati dalla distribuzione, magari dopo aver goduto di un mercato fiorente, ce n’è un’infinità. Volendo vedere a tutti i costi il bicchiere mezzo pieno, è consolante.
Capita pure che non sia il principio attivo ad essere incolpato ma siano i controlli che dovrebbero sempre e comunque essere eseguiti sui componenti e sui prodotti finiti ad essere in fallo.
Ora sta facendo qualche rumore il ritiro di un po’ di lotti di un farmaco che i signori medici hanno prescritto con gran lena per i tanti sofferenti di stomaco, e il problema starebbe nella presenza di nitrosammine, composti organici che in alcune loro formule sono cancerogene. Non tantissimo: un po’.
Per quanto mi riguarda la cosa mi ha lasciato abbastanza indifferente, e questo da una parte perché non c’è novità e dall’altra, egoisticamente, perché non ne sono toccato, visto che d’abitudine i medicinali li lascio prendere ad altri.
A divertirmi, invece, è stata l’intervista rilasciata dal professor Silvio Garattini, ultranovantenne in gran forma, portabandiera della farmacologia “che conta” e unanimemente definito scienziato.
Riassumendone il pensiero, questo signore si mostra stupito e pure vagamente scandalizzato e, a proposito dei controlli così palesemente tardivi su prodotti diffusissimi, dice: “…desta anche un po’ di sorpresa che questo tipo di test non venga fatto a priori, in modo regolare, su tutte le materie prime che vengono utilizzate e sui prodotti finiti.” (Adnkronos Salute.)
Il mio divertimento ha origine nel mio “non incontro” con il personaggio.
Anni fa Luigi Pelazza (trasmissione Le Iene) mi chiese di accompagnarlo dal prof. Garattini per mostrargli le fotografie al microscopio elettronico delle porcherie che trovavamo nei vaccini. Detto per inciso, da allora la nostra casistica è aumentata di parecchio e i risultati restano coerenti con quelli di quel tempo. Questo senza che nessuno smentisca i risultati come si fa secondo le regole della scienza, senza che ci sia chi si presta ad un confronto e senza che le istituzioni muovano un dito.
Io andai e, con l’educazione che gli va riconosciuta, Garattini fece entrare nel suo studio Pelazza e mi lasciò un’ora abbondante nel corridoio con le mie fotografie e i miei spettri chimici nella borsa. A Pelazza disse che “Montanari è contrario ai vaccini,” il che, nella logica del personaggio, equivaleva al fatto che i risultati che gli portavo non erano da prendere in considerazione e ne giustificavano un giudizio a priori su cui gli scienziati (quelli senza virgolette) non potrebbero che storcere il naso.
A questo punto, inevitabilmente, l’etichetta di scienziato si fa di nebbia, essendo una tra le caratteristiche della categoria quella di essere curiosi, sempre felici di vedere e sempre pronti a confrontarsi. Insomma, onesti.
Ecco, allora, il mio divertimento. Il Garattini-pensiero invoca, giustamente, che la produzione del farmaco sia controllata ab ovo ad malum, dai componenti ai passaggi di lavorazione fino al prodotto finito.
E i vaccini?
Facendo appello alla sua onestà della cui esistenza non dubito, che cosa dice lo “scienziato” Garattini di un prodotto che non viene sperimentato (vogliamo confrontarci?), che contiene sostanze del tutto indebite (vogliamo confrontarci?), che non viene controllato (vogliamo confrontarci?) e che viene somministrato a persone sane facendolo addirittura sotto costrizione? Vogliamo, poi, dare insieme un’occhiata ai risultati statistici tenendo conto solo dei fatti? O, alla Totò, vogliamo dire allo “scienziato” “ma mi faccia il piacere!”?
 https://www.youtube.com/watch?v=boYpFCgcyYM

Comment on Facebook

GRANDE Montanari

Si chiama "bugiardino" il foglietto annesso al farmaco. Proprio perchè quando va bene omette di includere almeno 3 o 4 dei danni collaterali più gravi che potrebbe provocare in chi lo assume...

Dottor Montanari..... la voglio ministro della sanità......lei è una persona corretta... la stimo moltissimo....

👌👌👌 Lei per molti parla l'aramaico ___ 1)Non c'è la volontà di comprendere. 2)Altri non ne hanno semplicemente la capacità. 3) 🚽ultimo, ma non ultimo, il Business viene prima di tutto🚽

Marco

I vaccini sono intoccabili. Quindi nessuna sorpresa dall'atteggiamento di garattini (minuscolo voluto) o di qualsiasi altro personaggio al soldo di big pharma

Per un pugno di dollari, tutta la vita a mentire senza vergogna, ingannare la popolazione senza scrupoli ,le persone devono prima arrivare ad ammalarsi per scoprire se ne hanno il tempo e l'intelligenza di essere stati ingannati da sempre.

Grazie di esistere.!!!!! Ma purtroppo c'è ancora tanta gente in letargo cerebrale da anni ormai......

Massimiliana Palazzeschi

I suoi post sono sempre precisi, documentati e piacevoli alla lettura...Come leggere ogni volta una pagina di un bel libro interessante. Complimenti!!!

Scheletri nell’armadio secondo me li ha. Anche il novantenne prof garattini!

sempre molto preciso grazie e sarebbe bello vererla in tv faccia a faccia con questo e altri medici a chiedere certe cose ...... e a ascoltare le risposte

Dottore posso chiederle una cosa? Nel caso avessi un parente che prende troppe medicine e ha una serie di malesseri "sconosciuti", a chi potrei rivolgermi? So che prendere molte medicine è pericoloso ma come faccio ad aiutare questo mio parente a sapere cosa togliere? Esiste un'associazione che possa indirizzarmi da un buon medico? Grazie

....i farmaci li lascio prendere agli altri.. Me la segno ; comunque anche io faccio così .

Grazie dottore Montanari sempre molto chiaro e semplice nelle sue spiegazioni Grazie di esistere!!!!!

Voglio fare un domanda non pertinente a questo articolo. Secondo voi è possibile mandare un bambina alla materna senza vaccini? Come avete fatto voi?

Montanari, la Scienza libera senza pelli sulla lingua. 🙏 Grazie

che i farmaci siano veleni .. penso lo sappiano tutti

Non sono in linea col suo pensiero. Alcuni aspetti sono banalmente noti ( origine della parola farmaco, il fatto che se un principio attivo uccida qualcosa possa uccidere anche qualcos'altro, effetti collaterali, farmaci che debbano essere testati e/o edplicutinegli effetti,.... ma tutto ciò non diminuisce l'utilità dei farmaci

Epilessia,conosce vero?ecco vorrei avere una soluzione che sostituisca il farmaco.......?

Grazie prof. Mosconi . È sempre interessante leggere le sue notizie !

Grazie Dottore, sempre squisitamente cristallino e logico

Esattamente!

Grande Dottore!!

Tempo perso.

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

L’intervista di venerdì scorso su Radio Studio 54
www.youtube.com/watch?v=d9kg5DVb4qkFonte: www.spreaker.com/show/gheri-guido-podcast Stefano Montanari parla nel programma di Gheri Guido della situazione politica italiana e dell'epide...
... See MoreSee Less

Video image

Comment on Facebook

Grazie Dottor Montanari ..complimenti x quello che fa .il coraggio la premia.e che Dio la benedica

Ascoltata oggi con tanta rabbia purtroppo

Grande Stefano MONTANARI qualcuno che esprime le proprie opinioni e diffonde sempre la verità.

Non ho potuto fare a meno d'ascoltare tutto anche se sono le 2 di notte. Grazie !

🥰

appena posso la vado a sentire ma sono riprese le programmazioni con radio54?

Grazie dottore

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Nella mia vita ho viaggiato per tutti i continenti e sono restato più volte fuori dell’Italia anche per diverso tempo. Confesso di non avere mai provato un attimo di nostalgia.
Ora, al ritorno da un viaggio molto lungo, mi ritrovo con un’Italia un po’ più nauseabonda del solito.
Elencando alla rinfusa, trovo che Renzi (!) ha fondato un nuovo partito. La farsa aveva forse bisogno di qualche gag di più.
Trovo un parlamento, sempre illegittimo, in cui tra chi si azzannava insultandosi a sangue fino a cinque minuti fa è scoccata la scintilla dell’amore.
Trovo che il proprietario dell’autoscuola che conosco pensa ad un suicidio risolutore dopo aver appreso che tutto quanto era stato detto e fatto per quanto riguarda l’IVA era uno scherzo e lui deve pagare una cifra spaventosa di “arretrato”. A tumulazione avvenuta, si consoli: il pizzo di regime aumenterà per tutti e, se per lui non c’era perché le autoscuole, chiaramente sbagliando, erano viste come scuole, ora c’è.
Trovo che un signore si ritroverà disoccupato con la sola, misera consolazione di un assegno (purtroppo per lui in quattro rate e, allora, ci si chiede come farà a fare tre pasti al giorno) di appena 13 milioni di Euro oltre alla copertura delle spese legali per i “contrattempi” che la gestione del Sullodato potrebbe aver creato. Mi viene il sospetto che quei 13 milioni arrivino non dalla toccante generosità dei signori Benetton ma dalle briciole che restano dai pedaggi che paghiamo per le nostre splendide autostrade.
Trovo che due bambini hanno rapinato, massacrato di botte e violentato una signora che potrebbe tranquillamente essere la loro bisnonna.
Trovo la RAI che ha già cominciato a dare notizie sul Festival di Sanremo del prossimo febbraio. Curiosamente, quando si deve parlare di pinzillacchere come, per esempio, i vaccini, la gestione dei rifiuti o le biomasse, ci sono i “tempi radiofonici” (massimo 42 secondi e un decimo). Per fortuna di quegli argomenti parlano solo gli “scienziati”.
Trovo che stiamo varando una nave che raccoglierà la plastica galleggiante nel mare e la incenerirà. La palese idiozia è accolta con commosso entusiasmo.
Trovo che l’arbitro Fabbri non era in giornata.
Certo mi mancano diversi aggiornamenti, ma piano piano arriveranno e, fin che c’è bicarbonato, c’è speranza.
Per ora mi chiedo se qualche imbecille di regime dirà con la voce tremante d’emozione che dobbiamo essere orgogliosi della nostra italianità. Sarò malato, ma il sintomo è che io ne provo ribrezzo e vergogna.
Ridatemi il Paleolitico!
... See MoreSee Less

Nella mia vita ho viaggiato per tutti i continenti e sono restato più volte fuori dell’Italia anche per diverso tempo. Confesso di non avere mai provato un attimo di nostalgia.
Ora, al ritorno da un viaggio molto lungo, mi ritrovo con un’Italia un po’ più nauseabonda del solito.
Elencando alla rinfusa, trovo che Renzi (!) ha fondato un nuovo partito. La farsa aveva forse bisogno di qualche gag di più.
Trovo un parlamento, sempre illegittimo, in cui tra chi si azzannava insultandosi a sangue fino a cinque minuti fa è scoccata la scintilla dell’amore.
Trovo che il proprietario dell’autoscuola che conosco pensa ad un suicidio risolutore dopo aver appreso che tutto quanto era stato detto e fatto per quanto riguarda l’IVA era uno scherzo e lui deve pagare una cifra spaventosa di “arretrato”. A tumulazione avvenuta, si consoli: il pizzo di regime aumenterà per tutti e, se per lui non c’era perché le autoscuole, chiaramente sbagliando, erano viste come scuole, ora c’è.
Trovo che un signore si ritroverà disoccupato con la sola, misera consolazione di un assegno (purtroppo per lui in quattro rate e, allora, ci si chiede come farà a fare tre pasti al giorno) di appena 13 milioni di Euro oltre alla copertura delle spese legali per i “contrattempi” che la gestione del Sullodato potrebbe aver creato. Mi viene il sospetto che quei 13 milioni arrivino non dalla toccante generosità dei signori Benetton ma dalle briciole che restano dai pedaggi che paghiamo per le nostre splendide autostrade.
Trovo che due bambini hanno rapinato, massacrato di botte e violentato una signora che potrebbe tranquillamente essere la loro bisnonna.
Trovo la RAI che ha già cominciato a dare notizie sul Festival di Sanremo del prossimo febbraio. Curiosamente, quando si deve parlare di pinzillacchere come, per esempio, i vaccini, la gestione dei rifiuti o le biomasse, ci sono i “tempi radiofonici” (massimo 42 secondi e un decimo). Per fortuna di quegli argomenti parlano solo gli “scienziati”.
Trovo che stiamo varando una nave che raccoglierà la plastica galleggiante nel mare e la incenerirà. La palese idiozia è accolta con commosso entusiasmo.
Trovo che l’arbitro Fabbri non era in giornata.
Certo mi mancano diversi aggiornamenti, ma piano piano arriveranno e, fin che c’è bicarbonato, c’è speranza.
Per ora mi chiedo se qualche imbecille di regime dirà con la voce tremante d’emozione che dobbiamo essere orgogliosi della nostra italianità. Sarò malato, ma il sintomo è che io ne provo ribrezzo e vergogna.
Ridatemi il Paleolitico!

Comment on Facebook

Concordo con lei dottore , io mi chiedo perché hanno svenduto così noi Italiani e l'Italia che poteva essere uno dei paesi meglio in Europa

Ti sei dimenticato, caro Montanari, il tacito assenso all'esportazione degli organi qualora un camice bianco decreti la "morte cerebrale", approvato in pompa magna e tutta fretta mentre cadeva il governo... Direi, si stava meglio quando si stava peggio

Montanari , è l'intera umanità ad essere in balìa di corrotti, di ignoranti, di malefici personaggi che sembrano la copia di belve feroci..... Io da cristiana aspetto il Paradiso, non di certo il Paleolitico!!

Per fortuna c'è chi è più ottimista. Gettare la spugna in uno sfogo sui social non ha nulla di utile, positivo, educativo. Pare quasi una ricerca di like e ricompensa. Da parte sua è irresponsabile.

Troppo vero tutto..sono cresciuta in questo paese è avendo girato, vissuto è conoscendo per lunghi soggiorni in altri paesi non mi sento legata particolarmente a nessuno perché credo che ogni paese abbia le sue ombre è le sue luci.In Italia mi sono sempre sentita a casa anche con le sue contraddizioni. .ora sembra che a tutti stia bene tutto, nessuno se ribella più, mi sembra che si sia innescato un sistema perverso è a la maggior parte sta bene tutto..a me mi è venuta per davvero la voglia di sparire ma purtroppo ora non si può...essendo una contra la violenza mi sembra di farmi violenza a dover vedere tante situazioni che vedo ingiuste è che a tanti vanno bene.È veramente frustrante

La verità di questo articolo è pari solo alla sua tristezza. Sempre grande Dottore Montanari.

Il suo scritto non fa una grinza; più che una reale e triste istantanea. Ecco che i metalli pesanti che fanno cadere dal cielo, e quelli inoculati da piccoli, stanno rendondo il popolo come da progetto: incapace di reagire!

Mi era mancato dottore! La sua penna è tanto sublime quanto tagliente, con tutte le ragioni ovviamente. Grazie

Io aspetto la pensione di mio marito e ce ne andremo da questa triste Babilonia

2/3 sono daccordo. Ma in altri paesi ci sono cose diverse e peggiori anche.

Grande.... Anche se preferivo leggere che Italia profuma di pizza e caffè e in piazza si sente la voce di un cantautore con mandolino... Io credo che ancora non è tutto perduto....lo spero..

Carissimo dottore lei è uno dei pochi che stimo e ammiro davvero, di cosa si meraviglia

È una sensazione di vuoto che oramai mi accompagna da anni..da voltastomaco.

purtroppo e non riesco a capire come la maggior parte delle persone non capisca..........

Senza scendere in dettagli (e non per difendere renzi ovviamente), non è illegittimo il governo. Non bisognerebbe fare disinformazione!

Anche le mie due figlie sono tornate dall' estero, ma sono ben presto ripartite , deluse dal loro Paese, per non aver trovato altro che difficoltà nel trovare lavoro e , per di più, sottopagato. Pur amareggiato , ho dovuto ammettere che era la sola scelta da fare.

La vergogna che provo nell'essere italiano ci accomuna Dottore.... Una volta quando sentivo l'inno nazionale e vedevo il tricolore, mi si gonfiava il cuore di orgoglio.... Ora non sento più niente.... Anzi... Sento un certo fastidio.... È tremendamente lacerante.... Ma è così

Hai perfettamente ragione dottore. Ti stimo tantissimo non vedo l'ora risentirti in radiostudio 54. Grazie tanto per tutto

Grande dottore non c'è nulla da aggiungere alle sue parole bravo

Non c'e' rimedio alle idiozie del nostro parlamento (solo le poltrone contano) povera italia e poveri noi

Sapesse quante ne vedo e ne ho viste io che ho una partita iva in edilizia ci sarebbe da scrivere un libro.....alto che evasori se ci fosse una giustizia dovrebbero rimborsarci i denari che ogni giorno ci fregano

grazie a Dio sono Napoletano e non italiano! Stefano Montanari...e se le avessero mentito anche sull'evoluzione? io ci giurerei che hanno mentito! 😉

Sono anni che voglio emigrare. Spero di farcela

Anche io guardo l'italia da molto lontano e francamente tutto quello che dice è un riassunto di una tragica realtà.

Sono stato un mese in UK. Ho nostalgia del verde, del BUON CIBO (sano con tutto quel verde altro che gli scarti da allevamenti intensivi che abbiamo qui), altro che “si mangia bene solo in Italia”. E comunque.. Anche lì inizia a degenerare.. È solo questione di tempo.. Forse i Caraibi con tutti quegli staterelli indipendenti potrebbero essere un buon ripiego..

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Forse ancora più di quando scrivemmo il libro sui vaccini l’abbiamo fatto a malincuore.
Allora, fidando sull’ottimismo della ragione, pensavamo che la follia di obbligare un popolo ad un trattamento sanitario non solo senza la minima necessità, non solo propalando menzogne vergognose per chi le inventava ma, addirittura, somministrando prodotti non sperimentati e non controllati avrebbe avuto vita breve. E, in effetti, in un certo senso vita breve l’ha avuta.
Ma, lungi dal morire, quel mostro è cresciuto a dismisura, e lo ha fatto nutrito da una forza di regime che fino a che non ne ha avuto interesse aveva sparato ad alzo zero contro quella sconsideratezza. Ciò che accadde è che, da 4, i vaccini obbligatori si sono moltiplicati diventando 10.
Aggiornare quel libro, allora, è diventata una triste necessità, questo anche perché ci continuano ad arrivare richieste d’informazione. Ecco, allora, che esce la nuova edizione non solo aggiornata ma, ahimè, ampliata di Vaccini: Sì o No? dove “ampliata” significa che riportiamo i risultati di nuove analisi su vaccini che non avevamo analizzato allora.
Come allora, anche oggi nessuno degli “scienziati” di regime ha avuto l’onestà di confrontarsi come si fa in campo scientifico. Il perché non potrebbe essere più evidente.
Intanto la disinformazione e la censura aumentano giorno dopo giorno. Dunque, non posso altro che invitare tutti non solo a leggere il libro ma a conservarlo perché non è impossibile che un giorno venga messo all’indice e bruciato in piazza come è prassi in qualunque dittatura.
Si veda www.gruppomacro.com/prodotti/vaccini-si-o-no
... See MoreSee Less

Forse ancora più di quando scrivemmo il libro sui vaccini l’abbiamo fatto a malincuore.
Allora, fidando sull’ottimismo della ragione, pensavamo che la follia di obbligare un popolo ad un trattamento sanitario non solo senza la minima necessità, non solo propalando menzogne vergognose per chi le inventava ma, addirittura, somministrando prodotti non sperimentati e non controllati avrebbe avuto vita breve. E, in effetti, in un certo senso vita breve l’ha avuta.
Ma, lungi dal morire, quel mostro è cresciuto a dismisura, e lo ha fatto nutrito da una forza di regime che fino a che non ne ha avuto interesse aveva sparato ad alzo zero contro quella sconsideratezza. Ciò che accadde è che, da 4, i vaccini obbligatori si sono moltiplicati diventando 10.
Aggiornare quel libro, allora, è diventata una triste necessità, questo anche perché ci continuano ad arrivare richieste d’informazione. Ecco, allora, che esce la nuova edizione non solo aggiornata ma, ahimè, ampliata di Vaccini: Sì o No? dove “ampliata” significa che riportiamo i risultati di nuove analisi su vaccini che non avevamo analizzato allora.
Come allora, anche oggi nessuno degli “scienziati” di regime ha avuto l’onestà di confrontarsi come si fa in campo scientifico. Il perché non potrebbe essere più evidente.
Intanto la disinformazione e la censura aumentano giorno dopo giorno. Dunque, non posso altro che invitare tutti non solo a leggere il libro ma a conservarlo perché non è impossibile che un giorno venga messo all’indice e bruciato in piazza come è prassi in qualunque dittatura.
Si veda https://www.gruppomacro.com/prodotti/vaccini-si-o-no

Comment on Facebook

Se siete così convinti, magari anche a ragione, contattate pubblicamente dei superscettici alle vostre teorie,come ad esempio il CICAP e confrontatevi a dati aperti, altrimenti è normale che vi si prenda per poco seri visto che la larga maggioranza scientifica non è d'accordo con voi e sostenere che siano tutti venduti è francamente ridicolo. Coraggio dunque.

Le cose da fare sono 2, in primis smettere di vaccinarci e vaccinare i bambini perche diventano "clienti" delle case farmaceutiche, quindi meglio pagare le multe piuttosto, la salute è un bene che non ha prezzo, la seconda cosa è CAPIRE veramente questa cosa e unirci tutti assieme contro la sanità pubblica, contro quei tiranni che vogliono fare fatturati sulla nostra pelle, siamo noi che glielo permettiamo. Ringrazio il Dottor Stefano Montanari per le preziosissime informazioni sul tema, x i video su youtube dove mostra le prove di cio che contengono le profilassi, quelle porcherie le iniettano a noi e ai bambini sapendo in anticipo cosa fanno nell organismo, non esiste nessuna immunità naturale nei vaccinati, perche ce la distruggono quando nasciamo, oltre che perpetuare le malattie, basta vaccini No vax punto.

Dott Montanari e Gatti, ringrazio voi e tutti quelli che, a discapito della propria carriera e vita, vi siete sacrificati per diffondere la verità e dare una speranza ai nostri figli. Grazie di cuore

Giulia Grillo e stata una vera delusione in merito.

Preferisco pagare la multa e non mandare mio figlio a scuola, visto pure ciò che viene insegnato oggi. . . . (Poche eccezioni)

Non mi fa mettere la foto . L' ho comprato . GRAZIE

Chiedete a chi dovrebbe somministrare il vaccino di firmare un'assunzione di responsabilità in quanto voi vi dichiarate contrari, oppure chiedete delle analisi di compatibilità con le sostanze presenti nel vaccino e manderete in tilt il sistema.

La salute al primo posto nn c è asilo che tenga.. Nn mi interessa proprio

Ma dopo che si è pagata la multa non si è più pericolosi per il prossimo?

È grazie a Scienziati come voi, che moltissima gente ha deciso di informarsi di più sull'argomento, prima di iniettare vaccini senza minimamente immaginare cosa fossero . Grazie per il suo lavoro e quello di sua moglie! Continuate così!!!!

Sì ringraziatelo e ammiratelo ma magari se tirate anche fuori due lire per aiutarlo non sarebbe male visto che ha anche dovuto vendere la casa. Non credo se ne possa comprare un'altra con delle banali adulazioni. Fatevi coraggio e aprite il portafoglio. Saluti

Io non ho fatto fare i richiami a mia figlia quasi sedicenne, e pagherò la multa ben volentieri.

Ammiro il lavoro che state facendo per tutelare i nostri bambini andate sempre avanti noi siamo sempre più convinti delle nostre scelte anche se si combatte tutti i giorni. Mio figlio lasciato fuori dalla materna ma non cedo. Grandi continuate così.

Grazie a Voi Anime Belle... Scienziati .... ❤❤

Grazie, lo acquisterò senz'altro. Già il primo ci è stato di grande utilità ♥️

Abbiamo estremo bisogno di persone come voi, spero di incontrarvi nuovamente molto presto. Tenete duro perché state facendo un lavoro eccellente

Ma scusi dottore io ci credo a quel che dice ma se le altre ricerche evidenziano allora il falso non si può denunciare la sanità infondo chi non vuole vaccinare non sono due tre persone ma sono molte di più.

Grazie Dottor Montanari lei ci sprona ad andar avanti..... grazie per il lavoro che fa 😊

Grazie Dottor Montanari almeno ha detto tutta la verità e questo le fa onore ..grazie mille per la sua onestà

Anche la versione e-book è stata aggiornata?

L' informazione resterà sempre la migliore arma. Prima o poi gli altarini crolleranno

Io dico Grazie a Dio che non ci siano più epidemie di malattie infettive ..e alla scienza e medicina che ha fatto passi da gigante. ..Grazie ancora alle vaccinazioni rispettando la libertà di pensiero

Dottore, sto combattendo con mia figlia e mio genero che vogliono vaccinare la figlia di 4 mesi solo perché terrorizzati dalla paura che la figlia possa ammalarsi per non averla vaccinata. Loro vivono in Svizzera dove l'obbligatorietà e' mi pare per 3 vaccini, per gli altri lasciano la discrezionalità ai genitori, non prima però di prospettare alla figlia un futuro pericoloso per le malattie che può contrarre. Non so più come dare a convincerla.

Grazie Dott. Montanari, non tarderò a comprare anche la versione aggiornata. La prima è già stata "metabolizzata" !...Appena uscita.

Ho a casa la precedente edizione.. Acquisterò senz'altro anche questa.. Grazie!

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Il vecchio frullatore non ne vuol sapere di funzionare. Nessuno lo ripara perché così vuole il mondo moderno e, allora, non resta che comprarne uno nuovo. Così il signor Rossi va nel negozio della società Bassotti e Gambadilegno e ne sceglie uno.
Lo porta a casa, apre la scatola e, per prima cosa, controlla la garanzia: due anni su qualunque difetto. È la legge.
Il mattino dopo il signor Rossi riempie il vaso nuovo di zecca con la frutta e il latte di riso. Poi gira la manopola e… E niente: il frullatore resta zitto e l’elica immobile.
Il signor Rossi rilegge la garanzia: due anni su qualunque difetto. Allora prende il frullatore e lo riporta al negozio.
Nel frattempo, però, l’insegna è cambiata: non più “Bassotti e Gambadilegno” ma ”Bassotti e Barbablù”.
Che importa? C’è lo scontrino, c’è la garanzia…
“Non funziona. Provi lei…”
Il signor Bassotti in persona ficca la spina elettrica alla presa e gira la manopola.
“Lo vede? Non funziona.”
“Sì, non funziona,” risponde il signor Bassotti.
“La garanzia…”
A quel punto il signor Bassotti scoppia a ridere: “La garanzia! Ma mi faccia il piacere!” E accompagna alla porta il signor Rossi. Poi lo saluta da lontano con una pernacchia come a Napoli pochi sanno fare.
Io mi trovo lontanissimo dall’Italia, e non solo geograficamente. Qui le notizie arrivano grazie alla registrazione di un telegiornale RAI della sera e, ovviamente, arrivano distorte come da ragion di stato.
Un amico, però, mi manda dei video e in questi video ci sono migliaia di persone che strepitano per strada agitando bandiere tricolori. Per fortuna le forze dell’ordine le tengono a bada. Il telegiornale ne accenna vagamente e l’impressione è che si tratti di una gita aziendale.
Poi l’amico mi manda le registrazioni dei discorsi di un paio di parlamentari: Lega e Fratelli d’Italia.
Ovviamente ambedue gli oratori tuonano contro il governo da avanspettacolo allestito ora ma nessuno dei due ricorda un fatto essenziale: non c’è un parlamentare, su fino al presidente di questa bizzarra repubblica, che sieda dov’è in base alla garanzia. E non parlo della garanzia di un frullatore ma di quella che oltre 70 anni fa un gruppo di visionari compilò ad avallo dei diritti del “popolo”, espressione che metto tra virgolette perché non sono più aggiornato sul suo significato.
Gli articoli 56 e 58 sono di una chiarezza lampante, eppure… Eppure il signor Bassotti ora associato al vecchio concorrente di cui fino a poche ore prima aveva sottolineato la disonestà non li degna nemmeno di una pernacchia: li ignora. E con lui li ignora il vecchio socio. E con loro i clienti. Dunque, non esistono, e tutti vissero chi truffato e chi contento.
Che la situazione sia insostenibile è fin troppo ovvio. Che questo governo da farsetta di periferia, un governo basato sulla colla nelle terga, non possa reggere, se non altro perché i soci d’occasione si azzufferanno entro pochissimo, è una previsione che non ha bisogno di veggenti. Dunque, ci saranno le elezioni. Ma se le elezioni continueranno ad essere celebrate in spregio alla Costituzione, il destino sarà facile da indovinare: tutti e sempre a 90 gradi a sfilare davanti a Big Pharma, alla sig.ra Merkel (che il Cielo le ridia la salute!), alle banche, alla Massoneria…
Che fare? Non resta che buttare l’acqua sporca con il bambino, un bambino che, comunque, nessuno ha mai visto.
... See MoreSee Less

Il vecchio frullatore non ne vuol sapere di funzionare. Nessuno lo ripara perché così vuole il mondo moderno e, allora, non resta che comprarne uno nuovo. Così il signor Rossi va nel negozio della società Bassotti e Gambadilegno e ne sceglie uno.
Lo porta a casa, apre la scatola e, per prima cosa, controlla la garanzia: due anni su qualunque difetto. È la legge.
Il mattino dopo il signor Rossi riempie il vaso nuovo di zecca con la frutta e il latte di riso. Poi gira la manopola e… E niente: il frullatore resta zitto e l’elica immobile. 
Il signor Rossi rilegge la garanzia: due anni su qualunque difetto. Allora prende il frullatore e lo riporta al negozio. 
Nel frattempo, però, l’insegna è cambiata: non più “Bassotti e Gambadilegno” ma ”Bassotti e Barbablù”.
Che importa? C’è lo scontrino, c’è la garanzia…
“Non funziona. Provi lei…”
Il signor Bassotti in persona ficca la spina elettrica alla presa e gira la manopola.
“Lo vede? Non funziona.”
“Sì, non funziona,” risponde il signor Bassotti.
“La garanzia…”
A quel punto il signor Bassotti scoppia a ridere: “La garanzia! Ma mi faccia il piacere!” E accompagna alla porta il signor Rossi. Poi lo saluta da lontano con una pernacchia come a Napoli pochi sanno fare.
Io mi trovo lontanissimo dall’Italia, e non solo geograficamente. Qui le notizie arrivano grazie alla registrazione di un telegiornale RAI della sera e, ovviamente, arrivano distorte come da ragion di stato.
Un amico, però, mi manda dei video e in questi video ci sono migliaia di persone che strepitano per strada agitando bandiere tricolori. Per fortuna le forze dell’ordine le tengono a bada. Il telegiornale ne accenna vagamente e l’impressione è che si tratti di una gita aziendale.
Poi l’amico mi manda le registrazioni dei discorsi di un paio di parlamentari: Lega e Fratelli d’Italia.
Ovviamente ambedue gli oratori tuonano contro il governo da avanspettacolo allestito ora ma nessuno dei due ricorda un fatto essenziale: non c’è un parlamentare, su fino al presidente di questa bizzarra repubblica, che sieda dov’è in base alla garanzia. E non parlo della garanzia di un frullatore ma di quella che oltre 70 anni fa un gruppo di visionari compilò ad avallo dei diritti del “popolo”, espressione che metto tra virgolette perché non sono più aggiornato sul suo significato.
Gli articoli 56 e 58 sono di una chiarezza lampante, eppure… Eppure il signor Bassotti ora associato al vecchio concorrente di cui fino a poche ore prima aveva sottolineato la disonestà non li degna nemmeno di una pernacchia: li ignora. E con lui li ignora il vecchio socio. E con loro i clienti. Dunque, non esistono, e tutti vissero chi truffato e chi contento.
Che la situazione sia insostenibile è fin troppo ovvio. Che questo governo da farsetta di periferia, un governo basato sulla colla nelle terga, non possa reggere, se non altro perché i soci d’occasione si azzufferanno entro pochissimo, è una previsione che non ha bisogno di veggenti. Dunque, ci saranno le elezioni. Ma se le elezioni continueranno ad essere celebrate in spregio alla Costituzione, il destino sarà facile da indovinare: tutti e sempre a 90 gradi a sfilare davanti a Big Pharma, alla sig.ra Merkel (che il Cielo le ridia la salute!), alle banche, alla Massoneria…
Che fare? Non resta che buttare l’acqua sporca con il bambino, un bambino che, comunque, nessuno ha mai visto.

Comment on Facebook

Pasquale Bisceglia

Siamo in un mondo di menzogne ,si e solo numeri e cavie umane per testate farmaci ,e medici incompetenti ,che operano pazienti creando gravi danni alla persona . Serviamo poi come mercato di ORGANI . Dopo la scoperta del DNA ,ora hanno generato un gattino ,e l'inizio della colazione di massa ,ma con mente robotizata sotto controllo ,e microcipati come i animali ..

Astensione attiva e Democrazia Diretta a Napoli e in tutti i comuni d' Italia...io la faccio..NON AVALLO E LEGITTIMO LE MARIONETTE DEI BANCHIERI!

Purtroppo la realtà è farsatamente triste. Dottor Montanari, lei ha eccellenti doti da scrittore. Queste sue parole (anche di altri post) potrebbero essere capitoli di importanti libri; perciò non le lasci "al vento" di internet. GRAZIE. Dio benedica lei, sua moglie, e il lavoro svolto per il bene dell'umanità.

Prima o poi qualcuno perderà la testa ed andrà dal signor bassotti con la mazza da baseball e gliela parcheggerà sulla fronte. Perché a tutto c'è un limite. L'unico problema è che l'italiano sta troppo bene ancora, sbraita ma lo fa davanti a un aperitivo, non davanti il piatto vuoto dei figli. Dovranno ancora peggiorare, e molto, le condizioni di vita prima che ci sia una protesta vera del popolo italiano

Fanno parte tutti del partito unico dell élite, l opposizione non esiste, è solo un teatrino per allocchi

mai avuto dubbi! a proposito Stefano Montanari ha letto che facebook in collaborazione con l'OMS farà la guerra alla fake news sulla diffusione di notizie fuorvianti sull'utilità dei vaccini! non posso essere più preciso in quanto mi è arrivata una notifica sul pc...in modo flash...! Allora non dovrebbero dire più che fanno bene eheheheheh

Montanari, condivido tutto, ma ricordi che gli Italiani amano essere sudditi; quindi bassotti, gambadilegno, barbablù e vanna marchi sono i giusti governanti.

Dottore, al di là degli apprezzabili contenuti, i suoi post sono una ventata di bellezza per la lingua italiana. Un giorno mi piacerebbe scrivere un libro con lei.

Questo film lo abbiamo visto troppe volte e già sappiamo la fine,ma fino a quando saremo spettatori non cambierà mai nulla.cio che mi distrugge il cuore è che tutti questi signori anche giovani non pensano minimamente che presto saranno genitori,e quale eredità lasceranno loro?UNO STATO CHE DA ESSERE LA PUNTA DI DIAMANTE DEL MONDO AD UN CESSO PUBBLICO DOVE CI CAGANO TUTTI GLI SPORCACCIONI D'EUROPA!! DETTO QUESTO SPERO DI SCAPPARE VIA IL PIÙ LONTANO POSSIBILE DA QUESTO STATO DI MAFIOSI E VENDUTI PER 4 SOLDI!

Anche perché il bambino è morto dopo la esavalente...e lo hanno occultato

Stupendo discorso complimenti, ma la BIG PHARMA NON POSSIEDE IL GRANDE POTERE BAYER SANTO +Vaticano +Componenti dell'Europarlamento +.......! Povero mondo, altro che la fregatura del frullatore .e peggio ancora grande manipolazione e potere Negli OSPEDALI ,RICOVERI ,E BIOLOGI,Aggiungo il popolo ora e una cavia umana per sperimentazioni Farmacologico ,donne in gravidanza vaccinate, e feti vaccinati due volte ,la vita umana non ci sono più diritti ma regna potere e SOLDI ,SOLDI . ESPIANTI DI ORGANI SU PAZZIENTI ANCORA VIVI ,DOPO L'ESPIANTO ,ORA E UN CADAVERE ,POI ORA PER RICUCIRE SI USA IL.LASER ,E LA FAMIGLIA NON SA NULLA DELL 'ACCADUTO.

La colla è di ottima qualità, ne hanno messa in abbondanza per essere sicuri che tenga.

Vogliono ed avranno l'instabilità per far arrivare la mattanza dei tecnici e da lì si spalancheranno i cancelli dell'ADE. Le multinazionali ed i mercati sono già in festa da giorni.

BENE! BRAVO! BIS!!!!!!!!

Almeno il cielo deve tenere la sua promessa, quel che ha tolto, tolto deve restare( merkel)!

Grandissimo Stefano Montanari, complimenti

La sua intelligenza politica oltre che scientifica è il risultato di una cosa sola: essere veri e coscienti.

"...Un gruppo di visionari..." mi sembra un po' esagerato.

condivido quasi tutto ciò che ha scritto Dott. Stefano Montanari tranne che la polizia li teneva a bada.Non cìè stato nessun tipo di incidente e hanno pulito tutto.Questa manifestazione non era organizzata dai centri sociali o loro amici, ma di persone che rispettano le regole e le forze dell'ordine.

Ma l'italiano finché ha la possibilità di vedersi la partita di pallone , il concerto del beota di turno e le pezze al culo firmate , non si rende conto della melma in cui sta sprofondando

👍

Siamo oltre la telenovelas Spagnola di bassa "Lega"...

Grazie per il suo contributo che condivido. Però ho un dubbio: i volponi non si staccheranno dalle amate poltrone come da più parti si auspica; la legislatura, ahinoi, andrà avanti: tutti " tengono" famiglia!

Sì vede benissimo

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Che io sia un uomo di sicuro insuccesso è evidente da tutta la mia storia personale. Il fatto che io sia vecchio, poi, aggrava la situazione perché i vecchi hanno il cervello rigido e poi, comunque, non hanno tempo per emendarsi.
Uno dei motivi, certo non l’unico, del mio insuccesso sta nel fatto di non essere capace di farmi comprendere dagl’imbecilli. Tornando indietro nel tempo, ricordo quando il maestro di pensiero Grillo ragionier Giuseppe mi diceva che, se si vuole avere successo, è agl’imbecilli che ci si deve rivolgere.
Ahimè, io non ne sono capace.
L’altro giorno ho scritto qualche riga a proposito di due fatti di razzismo, fatti mortificanti come sono, peraltro, tutti quelli che appartengo a quella categoria.
Nella circostanza, descrivendo l’impresa a mio vedere ben poco nobile di razzismo con tanto di violenza su minore di una coppia di coniugi calabresi, feci notare come quella famigliola sarebbe stata catalogata solo un poco più a nord: sozzi terroni.
Naturalmente, chiunque abbia un quoziente intellettivo almeno pari a quello di una gallina ovaiola avrebbe capito tono ed intenzione. Ma no: c’è chi, appartenendo a quella maggioranza cui il ragionier Grillo mi consigliò invano di mirare, non solo non ha capito niente di ciò che ho scritto, ma protesta vibratamente.
A questo punto, di chi è la responsabilità se non mia? Chi vuole avere successo è agl’imbecilli che deve rivolgersi, e le dimostrazioni sono palesi e all’ordine del giorno.
... See MoreSee Less

Che io sia un uomo di sicuro insuccesso è evidente da tutta la mia storia personale. Il fatto che io sia vecchio, poi, aggrava la situazione perché i vecchi hanno il cervello rigido e poi, comunque, non hanno tempo per emendarsi.
Uno dei motivi, certo non l’unico, del mio insuccesso sta nel fatto di non essere capace di farmi comprendere dagl’imbecilli. Tornando indietro nel tempo, ricordo quando il maestro di pensiero Grillo ragionier Giuseppe mi diceva che, se si vuole avere successo, è agl’imbecilli che ci si deve rivolgere.
Ahimè, io non ne sono capace.
L’altro giorno ho scritto qualche riga a proposito di due fatti di razzismo, fatti mortificanti come sono, peraltro, tutti quelli che appartengo a quella categoria.
Nella circostanza, descrivendo l’impresa a mio vedere ben poco nobile di razzismo con tanto di violenza su minore di una coppia di coniugi calabresi, feci notare come quella famigliola sarebbe stata catalogata solo un poco più a nord: sozzi terroni.
Naturalmente, chiunque abbia un quoziente intellettivo almeno pari a quello di una gallina ovaiola avrebbe capito tono ed intenzione. Ma no: c’è chi, appartenendo a quella maggioranza cui il ragionier Grillo mi consigliò invano di mirare, non solo non ha capito niente di ciò che ho scritto, ma protesta vibratamente.
A questo punto, di chi è la responsabilità se non mia? Chi vuole avere successo è agl’imbecilli che deve rivolgersi, e le dimostrazioni sono palesi e all’ordine del giorno.

Comment on Facebook

È triste Dottore, ci si sente soli e frustrati. A volte arrivi a chiederti se non sei davvero tu l' imbecille.😕

Mio figlio di 10 anni lo ha capito. Già 😓, mi ha detto con occhi grandi e puliti : “mamma , mi sa che non conviene essere onesti e perseguire la giustizia , forse fanno meglio altre persone “ cosa avrei dovuto rispondere? Io gli ho detto che la coscienza è personale , e ogni uno deve farci i conti , e che il successo e le vittorie apparenti dei bugiardi e prepotenti, è solo agli occhi degli stolti, e che io e il padre ci coltiviamo la nostra coscienza e festeggiamo tra pochi , nell intimo . Sono scelte figlio mio .

Ma come si fa a vivere in questo mondo? Dove davanti a problemi di portata enorme che oggi ci affliggono, plastica inquinamento vaccini..etc.., c’è gente che ancora spende energie in queste stupidità? Sono persone tanto piccole che vivono nel loro piccolissimo e ignorante mondo! E poi chi se ne frega del successo? Non sarebbe meglio se nessuno spiccasse più di altri ma tutti insieme si lavorasse per il bene del pianeta e dei suoi abitanti? E fosse per me farei un governo di scienziati e nutrizionisti ed economisti ed eliminerei tutta quella ‘razza insulsa’ di politici che mi fanno veramente vomitare! Sto pensando di andar a vivere via, ma non so dove.. Grazie dott. Montanari delle sue parole ed è veramente un peccato che in questo mondo che funziona al contrario lei non abbia avuto un grandissimo successo!! PS qual’è l’appuntamento del mercoledì di cui qualcuno neo commenti ha accennato?

Non avendo letto il post menzionato sono andata a riprenderlo. Se inizialmente mi ha divertito tanto quanto le sue risposte ai primi commenti, man mano proseguivo nella lettura sono stata colta da un vero disagio. È difficile mantenere l’ironia in questo periodo storico. Inizialmente siamo stati invasi dalla “cultura” dei Simpson ma adesso siamo passati addirittura a quella dell’odio. Senza voler fare troppo allarmismo mi chiedo se non dovremmo valutare di più questo analfabetismo che oltre ad essere culturale sta diventando sempre di più morale. Non solo aridità di pensiero ma soprattutto di etica ed empatia.

Caro Montanari, le rispondo con una massima di un mio docente, il quale sosteneva come il 95% della popolazione umana, non fosse salvabile e fosse oltremodo limitata ed additandomi :"...e tu non pensare di far parte del 5% rimanente!" Sempre grato di quell'insegnamento e consapevole che lei ne faccia parte!

Non è solo il QI a determinare L’”imbecillità “, ma anche il livello di coscienza! Anche persone “intelligentissime” non sono in grado di comprendere il tono è l’intenzione di un messaggio, perché sono troppo chiuse nel loro piccolo ego di limiti e “sicurezze”!

Beh ma io non paragonerei gli imbecilli alle galline ovaiole (povere ), le quali peraltro sono abbastanza intelligenti!!😁

Io la leggo e ieri ho letto il suo post in questione! Scriva pure, ma voglio rincuorarla ...io l'ho capito..si rivolga pure a quelli come me ...non saranno mica tutti imbecilli! Io ci ho parlato nel 2009 con quello che lei chiama rag.grillo e le posso garantire che un uomo senza parola NON E' UN UOMO! La saluto con affetto vero!

Forse è meglio ignorare il maestro di pensiero Grillo Giuseppe....a prescindere 😅

Professor Stefano Montanari ha tutta la mia stima per il lavoro che lei e sua moglie svolgete da anni... continuo a suggerire alle persone di seguirvi perché sono le persone come voi che contribuiscono al cambiamento della storia... nonostante tutte le minacce, nonostante i tentativi di infangare il vostro lavoro. Tenete duro e condividete informazioni che possono salvare vite umane... l'ignoranza è uno dei mali dell'umanità ma lo è ancora di più la mancanza di coscienza da cui spesso è generata. Avete tutta la mia stima... con affetto: un umile viandante 🙂

Dott. Montanari la ringrazio per le divulgazione scientifiche, ha tutta la mia stima, mi piace la sua satira... Lei è un grande Uomo. La saluto con affetto.

Caro dottor Montanari, mi duole leggere l'amarezza nelle sue parole, tuttavia, è questo il grado degrado della nostra attualità ...soprattutto sui social media che, personalmente, scorro molto molto velocemente... leggendo e "catturando" solo ciò che può essermi utile professionalmente e umanamente. Buona domenica a lei e a sua moglie, dottoressa Antonietta Gatti, scienziata di fama internazionale.... ma "nemo propheta in patria". Elisa

A Firenze si dice "il cencio parla male dello straccio" Se il piccolo era meno colorato il calcio sarebbe stato meno grave? Solo un razzista si ferma sulle origini dei protagonisti..

Dottore, lei è un grande! Continui a fare splendidamente il suo lavoro come ha sempre fatto. Io la ringrazio infinitamente

Verissimo purtroppo, inoltre chi ha successo dice ciò che le masse vogliono sentirsi dire. Non certo ciò che è giusto o sbagliato

Il problema è che la gente non legge gli articoli per intero.. mai.. solo titolo, frase in mezzo e , se va bene, frase finale e poi commenta.. e la metà o più non capisce il senso dell'articolo. È più urgente commentare.... Le cose si possono spiegare alla perfezione ma se non viene letto tutto si può fraintendere fino a capire il contrario.. ma niente. Non c'è la voglia di leggere, troppa fatica. 😭 Mi diverto a volte a scovare chi non ha letto ed è sconvolgente vedere quanti non lo fanno.. Dal solo titolo poi escono di quegli strafalcioni..😳

Comunque, guarda caso, queste menti illuminate sono quasi sempre di riferimento....."burionide"...

Caro dottor Montanari non se la prenda troppo , la razza ( questa sì razza) degli imbecilli è inestinguibile, ma finché ci sarà la testimonianza di una voce limpida e autorevole come la sua i danni prodotti da questa torma saranno contenuti.

C'è anche chi la ringrazia caldamente dottore per le vostre divulgazioni scientifiche e perché no, per la sua satira. Grazie.

Mamma mia che livelli orribili abbiamo raggiunto Dott. Montanari, la stragrande maaggioranza non sa leggere o leggendo non comprende.

Bentornato dottore, ci mancava la sua satira. L'aspettiamo all'appuntamento del mercoledì. Saluti cari.

Se essere meritevoli di successo è la fisiologica conseguenza di avere il gradimento degli imbecilli , sono contenta del fatto che lei possa essere un uomo di grande "insuccesso" !!! E credo che lei di questo ne sia sicuramente fiero !

Anche perché gli imbecilli sono un esercito, mentre quelli che si differenziano sono pochi. Buona giornata

Non ho capito bene perché la gallina dev'essere per forza ovaiola ...

Forse è nato nel paese sbagliato,Dottore.Grazie per la condivisione dei suoi pensieri:taglienti ma realistici.

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Si sa: la stampa ci ricama sopra. E, allora, si spera sempre che non sia vero.
Diverso. Il concetto necessita per forza di un termine di paragone e, allora, ci si deve accorgere che l’unico termine di paragone da cui si risulti non diversi è se stessi. Lo dice anche la matematica delle scuole medie.
Diverso. Chi arriva in un territorio occupato da uguali, qualunque accezione si attribuisca all’aggettivo sostantivato, è necessariamente diverso. Lo è per lingua, per abitudini, per religione… Lo è per l’aspetto fisico. E diverso significa fastidioso. E il fastidio deve essere eliminato. Non lo facciamo con le mosche? Dunque…
Un po’ di anni fa, più o meno 350, un nutrito drappello di diversi arrivò in un territorio abitato da tempo immemorabile da degli uguali. Quei diversi si esprimevano in una lingua gutturale ed erano talmente diversi da avere la pelle sbiadita e, come sostenevano gli uguali, da puzzare di morto. Dunque, andavano eliminati.
Ma non fu così. Quei pallidi puzzoni s’impadronirono senza troppi complimenti del territorio e furono loro a diventare gli uguali.
Ora, chi ne ha voglia e chi ha una minima dimestichezza con la lingua inglese, si guardi www.enlightenmentafrica.com/video-we-purposely-spread-hiv-aids-to-wipe-out-blacks-in-south-africa...
Sì, sto parlando della Repubblica Sudafricana.
Cambiamo continente e rientriamo a casa nostra. Stavolta senza necessità di nozioni d’inglese, chi ne ha voglia legga www.globalist.it/news/2019/09/06/calci-al-bimbo-immigrato-trovato-il-responsabile-denunciata-anch...
Quel bambino era talmente diverso da essere addirittura scuro di pelle ed era talmente sconsiderato da avvicinarsi ad un bambino rosa impossibilitato a difendersi da quella pericolosa prossimità. Impossibile per i genitori, legittimamente terrorizzati, non prenderlo a calci: la prole va difesa ad ogni costo.
Quell’intrepida coppia appartiene alla schiera degli uguali e uguale è a tal punto da condividere una sublime idiozia con quella che per tanti anni fu un’istituzione all’altro capo del mondo. Certo, il livello di quella che potrebbe sembrare criminalità è diverso, ma i due giovani calabresi ce la mettono tutta. Ce ne vorrebbe di gente così…
Un paio di domande: e se quei due si spostassero un po’ più a nord e fossero ipso facto dei sozzi terroni? Applicando la loro stessa filosofia, credo che non avrebbero da obiettare se loro e il loro fanciullo fossero meticolosamente presi a calci dove fa più male e dove, magari, se ci si sforza di picchiare con la forza e la mira giusta, di figli non se ne potranno fare. Questo per la necessità di difendersi dalla diversità, perché si sa che i diversi figliano più dei conigli.
L’altra questione è: come verrà educato il neonato?
... See MoreSee Less

Si sa: la stampa ci ricama sopra. E, allora, si spera sempre che non sia vero.
Diverso. Il concetto necessita per forza di un termine di paragone e, allora, ci si deve accorgere che l’unico termine di paragone da cui si risulti non diversi è se stessi. Lo dice anche la matematica delle scuole medie.
Diverso. Chi arriva in un territorio occupato da uguali, qualunque accezione si attribuisca all’aggettivo sostantivato, è necessariamente diverso. Lo è per lingua, per abitudini, per religione… Lo è per l’aspetto fisico. E diverso significa fastidioso. E il fastidio deve essere eliminato. Non lo facciamo con le mosche? Dunque…
Un po’ di anni fa, più o meno 350, un nutrito drappello di diversi arrivò in un territorio abitato da tempo immemorabile da degli uguali. Quei diversi si esprimevano in una lingua gutturale ed erano talmente diversi da avere la pelle sbiadita e, come sostenevano gli uguali, da puzzare di morto. Dunque, andavano eliminati.
Ma non fu così. Quei pallidi puzzoni s’impadronirono senza troppi complimenti del territorio e furono loro a diventare gli uguali.
Ora, chi ne ha voglia e chi ha una minima dimestichezza con la lingua inglese, si guardi https://www.enlightenmentafrica.com/video-we-purposely-spread-hiv-aids-to-wipe-out-blacks-in-south-africa-apartheid-era-officer-admits/
Sì, sto parlando della Repubblica Sudafricana.
Cambiamo continente e rientriamo a casa nostra. Stavolta senza necessità di nozioni d’inglese, chi ne ha voglia legga https://www.globalist.it/news/2019/09/06/calci-al-bimbo-immigrato-trovato-il-responsabile-denunciata-anche-la-moglie-2046025.html
Quel bambino era talmente diverso da essere addirittura scuro di pelle ed era talmente sconsiderato da avvicinarsi ad un bambino rosa impossibilitato a difendersi da quella pericolosa prossimità. Impossibile per i genitori, legittimamente terrorizzati, non prenderlo a calci: la prole va difesa ad ogni costo.
Quell’intrepida coppia appartiene alla schiera degli uguali e uguale è a tal punto da condividere una sublime idiozia con quella che per tanti anni fu un’istituzione all’altro capo del mondo. Certo, il livello di quella che potrebbe sembrare criminalità è diverso, ma i due giovani calabresi ce la mettono tutta. Ce ne vorrebbe di gente così…
Un paio di domande: e se quei due si spostassero un po’ più a nord e fossero ipso facto dei sozzi terroni? Applicando la loro stessa filosofia, credo che non avrebbero da obiettare se loro e il loro fanciullo fossero meticolosamente presi a calci dove fa più male e dove, magari, se ci si sforza di picchiare con la forza e la mira giusta, di figli non se ne potranno fare. Questo per la necessità di difendersi dalla diversità, perché si sa che i diversi figliano più dei conigli. 
L’altra questione è: come verrà educato il neonato?

Comment on Facebook

Manca il "Buonista" 😜

Prendere a calci un bambino non è razzismo ma è prima di tutto vigliaccheria. Leggendo certi commenti mi rendo conto che questo Paese è pieno di vigliacchi

Chi si mette contro il sistema come il dr. Stefano Montanari, avra' sempre contro qualcuno, i lobotomizzati dal sistema! Ci racconta un Suo pensiero come ci racconta dei vaccini putrefatti; non ci sta dicendo di fare quello che dice lui, se vuoi vaccinare tuo figlio accomodati! Se aveste un grammo solo di quel piccolo cervello illustrato dovreste ringraziarlo, anche se non d'accordo con lui su tematiche diverse dagli esperimenti vaccinali! Forse per chiudere il buco hanno usato la segatura! Buona vita ...

Ma veramente siamo arrivati a dire che quello espresso nel post sia semplicemente 'il suo pensiero' e di chi 'la pensa diversamente da questo post'??? Ma vi rendete conto di cosa vi hanno fatto? UN ESSERINO DI TRE ANNI VIENE AGGREDITO DA DUE PERSONE GRANDI E SENZA MOTIVO VALIDO (e questo rimarrà traumatizzato a vita) SOLO PERCHÉ È NERO!! Come lo chiamiamo se non 'razzismo'? Caspita, la violenza e l'ingiustizia di tutto ciò non possono essere sminuite ritenendole UN'OPINIONE, su cui la si possa pensare diversamente! Ma chi sono i mostri qua?

Gli idioti non hanno nazionalità precisa. Sono sparsi per il mondo...

Beh ma quelli che hanno picchiato il bambino sono criminali e basta. Galera per tutti e due.

E noi nei loro confronti ? La storia non può ridursi in una vignetta . Attualmente nelle svariate centinaia di migliaia se non milioni di camere per gli ospiti che tutti abbiamo chi c’è ?Chi è senza peccato .....

Aspetti un poco dott. Montanari, non può accostare un caso psichiatrico con un sentimento generale di razzismo. Sono d'accordo che noi italiani stiamo affrontando un cambio demografico molto intenso e fatichiamo ad assorbire lo shock della convivenza interetnica, ma da un caso trarre una considerazione generale non ci sto.

Il razzismo non esiste ( semplicemente perché non esistono le razze). Esiste la necessità nell’uomo,non dotato di discernimento, di identificare un nemico in qualcuno e questo lo fa sentire meno inutile

Il discorso fila tutto, tranne il non menzionare il succo del problema.

Più che pallidi uguali mi viene da definirli pallidi anglosassoni... Inglesi... Che ne so... Rettili... Comunque quella razza che strisciando è arrivata ovunque c'era da prendere e ha portato sofferenze dolori e distruzione... Spero che spariscano presto da questo sofferente Pianeta e...

Dato che il primo omus visse in Africa, siamo tutti africani con pelle Chiara. Grazie Dott per i suoi meravigliosi articoli interessanti e solo per gente sveglia e non lobotizate le menti . IIn questo stato vige il razzismo ma prevale una grande ignoranza per ogni tematica e il paese del pallone ,non dell'intelligenza. Cordiali saluti dott MONTANARI

Insomma siamo di fronte all'ennesimo caso o meglio esempio di come se certe cose non vengono spiegate col cucchiaino si tende a degenerare, ma si sa è insito nell'animo umano. Tutta questa propaganda che ha trovato una certa accoglienza, e non entrerò nelle questioni politiche, dei porti chiusi e di stop all'immigrazione purtroppo si è trasformata nelle peggiori delle ideologie neorazziste o giù di lì. La questione è :una cosa difendere i propri confini e le proprie radici, idea che personalmente approvo poi ognuno la pensa come vuole, altro conto è per l'appunto arrivare ad atti che definirei inumani. Il problema forse non sta nell'ideologia ma nel come questa venga data in pasto alla ignorante folla, e attenzione non è che i singoli sono ignoranti ma è la folla ad esserlo sembra la stessa cosa ma non lo è, in psicologia questo fenomeno viene molto studiato. Insomma se ho capito bene mi sembra essere questa la questione?? O sbaglio?? Detto ciò :povero cucciolo.

Ovviamente figli di malavitosi sono spesso introdotti alla malavita, ma questo vale da colore a colore, cervello in cervello, e etnia in etnia...di certo è che per noi poveri cristiani cattolici questo rischia di diventare un altro motivo di discriminazione, essendo noi autoctoni non possiamo far ereditare insegnamenti religiosi ai nostri figioli, non abbiamo diritto di decidere come curarli o come prevenire malattie dette esantematiche..non possiamo nemmeno far benedire autoambulanze (se no ci restano malissimo i malesi...o erano i sudanesi? O i Pdessini? Boh fa lo stesso magari erano proprio musulmani ma non se ne vedono di solito alle inaugurazioni coi preti cristiani non si è ben capito a chi nuoceva l'acqua benedetta a parte al demoniaccio rimah...) o pretendere di metterci una crocetta in casa ufficio addosso...si rischia in effetti che qualcuno poi abbia delle vere e proprie crisi mentali...non per difendere il pazzoide che ha reso invalida quella meravigliosa creaturina curiosa di un altro bimbo piccino piccino nella carrozzina, lui no quel violento è da internamento e carcere per certo, ma per dire che come una volta asserì il PAPA stesso, se tu prendi a parolcce mia MADRE e mi trovi in un momentaccio della mia vita, un cazzottone lo rischi di certo in faccia...quindi gente, rendiamoci conto che il diritto viene e proviene dalla natalità e naturalità, andare a rompere le scatole a dei sadici razzisti non è sano, ma di certo non sarebbe sano nemmeno rendere folle e spaurita la popolazione e la gente con bruti extracomunitari trattati come fossero i padroni di casa..ripeto il malato che ha preso a calci il piccino (colore della pelle insignificante per me, dato che il sangue è rosso come il mio...ed è solo un bellissimo cucciolotto di bimbo! Prima sano e curioso oggi in ospedale tutto rotto, CHE DIO LO AIUTI E MIRACOLI SUBITO AMEN SIGNORE ASCOLTAMI TI PREGO!!!) è ovviamente un pazzo scatenato e un vigliacco che se la prende con i piccini, ma assicurare alla giustizia anche i bruti neri gialli, bianchi etc non sarebbe male e eviteremmo di fomentare altri smaniosi di violenta gratuita e vigliaccheria. Preghiamo per i genitori del piccino e per quella meravigliosa creaturina in cerca di amicizia e pure per i pazzoidi violenti non guasta...magari si ravvedono in galera...

Se applichiamo la violenza contro la violenza non siamo diversi da loro. Ogni circostanza và gestita secondo necessità richieste dal momento. Vogliamo mettere un bambino con un adulto?? Ma per favore....................... I bambini spesso imitano gli adulti, non sanno nemmeno cosa sia il razzismo!! Si autogestiscono per imitazione!! Picchiare un bambino non è un gesto che può portare da qualche parte!!! Ecco perché siamo destinati a rimanere sempre allo stesso posto o a regredire!!

Credo che debba occuparsi di chimica che è meglio, mai più il mio appoggio, anche lei vada a fare l'uguale in Africa.

Quindi dott. Montanari non conta il contenuto del cervello perché sempre cervello è, come non conta chiamarsi Montanari o Burioni.

Mia figlia gioca coi bimbi neri..che dite è pericoloso servirà un vaccino?

Stefano Kalergi Montanari

Io credo che bisognerebbe cominciare a parlare del fatto che siamo tutti diversi e che ognuno dovrebbe accettare il prossimo per quello che è ...diverso.Purtroppo con un figlio disabile ho imparato che in nome dell'uguaglianza si fanno cose che per molti non vanno bene...non vorremo mica farlo sentire diverso...allora cominciamo a parlare del fatto che siamo tutti diversi e che ad ognuno in forma e misura diversa va dato ciò che gli serve per stare bene...Perché rischiamo altrimenti di formare personalità standard

Dr. Stefano Montanari, meno male. Mi pareva troppo strano che lei difendesse quel razzista "indemoniato" a cui hanno chiuso la radio.

Spero che gli autori del crimine paghino fino in fondo. Ma non credo che, x colpa di alcuni, l'Italia stia diventando razzista.

Caro Dott Montanari, in questo episodio credo la diversità c’entri poco, a me pare ci siano esseri con sembianze umanoide ma credo siano altra specie, non saprei catalogarle, perché nemmeno le bestie colpirebbero un bimbo di tre anni... Se poi vogliamo parlare di diversità è di razzismo, credo siano altri gli episodi da citare ...

Hanno ripreso forza i troppi frustrati lecchini della politica PORTI APERTI. L'egregio dr. Montanari ha spiegato semplicemente la dicotomia dei termini usati in italiano per distinguere gli uni dagli altri. Per comprendere questo tipo di dialettica ci vogliono cervelli liberi da pastoie intellettuali deviate da condizionamenti economici e politici. Un ringraziamento sincero al dr. Montanari che ci arricchisce di contenuti e di conoscenza non solo in campo medico ma anche linguistico.

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

Nobel subito!

Udite, udite, o rustici;
attenti, non fiatate.
Io già suppongo e immagino
che al par di me sappiate
ch’io sono quel gran medico,
dottore enciclopedico,
chiamato Dulcamara,
la cui virtù preclara,
e i portenti infiniti
son noti all’ universo
e… e… e in altri siti.

È la notissima cavatina donizettiana del dottor Dulcamara.
Se nel libretto di Felice Romani Dulcamara era un ciarlatano che campava vendendo elisir di quanto meno dubbia efficacia a sprovveduti campagnoli, noi, oggi, disponiamo di un dottore enciclopedico di tutt’altra caratura. E si tratta di qualcuno che nel Rinascimento sarebbe stato il modello di Uomo con la u maiuscola e che oggi supera d’un balzo l’Übermensch di Nietzsche liberandolo dai ceppi della falsa scienza e della falsa medicina di chi l’ha preceduto.
Per prima cosa l’artista. Se Bach compose l’“Arte della Fuga”, il Nostro ci ha dimostrato come la fuga possa essere non solo costretta nei confini del contrappunto musicale ma messa in pratica usando non il clavicembalo ben temperato ma le gambe, prodigiosamente scomparendo ogniqualvolta si prospetti un incontro con il demonio.
Poi la conoscenza. L’Uomo (nella figura retorica dell’antonomasia lo scrivo con la maiuscola riferendomi a Lui, pure in maiuscola) ci ha già portato il suo vangelo (dal greco cristiano “buona novella”) condannando necessariamente nel contempo gli asini ai tormenti della Geenna, tormenti fatti di rosolia, di varicella, d’influenza, di morbillo….
Il primo miracolo pubblico (Cana del XXI secolo) l’ha compiuto trasformando i vaccini dai veleni che, come riportato dalle statistiche ufficiali, erano da secoli a rimedi universali che fanno impallidire la più potente delle teriache. Poi ci ha insegnato che questi magici preparati non solo costituiscono una corazza impenetrabile per malattie che fanno da sempre stragi paragonabili a quelle delle pesti bubboniche di un tempo, e tra queste vedi l’esiziale morbillo (siamo in attesa dei dati relativi all’unghia incarnita, vero e proprio flagello purtroppo ancora non vaccinabile), ma, se mai si è immuni per aver già contratto e per grazia celeste superato il morbo, ti rendono ancora più immune se ti fai la punturina. A chi, ragliando, pone la domanda blasfema “come mai, allora, Egli non si vaccina per le malattie che ha già superato”? si risponda con uno sguardo sprezzante e di loro non ci si curi.
Oggi il libro delle Rivelazioni si apre su di un altro capitolo fondamentale: i pesticidi. Fu nozione comune (oggi diremmo superstiziosa credenza) che si tratti di veleni per gl’insetti e i parassiti delle piante (che poi tante volte questi insetti e parassiti non siano presenti nel campicello è irrilevante) e che quei veleni tali siano anche per noi umani. Le prove che abbiamo sempre aggettivato come scientifiche sono tali e tante da riempire scaffali di biblioteca. Ma, come avrebbe detto il Manzoni, “valida venne una man dal cielo”, mano che, manco a dirlo, è quella del nostro Vate: i pesticidi sono innocui (controvapore.wordpress.com/2018/08/30/e-se-burioni-non-avesse-sempre-ragione/ ).
Sospiri di sollievo del mondo e, in particolare, delle aziende produttrici di quelli che furono ingiustamente accusati di crimini orrendi facendo girare miliardi. Per giustizia non possiamo che augurarci che il Nostro sia giustamente compensato per la sua indiscutibile e più che necessaria assoluzione.
Così ora potremo finalmente goderci senza ingiustificati timori frutta e verdura intrise di sostanze chimiche non solo generosamente benigne ma innocue. Questo per non dire di carne, latte e uova del bestiame che di vegetali salvati chimicamente dalla voracità dei cattivacci si ciba. E, magari, assisteremo finalmente a trasmissioni in cui un apostolo del Vate inocula diserbanti, anticrittogamici, acaricidi, fungicidi e nematocidi a conduttrici televisive starnazzanti nel loro entusiasmo, a politici che viaggiano cementati alle poltrone e, comunque, a personaggi indispensabili al mondo. E avremo un altro evangelista che c’informa di come i lattanti facciano volontariamente la fila con il loro bigliettino numerato stretto nella tenera manina per ricevere la loro dose di pozione.
Dunque, in attesa di una sua assunzione non presso Big Pharma ma in cielo, Nobel subito! Nobel perché questo è il solo segno tangibile, se si eccettua il denaro, con cui noi possiamo riconoscere la grandezza del nostro Salvatore. Il problema è: Nobel sì, ma per quale disciplina? Tutte, naturalmente.
... See MoreSee Less

Nobel subito!

Udite, udite, o rustici;
attenti, non fiatate.
Io già suppongo e immagino
che al par di me sappiate
ch’io sono quel gran medico,
dottore enciclopedico,
chiamato Dulcamara,
la cui virtù preclara,
e i portenti infiniti
son noti all’ universo
e… e… e in altri siti.
 
È la notissima cavatina donizettiana del dottor Dulcamara.
Se nel libretto di Felice Romani Dulcamara era un ciarlatano che campava vendendo elisir di quanto meno dubbia efficacia a  sprovveduti campagnoli, noi, oggi, disponiamo di un dottore enciclopedico di tutt’altra caratura. E si tratta di qualcuno che nel Rinascimento sarebbe stato il modello di Uomo con la u maiuscola e che oggi supera d’un balzo l’Übermensch di Nietzsche liberandolo dai ceppi della falsa scienza e della falsa medicina di chi l’ha preceduto.
Per prima cosa l’artista. Se Bach compose l’“Arte della Fuga”, il Nostro ci ha dimostrato come la fuga possa essere non solo costretta nei confini del contrappunto musicale ma messa in pratica usando non il clavicembalo ben temperato ma le gambe, prodigiosamente scomparendo ogniqualvolta si prospetti un incontro con il demonio.
Poi la conoscenza. L’Uomo (nella figura retorica dell’antonomasia lo scrivo con la maiuscola riferendomi a Lui, pure in maiuscola) ci ha già portato il suo vangelo (dal greco cristiano “buona novella”) condannando necessariamente nel contempo gli asini ai tormenti della Geenna, tormenti fatti di rosolia, di varicella, d’influenza, di morbillo….
Il primo miracolo pubblico (Cana del XXI secolo) l’ha compiuto trasformando i vaccini dai veleni che, come riportato dalle statistiche ufficiali, erano da secoli a rimedi universali che fanno impallidire la più potente delle teriache. Poi ci ha insegnato che questi magici preparati non solo costituiscono una corazza impenetrabile per malattie che fanno da sempre stragi paragonabili a quelle delle pesti bubboniche di un tempo, e tra queste vedi l’esiziale morbillo (siamo in attesa dei dati relativi all’unghia incarnita, vero e proprio flagello purtroppo ancora non vaccinabile), ma, se mai si è immuni per aver già contratto e per grazia celeste superato il morbo, ti rendono ancora più immune se ti fai la punturina. A chi, ragliando, pone la domanda blasfema “come mai, allora, Egli non si vaccina per le malattie che ha già superato”? si risponda con uno sguardo sprezzante e di loro non ci si curi.
Oggi il libro delle Rivelazioni si apre su di un altro capitolo fondamentale: i pesticidi. Fu nozione comune (oggi diremmo superstiziosa credenza) che si tratti di veleni per gl’insetti e i parassiti delle piante (che poi tante volte questi insetti e parassiti non siano presenti nel campicello è irrilevante) e che quei veleni tali siano anche per noi umani. Le prove che abbiamo sempre aggettivato come scientifiche sono tali e tante da riempire scaffali di biblioteca. Ma, come avrebbe detto il Manzoni, “valida venne una man dal cielo”, mano che, manco a dirlo, è quella del nostro Vate: i pesticidi sono innocui (https://controvapore.wordpress.com/2018/08/30/e-se-burioni-non-avesse-sempre-ragione/ ).
Sospiri di sollievo del mondo e, in particolare, delle aziende produttrici di quelli che furono ingiustamente accusati di crimini orrendi facendo girare miliardi. Per giustizia non possiamo che augurarci che il Nostro sia giustamente compensato per la sua indiscutibile e più che necessaria assoluzione.
Così ora potremo finalmente goderci senza ingiustificati timori frutta e verdura intrise di sostanze chimiche non solo generosamente benigne ma innocue. Questo per non dire di carne, latte e uova del bestiame che di vegetali salvati chimicamente dalla voracità dei cattivacci si ciba. E, magari, assisteremo finalmente a trasmissioni in cui un apostolo del Vate inocula diserbanti, anticrittogamici, acaricidi, fungicidi e nematocidi a conduttrici televisive starnazzanti nel loro entusiasmo, a politici che viaggiano cementati alle poltrone e, comunque, a personaggi indispensabili al mondo. E avremo un altro evangelista che c’informa di come i lattanti facciano volontariamente la fila con il loro bigliettino numerato stretto nella tenera manina per ricevere la loro dose di pozione.
Dunque, in attesa di una sua assunzione non presso Big Pharma ma in cielo, Nobel subito! Nobel perché questo è il solo segno tangibile, se si eccettua il denaro, con cui noi possiamo riconoscere la grandezza del nostro Salvatore. Il problema è: Nobel sì, ma per quale disciplina? Tutte, naturalmente.

Comment on Facebook

Innanzitutto assegnerei a lei, Dott. Montanari, il premio Nobel per la Letteratura. I suoi post deliziano ed incantano ogni volta il lettore per forma, contenuto e ricchezza di vocabolario 👏👏👏👏

La disinfestazione per le zanzare è un crimine contro l'umanità...ci sono studi americani che attestano che tutte le persone che guidano i furgoni con i cannoni, chi prepara le "pozioni magiche" e chi viene a contatto anche solo inalando i prodotti nei capannoni al 100% contraggono nel tempo un tumore! Ho denunciato il mio comune anni fa, la mattina dopo l'irrorazione notturna che fa spavento, si trovavano api, bombi, pipistrelli, rondini, rondoni, passerotti stecchini a centinaia!...ne conservo ancora qualcuno...nel mio comune c'è un tasso di casalinghe di media età non fumatrici con tumore ai polmoni. L'ospedale di Trieste conferma una percentuale fuori norma!... l'irrorazione avviene da più di 40 anni!!!...il tutto è finito in niente!!!...consiglio all'esimio dottore di farsi spruzzare direttamente in bocca tutte le notti!!!...poi verifichiamo con gioia cosa accade!...

Cmq io ammiro Burioni...fare delle figuracce e continuare a darsi delle arie da saccente...nemmeno un politico del PD

Mi spaventa molto più la gente che pende dalle labbra del Burlotta luminare. Sì è creato una tal credibilità, che potrebbe anche dire che bere il DDT al posto dell'acqua di fonte fa molto meglio...e molta gente ci crederebbe! Prima o poi qualcuno lo fermerà. Questa gente non può circolare a piede libero. Questi sono crimini contro l'umanità e soprattutto ora l'umanità ha necessità di altre figure per uscire dal baratro!

Ci sarebbe da ridere, se non fosse agghiacciante.

Chissà perché nel mio condominio quando fanno le disinfestazioni...avvisano ,prima con cartello all 'ingresso e poi il giorno stesso prima di iniziare,du chiudere porte e finestre e non lasciare animali,alimenti e anche panni stesi...qualcosa non torna...

"Le disinfestazioni non hanno alcun effetto negativo sulla salute umana". Le faranno con l'acqua benedetta, mi pare ovvio!

Io mi chiedo sempre: perché ci è capitato proprio questo periodo storico?

Ma come si fa a essere così ignoranti e a parlare pure di "salute" delle persone....quando si conosce eccome l'effetto dei pesticidi sulla salute umana e sull'ecosistema....

Lei Sig. Montanari e la sua Sig. Gatti, non ci abbandonate.... Abbiamo bisogno di prendere coscienza del vostro sapere. Grazie, grazie grazie e grazie infinite perché lo diffondete..... Abbiamo tanto bisogno di Persone sincere e oneste che operano per il bene di Tutti.... PREMIO NOBEL SUBITO....

Ma perché non si può fare niente per zittire questa ignobile persona? Ma perché la sua ignoranza è all'attenzione di tutti? Di solito chi proclama fesserie, non dovrebbe neppure essere nominato....

ma le scuole dell'obbligo le ha veramente fatte?

Dico bravissimo a chi l'ha contraddetto, in quanto le case farmaceutiche, che Burioni sostiene, producono anche gli insetticidi.

Oltre ad essere profondamente ignorante dimostra proprio lo scarso interesse verso l essere umano, meglio intossicarci di pesticidi anzi che una puntura di ape😱😭

Dottor Stefano Montanari ...i🐬🐳🐌👍😇☺️💐👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻💓😘 nn so come esprimerLe la mia stima e riconoscenza. A nome di tutte le famiglie sane. 💓💓💓💓💓💓😘😘😘😘😘😘😘😘😘 Grazie infinite per la conoscenza che Lei è la dott.ssa Gatti sapete ben evidenziare con risolutezza e coerenza.

La frase più forte , la goccia che ha fatto traboccare il vaso: "appunto perché i vaccini hanno (..o ,,danno,, ndr) gli effetti collaterali, che bisogna vaccinare !!! Ecco , la verità estorta senza che lui nemmeno se ne accorgesse. Tanto poco furbo, tanto ignorante e tanto avido

Sono più dannosi i seguaci del suddetto Innominato che i pesticidi inoculati a mezzo di vaccini.

Quell'asino (con tutto il rispetto per la razza) dovrebbe chinare la testa ogni qual volta La sente parlare e magari chiederLe umilmente un bel po' di lezioni private......forse dopo un centinaio d'anni capirebbe qualcosa.......ossequi al grande Stefano Montanari, un un'esempio da seguire. Saluti.

Veramente allucinante, è un elemento che avrebbe bisogno di un buon psicologo

Ma una disinfestazione al suo cervello quando la fa... La gente non è stupida.

Ignoranza, saccenza e poco rispetto per il creato, il suo delirio di onnipotenza cresce a dismisura...

Ricordo che in vacanza in Calabria in un rinomato villaggio la sera avvisavano di non lasciare nulla fuori, causa disinfestazione zanzare! Perché sto sedicente dottore deve fare figuracce di estrema ignoranza e allo stesso tempo innalZato dal popolino mediocre ? Perché ? 🤦🏼‍♀️

Tutto ciò è deprimente.... ma questo essere ha fatto un patto con il diavolo?? Come possono permettergli di fare certe affermazioni?

Il "mendico" R. Bubboni capisce la meta' di uno che nn capisce un C####!!!!!

È successo lo stesso anche con gli integratori (cibo estremamente lavorato, che nessuno sa bene da dove provenga, pieno di conservanti e maltodestrine che nessuno sa bene gli effetti che posson dare) diventati oggi un toccasana. È successo con il cibo industriale, villano oggi chi ci si scaglia contro. Succederà lo stesso per i pesticidi e per qualsiasi altro prodotto che frutta tanti bei soldini (considerando poi i soldini aggiuntivi per le relative cure).

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

Cavie volontarie appena nate cercasi.

Non credo di essere capace di capire. Di certo non sono abbastanza intelligente. Io ne ho subite di tutti i colori da parte del regime, ma io non sono nessuno. Poi si mettono i sigilli a una radio per reati di opinione, veri o presunti che i reati siano. Anche qui, roba piccola. La legge è ciò che piace a chi comanda e chi comanda è chi gestisce i quattrini, e grazie a questo assunto si può massacrare Montanari o Gheri e si può, altrettanto impunemente, massacrare chiunque capiti a tiro e, segnatamente, chiunque il cui massacro faccia comodo.
L’abominio delle vaccinazioni forzate ne è un esempio a livello planetario. L’orrore di quei farmaci pieni di schifezze eppure reclamizzati tra benevolenza e violenza pura fa parte del copione, così come la corruzione a tutti i livelli legata a quel business.
Ora stiamo arrivando al grottesco. Da decenni chi fa palate di quattrini comprando ai 550 dollari di tariffa pubblica feti sani abortiti a scopo industriale può contare sulla connivenza dei loro manutengoli politici e “scientifici” e perfino su quella di Santa Romana Chiesa che dei cristiani si fa beffe come da noto sonetto dell’Angiolieri. Ormai questo orrore non fa nemmeno notizia e passa nella più totale indifferenza.
Tempo fa un personaggio che si esibisce in scia ad un altro personaggio ancora più incredibile di lui si lasciò sfuggire quella che pareva un’idiozia vera e propria: i vaccini sono sperimentati su neonati volontari. Allora qualcuno, io fra loro, fece notare l’impossibilità di avere il consenso di un neonato, ma ora ci si deve ricredere: la cosa è possibile, è pubblica ed è legale.
Ricevo da quel faro di civiltà che sono gli Stati Uniti d’America, più precisamente dallo stato federato dell’Utah, copia di una lettera che a prima vista sembra uno scherzo di pessimo gusto.
Una clinica privata chiamata Tanner (in inglese significa conciatore di pelli: nomen omen), clinica con tanto di motto “Compassion, Courtesy, Respect” (www.tannerclinic.com), scrive una sorta di circolare datata 12 luglio dell’anno di grazia 2019 indirizzata ai genitori di neonati. Riassumendo, si dice che è in sperimentazione un vaccino contro lo Streptococcus pneumoniae, vaccino che affronta la bellezza di 15 ceppi del batterio contro i 13 del concorrente. Ciò che non si conosce di questo prodotto è la sua tossicità e la sua efficacia. Per avere lumi la via più breve è disporre di cavie umane e queste cavie devono essere bambini che non abbiano superato i tre mesi di vita, che siano perfettamente sani e che non siano stati vaccinati con il prodotto concorrente.
Cavie umane, magari non proprio volontarie, il mondo ne ha viste anche non tantissimo tempo fa, ad esempio in quei centri luminosi di ricerca che erano i campi di concentramento nazisti. Quelli, i nazisti, erano dei cattivacci perché non chiedevano il permesso a nessuno e non davano nulla in cambio. Big Pharma, invece, chiede il permesso ai genitori e, al colmo della correttezza, paga. La lettera è chiara: se la cavia, del tutto volontaria, naturalmente, certo in grado d’intendere e di volere, è nata regolarmente ed ha meno di 37 settimane di vita, riceve la bellezza di 365 dollari. Se, invece, si tratta di un prezioso prematuro, per quei pochi etti di peso si può arrivare a ricevere l’incredibile somma di 430 dollari. Certo, non sono i 550 dollari di un aborto industriale, ma qui non c’è l’incomodo di quell’operazione che può risultare un po’ fastidiosa. Il bambino è già fatto ed è, per questo, disponibile. E poi mica è detto che vostro figlio schiatti. Potrebbe sopravvivere, magari rimbecillito a vita, ma questo è nel contratto. In definitiva si tratta di un esperimento e l’esperimento consiste semplicemente nel vedere quanti escono interi.
Se ci sono domande, se qualcuno è ingolosito ma ne vuole sapere di più, telefoni al numero USA 8017734840 e chieda dell’interno 3282. Risponderà la signora Rachel Gardner, forse una mamma, che scioglierà qualunque dubbio. Accorrete numerosi!
Naturalmente la lettera è firmata: tre medici e un paramedico. I loro nomi gloriosi: Brent Eberhart, Nathan Forbush, Adam Hutchinson e David Hansen. Ricordateli perché potrebbero rientrare nell’agiografia vaccinale.
Da ormai vecchissimo addetto ai lavori capisco bene: vediamo un po’ l’effetto di un prodotto che dovrà battere la concorrenza. Insomma, quanti di questi ragazzini affittati dai genitori entusiasti ci lasceranno le penne? Quanti saranno menomati? Quanti se la caveranno? Tutte cose che si potranno vedere chiaramente. L’effetto, però, non potrà mai essere quello relativo all’efficacia. Un’infezione da Streptococco, di qualunque ceppo di tratti, può arrivare tra una settimana, tra dieci anni, mai. Più probabilmente mai. Facendo un caso del tutto personale, né io né qualcuno della mia famiglia si è mai vaccinato contro quel batterio e nessuno si è mai ammalato. Se, per ipotesi, tutti noi avessimo partecipato all’esperimento, che risposta avremmo dato? Un’iniezione di vaccino, l’ingestione di una caramella di menta o l’imposizione delle mani di un santone avrebbero detto esattamente la stessa cosa.
Chiunque abbia qualche nozione di farmacologia e non abbia frequentato una delle università da burla che tanto successo riscuotono al momento sa che per avere idea dell’efficacia di un vaccino occorrono milioni di soggetti e tempi di decenni. Chiunque racconti cose diverse è un ignorante, un farabutto o un credulone. O un uomo di successo, naturalmente.
Dunque, quell’esperimento serve solo a vedere quanti se ne accoppano nel volgere di poco tempo perché dubito molto che si attendano anni per valutare il risultato. L’industria non è mica un ente di beneficienza e la sua missione è di fare quattrini.
Per concludere, tante scuse al luminare che raccontò a degli studenti obbligati ad ascoltarne le esternazioni che i vaccini si sperimentano su neonati volontari. È tutto vero o, almeno, stante il fatto che esistono dei tutori nelle figure di coloro che li hanno generati, è tutto legale.
L’unica speranza è che si tratti davvero di uno scherzo di cui io sia vittima
... See MoreSee Less

Cavie volontarie appena nate cercasi. 

Non credo di essere capace di capire. Di certo non sono abbastanza intelligente. Io ne ho subite di tutti i colori da parte del regime, ma io non sono nessuno. Poi si mettono i sigilli a una radio per reati di opinione, veri o presunti che i reati siano. Anche qui, roba piccola. La legge è ciò che piace a chi comanda e chi comanda è chi gestisce i quattrini, e grazie a questo assunto si può massacrare Montanari o Gheri e si può, altrettanto impunemente, massacrare chiunque capiti a tiro e, segnatamente, chiunque il cui massacro faccia comodo.
L’abominio delle vaccinazioni forzate ne è un esempio a livello planetario. L’orrore di quei farmaci pieni di schifezze eppure reclamizzati tra benevolenza e violenza pura fa parte del copione, così come la corruzione a tutti i livelli legata a quel business.
Ora stiamo arrivando al grottesco. Da decenni chi fa palate di quattrini comprando ai 550 dollari di tariffa pubblica feti sani abortiti a scopo industriale può contare sulla connivenza dei loro manutengoli politici e “scientifici” e perfino su quella di Santa Romana Chiesa che dei cristiani si fa beffe come da noto sonetto dell’Angiolieri. Ormai questo orrore non fa nemmeno notizia e passa nella più totale indifferenza.
Tempo fa un personaggio che si esibisce in scia ad un altro personaggio ancora più incredibile di lui si lasciò sfuggire quella che pareva un’idiozia vera e propria: i vaccini sono sperimentati su neonati volontari. Allora qualcuno, io fra loro, fece notare l’impossibilità di avere il consenso di un neonato, ma ora ci si deve ricredere: la cosa è possibile, è pubblica ed è legale.
Ricevo da quel faro di civiltà che sono gli Stati Uniti d’America, più precisamente dallo stato federato dell’Utah, copia di una lettera che a prima vista sembra uno scherzo di pessimo gusto.
Una clinica privata chiamata Tanner (in inglese significa conciatore di pelli: nomen omen), clinica con tanto di motto “Compassion, Courtesy, Respect” (www.tannerclinic.com), scrive una sorta di circolare datata 12 luglio dell’anno di grazia 2019 indirizzata ai genitori di neonati. Riassumendo, si dice che è in sperimentazione un vaccino contro lo Streptococcus pneumoniae, vaccino che affronta la bellezza di 15 ceppi del batterio contro i 13 del concorrente. Ciò che non si conosce di questo prodotto è la sua tossicità e la sua efficacia. Per avere lumi la via più breve è disporre di cavie umane e queste cavie devono essere bambini che non abbiano superato i tre mesi di vita, che siano perfettamente sani e che non siano stati vaccinati con il prodotto concorrente.
Cavie umane, magari non proprio volontarie, il mondo ne ha viste anche non tantissimo tempo fa, ad esempio in quei centri luminosi di ricerca che erano i campi di concentramento nazisti. Quelli, i nazisti, erano dei cattivacci perché non chiedevano il permesso a nessuno e non davano nulla in cambio. Big Pharma, invece, chiede il permesso ai genitori e, al colmo della correttezza, paga. La lettera è chiara: se la cavia, del tutto volontaria, naturalmente, certo in grado d’intendere e di volere, è nata regolarmente ed ha meno di 37 settimane di vita, riceve la bellezza di 365 dollari. Se, invece, si tratta di un prezioso prematuro, per quei pochi etti di peso si può arrivare a ricevere l’incredibile somma di 430 dollari. Certo, non sono i 550 dollari di un aborto industriale, ma qui non c’è l’incomodo di quell’operazione che può risultare un po’ fastidiosa. Il bambino è già fatto ed è, per questo, disponibile. E poi mica è detto che vostro figlio schiatti. Potrebbe sopravvivere, magari rimbecillito a vita, ma questo è nel contratto. In definitiva si tratta di un esperimento e l’esperimento consiste semplicemente nel vedere quanti escono interi.
Se ci sono domande, se qualcuno è ingolosito ma ne vuole sapere di più, telefoni al numero USA 8017734840 e chieda dell’interno 3282. Risponderà la signora Rachel Gardner, forse una mamma, che scioglierà qualunque dubbio. Accorrete numerosi!
Naturalmente la lettera è firmata: tre medici e un paramedico. I loro nomi gloriosi: Brent Eberhart, Nathan Forbush, Adam Hutchinson e David Hansen. Ricordateli perché potrebbero rientrare nell’agiografia vaccinale.
Da ormai vecchissimo addetto ai lavori capisco bene: vediamo un po’ l’effetto di un prodotto che dovrà battere la concorrenza. Insomma, quanti di questi ragazzini affittati dai genitori entusiasti ci lasceranno le penne? Quanti saranno menomati? Quanti se la caveranno? Tutte cose che si potranno vedere chiaramente. L’effetto, però, non potrà mai essere quello relativo all’efficacia. Un’infezione da Streptococco, di qualunque ceppo di tratti, può arrivare tra una settimana, tra dieci anni, mai. Più probabilmente mai. Facendo un caso del tutto personale, né io né qualcuno della mia famiglia si è mai vaccinato contro quel batterio e nessuno si è mai ammalato. Se, per ipotesi, tutti noi avessimo partecipato all’esperimento, che risposta avremmo dato? Un’iniezione di vaccino, l’ingestione di una caramella di menta o l’imposizione delle mani di un santone avrebbero detto esattamente la stessa cosa.
Chiunque abbia qualche nozione di farmacologia e non abbia frequentato una delle università da burla che tanto successo riscuotono al momento sa che per avere idea dell’efficacia di un vaccino occorrono milioni di soggetti e tempi di decenni. Chiunque racconti cose diverse è un ignorante, un farabutto o un credulone. O un uomo di successo, naturalmente.
Dunque, quell’esperimento serve solo a vedere quanti se ne accoppano nel volgere di poco tempo perché dubito molto che si attendano anni per valutare il risultato. L’industria non è mica un ente di beneficienza e la sua missione è di fare quattrini.
Per concludere, tante scuse al luminare che raccontò a degli studenti obbligati ad ascoltarne le esternazioni che i vaccini si sperimentano su neonati volontari. È tutto vero o, almeno, stante il fatto che esistono dei tutori nelle figure di coloro che li hanno generati, è tutto legale.
L’unica speranza è che si tratti davvero di uno scherzo di cui io sia vittima

Comment on Facebook

È chiaro che non mi piace proprio per niente.anzi mi fa altamente schifo...siamo in un mondo che è divenuto un Langer sperimentale con le nostre vite.

Chi ha incassato i soldi dei bambini italiani che hanno fatto da cavie per la sperimentazione dei vaccini obbligatori? I politici che hanno firmato l’accordo?

A marzo 2019 in Gran Bretagna, a casa di mia sorella, è arrivata una lettera. Servizio sanitario nazionale britannico. Chiedevano eventuale disponibilità a testare vaccini con visite mediche concordate, controlli peso e varie. Non c'è bisogno di andare lontano .....lo fanno gratis, per il bene della scienza. ☹️

Grazie x i ' informazione. I nazisti erano dilettanti.

Sembra una mostruosa fandonia, ma e quanto mai plausibile.

Strano che non abbiano pensato di testarlo in Africa...

Però, mi scusi, questa è la normalità, quando si vuole immettere in commercio un nuovo vaccino. Si fa un trial sui soggetti sani. Comprendo che si provi angoscia a pensare che un genitore possa permettere di inoculare un prodotto sperimentale in un bimbo sano. Ma, se la sperimentazione segue le direttive da ICH-GCP, i genitori sono adeguatamente informati e seguiti e, in più, si avrebbe un campione di pazienti con determinate anamnesi e, magari, si capisce qualcosa in più sulla tossicità. Mi rendo conto di sembrare una vendita a big pharma (in realtà sono clinical research associate, quindi la pharma mi paga) ma io vedo solo dei genitori che pensano "ok, avrebbe comunque dovuto fare il vaccino, magari questo è migliore dell'altro, partecipiamo." perché, si sa, per molto genitori il vaccino è uno step normale nella crescita del proprio figlio, come i dentini che crescono.

Niente di nuovo big Pharma non gliene frega niente della salute delle persone loro pensano solo al profitto

Non ci credo! La terra brucia perché prima o poi le fiamme dovranno arrivare alla nostra carne per la meritata estinzione della nostra specie! Siamo esseri ormai indegni punto!

I bambini sono il futuro: chi tenta in ogni modo di farne degli ammalati perenni qui e ora lo fa per garantirsi guadagni futuri ad oltranza

Orribile! Questi genitori speculano sulla vita dei loro bambini!! Purtroppo però, c'è da dire che tutti i farmaci vengono sperimentati sugli umani, consenzienti o no... Se usi un nuovo farmaco, sei partecipe della sperimentazione! Se poi l'azienda farmaceutica, rileverà troppe morti a causa di quel farmaco, allora lo ritirerà! Per questo se proprio bisogna usare un farmaco è sempre meglio usare marchi noti, con ecipenti testati da almeno 20 anni!! Anche la tachipirina!! Almeno io sono giunta a questa conclusione! Non prendo più farmaci generici, se li devo prendere... Perché basta un eccipiente non sperimentato...

Semplicemente ripugnante !!! Purtroppo al peggio non c’è mai fine. E non mi riferisco solo a quei poveri bambini che spero non abbiano conseguenze nefaste, nè mi riferisco solo ai loro ottusi o cattivi genitori .... Mi riferisco in particolar modo ai medici ed alle autorità sanitarie che consentono una simile nefandezza !!! Ed anche ai responsabili ed addetti ai lavori delle case farmaceutiche, che praticano simili esperimenti. Saranno conformi alla legge (o meglio ad una interpretazione faziosa della stessa) ma sono senza dubbio amorali ...e dunque contrari a qualsiasi Costituzione...!!! Se c’è una giustizia divina, spero che se ne occupi, perché di quella terrena, aimè, non v’è più traccia...!!!

Le Sue deduzioni come sempre non fanno una piega.. 😑

Grazie dottore per le informazioni assurde, anzi demoniache che accadono nel mondo, sono sempre grata a lei e sua moglie. Siete i miei fari!

grazie mille.Ormai da questo mondo non si aspetta nulla di normale. Meno male che presto finirà al Armaghedon!

Quei genitori che x 1 dollaro al giorno x1 anno sperimentano farmaci sulla pelle dei figli non meritano compassione. Sante parole dott.Montanari. Grazie.

Grazie infinite riconoscenza per tutto quello che sta facendo per l umanità mi auguro che al più presto insieme alla Dott GATTI sua moglie il riconoscimento del vostro impegno nella verità e nella divulgazione . Con grande ammirazione vi ringrazio di cuore

Mostri indiavolati. Sembra impossibile ma le credo. Un triste ed incredulo per orrore , grazie.

Non vedo l ora che arrivi anche in Italia!!! Quanti meravigliosi genitori italiani fanatici di "lascienza" vedrebbero con i loro occhi i meravigliosi effetti dei loro amati vaccini!

Ma veramente ci sono genitori che accettano???

Grazie di cuore dottore, il sapere è fondamentale per noi piccoli esseri all'oscuro di un sistema che non ha vocaboli adeguati per definirlo.

Speriamo sia uno scherzo,ma,come Lei ne dubito. Neppure io capisco. E non mettano mano alle mie figlie. Li attendo con il forcone. Ma davvero non saprei dove scappare...

me lo auguro di cuore anch'io che sia una burla fatta a Lei......

Grazie delle preziose informazioni dottore

Andrea Ena anche se, molto a grandi linee, credo di aver capito, mi traduci questi 2 allegati per favore? Lo dico seriamente. E magari dai un'occhiata al post di Montanari. C'è anche un link

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

Anche solo pochi anni fa mi sarebbe stato difficile credere che il paese in cui, del tutto involontariamente, ero stato messo al mondo potesse precipitare a questo punto.
Per motivi che ignoro e che preferisco ignorare perché di quelli resi ufficiali credo sia meglio non tenere conto, Radio Studio 54 è stata sigillata (www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/19/firenze-carabinieri-sequestrano-lemittente-radio-studio-54-tr...) . Il come m’interessa poco.
Io conosco Gheri, il conduttore radiofonico incriminato, da qualche anno. In privato, per motivi che hanno a che fare con la salute, con la famiglia, con le difficoltà di “tirare avanti” ci siamo parlati spesso. Con lui ho giocato a pallone quando organizzava partite i cui proventi finivano in beneficienza. Giuro che mai gli ho sentito pronunciare una frase che lasciasse anche solo sospettare l’“odio razziale” che compare sugli scartafacci a giustificazione di ciò che è avvenuto.
È vero che il sistema giustizia in cui viviamo è quanto meno difficile da interpretare se ci si vuole rifare alla legge e, soprattutto, alla Costituzione. Io stesso sono passato attraverso vicende la cui giustificazione legale e morale richiederebbe ardite arrampicate su specchi scivolosissimi. Un esempio? Uno fra i non pochi? Il sequestro dei miei computer (e di altro, compresi due biglietti del teatro) dichiarato poi illegittimo dal Tribunale del Riesame. Illegittimo ma, intanto, il danno era fatto e gl’imbecilli partoriti a getto continuo, a un anno e mezzo di distanza, continuano, con l’onestà che è loro propria e fidando su quella dei loro simili, a servirsene tacendo la realtà dei fatti.
Tempo fa parlai con uno dei massimi costituzionalisti italiani e lui mi disse candidamente, con un sorriso amaro, che i giudici non conoscono la Costituzione. Una boutade? Forse. Ma prego chi ha autorizzato l’imbavagliamento di Radio Studio 54 di leggere queste due frasi: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.” Sembrerà strano, ma questo è l’articolo 21 della Costituzione. E, allora, come la mettiamo? A chi andiamo a spiegare che abbiamo fatto qualcosa che con quelle parole stride? Che abbiamo fatto qualcosa che non doveva mai più accadere e per questo, oltre 70 anni fa, un gruppo di saggi si riunì per regalarci quello che non doveva essere qualcosa di relegato alla fantasia ma la guida del vivere quotidiano e la garanzia di tutti?
Se noi avessimo un ministro della giustizia (quello ancora in carica io lo conosco da quando era poco più di un ragazzo e un giorno, chissà, quando tornerà a casa parleremo a quattr’occhi come si faceva una decina di anni fa), cioè una persona al vertice del sistema giustizia, qualcuno che non fosse impegnato con altri futuri naufraghi a tenera a galla una barchetta che fa acqua da tutte le parti, cosa che con il suo mandato non ha nulla a che fare, sono certo che non avrebbe permesso ciò che, invece, è accaduto.
Ma, al di là di tutto quanto è ovvio, che cosa possiamo fare noi, i protagonisti dei primi articoli della Costituzione (compito a casa: leggere e comprendere almeno i primi 3 articoli)? Al momento possiamo firmare in massa la petizione chng.it/MHgsVrbV Servirà? A qualcosa servirà di certo: se resterà inascoltata avremo aggiunto una prova e forse qualcuno di più si sarà reso conto che non è questo il paese che la generazione in arrivo merita.
... See MoreSee Less

Anche solo pochi anni fa mi sarebbe stato difficile credere che il paese in cui, del tutto involontariamente, ero stato messo al mondo potesse precipitare a questo punto.
Per motivi che ignoro e che preferisco ignorare perché di quelli resi ufficiali credo sia meglio non tenere conto, Radio Studio 54 è stata sigillata (https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/19/firenze-carabinieri-sequestrano-lemittente-radio-studio-54-tribunale-odio-razziale-ed-etnico-nei-confronti-degli-extracomunitari/5396765/) . Il come m’interessa poco.
Io conosco Gheri, il conduttore radiofonico incriminato, da qualche anno. In privato, per motivi che hanno a che fare con la salute, con la famiglia, con le difficoltà di “tirare avanti” ci siamo parlati spesso. Con lui ho giocato a pallone quando organizzava partite i cui proventi finivano in beneficienza. Giuro che mai gli ho sentito pronunciare una frase che lasciasse anche solo sospettare l’“odio razziale” che compare sugli scartafacci a giustificazione di ciò che è avvenuto.
È vero che il sistema giustizia in cui viviamo è quanto meno difficile da interpretare se ci si vuole rifare alla legge e, soprattutto, alla Costituzione. Io stesso sono passato attraverso vicende la cui giustificazione legale e morale richiederebbe ardite arrampicate su specchi scivolosissimi. Un esempio? Uno fra i non pochi? Il sequestro dei miei computer (e di altro, compresi due biglietti del teatro) dichiarato poi illegittimo dal Tribunale del Riesame. Illegittimo ma, intanto, il danno era fatto e gl’imbecilli partoriti a getto continuo, a un anno e mezzo di distanza, continuano, con l’onestà che è loro propria e fidando su quella dei loro simili, a servirsene tacendo la realtà dei fatti.
Tempo fa parlai con uno dei massimi costituzionalisti italiani e lui mi disse candidamente, con un sorriso amaro, che i giudici non conoscono la Costituzione. Una boutade? Forse. Ma prego chi ha autorizzato l’imbavagliamento di Radio Studio 54 di leggere queste due frasi: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.” Sembrerà strano, ma questo è l’articolo 21 della Costituzione. E, allora, come la mettiamo? A chi andiamo a spiegare che abbiamo fatto qualcosa che con quelle parole stride? Che abbiamo fatto qualcosa che non doveva mai più accadere e per questo, oltre 70 anni fa, un gruppo di saggi si riunì per regalarci quello che non doveva essere qualcosa di relegato alla fantasia ma la guida del vivere quotidiano e la garanzia di tutti?
Se noi avessimo un ministro della giustizia (quello ancora in carica io lo conosco da quando era poco più di un ragazzo e un giorno, chissà, quando tornerà a casa parleremo a quattr’occhi come si faceva una decina di anni fa), cioè una persona al vertice del sistema giustizia, qualcuno che non fosse impegnato con altri futuri naufraghi a tenera a galla una barchetta che fa acqua da tutte le parti, cosa che con il suo mandato non ha nulla a che fare, sono certo che non avrebbe permesso ciò che, invece, è accaduto.
Ma, al di là di tutto quanto è ovvio, che cosa possiamo fare noi, i protagonisti dei primi articoli della Costituzione (compito a casa: leggere e comprendere almeno i primi 3 articoli)? Al momento possiamo firmare in massa la petizione http://chng.it/MHgsVrbV  Servirà? A qualcosa servirà di certo: se resterà inascoltata avremo aggiunto una prova e forse qualcuno di più si sarà reso conto che non è questo il paese che la generazione in arrivo merita.

Comment on Facebook

Non credo all odio razziale di gheri guido,semmai una radio che diffonde verità scomode,e x questo sempre ostacolata dai poteri forti,come si dice,.

Guardate che Guido si riferiva all' uccisione di Pamela Mastropietro e ai riti della mafia nigeriana in una puntata in cui era intervenuto il criminologo Meluzzi. Se poi non è vero che la mafia nigeriana usa mangiare parti dei loro nemici, o che gli scafisti non organizzano commerci di organi beati voi che ci credete

trasmissioni come "la zanzara" invece possono tranquillamente dire tutto cio' che vogliono.

Si attaccano ad una parola detta a sproposito per cancellare tutto il bene che ha fatto e stava facendo... ma era ovvio, era troppo scomodo al sistema e ai corrotti legalizzati...

Hanno trovato la scusa .. per far tacere (MOMENTANEAMENTE) chi *DA FASTIDIO... Un cervello moderatamente sveglio.. *ci arriva.

Dottor Montanari, Le segnalo il canale del Dottor Mauro Scardovelli che sta lavorando per riportare la nostra Costituzione all'attenzione dei cittadini. www.youtube.com/user/MauroScardovelli

Io credo che quelle del razzismo siano tutte scuse... Era troppo scomoda questa emittente radio, faceva vera informazione e toccava argomenti "scottanti" come i vaccini

Abbiamo perso la libertà di espressione e di pensiero, ma non riusciranno a manipolare le menti di chi ha già aperto gli occhi!

Non so neanche come commentare... Mi viene in mente un'unica parola: "DITTATURA "

Viva la censura italiana.. che assurdità! Giustamente per loro non conveniva essere scoperti dalle verità!

Dopo essersi esposti così tanto con l'informazione indipendente sui vaccini c'era da aspettarselo. Coraggio dopo la morte c'è sempre una resurrezione. Prima o poi ci sveglieremo dal torpore e diremo no ad essere degli automati.

È solo l’ennesima prova che viviamo in una dittatura.

Strette fasciste del falso buonismo dai denti aguzzi targato PD+M5S

In Toscana siamo in dittatura...o sei uno di loro oppure sono cavoli....per non dire altro

Sempre peggio non danno pace a chi è onesto

Non credo che il sig Gheri meriti così tanta solidarietà e lo dico da sua concittadina. Si la libertà di espressione, ma dire in radio che gli extracomunitari dono xannibali assassini ecc non deve essere permesso

Condivido la Sua analisi. Grazie! Mentre apprezzerei conoscere da chi condivide il provvedimento quali sarebbero testualmente le frasi razziste e discriminatorie adottate dalla radio in questione..

Quando si subisce un danno ingiustamente. Si richiede con denuncia alla Procura che chi lo ha causato debba pagare per il danno arrecato. Non mi piacciono i "io sono pronto a giurare che" mi piacciono molto le persone che denunciano e fanno nomi e cognomi .

viva sempre radio studio 54 unica radio libera senza bandiere

Hanno fatto bene, visto che quella radio faceva propaganda razzista e discriminatoria.

Firmato e condiviso

RIPENSANDOCI..dottor Stefano..dato che sono le ore 16:45 e su Radio Studio passano Sacro e profano la classifica con i lascivissimi Rondò veneziano che oltraggiano canti gregoriani...mi sa che mi conviene star zittina che GESU' quelli la' Ha Detto che li mette fra le fiamme come sgarrano e muoiono inavvertitamente...hahaha non toccateGLI il canto gregoriano gente che DIO HA UNA SENSIBILITA' MUSICALE DEL TUTTO PERFETTISSIMA...niente mi sa che i sussurri sul dove se lo mettono mentre cantano al Cristo non sono piaciuti, per favore dillo al Gheri e compagnia che perfino per scherzo la Musica Classica, Beethoven e i canti ecclesiali e soprattutto il GREGORIANO NON SI USANO COSI'....qualcuno poi se li passano li ascolta e...GHERI ma sei fuori? Non ti hanno dato almeno trent'anni con la condizionale? HAHAHA...A DIO piacciono gli onesti....ve lo dovevo dire che con I Rondò non si sale...

Firmato!! La trovo una cosa terribile.... Stiamo davvero "perdendo" la Costituzione....

Comunque se non si leggono le carte si può dire di tutto e di più. Seriuscite allegate tutto e non solo il verbale di ratifica

Possiamo avere ancora speranza per il nostro Paese!Io purtroppo L ho persa quando mi sono ammalata di un morbo negato dai medici italiani mentre in California fanno di tutto per cercare di curarlo!

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

È da uomo qualunque che scrivo. È da co-protagonista dell’articolo 1 della Costituzione, per calpestata e imbavagliata che sia. E co-protagonisti con me sono altri 60 milioni di persone.
Siamo arrivati all’epilogo: uno dei tanti. Provate a riempire una bottiglia per metà di olio e per metà di acqua. Scuotetela e vedrete che, se lo avrete fatto con l’energia dovuta, otterrete un liquido lattiginoso. Lasciate riposare pochissimi minuti e l’acqua e l’olio si saranno divisi perfettamente.
Uscendo da una metafora che potrebbe ben figurare in una trasmissione del luminare Piero Angela, era scritto nel destino che leghisti e grillini non potessero stare insieme. L’energia per il liquido lattiginoso di cui sopra era, chissà, la mira di condividere qualche interesse sulla cui natura non ho idea. Il fatto è che il governo peggiore che abbiamo avuto da oltre 70 anni è caduto e lo ha fatto dopo aver annaspato nel ridicolo. Il governo peggiore. Sì: è riuscito in un’impresa su cui credo pochi avrebbero scommesso: fare peggio del governo precedente, a sua volta detentore fino ad allora del record.
Prescindendo da chiacchiere e da “è stato lui!” così tipico dei bambini in età prescolare e di quelli che noi continuiamo a chiamare politici, ora, novelli Sisifo, dobbiamo spingere di nuovo il masso sulla cima del monte.
Le macerie lasciate dalla devastazione sono evidenti: siamo il fanalino di coda di un’Europa già di per sé fallimentare. Siamo tartassati da tasse soffocanti in cambio di servizi che superano ampiamente la soglia della presa per i fondelli. Se è vero che sono le piccole cose a fornire le indicazioni più probanti, se si vuole una carta d’identità moderna a Modena occorre attendere alcuni mesi. Date un’occhiata al tabellone con gli orari degli arrivi e delle partenze dei treni (sempre che funzioni). Andate in un ufficio postale (siamo in agosto: che cosa si pretende?) o aprite la vostra cassetta della posta da quando, ormai da tempo, le consegne avvengono ogni tanto. A livelli più importanti, provate a chiedere un controllo strumentale relativo alla vostra salute per la cui tutela pagate un patrimonio. No: non continuo.
Come ovvio, ci saranno nuove elezioni (che costano tanti quattrini). Per chi voteremo? Chi voterà per i grillini dovrà sperare che il servizio psichiatrico dell’AUSL non lo faccia aspettare troppo. L’idea che una masnada d’incompetenti possa guidare una nazione di 60 milioni di persone, che fa parte della Comunità Europea e della NATO, che è l’ottava potenza industriale al mondo era idiota quando era in embrione e non poteva altro che finire come è finita. Chi voterà per la Lega si troverà, per esempio, il senatore Arrigoni, quello che si esibì in tibbù facendosi vaccinare da uno dei fari della medicina italiota (no: non parlerò della vergogna dei vaccini). Chi voterà per chi finora è restato fuori del governo troverà personaggi come Grasso, colui che, insultando i suoi colleghi senatori trattati come minus habens bisognosi di tutela, proibì loro la visione del film Vaxxed. Troverà la mitica signora Lorenzin. Troverà Tajani, colui che impedì a Luc Montagnier e a me di tenere la conferenza programmata al parlamento europeo. Troverà la signora Gelmini, quella dei Neutrinos Ferial. Troverà Matteo Renzi, personaggio su cui la decenza mi consiglia di sorvolare. Ho fatto solo qualcuno tra i tanti (troppi) esempi possibili. Soprattutto troverà un tipo di elezione officiata in disprezzo di ciò che la Comatosa (ufficialmente la Costituzione della Repubblica Italiana) prevede e, ancora una volta, avremo, non importa quali saranno i risultati, un’accolita abusiva.
Il futuro? Fare il veggente è tristemente facile. La prima cosa che il nuovo governo farà sarà di aumentare le tasse, stavolta sotto le spoglie dell’IVA, cioè della tangente che uno stato incapace rapina sul lavoro altrui. Come è naturale, quello sarà un altro colpo su un’economia, quella delle famiglie in primis, che ormai è in articulo mortis. Ma ci sarà sempre l’imbecille di turno che dirà che quel passo doloroso è colpa del governo precedente. L’aggravante sarà che milioni d’italioti ci crederanno. Poi, se Big Pharma deciderà, ci ritroveremo qualche altro vaccino obbligatorio (gli argentini ne hanno 20 e giocano benissimo a calcio!)
E nel futuro, fra le altre tragedie, resterà quella dei migranti.
Spero che i miei pochi affezionati mi perdoneranno se esprimo un’opinione in proposito.
È fin troppo ovvio che non si possono lasciar morire di stenti o di annegamento degli esseri umani ma non è lasciando che il mare sia solcato da navi (chi le paga?) lì apposta per trasbordare uomini alla deriva in ogni senso che si risolve la questione. Anzi, la si aggrava e non di poco.
La si aggrava perché i milioni di esseri umani prigionieri di guerre (le armi le fabbrichiamo noi) e delle conseguenze dei cambiamenti climatici (di cui noi non siamo affatto innocenti) sono illusi di trovare un simulacro di paradiso venendo in Europa. Questi poveretti affrontano viaggi, a volte di anni, in condizioni di crudeltà umiliante e noi, con il nostro buonismo ipocrita e, a certi livelli, criminale, ne siamo tra i responsabili. Uno su mille ce la fa, ma per quell’uno 999 sono pronti a sfidare il massacro. Siamo noi ad attirarli.
Come è per qualunque situazione, nessuna esclusa, i problemi vanno risolti alla radice e non appiccicando cerotti sui bubboni della peste. Chiunque abbia una briciola di buona fede capisce che le condizioni in cui vivono centinaia di milioni di nostri simili sono intollerabili, ma noi, con l’orrore dei barconi e il viavai delle navi che a me paiono sospette, stiamo semplicemente peggiorando la situazione, facendo i buoni sulla pelle altrui.
Basta. Ora insultatemi pure. Fatelo, ma datemi opinioni che non siano quelle di untuose dame di carità o di “politici” con il cartellino del prezzo appeso al cuore.
Non ci sono dubbi: siamo sbattuti nella bufera infernale di una crisi gravissima che coinvolge il mondo e di cui noi costituiamo un tassello con caratteristiche tutte nostre. Ma, come avviene in campo fisiopatologico, le crisi sono il preludio del recupero della salute. Questo a patto che non siano tanto violente da risultare mortali.
... See MoreSee Less

È da uomo qualunque che scrivo. È da co-protagonista dell’articolo 1 della Costituzione, per calpestata e imbavagliata che sia. E co-protagonisti con me sono altri 60 milioni di persone.
Siamo arrivati all’epilogo: uno dei tanti. Provate a riempire una bottiglia per metà di olio e per metà di acqua. Scuotetela e vedrete che, se lo avrete fatto con l’energia dovuta, otterrete un liquido lattiginoso. Lasciate riposare pochissimi minuti e l’acqua e l’olio si saranno divisi perfettamente.
Uscendo da una metafora che potrebbe ben figurare in una trasmissione del luminare Piero Angela, era scritto nel destino che leghisti e grillini non potessero stare insieme. L’energia per il liquido lattiginoso di cui sopra era, chissà, la mira di condividere qualche interesse sulla cui natura non ho idea. Il fatto è che il governo peggiore che abbiamo avuto da oltre 70 anni è caduto e lo ha fatto dopo aver annaspato nel ridicolo. Il governo peggiore. Sì: è riuscito in un’impresa su cui credo pochi avrebbero scommesso: fare peggio del governo precedente, a sua volta detentore fino ad allora del record.
Prescindendo da chiacchiere e da “è stato lui!” così tipico dei bambini in età prescolare e di quelli che noi continuiamo a chiamare politici, ora, novelli Sisifo, dobbiamo spingere di nuovo il masso sulla cima del monte.
Le macerie lasciate dalla devastazione sono evidenti: siamo il fanalino di coda di un’Europa già di per sé fallimentare. Siamo tartassati da tasse soffocanti in cambio di servizi che superano ampiamente la soglia della presa per i fondelli. Se è vero che sono le piccole cose a fornire le indicazioni più probanti, se si vuole una carta d’identità moderna a Modena occorre attendere alcuni mesi. Date un’occhiata al tabellone con gli orari degli arrivi e delle partenze dei treni (sempre che funzioni). Andate in un ufficio postale (siamo in agosto: che cosa si pretende?) o aprite la vostra cassetta della posta da quando, ormai da tempo, le consegne avvengono ogni tanto. A livelli più importanti, provate a chiedere un controllo strumentale relativo alla vostra salute per la cui tutela pagate un patrimonio. No: non continuo.
Come ovvio, ci saranno nuove elezioni (che costano tanti quattrini). Per chi voteremo? Chi voterà per i grillini dovrà sperare che il servizio psichiatrico dell’AUSL non lo faccia aspettare troppo. L’idea che una masnada d’incompetenti possa guidare una nazione di 60 milioni di persone, che fa parte della Comunità Europea e della NATO, che è l’ottava potenza industriale al mondo era idiota quando era in embrione e non poteva altro che finire come è finita. Chi voterà per la Lega si troverà, per esempio, il senatore Arrigoni, quello che si esibì in tibbù facendosi vaccinare da uno dei fari della medicina italiota (no: non parlerò della vergogna dei vaccini). Chi voterà per chi finora è restato fuori del governo troverà personaggi come Grasso, colui che, insultando i suoi colleghi senatori trattati come minus habens bisognosi di tutela, proibì loro la visione del film Vaxxed. Troverà la mitica signora Lorenzin. Troverà Tajani, colui che impedì a Luc Montagnier e a me di tenere la conferenza programmata al parlamento europeo. Troverà la signora Gelmini, quella dei Neutrinos Ferial. Troverà Matteo Renzi, personaggio su cui la decenza mi consiglia di sorvolare. Ho fatto solo qualcuno tra i tanti (troppi) esempi possibili. Soprattutto troverà un tipo di elezione officiata in disprezzo di ciò che la Comatosa (ufficialmente la Costituzione della Repubblica Italiana) prevede e, ancora una volta, avremo, non importa quali saranno i risultati, un’accolita abusiva.
Il futuro? Fare il veggente è tristemente facile. La prima cosa che il nuovo governo farà sarà di aumentare le tasse, stavolta sotto le spoglie dell’IVA, cioè della tangente che uno stato incapace rapina sul lavoro altrui. Come è naturale, quello sarà un altro colpo su un’economia, quella delle famiglie in primis, che ormai è in articulo mortis. Ma ci sarà sempre l’imbecille di turno che dirà che quel passo doloroso è colpa del governo precedente. L’aggravante sarà che milioni d’italioti ci crederanno. Poi, se Big Pharma deciderà, ci ritroveremo qualche altro vaccino obbligatorio (gli argentini ne hanno 20 e giocano benissimo a calcio!)
E nel futuro, fra le altre tragedie, resterà quella dei migranti.
Spero che i miei pochi affezionati mi perdoneranno se esprimo un’opinione in proposito.
È fin troppo ovvio che non si possono lasciar morire di stenti o di annegamento degli esseri umani ma non è lasciando che il mare sia solcato da navi (chi le paga?) lì apposta per trasbordare uomini alla deriva in ogni senso che si risolve la questione. Anzi, la si aggrava e non di poco.
La si aggrava perché i milioni di esseri umani prigionieri di guerre (le armi le fabbrichiamo noi) e delle conseguenze dei cambiamenti climatici (di cui noi non siamo affatto innocenti) sono illusi di trovare un simulacro di paradiso venendo in Europa. Questi poveretti affrontano viaggi, a volte di anni, in condizioni di crudeltà umiliante e noi, con il nostro buonismo ipocrita e, a certi livelli, criminale, ne siamo tra i responsabili. Uno su mille ce la fa, ma per quell’uno 999 sono pronti a sfidare il massacro. Siamo noi ad attirarli.
Come è per qualunque situazione, nessuna esclusa, i problemi vanno risolti alla radice e non appiccicando cerotti sui bubboni della peste. Chiunque abbia una briciola di buona fede capisce che le condizioni in cui vivono centinaia di milioni di nostri simili sono intollerabili, ma noi, con l’orrore dei barconi e il viavai delle navi che a me paiono sospette, stiamo semplicemente peggiorando la situazione, facendo i buoni sulla pelle altrui.
Basta. Ora insultatemi pure. Fatelo, ma datemi opinioni che non siano quelle di untuose dame di carità o di “politici” con il cartellino del prezzo appeso al cuore.
Non ci sono dubbi: siamo sbattuti nella bufera infernale di una crisi gravissima che coinvolge il mondo e di cui noi costituiamo un tassello con caratteristiche tutte nostre. Ma, come avviene in campo fisiopatologico, le crisi sono il preludio del recupero della salute. Questo a patto che non siano tanto violente da risultare mortali.

Comment on Facebook

Esistono tante persone oneste che fanno politica, queste persone se fossero coerenti, nel momento dell'impossibilità di attuare le loro promesse fatte a chi li ha votati, dovevano lasciare le poltrone, senza se e senza ma. Qui si parla di delusione e mancanza di rispetto per tutti gli Italiani. Pochi giorni dopo il voto si è tentato di fare un governo con il PD prima della Lega, in quel momento tutti avrebbero dovuto dimmetersi, provate solo ad immaginare le persone che avevano appena votato vedersi un governo M5S-PD, ma questo era solo l'inizio, F35 delusione, TAV, TAP, ILVA, VACCINI, Xylella, Glifosato, Cloropicrina, 5G, Tasse, Agricoltura, burocrazia fiscale. Possibile che neanche un ministro onesto si sia dimesso ? Siete nati dalle polveri dei vecchi partiti, ora con il nuovo governo M5S-PD che paventate, polvere ritornerete......... Questo è un mio pensiero, se uno vuole rivotarli perchè convinto del bene fatto, libero di farlo tutte le volte che vuole, ma non dica che tutto viene fatto per il governo della coerenza

Non dimentichiamo che questa assurda unione, olio acqua... È nata da una legge assurda come il rosatellum

''....e delle conseguenze dei cambiamenti climatici (di cui noi non siamo affatto innocenti) ''. Stefano Montanari....mi raccomando: della GEOINGEGNERIA CLANDESTINA ed ILLEGALE non parlare nemmeno tu....eh. Come mai questo argomento é scomodo anche per uno come te? La NATO forse c'entra qualcosa? Attendo tuoi riscontri (con ogni probabilità non mi risponderai....ma piuttosto mi bannerai). Questa sarà la tua migliore ''risposta''.

La seguo e la stimo da tanti anni, ma qui non mi trova molto d'accordo. So che ce l'ha con Grillo per questioni riguardanti il microscopio elettronico, ma se ho contribuito per 2 volte (non una, ma 2) all'acquisto del microscopio elettronico e se l'ho conosciuta, è stato proprio grazie alla pubblicità che le ha fatto Grillo Io credo di poter affermare con certezza che i 5 stelle siano al momento se non altro i meno peggio, e io che nei 5 stelle ci ho militato per un po' di tempo (dopo aver appoggiato per anni "Per il bene comune", che lei conosce bene), posso dire che all'interno del movimento c'è tanta, tanta gente onesta, che sta cercando di raddrizzare un paese messo nella m***a da decenni di governi Andreotti, Craxi, PD, Berlusconi, tutti al servizio di mafia, corrotti, ladruncoli, imprenditori disonesti e quant'altro Quindi continuerò a votare per loro, finchè qualcuno non mi dimostrerà che esiste un qualche movimento/partito di gente onesta che ha la possibilità di andare al governo

Non mi pare che questo governo possa essere peggio dei precedenti. Parecchi ministri sembrano proprio competenti e sembrano lavorare per il bene comune.

Giorge Orwell nel suo 1984 ha sbagliato soltanto con le date, del resto era informato sull progetto dei PrePotenti!!

Dott. Montanari, la leggo sempre con piacere e questa sua analisi la condivido in parte nel senso che, ho una visione più ampia delle cose e credo che, la direzione in cui ci stiamo dirigendo, faccia parte di un disegno molto più ampio e meglio orchestrato. Sembra di vedere una situazione umanitaria mondiale in cui qualcosa di molto grande stia per succedere, sembra che tutto stia andando in una direzione di cambiamento epocale. Non riesco ad essere più preciso ma, considerando il cambiamenti del clima, le politiche mondiali, la medicina dogmatica, gli interessi economici esageratamente egoistici, l'aumento demografico mondiale, le guerre, il terrorismo e le religioni sempre più inappropriate, mi sembra come essere in una grossa pentola a pressione che sta per cedere. Per anni mi sono interessato della politica e precisamente tifavo a dx ma ora non riesco a vedere più un mondo politico capace di dare una risposta; come se, il tessuto sociale si sia disfatto. Forse la mia visione può sembrare pessimistica ma non lo è. Alla fine di tutto credo che il tutto stia andando in una direzione evolutiva sconosciuta ma pur sempre evolutiva. Detto questo, credo che bisogna sensibilizzarli gli uni gli altri e se posso aggiungere un piccolo/grande dettaglio, bisognerebbe tornare ad AMARE che è l'unica ricetta che vedo plausibile in un mondo confuso.

Caro Dott. Montanari, io la stimo molto per quel che dice e scrive, posso anche capire che si sarebbe aspettato svolte epocali da questo governo come d'altronde molti di noi, ma arrivare a dire che questo esecutivo sia stato il peggiore da 70 anni a questa parte mi viene da chiederle dove lei abbia vissuto in questi 70 anni, devo forse pensare che lei abbia fatto parte di quelli che hanno portato l'Italia a questo schifo???

Tanto rispetto e ammirazione per il lavoro svolto da lei e da sua moglie, per la sua analisi invece penso manchi di onestà intellettuale, governo giallo/ha fatto alcune cose buone per il paese,se ha commesso errori lo ha fatto comunque cercando il bene del paese.impietoso il confronto con i governi precedenti che hanno fatto solo i loro intetessi e quelli delle lobby. Mi risultano risultati positivi in molti settori,contrariamente ai precedenti governi che hanno degradato il ceto medio basso. In un anno non si possono fare miracoli.temo che i suoi risentimentinei confronti dei gialli siano forvianti per molti cittadini che la seguono, anche lei ha una grossa responsabilita verso i cittadini essendo lei una persona seguita per il suo buon lavoro .se guarda ai governi precedenti con segnali posivi, temo manchi di obbiettività. Con rispetto,saluti da in umile cittadino che per la prima volta ha visto un governo giallo/ che ha lavorato anche per me.

Grande stime per Lei Dottore, ma questo è stato forse l unico governo italiano che ha cercato di fare qualcosa per il popolo. credo anch'io che il prossimo governo sarà peggiore perché da salvini, meloni e berluska, sappiamo già tutti che faran bene solo per le tasche loro. di certo, chi ci potrà governare allora ? sono anchio molto deluso dai 5S la minstra grillo se dovuta rimangiare le promesse dei vaccini, ILVA, TAP, EU, tutti punti dove sono caduti per inesperienza, aver sopravvalutato le cose e le loro capacità . Sta adesso ai 5S rifarsi, devo fare il mea culpa , cambiare qualche democristiano nella loro dirigenza e poi rimettersi fortemente e ancora piu duramente a lottare per il popolo, si lottare.

“Oggi sono gli istituti finanziari e le multinazionali a possedere la società e ad imporre le scelte politiche. Sono loro che obbediscono alla vile massima “tutto per noi e niente per gli altri”...se non c’è una reazione popolare di massa, non possiamo aspettarci nulla di diverso” Noam chomsky. Credo che ancora non abbiamo ancora toccato il fondo, dato che non vedo nessuna reazione popolare di massa all’orizzonte, ma solo gente rassegnata e stanca che non ha la forza reagire. Purtroppo!

Molto rispettosamente non sono completamente d'accordo con Lei su due aspetti: sui politici, che secondo me non contano e non decidono assolutamente nulla, dovendo ubbidire ciecamente a chi comanda veramente e sui migranti perché fanno purtroppo parte del piano Kalergi e, quindi, seguono un percorso ben preciso con finalità altrettanto ben precise. Per tutto il resto: GRAZIE!!!

Montanari, Apprezzo la sua analisi ad esclusione della incompetenza dei 5 stelle e chi sta scrivendo era un ex attivista e,ovviamente, ex votante . Credo che il movimento abbia subito ciò che tutti subiscono una volta giunti al potere e cioè la collusione con i poteri ancora più alti , o l' emarginazione politica . Il primo caso si adatta ai 5 stelle e la riprova è nella spergiura signora grillo . Detto ciò, riconfermando che uno vale l altro una volta eletti , da parte mia già alle europee, facevo verbalizzare che non avrei votato poiché nessuno mi rappresentava . E penso che ripeterò alle prossime elezioni . Finale ; ogni cosa andrà come deve andare . Aggiungo io : sicuramente in ...m... Saluti e grazie della buona analisi politica .

Se fa le analisi in campo medico/scientifico come le fa della situazione politica italiana rimango molto perplesso. Mi sembra molto superficiale, con forti pregiudizi e attento solo a ciò che vuole vedere.

Grande stima per lei come scienziato, ma come commentatore politico direi che non mi sembra molto informato. Capisco che lei abbia il dente avvelenato con i 5stelle e Grillo in particolare per motivi personali, ma il suo post è totalmente privo di onestà intellettuale. Si può non essere d'accordo su quello che è stato fatto da questo governo, ma è quello che in 70 anni ha fatto di più e mantenuto quello che aveva promesso. Cosa mai vista nel passato.Cordialmente

Condivido, anche se probabilmente voterò Salvini. Ormai non spero si possa andare meglio, forse un colpo di stato che porti ad una dittatura col taglio di qualche testa aiuterebbe, ma non é roba dei nostri tempi. Lavorerò per portare la mia famiglia all’estero e probabilmente per restarci, con l’idea di tornare in Italia solo per le vacanze. Tanto bella l’Italia, ma viverci ormai...

Non credo sia peggio di quelli prima che ci hanno rovinati per benino!!!.....ma la situazione e ben descritta!!...non so che ne sarà di noi!!!😱😱

Complimenti dottore per la sua perfetta analisi. Spero di sbagliarmi ma ormai siamo arrivati ad un punto di non ritorno. Per molta gente ..schifata e delusa...come me,. andare a votare per il meno peggio è già una grande sconfitta.

Ineccepibile ma se devo decidere tra acqua e olio che con un additivo si possono emulsionare, con tutti i problemi del caso, a volte mediati, e tre acque di fogna che mescolate e dinamizzate sempre acqua di fogna rimangono, non ho dubbi

Discorso che condivido immensamente dalla prima all'ultima parola. Non ho mai sentito nessuno che ha parlato così seriamente sul tema dell'immigrazione!

Fino a qui sono pienamente d’accordo.Alternative ? L’unica soluzione è il cercare di essere il più consapevole possibile altro non so .Sempre pronto a difendere la mia Libertà che mi è stata data alla nascita 👋👋

Non fa una piega, però Doc! a questo punto dopo questa analisi precisa alla perfezione non le resta che entrare in politica..... Io la voterei. È non sto scherzando 👍

Sull'analisi politica sono d'accordo in (buona) parte.. su quella del fenomeno migratorio, completamente, anzi speravo non la pensasse diversamente. Temo, purtroppo, che alla radice non si andrà mai perché sono troppi interessi in gioco. Mi affido alla giustizia divina, non come fantomatico palliativo per i mali irrisolvibili del mondo, ma perché fermamente certa della sua attuazione..

n gran parte è una analisi pietosa, e è la realtà, ma , chi dovrebbe guidare un governo Italiano…?? lei, ha citato praticamente tutto l'arco politico come inaffidabile, e anche qui condivido, a mio avviso tranne qualche eccezione, il panorama Europeo economico , e anche quello Mondiale è a i limiti , lei, ha descritto un Mondo su la soglia della 3° guerra Mondiale, e i presupposti ci sono tutti, ripeto, e domando a lei, chi dovrebbe guidare la politica in questo paese…??

Oltre che scienziato, è un maitre à penser eccezionale e con una scrittura piacevolissima. Profonda stima.

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

Roberta Doricchi – ...Vorrei che riassumesse la sua posizione sull’immunità di gregge.

Stefano Montanari – ... La mia posizione è quella dell’ovvietà: l’immunità di gregge semplicemente non esiste.
L’intervista completa:
www.vitalmicroscopio.net/2019/08/02/2309/
... See MoreSee Less

Roberta Doricchi – ...Vorrei che riassumesse la sua posizione sull’immunità di gregge.

Stefano Montanari – ... La mia posizione è quella dell’ovvietà: l’immunità di gregge semplicemente non esiste.
L’intervista completa: 
http://www.vitalmicroscopio.net/2019/08/02/2309/

Comment on Facebook

Ma il gregge esiste

Come non citare "Scusate, non mi lego a questa schiera: morrò pecora nera! Saranno cose già sentite o scritte sopra un metro un po' stantìo, ma intanto questo è mio e poi, voi queste cose non le dite, poi certo per chi non è abituato pensare è sconsigliato, poi è bene essere un poco diffidente per chi è un po' differente..."

Da Lei non è solo un piacere imparare ma anche leggere la Sua prosa e godere della Sua cultura.

L'immunità di gregge è appunto una storiella per il gregge di pecoroni che si bevono qualunque cosa

Ti adoro!Come spieghi tu ..nessuno

Forza Stefano Montanari. Non molleremo mai. Penso proprio che noi insieme a lei saremo sempre e comunque dalla parte della ragione. Noi, insieme, come Davide contro Golia, vinceremo! 💪

Credo anche io, come Lei, che ai nostri politici il modello argentino in materia di vaccini sia appetitoso... anzi riusciremo a far meglio. Ne sono quasi certa. Saremo pure fieri di avere, come loro, un ministro della Salute soprannominato dottor morte. Ci meritiamo tutto. Ovvio, sarei felice di essere presto smentita.

Peeeeecore

🔝

👏👏👏👏👏

E poi ... Gregge a chi ???....

Complimenti al dottor Montanari, vero ricercatore e scienziato.......ei sburio, vuoi qualche ripetizione??? Scrivigli umilmente, forse ti considera.....😅😅

Per immunità di gregge si intende immunità all'intelligenza. Per questo si definisce "di gregge".

Grazie Dr Montanari , sempre impeccabile 😊

Ma come non esiste!? Dire a dei pecoroni che l' immunità di gregge non esiste è orrendo! Come dire ai bambini piccoli piccoli che Babbo Natale non esiste! ...ma scherziamo!? 😀

Concordo

View more comments

4 months ago

Stefano Montanari

Me lo aveva preannunciato Giuseppe, il dott. Giuseppe Di Bella, e qualche giorno fa il libro fresco fresco è arrivato. La Scelta Antitumorale è il titolo.
Sono ben più di 300 pagine alle quali si aggiunge la possibilità di scaricare 19 video e, se il cancro è il protagonista, i tanti comprimari giù fino alle comparse sono altrettanti punti critici non solo della nostra medicina ma della nostra società.
Il libro va letto con attenzione perché è denso d’informazioni e nessuna è trascurabile.
Giuseppe ricorda molto, e non solo nell’aspetto, suo padre, il professor Luigi Di Bella, mio professore per tre anni, Uomo (impossibile non usare l’iniziale maiuscola) prima che scienziato di valore assoluto. La stessa onestà e la stessa minuziosa precisione. Ogni riga è documentata in modo che rasenta il maniacale, documentata in modo da non ammettere obiezione a meno che non si voglia cadere nel goffamente ridicolo di contraddirsi. Mai il lettore troverà uno di quei tanti ipse dixit che, nonostante tutto, a dispetto degli almeno ultimi cinque secoli di epistemologia, continuano a zavorrare la scienza. Insomma, quell’“è così perché lo dico io” tanto di moda e, bisogna ammetterlo, tanto di successo qui non trova ospitalità. Tutto è dimostrato. Tutto è documentato. Documentato: e a questo punto non può non fare capolino il dubbio, ed è Giuseppe stesso che, in qualche modo, ne dà lo spunto citando proprio all’inizio del libro Richard Horton, caporedattore di The Lancet, e Marcia Angell, stesso ruolo nel New England Medical Journal: non è più possibile credere a ciò che viene pubblicato perché almeno per metà si ratta di fandonie. Sono le stesse riviste di quel “peer review” tanto comodo per far passare ciò che più, appunto, fa comodo ad ammetterlo. Mi si permetta ora un commento mio che esula da ciò che è riportato nel libro. Horton e Angell sono coraggiosi ma sono pure in conflitto d’interesse perché le pubblicazioni passano attraverso di loro. Per lunga esperienza vissuta dal vivo, mi sentirei di dire che le fandonie superano abbondantemente la metà. Insomma, metà o più di metà, bisogna essere capaci di controllare i controllori e volerlo fare.
Ma non è possibile credere nemmeno alle istituzioni. Con molto rispetto Giuseppe riporta implacabilmente gli orrori (non ho detto errori perché l’errore è involontario) legati a quella farsa tragica che fu la “sperimentazione” (virgolette d’obbligo) che le istituzioni misero in atto a proposito del metodo messo a punto dal professor Di Bella. Molto è anche nei contributi video.
Restando al libro, un libro che chiunque sia interessato alla salute propria e dei propri figli dovrebbe leggere, mi chiedo quanti medici siano al corrente di ciò che è riportato e, lo sottolineo ancora, non sotto forma di opinioni ma di documenti. Magari non per onestà ma semplicemente per la curiosità di sbirciare nel campo del “nemico”, non sono pochi gli addetti ai lavori in camice bianco protagonisti delle passerelle mediatiche o smaniosi di arrivarci anche solo per un attimo che beneficerebbero della lettura. Meglio: una lettura attenta a mente sgombra e dimentica per un attimo dei conflitti d’interesse cui il dott. Giuseppe Di Bella fa cenno qua e là. E con loro, con quegli addetti tecnici ai lavori, non pochi esponenti politici a tutti i livelli, funzionari pubblici, magistrati e giornalisti. Chissà: arrivati all’ultima pagina qualcuno potrebbe aprire non solo il cervello ma anche il cuore e meditare in solitudine davanti allo specchio. Per ognuno di loro questo non è solo un libro da cui imparare nozioni mediche ma un buco della serratura attraverso cui guardarsi dentro.

www.macrolibrarsi.it/libri/__la-scelta-antitumore-libro.php
... See MoreSee Less

Me lo aveva preannunciato Giuseppe, il dott. Giuseppe Di Bella, e qualche giorno fa il libro fresco fresco è arrivato. La Scelta Antitumorale è il titolo.
Sono ben più di 300 pagine alle quali si aggiunge la possibilità di scaricare 19 video e, se il cancro è il protagonista, i tanti comprimari giù fino alle comparse sono altrettanti punti critici non solo della nostra medicina ma della nostra società.
Il libro va letto con attenzione perché è denso d’informazioni e nessuna è trascurabile.
Giuseppe ricorda molto, e non solo nell’aspetto, suo padre, il professor Luigi Di Bella, mio professore per tre anni, Uomo (impossibile non usare l’iniziale maiuscola) prima che scienziato di valore assoluto. La stessa onestà e la stessa minuziosa precisione. Ogni riga è documentata in modo che rasenta il maniacale, documentata in modo da non ammettere obiezione a meno che non si voglia cadere nel goffamente ridicolo di contraddirsi. Mai il lettore troverà uno di quei tanti ipse dixit che, nonostante tutto, a dispetto degli almeno ultimi cinque secoli di epistemologia, continuano a zavorrare la scienza. Insomma, quell’“è così perché lo dico io” tanto di moda e, bisogna ammetterlo, tanto di successo qui non trova ospitalità. Tutto è dimostrato. Tutto è documentato. Documentato: e a questo punto non può non fare capolino il dubbio, ed è Giuseppe stesso che, in qualche modo, ne dà lo spunto citando proprio all’inizio del libro Richard Horton, caporedattore di The Lancet, e Marcia Angell, stesso ruolo nel New England Medical Journal: non è più possibile credere a ciò che viene pubblicato perché almeno per metà si ratta di fandonie. Sono le stesse riviste di quel “peer review” tanto comodo per far passare ciò che più, appunto, fa comodo ad ammetterlo. Mi si permetta ora un commento mio che esula da ciò che è riportato nel libro. Horton e Angell sono coraggiosi ma sono pure in conflitto d’interesse perché le pubblicazioni passano attraverso di loro. Per lunga esperienza vissuta dal vivo, mi sentirei di dire che le fandonie superano abbondantemente la metà. Insomma, metà o più di metà, bisogna essere capaci di controllare i controllori e volerlo fare.
Ma non è possibile credere nemmeno alle istituzioni. Con molto rispetto Giuseppe riporta implacabilmente gli orrori (non ho detto errori perché l’errore è involontario) legati a quella farsa tragica che fu la “sperimentazione” (virgolette d’obbligo) che le istituzioni misero in atto a proposito del metodo messo a punto dal professor Di Bella. Molto è anche nei contributi video.
Restando al libro, un libro che chiunque sia interessato alla salute propria e dei propri figli dovrebbe leggere, mi chiedo quanti medici siano al corrente di ciò che è riportato e, lo sottolineo ancora, non sotto forma di opinioni ma di documenti. Magari non per onestà ma semplicemente per la curiosità di sbirciare nel campo del “nemico”, non sono pochi gli addetti ai lavori in camice bianco protagonisti delle passerelle mediatiche o smaniosi di arrivarci anche solo per un attimo che beneficerebbero della lettura. Meglio: una lettura attenta a mente sgombra e dimentica per un attimo dei conflitti d’interesse cui il dott. Giuseppe Di Bella fa cenno qua e là. E con loro, con quegli addetti tecnici ai lavori, non pochi esponenti politici a tutti i livelli, funzionari pubblici, magistrati e giornalisti. Chissà: arrivati all’ultima pagina qualcuno potrebbe aprire non solo il cervello ma anche il cuore e meditare in solitudine davanti allo specchio. Per ognuno di loro questo non è solo un libro da cui imparare nozioni mediche ma un buco della serratura attraverso cui guardarsi dentro.

https://www.macrolibrarsi.it/libri/__la-scelta-antitumore-libro.php