Stefano Montanari

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

15 hours ago

Stefano Montanari

Gli incentivi economici ai medici per vaccinare i pazienti: soldi facili.

www.fimmglombardia.org/wp-content/uploads/2018/12/Progetto_vaccinazioni_2018_2019.pdf

codacons.it/vaccini-toscana-premi-denaro-3000-euro-ai-pediatri-vaccinano-almeno-95-dei-propri-ass...

www.ordinemedicilatina.it/wp-content/uploads/2017/06/Vaccini-piovono-soldi-e-incentivi.pdf
... See MoreSee Less

Gli incentivi economici ai medici per vaccinare i pazienti: soldi facili.

https://www.fimmglombardia.org/wp-content/uploads/2018/12/Progetto_vaccinazioni_2018_2019.pdf

https://codacons.it/vaccini-toscana-premi-denaro-3000-euro-ai-pediatri-vaccinano-almeno-95-dei-propri-assistiti/

https://www.ordinemedicilatina.it/wp-content/uploads/2017/06/Vaccini-piovono-soldi-e-incentivi.pdf

Comment on Facebook

e accattamose 'sta mancetta 😜

Non ho parole

in Svizzera da noi fortunatamente se non vuoi vaccinare i tuoi figli qualche medico forse ti dice: Allora non posso essere il tuo medico ! E sei libero come una farfalla di fare cazzo ti pare senza nessuna procedura mafiosa e dittatoriale come avviene in Italia.. Fra l'altro la gran maggioranza degli svizzeri non si è mai vaccinata e mai vaccinato i propri figli..

Grazie Stefano..hanno a cuore la nostra salute 😡

Ragaaaa è inutile prendersi in giro.....il vero problema siamo noi che ci stiamo.... e non li prendiamo a calci in culo tutti....medici...presidi....ecc....

I giudici invece di indagare su queste cose, cosa fà? La procura di Belluno indaga i genitori che hanno rifiutato di vaccinare i loro figli! 💩☠ schifo totale... paese di delinquenti

Allora i vaccini fanno davvero bene a qualcuno.

Il paese delle mazzette.

Ma non fa schifo a nessuno essere presi per la gola e strozzati? Perche’ questo e’ uno schifoso ricatto . Ma un po’ di onore e dignita’ sono rimasti alla classe medica?

Siamo in una dittatura sanitaria conclamata!

Ovvio Il benessere del popolo passa attraverso i soldi

Sci€nzah

Mamma mia! È orribile, certe cose non si dovrebbero davvero leggere, ma che fine stiamo facendo?? P.s.: parlavo di tutti i commenti qui sotto il post.

A me il pediatra con il primo figlio che ora ha 5 anni non mi ha mai detto che dovevo vaccinare,che sarebbe stata solo una scelta mia. Ora con la piccola di quasi un anno ad ogni controllo mi chiede quando ho intenzione di vaccinarla e se inizierò anche con il grande! Chissà perché 🤔

Ma come fa questa gente a dormire di notte!!

Ho sempre pensato che ci fosse un giro di soldi!

Anni fa in risposta ad un mio commento in cui affermavo il mio categorico NO ai vari inviti al vaccinarsi del mio medico di base e sui relativi compensi, il compianto Giorgio Alberto Tremante paragonò questi ad una vera e propria corruzione!

Aldo Metalli, al solito la massoneria e i suoi simboli sotto il naso di tutti

Come dormono quelli che fanno chemio a palla

Non ci si può credere tanto è infame la cosa!

Allucinante

Non vi sono parole. ..Ma..Marketing?

Voglio andare a vivere in Svizzera!!! Paese ricco che non obbligano vaccini

Non è giusto

È mafia all'italiana. Hanno tutti paura, ma nessuno in fondo ci crede davvero.

View more comments

2 days ago

Stefano Montanari

Mercoledì scorso

Movimento 3V Vaccini Vogliamo Verità
Mercoledì 22 gennaio, presso la Sala consiliare di #Mirandola (MO), in Via Giolitti 22, verrà presentato il #programmaelettorale del #Movimento3V Vaccini Vogliamo Verità.
In particolare verranno dibattuti i temi della #salute e dell’#ambiente.

I relatori saranno:
- Massimo #Rodolfi, membro del Consiglio Nazionale M3V e candidato per la provincia di Modena;
- Dr.Domenico #Battaglia, candidato a #Presidente della Regione;
- Dr Stefano #Montanari, con un intervento daltitolo "Dal Biogas alla discarica"
- Elisa #Bussetti, educatrice di nido e candidata per la provincia di Modena, su medicalizzazione, #affidi familiari, educazione
- Maura #Zanella, candidata per la provincia di Modena, a proposito delle #infrastrutture nella Bassa modenese.

L'incontro è aperto a tutta la cittadinanza.
... See MoreSee Less

2 days ago

Stefano Montanari

Siamo in democrazia?La VERITÀ SPAVENTA il potere del controllo sui nostri corpi, sulla nostra salute.
******************************
Ieri in prima serata a Quarta Repubblica su RETE 4 (canale nazionale), ci sono stati gli interventi di SOLI 6 CANDIDATI alla presidenza della Regione Emilia-Romagna.

Solo per il 7°, NESSUN INTERVENTO messo in onda, nonostante l'intervista fosse stata regolarmente registrata.
******************************
La normativa sulla PAR CONDICIO stabilisce che le emittenti radiotelevisive devono assicurare a tutti i soggetti politici con imparzialità ed equità l'accesso all’informazione e alla comunicazione politica.

Di fatto dovrebbe essere una norma per tutelare i piccoli partiti, che per loro stessa natura potrebbero avere meno spazio sui media.
... See MoreSee Less

Siamo in democrazia?

Comment on Facebook

Cornuti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Dottore, mi scusi, sà benissimo anche lei che non siamo in democrazia, l'informazione è soggetta ancora a censura, chi cerca di argomentare verità, viene screditato od etichettato come complottista e le leggi sono relative a determinati fattori... Che paese delle meraviglie!

Dottore complimenti e grazie per ciò che fa e per la divulgazione della materia. In merito all'epidemia (vera o presunta) in Cina, mi chiedo come sia possibile che sia già disponibile il vaccino per combatterla.

è da molto tempo che non siamo più in democrazia, se mai è davvero esistita!!!

... Diciamo anche che esistono anche i ''complotti'' gratuiti ai danni di qualche vittima innocente che ha il solo torto di ... 1) essere intelligente 2) credere ancora alla Giustizia 3) battersi disperamente per la verità ......

È la democrazia del REGIME

Porro servo del sistema

L'Italia nella classifica della libertà di stampa nel mondo si trova al 77 esimo posto

Non siamo in democrazia quando urli la verità ti chiudono il microfono!!!!......Dittatura autorizzata....!

Posso dire però che guardando in rete i voti dati al movimento 3V finisco nel calderone che va a sinistra la stessa che ha fatto la legge e questo un po mi puzza...

Ah già LA SCIIENZA NON È DEMOCRATICA!

La sto guardando su Telecolor, lei un grande!!!!!!

Chi non si uniforma al dictat viene escluso .. una TV commerciale che vive di pubblicità sovvenzionata dalle case farmaceutiche difficilmente darà spazio al libero pensiero. 😎

View more comments

2 days ago

Stefano Montanari

Nel 2009, l' OMS dichiarò il grado massimo di pandemia per l'influenza suina. Vaccini già pronti e tutto spedito : l'Italia firmò un contratto assurdo con Novartis tra penali e silenzio assoluto, con milioni di dosi che rimasero invendute

Già nel 2010 il BMJ tramite una investigazione aveva annusato l'odore della truffa per favorire le industrie farmaceutiche.
Non mancò poi il commento che leggete qui, con il presidente tedesco della comissione sanità UE che accusò pubblicamente le industrie di aver influenzato la decisione dell'OMS.

Sono passati 10 anni, è il momento di riproporre lo stesso modus operandi?

Si tende a scordare il passato, per cui non lo escludo.
Tra vaccini ed influenza, manca solo Jessica Hyde.

Staremo a vedere.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Marcello Cacciatore

Che schifo!

Sono passati 10 anni … ma in questo (non breve) lasso di tempo pensate che la situazione sia migliorata? Che i ‘comportamenti’ siano migliorati? Che le modalità siano cambiate? Che l’attenzione per la salute sia aumentata? Oppure … Ricordiamo che l’esperienza del passato è utile, dovrebbe aiutare nel presente e nel futuro … dovrebbe …

Ma infatti da adulti avete il diritto a non vaccinarvi, però poi state a casa quando avete rigor nucalis perchè anche quei trattamenti arricchiscono le multinazionali.

I soliti giochetti

In Toscana 31 morti (a quanto ci è dato sapere) per la New Dehli: niente panico, nessun cordone sanitario e i mezzi pubblici funzionano. Sarà mica perché i casi scoppiano negli ospedali e la Sanità Regionale (che teneva tutto segreto) non vuole essere messa in discussione?

La presa per i fondelli della pandemia.... Ancora la gente gli va appresso

Mi domando. Ma che razza di scienziati sono se si fanno influenzare dalle case farmaceutiche?

Il potere dell'informazione...

Il potere mondiale della più grande MULTINAZIONALE BAYERSANTO ,, sono loro che comandano negli stati del mondo per fare Soldi e dare mazzette questo e il potere che gli Scienziati gia uccidi l'anno scorso dopo una conferenza Europea due Chimici morti nella propria auto saltati per aria . Il terrore tiene quieti questo chimici ,biologi ,e virologi . Se sgarri muori .

Infatti

Ora abbiamo l'emergenza globale del misterioso virus cinese.....

Pura verità. .."hanno influenzato scienziati e organismi ufficiali " ....denaro epidemia.

C'è anche il documentario su Netflix. Per sbaglio ho visto il trailer.

View more comments

3 days ago

Stefano Montanari

Certo, il regime è fatto di personaggi di scarsa cultura, di scarsa intelligenza e di nessuna onestà: caratteristiche comuni alla delinquenza. Certo, il regime modifica istituzioni o, addirittura, ne allestisce di nuove, per potersi reggere. Certo, il panorama è cupo ma occorre constatare che anche all’inferno c’è il lato comico come fu nel XXI canto dell’Inferno dantesco con la manifestazione di Barbariccia, il demonio che si esprimeva attraverso le rumorose miscele di gas prodotte dal suo non umano intestino.
Di esternazioni parimenti elevate e in gran parte sovrapponibili siamo tutti spettatori. Basta accendere la magica tibbù o la radio o entrare in siti Internet di varia estrazione o aprire un giornale per trovarne ampia testimonianza.
Ora io vengo messo al corrente dell’esistenza di un personaggio comico da applausi.
Si tratta di una pediatra (una laurea non si nega a nessuno) che presta la sua luminosa opera come burocrate di regime e, per portare a casa la sudata pagnotta, mancando di cultura, d’intelligenza e di onestà, ricorre ad una sorta d’ingenua furberia. Non avendo argomenti che possano reggersi in piedi, decide che la strategia migliore è quella di ricoprire di “fango” i “nemici” e, in questo caso, i nemici siamo mia moglie ed io. Quindi, con pazienza, il personaggio prende video che trova su Internet, li tagliuzza e li presenta al suo pubblico. Qui i poveri dottori Gatti e Montanari escono a pezzi con la pediatra che si gonfia a dismisura.
Non contenta, la signora rivela che la dottoressa Gatti ha scritto un libro sugli UFO. E qui devo ammettere che la burocrate di regime supera se stessa. Come abbia fatto ad inventare una stramberia simile non saprei dire. La sola cosa che mi viene in mente è che quella sappia di poter disporre di un pubblico d’imbecilli vogliosi di bersi qualunque porcheria.
Ma di perle ne ho già raccolte una piccola collezione e devo dire che di geniali ce n’è più di una.
A questo punto ho scritto al personaggio, mandando per conoscenza il messaggio a chi le sta un gradino sopra, chiedendo un incontro pubblico dove ognuno possa illustrare le sue posizioni. L’alternativa è spostare l’incontro in un tribunale.
Naturalmente, fedeli alla filosofia tennistica e gommistica, nessuna risposta.
Riscrivo. Nessuna reazione.
Vabbè. Siate avvertiti.
... See MoreSee Less

Certo, il regime è fatto di personaggi di scarsa cultura, di scarsa intelligenza e di nessuna onestà: caratteristiche comuni alla delinquenza. Certo, il regime modifica istituzioni o, addirittura, ne allestisce di nuove, per potersi reggere. Certo, il panorama è cupo ma occorre constatare che anche all’inferno c’è il lato comico come fu nel XXI canto dell’Inferno dantesco con la manifestazione di Barbariccia, il demonio che si esprimeva attraverso le rumorose miscele di gas prodotte dal suo non umano intestino.
Di esternazioni parimenti elevate e in gran parte sovrapponibili siamo tutti spettatori. Basta accendere la magica tibbù o la radio o entrare in siti Internet di varia estrazione o aprire un giornale per trovarne ampia testimonianza.
Ora io vengo messo al corrente dell’esistenza di un personaggio comico da applausi.
Si tratta di una pediatra (una laurea non si nega a nessuno) che presta la sua luminosa opera come burocrate di regime e, per portare a casa la sudata pagnotta, mancando di cultura, d’intelligenza e di onestà, ricorre ad una sorta d’ingenua furberia. Non avendo argomenti che possano reggersi in piedi, decide che la strategia migliore è quella di ricoprire di “fango” i “nemici” e, in questo caso, i nemici siamo mia moglie ed io. Quindi, con pazienza, il personaggio prende video che trova su Internet, li tagliuzza e li presenta al suo pubblico. Qui i poveri dottori Gatti e Montanari escono a pezzi con la pediatra che si gonfia a dismisura.
Non contenta, la signora rivela che la dottoressa Gatti ha scritto un libro sugli UFO. E qui devo ammettere che la burocrate di regime supera se stessa. Come abbia fatto ad inventare una stramberia simile non saprei dire. La sola cosa che mi viene in mente è che quella sappia di poter disporre di un pubblico d’imbecilli vogliosi di bersi qualunque porcheria.
Ma di perle ne ho già raccolte una piccola collezione e devo dire che di geniali ce n’è più di una.
A questo punto ho scritto al personaggio, mandando per conoscenza il messaggio a chi le sta un gradino sopra, chiedendo un incontro pubblico dove ognuno possa illustrare le sue posizioni. L’alternativa è spostare l’incontro in un tribunale.
Naturalmente, fedeli alla filosofia tennistica e gommistica, nessuna risposta.
Riscrivo. Nessuna reazione.
Vabbè. Siate avvertiti.

Comment on Facebook

Stima infinita per lei e sua moglie

Nessuno osa confrontarsi con voi, perderebbero già in partenza. Voi siete 30 anni avanti rispetto a quei merdicuccoli ( termine usato dal blogger Pietro Bisanti). Avete tutta la mia stima e sempre avanti!

Grande stima per lei e sua moglie ...e se fanno questo per denigrarvi è perché vi temono.

Egregio dottore, lei è sua moglie siete i pilastri della verità. Non ci abbandonate mai, siete quel soffio di aria pulita che ci fa respirare in questo marasma di fetori tossici. GRAZIE DI ESISTERE!

Se la dottoressa scrivesse di ufo, lo farebbe con la razionalità scientifica che la distingue. L'universo è vasto, e sicuramente in un luogo lontano e irragiungibile, per la mostra attuale tecnologia, esiste forma di vita. È più facile che un ufo passi attraverso la cruna di un ago, che una pediatra imbecille varchi la porta del paradiso

Senza parole ....continui così la verità purtroppo fa male e infastidisce gli uomini di malaffare! Grazie per quello che fa.

Dottore non si ritiri...... Voi siete la ns forza! Io ho 4 nipotini cacciati dall’asilo. 2 avrebbero l’asilo nuovo, bellissimo, a ridosso della mia abitazione e gratis. Sentiamo le grida dei bambini che giocano e ci chiediamo ‘ma hanno avuto il coraggio di vaccinarli tutti?’

Cari dott. Gatti Montanari siete UNICI, capisco che su questa terra di gente che pensa di essere dei grandi ce ne sono a bizzeffe, ma non si confrontano MAI CON VOI XCHÉ farebbero una figura di cac....

Lei e Sua moglie continuate ad avere la mia più grande stima ed ammirazione per l’onestá, la conoscenza e la tenacia. A me basta vedere chi viene invitato in “tibbù” (permettendomi di parafrasarLa), dove mai si assiste ad un confronto serio con dati veri alla mano, per capire molte cose. So che non sono l’unica, ma siamo sempre troppo pochi a farci domande e a richiedere confronti più seri.

Quello che contraddistingue questi personaggi pieni di vuoto è la loro vigliaccheria. Non accetteranno mai un confronto pubblico, sanno di rimetterci, non gli conviene. Oltre che vigliacchi sono anche venduti, tutto sulla pelle dei bambini. Ah se esistesse davvero il loro Dio e la sua vendetta!

La verità non la si può nascondere a lungo siate forti

Non sanno più a cosa appigliarsi...

Viviamo in tempi così oscuri che solo la luce della verità può dissipare.

Cari Dottori avete tutta la mia stima e il mio apprezzamento per la vostra lealtà, coerenza, professionalità e intelligenza che oggi pare sia totalmente sparita. Perseverate anche se questo implica anche fatica da parte vostra. Perseverate in nome di quella speranza che fa continuare a credere che di persone come voi ce ne sono ancora e che non tutto ma proprio tutto è perduto.

Mi dispiace tantissimo per questi episodi di stupidaggine collettiva, soprattutto mi dispiace che due persone stupende come Lei e Sua moglie, perdano del tempo prezioso, vostro malgrado, dietro a simili personaggi dotati di una mente tanto malata quanto pagata sicuramente dal regime. Saluti cari, e un un'augurio sincero che questi ciarlatani finiscano in fondo al mare.......

Nel sistema neoliberista fondato sulla corruzione le persone integre sono scomode . Chi si sveglia riconosce la differenza tra personaggi e persone

Io a certa gente strapperei la laurea solo per la mancanza di rispetto! E sicuramente sarà una pagata da qualche colletto bianco!

un laureato in farmacia (5 anni di studi) che, parlando di un medico pediatra (10 anni di studi) dice che una laurea non si nega a nessuno? non penso si possa essere piu' faziosi di cosi

Una bella denuncia ci sta' , la signora cosi' smettera' di rosicchiare..

ma tanto in tribunale ci sarà un bel giudice che fa parte della stessa setta... ehm, volevo dire cricca.

Prima o poi la verità dovrà venire a galla! Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi!

Oramai non sanno più cosa inventarsi... Non hanno vergogna

Mi dispiace molto Dott. Montanari, sono un vostro sostenitore perché credo ancora nella sana medicina e informazione medica, ma questi eventi mi fanno perdere delle speranze sull’umanità. Spero che a questa pediatrucola, che più che pediatra sembra una politica da quattro soldi che elemosina voti diffamando gli altri, si rivolti contro ciò che ha affermato su di voi. Con gli interessi.

Noi sappiamo quanto siete grandi e importanti , pochi " come voi " conoscono e lavorano x la scienza, quella vera e non di parte. So che non mollerete mai , xche siete dei veri scienziati a servizio della verità. Grazie di esserci, anche x i nostri figli e nipoti

Si ma.. anche se uno avesse davvero scritto un libro sugli UFO, questo non implica che non sia in grado di scrivere altro, o che non sia competente in altre materie...

View more comments

5 days ago

Stefano Montanari

Mercoledì 22 gennaio alle 20:30 sarò alla Sala del Consiglio di Mirandola (Modena) in Via Giolitti, 22 e non sarò da solo. Siete tutti invitati. È gratis. ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Salve Dottor Montanari volevo chiederle se un giorno farà qualche sua conferenza anche a Napoli ....spero di si

Magari

Di cosa si parla?

Per me lontano. In Veneto mai?

Se è gratis ci sarà Burioni...😂😂😂😂 Buon lavoro doc.

peccato sia lontano.....😞

Avrei partecipato anche a pagamento...se fosse stato in Veneto!

Quale sarà il programma della serata?

Ci sarò di sicuro

View more comments

1 week ago

Stefano Montanari

Mi sono stufato delle mie vittorie postume.
Da anni università e centri di ricerca pubblicano con grande clamore scoperte che noi avevamo pubblicato molti anni prima. La differenza è che quelle scoperte noi le abbiamo fatte in due, con i soldi nostri e a dispetto dell’ostilità del regime, mentre quelle arrivate molti anni dopo, evidenti riproduzioni delle nostre, sono state ottenute con uno spiegamento di forze immane e a spese della comunità.
Ormai diversi anni fa io dissi che i filtri antiparticolato obbligatori per i motori Diesel sono dannosi per la salute, cosa desumibile semplicemente se si legge la descrizione del loro funzionamento.
Poi facemmo qualche prova pratica e i risultati furono quelli ci aspettavamo.
Senza che ci si possa sorprendere, i giornaletti di regime (sì, anche in questo caso il regime impera) m’insultarono a sangue. Il tutto, va da sé, senza contrapporre alcun dato ma perché, per definizione, io sono brutto e cattivo.
I nostri dati, inoppugnabili, finirono, da quanto so, alla Procura di Torino, e io andai personalmente a riferirne alla Procura di Roma. Sono passati anni e il silenzio resta assoluto. Intanto, i filtri continuano ad imperversare.
Ora qualcuno mi manda l’articolo che pubblico di seguito e mi chiedo fino a quando l’Homo sapiens continuerà a dimostrare la sua inferiorità nei confronti di qualunque altro essere vivente, continuerà a calpestare la propria dignità e lascerà distrattamente ad altri la salute propria e della prole.
Forse non è solo sui vaccini che sarebbe opportuno avere la verità.
... See MoreSee Less

Mi sono stufato delle mie vittorie postume.
Da anni università e centri di ricerca pubblicano con grande clamore scoperte che noi avevamo pubblicato molti anni prima. La differenza è che quelle scoperte noi le abbiamo fatte in due, con i soldi nostri e a dispetto dell’ostilità del regime, mentre quelle arrivate molti anni dopo, evidenti riproduzioni delle nostre, sono state ottenute con uno spiegamento di forze immane e a spese della comunità.
Ormai diversi anni fa io dissi che i filtri antiparticolato obbligatori per i motori Diesel sono dannosi per la salute, cosa desumibile semplicemente se si legge la descrizione del loro funzionamento.
Poi facemmo qualche prova pratica e i risultati furono quelli ci aspettavamo.
Senza che ci si possa sorprendere, i giornaletti di regime (sì, anche in questo caso il regime impera) m’insultarono a sangue. Il tutto, va da sé, senza contrapporre alcun dato ma perché, per definizione, io sono brutto e cattivo.
I nostri dati, inoppugnabili, finirono, da quanto so, alla Procura di Torino, e io andai personalmente a riferirne alla Procura di Roma. Sono passati anni e il silenzio resta assoluto. Intanto, i filtri continuano ad imperversare.
Ora qualcuno mi manda l’articolo che pubblico di seguito e mi chiedo fino a quando l’Homo sapiens continuerà a dimostrare la sua inferiorità nei confronti di qualunque altro essere vivente, continuerà a calpestare la propria dignità e lascerà distrattamente ad altri la salute propria e della prole.
Forse non è solo sui vaccini che sarebbe opportuno avere la verità.

Comment on Facebook

Sempre grazie Dott.Montanari... Ieri sera ero stracontento di vederla all'incontro M3V... finalmente una speranza concreta !!!!!!!!

Il futuro è vostro! Vostro e di chi, come voi, sta lottando con tenacia per divulgare verità e speranza. E' solo questione di tempo...

Aggiungo xhe una azienda italiana sta in causa con il ministero traspprti da 10 anni perche non gli autorizzano un macchinario che abbatte alla.fonte il particolato. Dukic day dream. Si chiama. Ormai la lobby del fap è mondiale e arriva prima sempre a.corrompere i governi nazionali e continentali

Anni fà, fui sorpreso dal prof. Veronesi mentre spostavo un pacchetto di sigarette dalla tasca della giacca a quella del cappotto. I nostri sguardi si incrociarono e io lo guardai come a dire "lo so, sono un cretino". Il professore mi disse "Se dopo mi dedica 5 minuti le spiego una cosa". Io immaginavo che mi avrebbe fatto un cazziatone (paternamente ovvio) al quale non avrei osato ribattere. Invece quando finito il mio lavoro andai da lui mi disse: "Egregio, lei non ha la più pallida idea di cosa faccia mille volte più male del fumo. Il teflon per esempio" e mi erudì su questo materiale. Egregio dott. Montanari, questo per dire chissà da quanti veleni siamo circondati senza che ci si renda conto.

perché i filtri antiparticolato sono dannosi?

Ma adesso Montanari oltre che di vaccini si occupa anche di motori diesel? Eclettico...

Il monitoraggio è ancora centrato sul pm-10. Col cavolo che vanno a guardare 'sotto'... ma basterebbe proprio 'guardare' (con un ESEM) un cavolo, un broccolo... roba da girarci un film...

Quanto ha ragione prof montanari... la situazione è inverosimile, l'uomo si è fatto sempre corrompere, ma mai come oggi, vogliono questo, da millenni ormai, distruggerci, e noi gli e lo stiamo permettendo, perchè deleghiamo le nostre vite a questi mercanti di morte.... Lei è una di quelle persone che ha le palle di dire le cose come stanno, ma una cosa è certa, il bene è e sarà sempre piú forte del male, Complimenti per quello che sta facendo, assoluta stima e ammirazione, un grande abbraccio prof.💚🤝

intanto che le vendono le auto euro sei e le bloccano dovremmo tutti fare denuncia e causa per risarcitorie..compriamo costretti da pazzoidi ai governi e cambiando macchine per leggi folli che non servono affatto ne per diminuire inquinanti lesivi ne per avere sicurezza solo per frodarci un altro poco..

MA è cosììììì, dottore non se la deve prendere, la razza umana è geneticamente predisposta a questo comportamento. Lo diceva anche Einstein che le grandi idee saranno sempre avversate dalle masse...

l'Italia è un fallimento x chi opera con onestà

Grazie dottore per il suo impegno. Non si abbatta e prosegua nel suo intento, anche se comprendo che è alquanto difficile. Più di 45 anni fa c’erano già studi che comparavano le emissioni tossiche dei motori Diesel con quelli a benzina . Già allora era chiaro che i diesel erano meno tossici; al contrario la nascente benzina verde era ed è cancerogena. Studi furono fatti anche sulle prime marmitte catalitiche le cui emissioni, dati alla mano, erano risultate altamente inquinanti e tossiche. Si, l’essere umano in questo campo si rivela davvero stupido, in nome del soldo mette a repentaglio l’altrui e Sua vita.

Siamo pigri, sazi e pippaioli. Se abbassassimo di qualche grado il livello di invidia cominceremo sempre di più ad aprire gli occhi e appoggiare tutti quelli che ci mettono in guardia, invece di deriderli e crocefiggerli.

io me lo ricordo il vostro studio, i fap spaccano il particolato in parti sempre più piccole, che diventano persino mutagene, però con la mia memoria non riesco a cambiare un'umanità intera.

Sempre cosi',poi arrivano i LUMINARI LAMPADARI,come dice anche il Proff.Di Bella e scoprono il gia' scoperto anni prima da brutti e cattivi come voi,non di regime!!!Tutta la mia stima sempre per Lei prof. <3

Sono ottimista e penso sempre che il bene alla lunga vinca sempre sul male o almeno ancora ci spero .Dottore ha tutta la mia stima .

L'ho sempre detto !! Che questa è una beffa , fatta soltanto per fare girare soldi alle multinazionali ....... Io come meccanico i contenuti delle marmitte li ho sempre distrutti ......

Si confermo.. io gia da 3 anni indietro ho visto e sentito tante conferenze del dott Stefano Montanari e della dottoressa Antonietta Gatti dove spiegavano questo filtro antiparticolato...Questo lavoro l hanno scoperto loro,hanno scoperto il grande flopp di questo filtro,alla fine inquina più l auto che ce l ha quello che non ce l ha.

A. Modena si fa la. Lotta ai pm10 e nessuno considera inceneritori fap maz Caz. Ma la colpa è anche nostra

come il fatto che non spingono su altri tipi di carburanti...altrimenti come fanno a giustificare le guerre per il petrolio!?

Perché i soldi comandano il mondo e certe cose saltano fuori solo quando non è più possibile tenerle nascoste ...

Non troveremo persone. Piu umane di loro......

Grazie dottore Montanari avanti sempre non mollate mai siete UNICI 😘😘❤❤

...mi ricordo che ne aveva parlato alle iene...o sbaglio???

Le sono immensamente grata grazie a lei riesco ad informarmi su temi importantissimi perché il regime segue solo la logica del profitto a qualunque costo tramite ignobili menzogne

View more comments

2 weeks ago

Stefano Montanari

Mercoledì 15 gennaio alle 20:30 sarò a Modena alla Sala Ulivi (Viale Ciro Menotti, 137). Parlerò della terribile epidemia di meningite che sta decimando il nostro paese. L’ingresso è gratis. Portare la testa è consigliabile. ... See MoreSee Less

Mercoledì 15 gennaio alle 20:30 sarò a Modena alla Sala Ulivi (Viale Ciro Menotti, 137). Parlerò della terribile epidemia di meningite che sta decimando il nostro paese. L’ingresso è gratis. Portare la testa è consigliabile.

Comment on Facebook

Mah...che competenze ha per parlare di microbiologia?

I batteri son batteri e basta, come potrebbe un vaccino proteggere da un batterio Gram negativo? Semplice.... NON PUÒ. e scommetto dei soldi con chi ha voglia di dimostrarlo testandolo direttamente sulla propria pelle..... Vaccino + contagio col Meningococco (quello Vero) e vediamo chi sopravvive oppure chi ritroviamo steso sul tavolo dell'obitorio, proponetelo ai geni della Biologia e vediamo chi ha ragione ma soprattutto se il vaccino in commercio funziona. Non é complicato, a fare i Virologi col fondo schiena degli altri sono capaciti tutti ma poi che lo dimostrino a fatti.

Mio nipote 16 mesi non è vaccinato. ieri mia figlia lo ha fatto vaccinare per la febbre gialla(andrà in Brasile per quasi un mese) e ci siamo scontrate con un medico che si è mostrato indispettito dal fatto che facessimo quel vaccino quando non è coperto per il tetano, per il morbillo, per la difterite ecc... a causa dei quali muoiono molte persone. Ho avuto un confronto piuttosto acceso. Ho parlato con lui del dottor Montanari e della dott. ssa Gatti, delle loro ricerche sui componenti vaccinali, ma ha ritenuto bazzecole di fronte alla scienza. Per farla breve, ha talmente terrorizzato mia figlia che, al suo rientro, farà vaccinare il figlio!!!!

Sempre GRAZIE Dott.ssa Gatti e Dott. Montanari. Sono orgogliosamente fiero di conoscervi ed ammirarvi per l'infinita generosità che dimostrate e date a tutto il mondo !!!!!!

Spero che possiate venire pure a Rovigo ..verrei volentieri ad ascoltarvi

La testa si dovrebbe indossare sempre, non solo nelle occasioni speciali come questa, il problema è che usciti dalla sala, come per liberarsi da un peso immane, molti la dismettono e la prima funzione che si disattiva, è la memoria...Grazie professor Montanari e speriamo che molti seguano il suo consiglio e non la dimentichino più, ma soprattutto che la lascino sempre accesa!

di epidemie di New Delhi invece non ne parlano forse perchè poi i tanti parenti dei morti ci ripensano e gli impongono coi giudici di pagare e disinfettare le sale ospedaliere da dove queste pandemie di mutagene e sporcizia vengono diffuse...robe da pazzi....tre morti forse magari per sporcizia di dosi o di alimenti o peggio, vengon diffusi e diramati come terrorismo mediatico per aumentare le dosi vaccinali (spesso ausa perfino di contaminazioni interne vedi storie francesi delle prime dosi terrorizzanti di vaccino H1N1 scandalo italiota eurofolle) strapagate ai poveri ignari e nessun allarme per TRENTA MORTI QUESTA ESTATE IN TOSCANA...

Aggiungerei del ceppo B e tutti si vaccinano per il ceppo C....🤣🙈

Per chi e' lontano...E' possibile vedere la conferenza in streaming? Ps abito a Bergamo 😱😱😱😱😌💪💪💪💪

Grandi Montanari e Gatti che Dio vi benedica per quello che fate.

sì e magari anche un po' di soldi visto che qui sono tutti bravi a dire agli altri di armarsi e partire. La maggior parte dei partecipanti avrà l'home banking nel proprio smartphone. Invece di fare foto e scrivere cazzate fate un bel bonifico collettivo al dottore e alla dottoressa così capite quanto poco ci vuole per evitare che, oltre alla casa, debbano vendere anche i vestiti. Ho i miei dubbi cmq... In bocca al lupo dottore. Luca

si può venire anche non vaccinati?

Mi dispiace davvero tanto di non poterci essere, ma vi ringrazio tantissimo x tutto ciò che fate sia lei che la dottoressa GATTI grazie di cuore

Caro Doc non organizza eventi anche a Milano?mi piacerebbe molto poterla ascoltare !!

Grande dott. Montanari.... È sempre sopra a tutti e tutto...

Sarà ripreso? Mi piacerebbe ascoltarla. Non posso venire a Modena ma mi piacerebbe tanto vedere o sentire la sua conferenza. La stimo enormemente.

Non aveva detto lei stesso che non è un'epidemia? Io abito in provincia di Bergamo e di casi di meningite ne abbiamo parecchi, ma guardando il suo video ero un po' più tranquilla. Ma adesso lei parla di Epidemia 😔

Con sommo dispiacere non potrò essere presente, è possibile sapere in quale puntata di Zelig sarà trasmesso tutto ciò?

Purtroppo non riesco ad esserci.. la conferenza verrà registrata?

Dottor Montanari e Dr.ssa siete grandissimi!Solo una domanda: perché nessuno parla di scie chimiche??

Egregio Dott Montanari, La seguo da diverso tempo. Non sono una dei tanti che andranno a fare la fila per vaccinarsi ( abito in zona focolaio basso sebino) , però c'è un però: il caso fra Brescia e Bergamo è un vero e proprio focolaio non crede? 5 casi in 1 solo mese e in un territorio circoscritto. Non è epidemia di sicuro ma un bel focolaio sì per giunta tutti di meningococco C (tranne l'ultimo caso) Quindi la gente è spaventatissima soprattutto per questo.

Mi dispiace molto non poter venire a Modena ma mi piacerebbe molto chiedere al dott. Montanari se la meningite si può prevenire o curare con antivirali e vitamine

Già messo in agenda. Grazie

Ha chiesto quanto guadagna ad ogni vaccino?

Ma in Sicilia quando?

View more comments

3 weeks ago

Stefano Montanari

Non ricordo quante conferenze ho fatto in passato nella cosiddetta Terra dei Fuochi. Certo, non poche. Certo, non ne farò più. Non ne farò più perché è inutile fare fatica e illudersi: non c’è niente da fare. Non c’è niente da fare perché c’è la volontà ferrea di non fare niente, e questo perché quel territorio è terra di conquista incontrastata per la malavita, non solo quella locale, la cosiddetta politica e, mi si perdoni se non mi conformo all’ipocrisia corrente, la pigrizia degli abitanti. Quel territorio, ridotto com’è, è una potenziale miniera d’oro per chi “ci sa fare”.
Ora Simona Bassano di Tufillo, la splendida illustratrice del libro La Fumosa Storia dell’Uomo , mi manda qualcosa che mi chiede di pubblicare. Lo faccio. Ognuno giudichi da sé e, magari, prenda la tragedia della Terra dei Fuochi come uno dei mille simboli del precipizio in cui ci siamo lasciati cadere.
lo so che qui è difficile che vengano letti post lunghi ma io ci provo. lo leggeranno solo quelli che hanno tempo ma io ci tengo molto. So che tanti faranno finta di non averlo visto ma spero che lo leggeranno degli “amici” che proveranno a fare qualcosa, ne vale la pena.
Una storia d’impegno, di amore e di bellezza.
C’era una area fortemente avvelenata a San Giuseppiello, Giugliano in Campania, terra dei fuochi. Poi c’era un progetto di bonifica, come tanti altri, tanti milioni di euro, denaro pubblico. Ne sarebbe risultato un lavoro enorme, di asportazione di terra e veleno per portarlo chissà dove, con costi enormi. Bruttura su bruttura, devastazione su devastazione, distruzione su distruzione che avrebbe arricchito solo la camorra. Sappiamo che è così che funziona, la camorra inquina, la camorra si occupa delle bonifiche. Invece è successo che il commissario alle bonifiche ed un gruppo di studiosi della facoltà di agraria dell’università di Napoli, coordinato dal prof. Massimo Fagnano hanno realizzato un progetto differente, improntato all’attenzione ed alla cura della terra. E così nei terreni sequestrati ai clan, dov’erano stati sotterrati veleni e rifiuti industriali è stata attivata un’opera di recupero totalmente affidata alla tecnologia ed alla Natura. Un intervento alternativo, pulito, a basso costo: sono stati piantati 20.000 pioppi, le cui radici stanno assorbendo i metalli pesanti in profondità. Il terreno è stato cosparso di compost arricchito con batteri capaci di metabolizzare gli idrocarburi. Il tutto è costato “solo” 900.000 euro rispetto ai molti milioni di euro che prevedeva il progetto iniziale. In questi anni gli alberi sono diventati un bel bosco, sono ritornati gli animali selvatici e gli uccelli, arrivano gli alunni delle scuole, le macchine monitorano la diminuzione dei veleni, un vero miracolo. Eppure l’area non è stata affidata, il commissario da qualche settimana è in pensione e la Regione Campania non ha ancora individuato né il successore né un organismo a cui affidare il bene bonificato. Intanto da qualche mese è già cominciata la devastazione degli uffici e delle apparecchiature.
Un modello virtuoso, efficace ed efficiente, una sperimentazione ecosostenibile, un esempio di legalità che si potrebbe replicare nelle mille terre avvelenate del nostro Paese rischia di essere dimenticato e, fatto gravissimo, di essere distrutto e le persone che vi hanno lavorato lasciate sole ed esposte. Persone che hanno avuto il coraggio di intraprendere percorsi differenti, di non utilizzare denaro pubblico per opere costose ed inutili, di occuparsi della nostra terra con cura per recuperare natura e bellezza. Vorrei portare a conoscenza i grandi movimenti ambientalisti italiani di questa storia. Non vorrei apparire troppo esigente se affermo che se ne dovrebbe occupare la Politica, Libera, la Magistratura, le Associazioni, , Cittadinanza Attiva, i Giornalisti sensibili ed attenti al tema e che non si lasciasse solo chi ha provato a costruire un modello di risanamento della nostra terra in maniera seria, attenta e naturale, mettendosi anche contro il grande potere della camorra. Se ci siete datemi una mano a diffondere e a condividere questa bella storia prima che diventi una storia triste.
... See MoreSee Less

Non ricordo quante conferenze ho fatto in passato nella cosiddetta Terra dei Fuochi. Certo, non poche. Certo, non ne farò più. Non ne farò più perché è inutile fare fatica e illudersi: non c’è niente da fare. Non c’è niente da fare perché c’è la volontà ferrea di non fare niente, e questo perché quel territorio è terra di conquista incontrastata per la malavita, non solo quella locale, la cosiddetta politica e, mi si perdoni se non mi conformo all’ipocrisia corrente, la pigrizia degli abitanti. Quel territorio, ridotto com’è, è una potenziale miniera d’oro per chi “ci sa fare”.
Ora Simona Bassano di Tufillo, la splendida illustratrice del libro La Fumosa Storia dell’Uomo , mi manda qualcosa che mi chiede di pubblicare. Lo faccio. Ognuno giudichi da sé e, magari, prenda la tragedia della Terra dei Fuochi come uno dei mille simboli del precipizio in cui ci siamo lasciati cadere.
lo so che qui è difficile che vengano letti post lunghi ma io ci provo. lo leggeranno solo quelli che hanno tempo ma io ci tengo molto. So che tanti faranno finta di non averlo visto ma spero che lo leggeranno degli “amici”  che proveranno a fare qualcosa, ne vale la pena.
Una storia d’impegno, di amore e di bellezza.
C’era una area fortemente avvelenata a San Giuseppiello, Giugliano in Campania, terra dei fuochi. Poi c’era un progetto di bonifica, come tanti altri,  tanti milioni di euro, denaro pubblico. Ne sarebbe risultato un lavoro enorme, di asportazione di terra e veleno per portarlo chissà dove, con costi enormi. Bruttura su bruttura, devastazione su devastazione, distruzione su distruzione che avrebbe arricchito solo la camorra. Sappiamo che è così che funziona, la camorra inquina, la camorra si occupa delle bonifiche. Invece è successo che il commissario alle bonifiche ed un gruppo di studiosi della facoltà di agraria dell’università di Napoli, coordinato dal prof. Massimo Fagnano hanno realizzato un progetto differente, improntato all’attenzione ed alla cura della terra. E così nei terreni sequestrati ai clan, dov’erano stati sotterrati veleni e rifiuti industriali è stata attivata un’opera di recupero totalmente affidata alla tecnologia ed alla  Natura. Un intervento alternativo,  pulito, a basso costo: sono stati piantati 20.000 pioppi, le cui radici stanno assorbendo i metalli pesanti  in profondità. Il terreno è stato cosparso di compost arricchito con batteri capaci di metabolizzare gli idrocarburi. Il tutto è costato “solo” 900.000 euro rispetto ai molti milioni di euro che prevedeva il progetto iniziale. In questi anni gli alberi sono diventati un bel bosco,  sono ritornati gli animali selvatici  e gli uccelli, arrivano gli alunni delle scuole,   le macchine monitorano la diminuzione dei veleni,  un vero miracolo. Eppure l’area non è stata affidata, il commissario da qualche settimana è in pensione e la Regione Campania non ha ancora individuato né il successore né un organismo a cui affidare il bene bonificato. Intanto da qualche mese è  già cominciata la devastazione degli uffici e delle apparecchiature.
Un modello virtuoso, efficace ed efficiente, una sperimentazione ecosostenibile, un esempio di legalità  che si potrebbe replicare nelle mille terre avvelenate del nostro Paese rischia di essere dimenticato e, fatto gravissimo, di essere  distrutto e le persone che vi hanno lavorato lasciate sole ed  esposte. Persone che hanno avuto il coraggio di intraprendere percorsi differenti, di non utilizzare denaro pubblico per opere costose ed inutili, di occuparsi della nostra terra con cura per recuperare natura e bellezza.  Vorrei portare a conoscenza i  grandi movimenti ambientalisti italiani  di questa storia. Non vorrei apparire troppo esigente se affermo   che se ne dovrebbe  occupare la  Politica, Libera, la Magistratura, le Associazioni, , Cittadinanza Attiva,  i Giornalisti sensibili ed attenti al tema e che non si lasciasse solo chi ha provato a costruire un modello di risanamento della nostra terra in maniera seria, attenta e naturale, mettendosi anche contro il grande potere della camorra. Se ci siete datemi una mano a diffondere e a condividere questa bella storia prima che diventi una storia triste.

Comment on Facebook

Grazie prof. Stefano Montanari per aver condiviso il mio post. contiene qualche imprecisione ma gli elementi sostanziali sono salvi. Grazie per tutto quello che fa, #andiamoavanti

Ammetto che mi ha spaventato, invece è stato più corto di tanti suoi post. Vede dott Montanari, ammiro le persone come lei, ammiro l’impegno e la tenacia che ci mette per divulgare la verità e la conoscenza ad un popolo a cui non interessa. Un popolo furbo, ma poco intelligente, purtroppo. Naturalmente mi riferisco alla massa e non certo alla nicchia che la segue o ai grandi uomini che hanno tentato di fare grande l’Italia. L’italiano medio non ha tempo di leggere i suoi post perché impegnato a farsi fregare i soldi con il gioco d’azzardo, oppure a seguire programmi spazzatura alla TV, a lamentarsi ma a non fare proprio nulla per cambiare, anzi, critica chi cerca di farlo. Un popolo così è fin troppo facile da abbindolare e trascinare nell’oblio.

Il problema, secondo il mio modesto parere, è più politico che camorristico. Ricordo le tante persone, scese in strada a Terzigno per impedire l'ingresso nella cava di camion carichi di rifiuti tossici, ebbene, questi cittadini furono manganellati dalla polizia ed accusati d'essere camorristi, sebbene tutti sapessero che, la camorra era quella che guidava l'ingresso dei camion carichi, non quella che voleva impedirlo. Ecco perchè nulla si risolve.

Rispondo a quelli che hanno commentato il post , non credo che il prof. Montanari lo abbia pubblicato per avere i vostri elogi e le critiche rivolte a noi cittadini , ma chiede di divulgare affinché possa arrivare nelle orecchie giuste . Il problema non riguarda solo la Campania , ormai tutta Italia è terra dei fuochi , es. gli incendi negli stabilimenti di stoccaggio dei rifiuti tossici e non.

Anche il nord Italia sta' messo male e tutti fanno finta di niente, la gente preferisce parlare di argomenti leggeri non si interessa di politica perché è noiosa, poi un giorno si trova un familiare ammalato di tumore e si domanda dov'è Dio! Dio ci ha dato un Paradiso siamo noi che lo stiamo facendo diventare l'inferno. Condivido il suo appello nel mio gruppo ben sapendo anch'io che pochi lo leggeranno ma il mio compito di divulgare certe notizie è più forte dell'indolenza della gente che mi circonda.

Probabilmente la bonifica con la canapa sarebbe costata ancora meno e sarebbe stata ancora più veloce ma, come ha già scritto lei, dare visibilità, incentivare e, soprattutto, preservare gli esempi virtuosi, in questo paese è una colpa ... Non ci resta che informare e diffondere il più possibile questa colpevolezza 💪🏻✌️🍀

Dottor Montanari sono un suo affezionato ascoltatore su radio studio 54 e le posso solo dire grazie x tutto ciò che fa'. Anche in questo caso come nella maggior parte dei casi la colpa è del popolo che dorme fregandosene come sempre di tutto . L'italiano è un personaggio strano osserva la barca affondare senza fare niente aspettando che faccia qualcosa un'altra persona,inizia a preoccuparsi quando l'acqua è alle ginocchia, ora questo menefreghismo ( secondo me ) nell'arco degli anni lo a portato ad essere ignorante e credulone a tutto ciò che gli dice ( Santa televisione) spero di sbagliarmi spero che il progetto delle pioppete vada avanti . Ora faccio una riflessione e dico !! Religioni politica e mafie su cosa si basano?. Sull'ignoranza! Senza ignoranza non esisterebbero , sicché faranno di tutto x accantonare il progetto alberi.. speriamo di sbagliarmi!!!!

Ho letto tutto... sono pienamente d’accordo... la seguo dal 2007 quando partecipai ad una delle sue conferenze da noi a PG illustrandoci a meraviglia il problema... qui noi abbiamo l’ospedale con un centro di eccellenza internazionale per la cura di leucemie e linfomi e da quelle zone ahimè arriva tanta gente... adulti e bambini... Non si risolverà il problema perché non c’è la volontà... i cittadini, per primi, non fanno quadrato intorno a chi si fa paladino per togliere di mezzo quel disastro... la politica sia locale che nazionale si trincera dietro a tanti cavilli e indecenze burocratiche che li fa galleggiare da un mandato all’altro... Onestamente le dico che non ci meritiamo questo mondo... non facciamo nulla per proteggerlo pretendendo di sfruttarlo come se le conseguenze poi non fosse lo stesso uomo a subirle...

Sono nata nella terra dei fuochi, e appena mi è stato possibile ho fatto le valigie e sono andata via. Sono passati appena venti anni ed è tutto peggiorato. Non so se ne verremo mai fuori. Purtroppo ho tutta la mia famiglia lì e questo problema mi angoscia non poco. Condivido con tanta amarezza.

L'uomo è destinato ad estinguersi e va bene cosi. Non meritiamo la terra, ma solo l'oblio. Siamo degli ospiti della peggior specie. Abbiamo ricevuto oro dalla natura ricambiando con letame. La nostra pigrizia, la nostra omertà ci ha reso inadatti al futuro. La speranza è sopravvalutata specialmente quando si aspetta che un altro faccia il lavoro al posto nostro. Condividere o no fa poca differenza. Solo a mettere a tacere per un po' la nostra coscienza. Con ottimismo verso la catastrofe

Grazie mille professore per la pazienza a renderci consapevoli delle sue idee... La prego di non stancarsi mai.... Continui a informarci, per favore.... Le sue conoscenze sono preziose!! GRAZIE GRAZIE GRAZIE! 🙏🙏🙏

Nel mio piccolo provvederò a raccontare a chiunque come si possa bonificare in modo naturale e a basso costo. Purtroppo non credo di poter fare altro ma ho fiducia che qualcosa di buono ne verrà fuori. Grazie.

Ho letto fino in fondo. Vi auguro che la gente che vive in quella zona vi appoggi nel continuare il vostro progetto di risanamento di quella bellissima terra

Carissimo Dottor Stefano....ovviamente non ci sono parole. Mi dimandi dove sono i vari "moralizzatori catodici" (vedi Gilletti o i censori di Report o finti perbenisti delle Iene...). Tutto ciò in un paese normale di rebbe essere trasmesso a reti unificate in prime time ma.....ah già che stupido!!!! Gli italioti prediligono le "barbaredurso" o i finti servizi falso buonisti.....e poi finché la squadra del cuore vince.....

Grazie Dottor Montanari e grazie a quelle brave persone che hanno creduto in questo ammirevole progetto in quelle Terre martoriate condivido molto volentieri questo post.. so che ha ragione ad essere arrabbiato ma non ci abbandoni

Se solo si "volesse" si potrebbero bonificare tante altre aree inquinate. Lavorando seriamente, con persone e "staff" capaci, che tutte quante abbiano a "Cuore" il futuro del nostro pianeta. Lo Stato a queste persone dovrebbe "RICONOSCERE" il loro Valore, facendo in modo di donargli tali aree "riqualificate". Speriamo che qualcuno si svegli.!!!

Dottore stimo molto quelli come lei e quelli che hanno fatto queste opere di bonifica , ma il marcio da sradicare é tanto .... complimenti per il lavoro di informazione e ricerca che continuamente fate , condivido volentieri il suo post

Sono perfettamente d'accordo sul nuovo sistema di bonifica ammesso che si riesca a farlo ci sono passata ed oltre alla desolazione il fatto che mi ha molto colpito è che nella terra dei fuochi ci sono le coltivazioni di pomodori di una nota casa produttrice di pelati, passate,salse e pomodori a pezzi con tanti di cartelli diciamo pubblicitari

Io la ringrazio per aver parlato della terra dei fuochi, la invito a continuare a parlarne, a tenere alta l'attenzione su questo territorio.

Gli esempi positivi e virtuosi chissà perché non vengono seguiti...forse perché la mala gestione della mala politica e della mala vita lo impedisce.. Ma ciò che spero è sempre in un miracolo, che uomini di buona fede e di buona volontà possano sovvertire questo disordine che si è radicato e che il bene prevalga sempre sul potere e gli interessi egoistici di certi poteri oligarchici..

Grazie mille dottor Montanari. Non ero a conoscenza di questo "progetto pulito": lo condividerò immediatamente, sperando che altri, come me, s'impegnino almeno nella lettura del suo post. Informazione è conoscenza.

Sono sempre stata una persona convinta che spiegare e dimostrare che con un po' di sacrificio si può e si deve migliorare la nostra qualità di vita, che ai nostri figli stiamo lasciando plastica bollente come eredità. ..ma , come lei,..ho smesso Siamo un popolo veramente strano....sempre convinto che la colpa sia degli altri e quindi devono essere gli altri a riparare....alzo bandiera bianca A lei tutta la mia ammirazione

Ammiro quest'uomo per gli interessi rivolti a far del bene e consiglio vivamente di leggere questo testo apparentemente lungo , ma che una volta iniziato rivela fatti utili a tutti. Un grazie al prof. Montanari per averlo portato in evidenza !

Grandioso progetto ! perché è così difficile recuperare un valore umano così importante quale è la difesa dei nostri territori ? perchè per la maggior parte delle persone non è importante prendere posizioni nette, decise e giuste ? quando si tratta della difesa della nostra stessa Vita ! ?

Condivido con piacere, penso sia un dovere. Lei dottore mi fa ancora sperare che ci sia una luce.

View more comments

1 month ago

Stefano Montanari

A parte i commenti che ricevo sul blog, mi arrivano mail private a proposito di un tale che, di tanto in tanto, a piccole ondate, manda messaggi demenziali. Chi mi scrive mi chiede di “bannarlo” (neologismo orrendo) perché – dicono tutti – “qui siamo persone serie.”
Tornando indietro negli anni, il ragionier Giuseppe Grillo mi disse più volte che, tra le migliaia di persone che, in qualche modo, avrebbero avuto contezza della mia esistenza, una manciata di loro mi avrebbe importunato. Del resto – aggiungeva Grillo che della materia era tanto esperto da saperne trarre vantaggio – è impossibile che in un grande numero d’individui non ci sia qualche imbecille. Tutto vero.
John Lennon ci rimise la pelle. Io, che sono intonato ma non canto in pubblico, ho solo qualche seccatura (es. querele palesemente infondate sporte con il solo obiettivo d’intimidirmi) e, il più delle volte, trovo questi personaggi divertenti.
Da una quindicina d’anni, per esempio, sono la ragione di vita di una povera infelice che allevia il grigiore delle sue giornate solitarie ascoltando tutto ciò che dico e leggendo tutto ciò che scrivo e che si scrive di me. Spesso si tratta d’invenzioni (vedi, giusto a titolo d’esempio, le farneticazioni della compianta Valeria Rossi), ma che lo siano non riveste alcuna importanza per la mia ostinata pedinatrice. A causa della sua penosa seminfermità mentale, questo personaggio, novello Proteo, assume le sembianze più disparate, dal medico all’avvocato, fino ad impersonare una giovane paraplegica. Poi, quando la malattia si aggrava, compone lunghi pistolotti caratterizzati da una grammatica incerta e da una sintassi “personale”, arrivando pure a cimentarsi in un inglese che avrebbe suscitato l’interesse di chi scriveva i testi per Alberto Sordi. Chi conosce la realtà di Internet sa che non ci sono difficoltà a trovare ospitalità e a ricevere vere e proprie ovazioni, e questo a prescindere da ogni considerazione. Per pietà umana mi astengo dall’elencare le stramberie che la signora ha partorito e continua a partorire. Io? Io ci ho fatto il callo. In qualche modo, sono vaccinato.
Come è caratteristico di certe patologie, due o tre personaggi si esibiscono a ondate su questo blog, imperversando per un po’ e ripiombando poi per lunghi periodi nel silenzio. In genere si tratta di qualcuno che, ad imitazione del “luminare” di regime, ospita alla sommità del cranio la fiammella della sapienza e, dunque, “sa”. Forte di questo celeste privilegio, il personaggio protagonista dei messaggi di protesta che mi mandate contesta, ovviamente senza argomentare, qualunque cosa io affermi con una preferenza per i risultati della mia ricerca di cui, come è prudente per lui che sia, non sa nulla né, peraltro, sarebbe capace di rendersi ragione.
Vuole la regola che, quando si avanza una critica in campo scientifico, si presentino dati propri e ci si confronti. Senza che i miei pazienti lettori perdano tempo: nessuno di loro, a partire dal loro modello per continuare giù fino alla macchietta del momento, si è mai avventurato ad un confronto.
Da qualche tempo questo blog ospita le esternazioni, spesso delle vere e proprie stereotipie, della macchietta di cui sopra: un travet del regime di affidabile ottusità. Si tratta di un ragazzino mai sbocciato nella maturità dell’adulto salito al nord in cerca di uno stipendio, e il posticino fisso l’ha trovato. Occorre sottolineare come, per occupare certe posizioni, sia indispensabile avere un quoziente intellettivo posizionato entro limiti di sicurezza, vale a dire abbondantemente sotto media, una cultura ridotta e, comunque, saldamente incanalata, e l’assenza di quel pericolo tanto temuto dal regime che è la morale. Questi figuranti, che qualcuno chiamerebbe utili idioti, sono spendibili dal regime senza alcuna remora, trattandosi di nullità assolute e, per questo, sono mandati allo sbaraglio anche con la fondata speranza, secondo la dottrina del ragionier Grillo, di trovare qualche consenso.
Oggettività vuole che questo spazio sia frequentato da pochissime persone che, nel tempo, si sono autoselezionate e, dunque, qui il meschino non ha possibilità di successo. Non per questo, tuttavia, mette fine al suo eroismo, dovendo dimostrare ai superiori che lui combatterà fino alla morte.
Concludendo per non abusare della pazienza dei miei pochi lettori, chiarisco allora che non “bannerò” il ragazzo. Senza che se ne renda conto, ogni suo intervento è una zappata sui piedi del regime per la dimostrazione di miseria intellettuale, culturale e morale che regala. Da non trascurare, poi, certe venature comiche quando si spaccia grottescamente per uomo di scienza. Giusto per inciso, mi è capitato di vedere un suo prodotto “scientifico” ed è solo il pudore unito alla pietà che mi vieta di aggettivarlo.
Insomma, l’utile idiota è utile anche dove non vorrebbe esserlo e resta il benvenuto.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

È sempre un piacere leggere i Suoi post, anche solo per l'italiano che Lei usa. È una ventata di goduria grammaticale che si sta purtroppo perdendo...Sui concetti poi....altra goduria mentale...grazie.

dottore non mi ci mandi, la prego , puó dirmi sinteticamente che ne pensa dell’uso di argilla ventilata ad uso interno? ci sono nanoparticelle?

Auguri ad un Medico Illuminato... e anche agli utili idioti. Ne hanno molto bisogno! Grazie dottore a lei e sua moglie: persone come voi potrebbero farci tornare a vivere in un Mondo a Colori. 🕯⭐🎄🎨🌈

La seguo con grande interesse e trovo che lei sia una delle poche menti ancora libere di pensare. Grazie 🌹

Standing ovation, Doc...mi fa sempre ingrassare dalle risate!! Guardi che la cito per danni, eh!! 🤣🤣🤣 Scherzi a parte, le faccio tanti auguri di Ogni Bene, domani e per tutti i giorni a venire, a lei e splendida consorte... Avantituttaaaa

Splendido racconto di cosa sia il "vaccino" emotivo e morale che chiunque potrebbe autocostruirsi e autoniettarsi nei percorsi neuronali,sempre considerando che esistano😊😊😊😊 Grazie👍👍👍👍

...non ti curar di lor, ma guarda e passa.....si si lo so, direbbe una persona squisita come Lei, grandissimo dottor Montanari......io invece mi "curerei" di questo ignobile individuo che la importuna, anzi prego per incontrarlo.....avrei da spiegargli certe cose e soprattutto una sana educazione, ma in un modo così deciso e diretto che gli passerebbe la voglia di fare il simpatico e l'arrogante nascosto dietro una tastiera .......saluti e auguri, ovviamente anche a Sua moglie.

un medico straordinario, onesto e simpatico questo è lei. Lo spirito è le tante persone che la vogliono bene le danno la forza per continuare la sua battaglia. Grazie 🙏 Buon Natale a lei e alla sua dolce metà

Ullallá... Interessante analisi quantica dei adepti di sistema.. Ma continui a illuminare la fiaccolata...queste fave a zuppa avranno dei nomi , immagini o nick name, giusto no?.... Stimato prof., per proteggerci da loro dobbiamo sapere chi sono.

Si rallegri dottore ,sta compiendo un'opera di carità .....

Innanzi tutto le AUGURO un buon o sereno Natale a lei e alla dottoressa GATTI e poi ringraziarvi x tutto ciò che fate siete UNICI !!👍

Auguri..... Vivissimi io ero nel gruppo meet up di Firenze che con te e grillo andammo in regione... Sei una persona stupenda ti preparai il banchino per la raccolta fondi anche a Pontedera.... Son passati molti anni ma ti seguo sempre in tutte le forme possibili. Ti auguro un felice natale

Io resto dell’idea che lei dovrebbe scrivere, mi ricorda tanto Vitali... Che successo avrebbe! Grazie come sempre.

Sei il mio idolo sei una eclicopedia vivente buon Natale a te e famiglia ⛄🎄🎅🛷

È una grande Persona Buon felice santo Natale!!! Prima o poi tutto passerà, Passeranno le tempeste Passeranno le stagioni E passeranno anche gli stolti!!! Quel che ne resterà sarà storia.

Quando un giorno tornerà la democrazia ricorderemo questa tremenda parentesi senza ancora una volta capire come ci siamo finiti.

Buon Natale a lei e alla sua famiglia. Grazie di tutto

Tantissimi auguri a lei e famiglia e grazie per le utilissime informazioni che tramite il gheri riuscite a far arrivare a noi comuni mortali siete persone veramente di valore grazie

Grazie per le sue divulgazioni ed umoristicamente english osservazioni✨🙏🏼☺️✨🎄🌟❤️✨✨✨Felice Natale anche alla dottoressa 🌟✨💝🌟💫✨✨✨

Avanti Dott.Montanari ,grazie e' poco per cio' che ci regala ! Buon Natale comunque !

Aspettando che lo "spirito" scientifico diventi di moda fra tutti i professionisti della salute le auguro Buon Natale e la ringrazio per i sacrifici che ha fatto e farà nell'interesse della Scienza e della salute di tutti

Lei ha tutta la mia stima!

Grazie Dott. Montanari per rendere semplice dei concetti complicati come i percorsi della mente di certi personaggi che non sanno comprendere l’onestà di intenti che Lei e sua moglie siete capaci di esternare. Le auguro un sereno Natale 🎄

La stimo molto, auguro a lei e alla sua famiglia un buon Natale

Immensi auguri di cuore a lei Dott.Montanari e la Dott.Antonietta

View more comments

1 month ago

Stefano Montanari

Da tempo immemorabile scrivo regolarmente per il mensile Biolcalenda. Nel numero di febbraio ci sarà l’articolo che ho qui il permesso di pubblicare come anticipazione:
Un po’ intimiditi, stavamo tutti seduti nel piccolo anfiteatro dell’università. Nessuno della ventina d’iscritti conosceva gli altri. La preside di facoltà ci dava il benvenuto. Solo dopo, a tempo debito, al terzo anno, ci avrebbe torchiati tutti per bene. Di quel discorso ricordo solo due concetti. Il primo: “Il lavoro che vi accingete a fare sarà giustificato solo se mirerete al bene di chi si rivolge a voi.” Insomma, Ippocrate per i principianti che eravamo. Il secondo concetto: “Non esistono farmaci privi di effetti collaterali. Quando ne somministrate uno, mettete su un piatto della bilancia l’effetto che sperate di ricavare e, sull’altro piatto, la lista di quanto quel farmaco potrebbe essere causa.” È passato più di mezzo secolo ma Ippocrate è ancora quello di un tempo e ai farmaci rimangono invariate le stesse caratteristiche. Del resto, è la loro stessa etimologia a rivelarcelo con chiarezza: ϕάρμακον (fàrmakon). Medicinale, sì, ma anche veleno e – guarda un po’ – espediente per ottenere qualunque cosa, per illecita che sia. Un significato che si trova sui vocabolari ma tanto abolito dalla memoria collettiva quanto profetico.
Di tanto in tanto i giornali riferiscono del ritiro di un prodotto medicinale, magari uno di quelli che i medici avevano entusiasticamente prescritto per molti anni. Il perché è semplice: il piatto “cattivo” della bilancia era troppo pesante e non si poteva proprio continuare a far finta di nulla. Qualcuno potrà trovare curioso che ci se ne avveda solo dopo tanto tempo e, non proprio di rado, a fronte di migliaia di morti, ma forse è opportuno sapere che le cavie delle sperimentazioni, quelle che dicono davvero qualcosa, sono i pazienti stessi, e per gli esperimenti sull’uomo occorre tanto tempo. Ed è anche opportuno sapere che solo un’infima parte di quei ritiri riceve qualche, sempre brevissima, pubblicità. A volte il produttore viene pure condannato a pagare penali apparentemente salatissime per “sanare” il guaio ma, di regola, il denaro che ha incassato prima che ci si accorgesse del problema è di gran lunga superiore a quello relativo alla pena. Insomma, conviene.
A proposito di sperimentazione, è ormai tradizionale sentire qualche “luminare” che rassicura il popolo: niente è più controllato e sperimentato dei vaccini.
Lasciando da un canto i controlli che, ahimè, se esistono, sono fatti in modo a dir poco superficiale, visto che in quei prodotti, da anni, noi ci troviamo regolarmente inquinanti che sfiorano il grottesco, forse non è tempo perso illustrare brevemente e semplificando al massimo il perché i vaccini non sono mai sperimentati.
I farmaci con intento terapeutico sono sperimentabili secondo un metodo che, in gergo tecnico, è chiamato doppio cieco. Si prende un gruppo, possibilmente numeroso, di persone che soffrono di una determinata malattia e lo si divide in modo del tutto casuale in due sottogruppi. Ad un sottogruppo si somministra il farmaco in sperimentazione e all’altro un placebo, vale a dire qualcosa che ha le sembianze del farmaco ma che non contiene il principio attivo. Nessuno, né le cavie umane né i somministratori, deve essere al corrente di ciò che viene effettivamente assunto. Alla fine della sperimentazione si comparano i due sottogruppi per vedere chi dei soggetti è guarito, chi è migliorato, chi non ha avuto effetto, chi è peggiorato e come. Gli addetti ai lavori sanno che i risultati di quel sistema, apparentemente perfetto, sono inficiati da un’infinità di trucchi, ma così è. Fatta la legge…
Se ci si trova a sperimentare i vaccini, le cose cambiano di parecchio. Le cavie umane (devono essere umane perché il morbillo, la varicella, la pertosse e, insomma, le nostre malattie infettive, non colpiscono gli animali che soffrono, invece, di altro) sono necessariamente sane, visto che l’obiettivo dichiarato del vaccino non è la cura ma la prevenzione. Detto per inciso, di tanto in tanto si sente parlare di vaccini curativi: una vera e propria bestialità. Trattandosi di soggetti sani, non è affatto detto che questi, vaccini o no, si ammalino di quella malattia. Dunque, occorre lavorare su base statistica, con i numeri che la statistica pretende se vuole essere in qualche modo credibile, cercando di pronosticare quanti hanno probabilità di ammalarsi. Ecco, allora, una prima possibilità di errore grossolano di cui si avvede chiunque sappia quanto enormemente è mutevole la variazione di morbilità delle malattie infettive nel tempo. Ma, se mai questi soggetti si ammaleranno, entro quanto tempo lo faranno? Potrebbe trattarsi di anni, di decenni… Ovviamente, di mai. E, allora, una sperimentazione dovrebbe protrarsi per tempi lunghissimi e, comunque, darebbe sempre risultati opinabili. Peggio ancora quando si tratta di vaccini rivolti a più ceppi della stessa malattia (non di rado oltre la decina) o a malattie diverse come è il caso dei vaccini polivalenti che tanto successo commerciale ed emotivo ottengono. Dunque, se si volesse davvero sperimentare un vaccino contenendo l’errore entro margini tollerabili, occorrerebbero milioni di soggetti e decenni. Troppo. E, allora, che si fa? Semplice: non si fa niente. Sì: nessun vaccino è sperimentato. Al più, s’inietta il farmaco a qualche animale che, ovviamente, non potrebbe mai dare alcuna risposta circa l’effettiva efficacia, e si aspetta qualche giorno per vedere se la bestia sopravvive o se, comunque, mostra effetti strani. Dal punto di vista medico l’interesse è pressoché nullo, ma questo “disturbo” che il produttore si sobbarca serve a “dimostrare” ai più che indulgenti controllori e al popolo che il prodotto è stato sperimentato. A volte, per puro “zelo”, si somministra per un po’ di tempo il prodotto a soggetti del Terzo Mondo e se, come non proprio raramente capita, la diffusione della malattia non muta o diventa più vivace, basta far finta di nulla. I morti? Nessuno è chiamato a renderne conto.
Esistono, poi, vaccini sui quali, anche volendo, non sarebbe comunque possibile condurre sperimentazioni. Mi riferisco a quelli contro l’influenza, prodotti che più di una volta hanno dimostrato palesemente una totale inefficacia quando non qualcosa di peggio. Sperimentazione impossibile perché i ceppi virali coinvolti mutano con grandissima rapidità e, da un anno all’altro, si tratta di virus di fatto diversi. Così, stante proprio questa velocità di mutazione, oltre all’impossibilità tecnica di sperimentazione, non si riesce a mettere in circolazione un vaccino contro i virus correnti. E, allora, il prodotto che viene iniettato è quello preparato su vecchi virus ormai non più in circolazione. Quindi, si fa un atto di fede.
Tutto quanto detto è perfettamente conosciuto dagli addetti ai lavori ma non dal grande pubblico di cavie paganti.
In conclusione, raccontare che i vaccini sono sperimentati è una fandonia che supera ogni livello di presa per i fondelli ma, in un certo senso, è utilissima. Ci permette, infatti, di valutare senza errore la preparazione tecnica e l’onestà di chi pronuncia quell’enormità.
L’ingenua domanda sul perché, allora, si continua a vaccinare addirittura per obbligo ha una sola risposta: come tanti anni fa cantava Liza Minnelli, “money makes the world go ‘round:” è il denaro a far girare il mondo e, se un prodotto non richiede investimenti per la sperimentazione, non è controllato, non è gravato da responsabilità civili né penali e non deve neppure cercare clienti perché i clienti sono in larga misura obbligati ad esserlo e, comunque, la pubblicità è fatta a spese dei contribuenti, ecco che il mondo gira vorticosamente.
... See MoreSee Less

Da tempo immemorabile scrivo regolarmente per il mensile Biolcalenda. Nel numero di febbraio ci sarà l’articolo che ho qui il permesso di pubblicare come anticipazione:
Un po’ intimiditi, stavamo tutti seduti nel piccolo anfiteatro dell’università. Nessuno della ventina d’iscritti conosceva gli altri. La preside di facoltà ci dava il benvenuto. Solo dopo, a tempo debito, al terzo anno, ci avrebbe torchiati tutti per bene. Di quel discorso ricordo solo due concetti. Il primo: “Il lavoro che vi accingete a fare sarà giustificato solo se mirerete al bene di chi si rivolge a voi.” Insomma, Ippocrate per i principianti che eravamo. Il secondo concetto: “Non esistono farmaci privi di effetti collaterali. Quando ne somministrate uno, mettete su un piatto della bilancia l’effetto che sperate di ricavare e, sull’altro piatto, la lista di quanto quel farmaco potrebbe essere causa.” È passato più di mezzo secolo ma Ippocrate è ancora quello di un tempo e ai farmaci rimangono invariate le stesse caratteristiche. Del resto, è la loro stessa etimologia a rivelarcelo con chiarezza: ϕάρμακον (fàrmakon). Medicinale, sì, ma anche veleno e – guarda un po’ – espediente per ottenere qualunque cosa, per illecita che sia. Un significato che si trova sui vocabolari ma tanto abolito dalla memoria collettiva quanto profetico.
Di tanto in tanto i giornali riferiscono del ritiro di un prodotto medicinale, magari uno di quelli che i medici avevano entusiasticamente prescritto per molti anni. Il perché è semplice: il piatto “cattivo” della bilancia era troppo pesante e non si poteva proprio continuare a far finta di nulla. Qualcuno potrà trovare curioso che ci se ne avveda solo dopo tanto tempo e, non proprio di rado, a fronte di migliaia di morti, ma forse è opportuno sapere che le cavie delle sperimentazioni, quelle che dicono davvero qualcosa, sono i pazienti stessi, e per gli esperimenti sull’uomo occorre tanto tempo. Ed è anche opportuno sapere che solo un’infima parte di quei ritiri riceve qualche, sempre brevissima, pubblicità. A volte il produttore viene pure condannato a pagare penali apparentemente salatissime per “sanare” il guaio ma, di regola, il denaro che ha incassato prima che ci si accorgesse del problema è di gran lunga superiore a quello relativo alla pena. Insomma, conviene.
A proposito di sperimentazione, è ormai tradizionale sentire qualche “luminare” che rassicura il popolo: niente è più controllato e sperimentato dei vaccini.
Lasciando da un canto i controlli che, ahimè, se esistono, sono fatti in modo a dir poco superficiale, visto che in quei prodotti, da anni, noi ci troviamo regolarmente inquinanti che sfiorano il grottesco, forse non è tempo perso illustrare brevemente e semplificando al massimo il perché i vaccini non sono mai sperimentati.
I farmaci con intento terapeutico sono sperimentabili secondo un metodo che, in gergo tecnico, è chiamato doppio cieco. Si prende un gruppo, possibilmente numeroso, di persone che soffrono di una determinata malattia e lo si divide in modo del tutto casuale in due sottogruppi. Ad un sottogruppo si somministra il farmaco in sperimentazione e all’altro un placebo, vale a dire qualcosa che ha le sembianze del farmaco ma che non contiene il principio attivo. Nessuno, né le cavie umane né i somministratori, deve essere al corrente di ciò che viene effettivamente assunto. Alla fine della sperimentazione si comparano i due sottogruppi per vedere chi dei soggetti è guarito, chi è migliorato, chi non ha avuto effetto, chi è peggiorato e come. Gli addetti ai lavori sanno che i risultati di quel sistema, apparentemente perfetto, sono inficiati da un’infinità di trucchi, ma così è. Fatta la legge…
Se ci si trova a sperimentare i vaccini, le cose cambiano di parecchio. Le cavie umane (devono essere umane perché il morbillo, la varicella, la pertosse e, insomma, le nostre malattie infettive, non colpiscono gli animali che soffrono, invece, di altro) sono necessariamente sane, visto che l’obiettivo dichiarato del vaccino non è la cura ma la prevenzione. Detto per inciso, di tanto in tanto si sente parlare di vaccini curativi: una vera e propria bestialità. Trattandosi di soggetti sani, non è affatto detto che questi, vaccini o no, si ammalino di quella malattia. Dunque, occorre lavorare su base statistica, con i numeri che la statistica pretende se vuole essere in qualche modo credibile, cercando di pronosticare quanti hanno probabilità di ammalarsi. Ecco, allora, una prima possibilità di errore grossolano di cui si avvede chiunque sappia quanto enormemente è mutevole la variazione di morbilità delle malattie infettive nel tempo. Ma, se mai questi soggetti si ammaleranno, entro quanto tempo lo faranno? Potrebbe trattarsi di anni, di decenni… Ovviamente, di mai. E, allora, una sperimentazione dovrebbe protrarsi per tempi lunghissimi e, comunque, darebbe sempre risultati opinabili. Peggio ancora quando si tratta di vaccini rivolti a più ceppi della stessa malattia (non di rado oltre la decina) o a malattie diverse come è il caso dei vaccini polivalenti che tanto successo commerciale ed emotivo ottengono. Dunque, se si volesse davvero sperimentare un vaccino contenendo l’errore entro margini tollerabili, occorrerebbero milioni di soggetti e decenni. Troppo. E, allora, che si fa? Semplice: non si fa niente. Sì: nessun vaccino è sperimentato. Al più, s’inietta il farmaco a qualche animale che, ovviamente, non potrebbe mai dare alcuna risposta circa l’effettiva efficacia, e si aspetta qualche giorno per vedere se la bestia sopravvive o se, comunque, mostra effetti strani. Dal punto di vista medico l’interesse è pressoché nullo, ma questo “disturbo” che il produttore si sobbarca serve a “dimostrare” ai più che indulgenti controllori e al popolo che il prodotto è stato sperimentato. A volte, per puro “zelo”, si somministra per un po’ di tempo il prodotto a soggetti del Terzo Mondo e se, come non proprio raramente capita, la diffusione della malattia non muta o diventa più vivace, basta far finta di nulla. I morti? Nessuno è chiamato a renderne conto.
Esistono, poi, vaccini sui quali, anche volendo, non sarebbe comunque possibile condurre sperimentazioni. Mi riferisco a quelli contro l’influenza, prodotti che più di una volta hanno dimostrato palesemente una totale inefficacia quando non qualcosa di peggio. Sperimentazione impossibile perché i ceppi virali coinvolti mutano con grandissima rapidità e, da un anno all’altro, si tratta di virus di fatto diversi. Così, stante proprio questa velocità di mutazione, oltre all’impossibilità tecnica di sperimentazione, non si riesce a mettere in circolazione un vaccino contro i virus correnti. E, allora, il prodotto che viene iniettato è quello preparato su vecchi virus ormai non più in circolazione. Quindi, si fa un atto di fede.
Tutto quanto detto è perfettamente conosciuto dagli addetti ai lavori ma non dal grande pubblico di cavie paganti.
In conclusione, raccontare che i vaccini sono sperimentati è una fandonia che supera ogni livello di presa per i fondelli ma, in un certo senso, è utilissima. Ci permette, infatti, di valutare senza errore la preparazione tecnica e l’onestà di chi pronuncia quell’enormità.
L’ingenua domanda sul perché, allora, si continua a vaccinare addirittura per obbligo ha una sola risposta: come tanti anni fa cantava Liza Minnelli, “money makes the world go ‘round:” è il denaro a far girare il mondo e, se un prodotto non richiede investimenti per la sperimentazione, non è controllato, non è gravato da responsabilità civili né penali e non deve neppure cercare clienti perché i clienti sono in larga misura obbligati ad esserlo e, comunque, la pubblicità è fatta a spese dei contribuenti, ecco che il mondo gira vorticosamente.

Comment on Facebook

Ho letto il suo post un paio di giorni fa e mi ha molto interessato. Sono un avvocato in pensione e risiedo a Valenza in provincia di Alessandria dove le aree inquinate sono molte. Non ha mai letto di piantagioni di pioppi o di tecniche di disinquinamento da lei descritte applicate nella mia zona. Se lei ha ha disposizione documentazione riguardante le procedure seguite per favore le pubblichi in modo che si possa cercare di bussare a qualche porta per realizzare le esperienze positive a cui lei accenna.

Finalmente un pò di chiarezza

Il suo impegno costante e instancabile dovrebbe essere di esempio all'intera classe medica. La prego, non si arrenda. Non VI arrendete, meglio, lei e sua moglie siete dei fari, se mai questo sistema truffaldino crollerà, voi e le vostre ricerche ne sarete la causa. Preghiamo perché ciò avvenga presto.

Come vorrei che lei fosse un ministro della sanità,merita un monumento,ma in un paese di politici corrotti le persone oneste e veritiere hanno la vita dura.

Con infinita gratitudine Dottore! Sapere che esistono persone come lei ci da la forza di sperare che un giorno l'umanità si possa svegliare e ribellare all'ignoranza e ai corrotti e finalmente comprendere dove sta la verità! Grazie ancora a Lei e a sua moglie!

Impeccabile e esauriente, grazie. Chi vuole capire, capirà, chi ha paura di prendere la responsabilità della libertà, resterà lo schiavo.

Grazie, come sempre chiaro e conciso.

È sempre un piacere leggerLa. Ogni suo post è per me una lezione. Grazie 🙏

Speriamo che altri scienziati e dottori diventino come i vecchi saggi di una volta... Viva la verità!

Il farmaco sta agli effetti collaterali come gli effetti collaterali stanno a piu' farmaci . Metodo per aumentare i profitti .

Questa analisi mi sembra molto fantasiosa, l'ignoranza poi è un terreno fertile si sa, bravo 😆

in debito

Che tristezza però .....

Grazie continuate cosi

Questa lettera dovrebbe essere letta da tutti gli italiani, soprattutto dal “primo italiano” che ha la coscienza che gronda di responsabilità nei confronti degli ultimi.

Ancora grazie infinite, Stefano, condivido anche questo.

Grazie!

Grazie dott. Montanari 🙏

Grazie!

Grazie. Interessante.

Mooolto interessante! Grazie Doc!

Grazie

Spettacolare

Sempre interessante leggerla Stefano

Grazie

View more comments

1 month ago

Stefano Montanari

Un verso di una vecchia canzone cantata un tempo dal duo Simon & Garfunkel, ora, e non di poco, ambedue ultrasettantenni, recita “How terribly strange to be seventy,” il che, tradotto, significa che avere settant’anni è una cosa terribilmente strana.
Da settantenne, posso assicurare che aver raggiunto quell’età, l’età che Dante considerava come quella giusta per togliere il disturbo (e togliersi dai disturbi) ha dei risvolti decisamente positivi, il primo dei quali, sperando nella non esistenza della malaugurata metempsicosi, è di non doversi più incrociare con gl’imbecilli, una varietà di Homo sapiens largamente maggioritaria e, bisogna ammetterlo, di successo.
Per molti anni mi sono occupato tanto ingenuamente quanto inutilmente dell’incenerimento dei rifiuti, una pratica che può essere giustificata solo da un cocktail d’ignoranza, incapacità, pigrizia e corruzione. Scienza e buon senso sono d’accordo nel condannare al rogo (in questo caso non inquinante) quella follia. Ma, disponendo noi di politici(?), giornalisti(?) e vasti strati di popolazione raggirabile con facilità se si ha l’accortezza di far leva sulla sua pigrizia rimbambendola con slogan e mantra, abbiamo trasformato la nostra buffa penisola in una sorta di paese dei balocchi punteggiata di falò. Le centrali dette “a biomasse” sono la varietà nana.
Da anni non faccio più conferenze sull’argomento. Non ne faccio perché è inutile. Non ne faccio perché fu proprio il mio impegno in quella direzione a far sì che mi si sottraesse il microscopio elettronico indispensabile proprio per le ricerche che continuavano a condannare quella stoltezza. Oggi, poi, chi me lo tolse se ne rallegra vieppiù a cagione delle mie insane curiosità sui vaccini.
Ora assistiamo ad una sentenza che mi limiterò a definire divertente. Chi ha due minuti legga www.ilfattoquotidiano.it/2019/12/12/grosseto-emissioni-dannose-per-la-salute-il-tribunale-stabili... e troverà che un cadavere ormai in avanzato stato di putrefazione è stato condannato a morte. “Giustizia è fatta!” esultano gli ambientalisti. “Chi se ne frega!” sussurrano, ridacchiando, i piromani.
Da quanto si legge, ad essere condannata a morte, seppure a tumulazione abbondantemente avvenuta del reo occasionale, è stata la “vecchia tecnologia”, con questo spalancando le porte a quella “nuova”, vale a dire una tecnologia ben più micidiale. Micidiale? Sì, ma basta che il popolo non ne sia messo al corrente e non ci saranno intoppi. Quando, fra qualche anno, un magistrato sarà chiamato a contare i morti e avrà perso il conto, in un lampo (sia detto in termini geologici), anche quella generazione d’inceneritori (termovalorizzatori per i gonzi) subirà la giusta condanna. Nel frattempo, ovviamente, ci sarà qualcosa d’altro perché il cocktail di cui sopra è un classico irrinunciabile e di sicuro successo.
Da ultimo, una piccola perla del giornalino: il partito M5S, cioè i grillini ora apparentemente in via di estinzione come fu per l’Homo neanderthalensis, “da sempre si batte contro gli inceneritori.” Ma mi faccia il piacere!
Chissà se l’autore di quell’articolo ha idea di ciò che ha scritto, se conosce la storia del microscopio volatilizzato, se gli è stato riferito quale, sempre in tema d’inceneritori, sia la situazione dei comuni tristemente retti dai grillini (es. Roma e Torino), che cosa sia accaduto a Parma…
Magari quell’autore è in buona fede e, forse addestrato a dovere, non sa di avere applicato una tecnica antichissima: si dà una notizia rispondente alla verità. Si mette in luce ciò che più fa comodo lasciando in tutte le gradazioni che vanno dalla penombra al buio pesto quanto comodo non fa. Fin qui non si mente. Semplicemente si rappresenta in un certo modo la verità. Poi s’infilano con nonchalance frasette furbette dandone per scontata la veridicità.
Al di là di tutto e molto in breve: incenerire i rifiuti è suicida. Conservare una classe politica che sostenga quella pratica lo è altrettanto. I grillini sono stati fondamentali nel mantenimento degl’inceneritori in Italia. Opinioni? Fate voi.
Concludendo, fino a che non decideremo di riprenderci casa nostra, non avremo scampo. Eppure, non è difficile. Il poeta dialettale siciliano Ignazio Buttitta (lui morto non lontano dal secolo di età) scrisse “L’omu ha sempi nu patruni supe’i spaddi, ma u po’ ghittari ‘n tèrra quannu voli.” Per chi non ha dimestichezza con le lingue “l’uomo ha sempre un padrone sopra le spalle, ma lo può gettare a terra quando vuole.” L’importante per chi trova comodo e vantaggioso continuare a starsene in groppa è non farlo sapere.
... See MoreSee Less

Un verso di una vecchia canzone cantata un tempo dal duo Simon & Garfunkel, ora, e non di poco, ambedue ultrasettantenni, recita “How terribly strange to be seventy,” il che, tradotto, significa che avere settant’anni è una cosa terribilmente strana.
Da settantenne, posso assicurare che aver raggiunto quell’età, l’età che Dante considerava come quella giusta per togliere il disturbo (e togliersi dai disturbi) ha dei risvolti decisamente positivi, il primo dei quali, sperando nella non esistenza della malaugurata metempsicosi, è di non doversi più incrociare con gl’imbecilli, una varietà di Homo sapiens largamente maggioritaria e, bisogna ammetterlo, di successo.
Per molti anni mi sono occupato tanto ingenuamente quanto inutilmente dell’incenerimento dei rifiuti, una pratica che può essere giustificata solo da un cocktail d’ignoranza, incapacità, pigrizia e corruzione. Scienza e buon senso sono d’accordo nel condannare al rogo (in questo caso non inquinante) quella follia. Ma, disponendo noi di politici(?), giornalisti(?) e vasti strati di popolazione raggirabile con facilità se si ha l’accortezza di far leva sulla sua pigrizia rimbambendola con slogan e mantra, abbiamo trasformato la nostra buffa penisola in una sorta di paese dei balocchi punteggiata di falò. Le centrali dette “a biomasse” sono la varietà nana.
Da anni non faccio più conferenze sull’argomento. Non ne faccio perché è inutile. Non ne faccio perché fu proprio il mio impegno in quella direzione a far sì che mi si sottraesse il microscopio elettronico indispensabile proprio per le ricerche che continuavano a condannare quella stoltezza. Oggi, poi, chi me lo tolse se ne rallegra vieppiù a cagione delle mie insane curiosità sui vaccini.
Ora assistiamo ad una sentenza che mi limiterò a definire divertente. Chi ha due minuti legga https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/12/12/grosseto-emissioni-dannose-per-la-salute-il-tribunale-stabilisce-che-a-queste-condizioni-linceneritore-di-scarlino-non-deve-piu-riaprire/5612757/ e troverà che un cadavere ormai in avanzato stato di putrefazione è stato condannato a morte. “Giustizia è fatta!” esultano gli ambientalisti. “Chi se ne frega!” sussurrano, ridacchiando, i piromani.
Da quanto si legge, ad essere condannata a morte, seppure a tumulazione abbondantemente avvenuta del reo occasionale, è stata la “vecchia tecnologia”, con questo spalancando le porte a quella “nuova”, vale a dire una tecnologia ben più micidiale. Micidiale? Sì, ma basta che il popolo non ne sia messo al corrente e non ci saranno intoppi. Quando, fra qualche anno, un magistrato sarà chiamato a contare i morti e avrà perso il conto, in un lampo (sia detto in termini geologici), anche quella generazione d’inceneritori (termovalorizzatori per i gonzi) subirà la giusta condanna. Nel frattempo, ovviamente, ci sarà qualcosa d’altro perché il cocktail di cui sopra è un classico irrinunciabile e di sicuro successo.
Da ultimo, una piccola perla del giornalino: il partito M5S, cioè i grillini ora apparentemente in via di estinzione come fu per l’Homo neanderthalensis, “da sempre si batte contro gli inceneritori.” Ma mi faccia il piacere!
Chissà se l’autore di quell’articolo ha idea di ciò che ha scritto, se conosce la storia del microscopio volatilizzato, se gli è stato riferito quale, sempre in tema d’inceneritori, sia la situazione dei comuni tristemente retti dai grillini (es. Roma e Torino), che cosa sia accaduto a Parma…
Magari quell’autore è in buona fede e, forse addestrato a dovere, non sa di avere applicato una tecnica antichissima: si dà una notizia rispondente alla verità. Si mette in luce ciò che più fa comodo lasciando in tutte le gradazioni che vanno dalla penombra al buio pesto quanto comodo non fa. Fin qui non si mente. Semplicemente si rappresenta in un certo modo la verità. Poi s’infilano con nonchalance frasette furbette dandone per scontata la veridicità.
Al di là di tutto e molto in breve: incenerire i rifiuti è suicida. Conservare una classe politica che sostenga quella pratica lo è altrettanto. I grillini sono stati fondamentali nel mantenimento degl’inceneritori in Italia. Opinioni? Fate voi.
Concludendo, fino a che non decideremo di riprenderci casa nostra, non avremo scampo. Eppure, non è difficile. Il poeta dialettale siciliano Ignazio Buttitta  (lui morto non lontano dal secolo di età) scrisse “L’omu ha sempi nu patruni supe’i spaddi, ma u po’ ghittari ‘n tèrra quannu voli.” Per chi non ha dimestichezza con le lingue “l’uomo ha sempre un padrone sopra le spalle, ma lo può gettare a terra quando vuole.” L’importante per chi trova comodo e vantaggioso continuare a starsene in groppa è non farlo sapere.

Comment on Facebook

Siamo messi male! La teoria dell'evoluzione è errata, siamo giunti al culmine del degrado umano, soprattutto morale e spirituale.

La Regione Toscana sta approntando un' altra VIA. Valutazione impatto ambientale. E così si va all' infinito

mi pare di leggere quelle vecchiotte isolate o balconali parolone che Mussolini diceva dando bastonate o plausi una volta a pantalone una volta a brisighella....dicono il tutto e il contrario di tutto sperando che la gente non ricordi che le loro opinioni contrastantissime sono sempre state il motivo dei nostri danni...non so se rendo l'idea....beh daltra parte il nichel piombo e l'amianto nei tubi perfino degli acquedotti furono davvero per un certo periodo VERE INNOVAZIONI MODERNE...i tumori infondo sono solo un male minore...o no? CI SI MUORE MICA?...Detemelo voi se questo ormai è un uomo...meglio applaudire gol che pensare evidentemente tutte e due le cose inseme non si riesce sempre...BUON NATALE....Hey....io non settantenne riterrei che il vecchio fa davvero certe volte buon buodo...haha...ma non cotto! Cari Dottori....fischiavano le orecchie ieri 19/12/19? MI dite se per caso i vaccini avete in previsione di farli produrre anche voi magari di siero di vacchine e patogeni non mutagene? No perchè tra poco li mettono obbligatori a tutti e io mi prenoterei per non farlo affatto, ma se mi obbligano da buona cristiana cercherei il male minore...diamo a cesare quel che è di cesare però la pelle la terrei volentieri sana per me i figli, le puerpere i vecchini....DAI SU...Invece che un microscopio che vi possono sequestrare ci fate voi i vaccini sani? Veniamo a farceli da voi..magari almeno inquinate meno con le vacchine al posto delle scimmiette e dei geni umani da aborto. Pace e bene e ricominciamo a insegnare a lavare le mani igienicamente e non alla Ponzio? Ciao. Buon anno se non potessi augurare prima BUON 2020....DI SANITA' MENTALE E FISICO SPIRITUALE A TUTTI.

I più grandi spesso sono incompresi...purtroppo, grazie di esistere dott.Montanari, chissà quando verrà capito quello che ci dice !!!

Le ho spedito tramite messenger un'articolo della Nazione in cui parla Rino Rappuoli che è a capo della Gsk vaccines a Siena. Dice tante balle come è normale che sia visto il ruolo che ricopre!

Caro Stefano, anch'io sono del 1949, ho l'impressione che più l'età l'avanza e più si fa il "callo" a tutto, dispiace però vedere che siamo circondato da una infinità di "conigli". Sarà un paradosso? mi sono occupato della discarica di Roncobotto (accanto al Panaro), forse da più di 20 anni vi portavano rifiuti di notte, quindi è è presumibile che si trattasse di Rifiuti pericolosi, quindi da qualche parte entravano anche SOLDI IN NERO. Credo di non essere "simpatico" a coloro che risiedono vicino alla discarica, eppure mi preoccupavo della collettività! Un giorno un signore mi diede un video nel quale si vedeva un camion con la targa coperta, due più due fa quattro, non credo che si fosse dimenticato la targa a casa. Mi pregò di non fare il suo nome, io lo capisco, infatti non l'ho mai fatto, aveva ragione, io sono poi stato PUNITO pesantemente (la discarica però sono stati costretti a chiuderla).

Grazie Dott. Montanari, grazie anche a sua moglie Dott. Ssa Antonietta Gatti che ancora ci degnate della vostra Scienza, della vostra Etica. 🙏💙💚Siete rare luci nel nostro tunnel... State con noi 🙏💚💙

Grazie Dottore. La seguo con interesse sia per il suo ammirevole lavoro sia perché mi piacciono le persone fuori dal coro. Gli inceneritori sono assurdi. Stiamo lavorando con la raccolta differenziata per ridurre al minimo la quantità di ciò che non si può riciclare, però sembra che anche così non funzioni. Ci vorrebbero altre soluzioni che mirassero a ridurre la quantità di rifiuti prodotti e quelli prodotti dovrebbero essere biodegradabili se non vogliamo continuare ad accumulare materiali inutili. È davvero possibile una soluzione del genere? 😢il pensare al futuro mi angoscia...

Ringraziamo il luminare criminale veronesi che affermava che i termivalorizzatori erano come aerosol, la carne non era cancerogena ...e la gente senza cervello manda ancora soldi alla sua schifosa fondazione...suicidandosi...

Sempre pensato che il termine termovalorizzatore fosse truffaldino

Grazie dottore dei i suoi scritti, è sempre un piacere leggerne i contenuti e apprezzare le Sue parole. Condivido in toto i suoi pensieri. Saluti.

Le strategie dominanti usano alcuni metodi:CONFONDERE, CONVINCERE, CALUNNIARE, Corrompere, Contrastare. Per star bene non dovremmo né subire,né lasciar praticare tali pratiche. La consapevolezza individuale e collettiva saranno le uniche vie d'uscita. Gli studi e le ricerche che lei ha fatto sulle polveri sottili dovrebbero essere il fondamento degli studi non solo universitari, ma anche di tutti! Ne va della nostra salute e vitalità!

😴😴😴😴

ma a Capalbio il sindaco eroga borracce di tossico alluminio cinese....per far qualcosa per l'ambiente...

Seguo da poco tempo questo post ,e non ricordo di aver letto proposte alternative all’incenerimento . Gradirei avere notizie in merito .

"La verità mi fa male..." diceva un'altra canzone altrettanto datata. E allora il gregge si crogiola nelle solite bugie rassicuranti 😠

Che interessante!

Esattamente come Torino inquinata dall'inceneritore, ma fanno tutti finta di nulla, compresi i cittadini.

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

E vabbè: prendiamolo per quello che vale. Non ci costerà molto.
Il noto Burioni Roberto da Pesaro, luminoso “scienziato” con le virgolette, si è esibito nell’ennesimo numero di arte varia per il diletto di tutti e la difesa di chi conta.
Dopo aver reso ampia testimonianza del fatto di non essere gravato dalla zavorra di chi sa che cosa sia la medicina con il suo esiziale attacco all’omeopatia, una disciplina da cui non vuole essere infettato, almeno in attesa del vaccino del caso, e dopo aver certificato che non importa se in farmacia si vendono prodotti omeopatici (senza il suo consenso!), dal che consegue l’obbligo per il farmacista di sapere che diavolo vende (al contrario di qualche professionista di regime che vende ciò che gli si dice di vendere), eccolo ora di nuovo alla ribalta ad ammaestrarci.
Non dico senza ottenere ma, al colmo della sfacciataggine, senza nemmeno chiedere il permesso a Burioni Roberto, noto all’universo e in altri siti come il collega Dulcamara, qualcuno ha osato fondare un partito. Pazienza questo, ma, addirittura, chiamarlo Movimento 3V, con questo intendendo un blasfemo “Vaccini Vogliamo Verità” è davvero troppo. Da qui l’indignazione del “luminare” che chiama in causa, condolendosi con lui, il professor Cossarizza, un figurante certo molto meno noto del maestro Burioni ma non per questo meno funzionale nella guerra contro i cattivacci condotta da quel faro di sapienza che è la sua cattedra modenese.
Come potrete leggere (gazzettadireggio.gelocal.it/reggio/cronaca/2019/12/06/news/i-reggiani-in-lista-con-i-free-vax-nel... ) c’è chi si è sentito in dovere di scusarsi della presenza ad un consesso di mascalzoni con il Burioni Roberto, proprio come se costui avesse una qualunque autorità e come se gli si dovesse rendere conto. Sia chiaro: ognuno può decidere di fare della propria dignità ciò che più gli aggrada. Del resto, è così che si creano i personaggi mediatici.
Arringa:
“Come si possa volere la verità sui vaccini è davvero troppo! Sì, signor giudice: per quanto inaudito sia l’ardire, quei malandrini vogliono la verità sui vaccini. È vero che non hanno accusato di nulla quei prodigi salvifici, ma il fatto è, e lo dice il nome stesso del partito, che pretendono la blasfemia della verità. Ora, signor giudice, è ovvio che, se la verità – peraltro già perfettamente conosciuta e, dunque, non è chiaro che bisogno ci sia di fondare un partito per volerla – fosse portata a conoscenza del volgo, nessuno si vaccinerebbe più. Con questo si arriverebbe alla tragedia: ci si ammalerebbe enormemente di meno, le industrie farmaceutiche dovrebbero ripiegare su altro e chissà che cosa ci proporrebbero, tanti uomini politici non avrebbero più di che giustamente gavazzare, tante cattedre universitarie cambierebbero titolare… Insomma, una rivoluzione e le rivoluzioni, signor giudice, non si sa dove portino.
Insomma, signor giudice, è fondamentale per tutti noi che illuminiamo il mondo di luce nera che la verità resti circoscritta ai cattivacci e, dunque, che quel partito sia cancellato. Dunque, in qualunque modo, non gli si permetta di presentarsi alle elezioni, non gli si dia voce costi quel che costi e si continui a mandare in onda e a pubblicare ciò che si fa ora. La Costituzione? I trattati internazionali? La decrepita Medicina ippocratica che non teneva conto dell’economia di chi conta davvero ma solo di quella pinzillacchera che è il bene del paziente? Signor giudice, mi permetta un sorriso. Dunque, signor giudice, in nome della giostra e del salottino, chiedo la condanna a morte della verità.”
[Applausi e grida di “crucifige!”]
Intanto, è altrettanto fondamentale che il luminare Burioni Roberto, per non dire degli amichetti e degli epigoni giù fino all’ultimo glorioso scimpanzé armato di mitra, continui nell’eroica fuga da qualunque confronto, e questo per non perdere il carburante che fa girare un certo mondo: quello che conta. Da bravo appassionato di tennis, Burioni Roberto sa che ad un confronto sul campo non farebbe nemmeno un 15 e un triplo 6-0 porterebbe alla catastrofe.
Intanto, chi vuole giocare al lotto veda di sognare Burioni Roberto e punti sul 90.
... See MoreSee Less

E vabbè: prendiamolo per quello che vale. Non ci costerà molto.
Il noto Burioni Roberto da Pesaro, luminoso “scienziato” con le virgolette, si è esibito nell’ennesimo numero di arte varia per il diletto di tutti e la difesa di chi conta.
Dopo aver reso ampia testimonianza del fatto di non essere gravato dalla zavorra di chi sa che cosa sia la medicina con il suo esiziale attacco all’omeopatia, una disciplina da cui non vuole essere infettato, almeno in attesa del vaccino del caso, e dopo aver certificato che non importa se in farmacia si vendono prodotti omeopatici (senza il suo consenso!), dal che consegue l’obbligo per il farmacista di sapere che diavolo vende (al contrario di qualche professionista di regime che vende ciò che gli si dice di vendere), eccolo ora di nuovo alla ribalta ad ammaestrarci.
Non dico senza ottenere ma, al colmo della sfacciataggine, senza nemmeno chiedere il permesso a Burioni Roberto, noto all’universo e in altri siti come il collega Dulcamara, qualcuno ha osato fondare un partito. Pazienza questo, ma, addirittura, chiamarlo Movimento 3V, con questo intendendo un blasfemo “Vaccini Vogliamo Verità” è davvero troppo. Da qui l’indignazione del “luminare” che chiama in causa, condolendosi con lui, il professor Cossarizza, un figurante certo molto meno noto del maestro Burioni ma non per questo meno funzionale nella guerra contro i cattivacci condotta da quel faro di sapienza che è la sua cattedra modenese.
Come potrete leggere (https://gazzettadireggio.gelocal.it/reggio/cronaca/2019/12/06/news/i-reggiani-in-lista-con-i-free-vax-nel-mirino-del-medico-burioni-1.38105004 ) c’è chi si è sentito in dovere di scusarsi della presenza ad un consesso di mascalzoni con il Burioni Roberto, proprio come se costui avesse una qualunque autorità e come se gli si dovesse rendere conto. Sia chiaro: ognuno può decidere di fare della propria dignità ciò che più gli aggrada. Del resto, è così che si creano i personaggi mediatici.
Arringa:
“Come si possa volere la verità sui vaccini è davvero troppo! Sì, signor giudice: per quanto inaudito sia l’ardire, quei malandrini vogliono la verità sui vaccini. È vero che non hanno accusato di nulla quei prodigi salvifici, ma il fatto è, e lo dice il nome stesso del partito, che pretendono la blasfemia della verità. Ora, signor giudice, è ovvio che, se la verità – peraltro già perfettamente conosciuta e, dunque, non è chiaro che bisogno ci sia di fondare un partito per volerla – fosse portata a conoscenza del volgo, nessuno si vaccinerebbe più. Con questo si arriverebbe alla tragedia: ci si ammalerebbe enormemente di meno, le industrie farmaceutiche dovrebbero ripiegare su altro e chissà che cosa ci proporrebbero, tanti uomini politici non avrebbero più di che giustamente gavazzare, tante cattedre universitarie cambierebbero titolare… Insomma, una rivoluzione e le rivoluzioni, signor giudice, non si sa dove portino.
Insomma, signor giudice, è fondamentale per tutti noi che illuminiamo il mondo di luce nera che la verità resti circoscritta ai cattivacci e, dunque, che quel partito sia cancellato. Dunque, in qualunque modo, non gli si permetta di presentarsi alle elezioni, non gli si dia voce costi quel che costi e si continui a mandare in onda e a pubblicare ciò che si fa ora. La Costituzione? I trattati internazionali? La decrepita Medicina ippocratica che non teneva conto dell’economia di chi conta davvero ma solo di quella pinzillacchera che è il bene del paziente? Signor giudice, mi permetta un sorriso. Dunque, signor giudice, in nome della giostra e del salottino, chiedo la condanna a morte della verità.”
[Applausi e grida di “crucifige!”]
Intanto, è altrettanto fondamentale che il luminare Burioni Roberto, per non dire degli amichetti e degli epigoni giù fino all’ultimo glorioso scimpanzé armato di mitra, continui nell’eroica fuga da qualunque confronto, e questo per non perdere il carburante che fa girare un certo mondo: quello che conta. Da bravo appassionato di tennis, Burioni Roberto sa che ad un confronto sul campo non farebbe nemmeno un 15 e un triplo 6-0 porterebbe alla catastrofe.
Intanto, chi vuole giocare al lotto veda di sognare Burioni Roberto e punti sul 90.

Comment on Facebook

propongo di inserire nel vocabolario della lingua italiana la parola Burioni, intesa come un "pesante insulto col quale si vuole identificare una persona gretta, malvagia, arrogante e sprezzante"

Ogni volta vedo la faccia di questo soggetto, sento un fortissimo richiamo verso il gabinetto.. 🙄🤔

Ma che diritto ha il somaro di avere nel mirino qualcuno che democraticamente si presenta per delle elezioni? Se lo chieda qualche magistrato competente. Un privato cittadino (perché questo é il nostro, null'altro) puó non essere d'accordo con le idee di un nascente movimento ma non li puó certo minacciare come fa questo. E' attentato alla democrazia e la magistratura deve intervenire. Saluti

Quello che continua a stupirmi è la cecità della gente, se non parte uno sterminio di massa sono lì a credere a questi " personaggi " , perché è quello che sono, attori che recitano la parte del luminare ma non sono altro che lumini da cimitero. Grazie sempre per il lavoro che fate 🙏❤

Pagliaccio! Ma il problema non è lui... Son tutti quelli che lo seguono 🙈

Ma chi può spiegarmi come mai hanno le borse sotto gli occhi questi simili?... Notare: Burioni, Lorenzin, la Grillo ultimamente... Un mistero 🧐

Ei sburio, coniglio che non sei altro, ma un po' di dignità nooo??? E accetta un confronto daiiii.....facci ridereee......

Ho 3 rilfessioni...1 come fa a risquotere tanto successo e popolarità una persona tanto arrogante non professionale e antiscentifica e passare per difensore buono e giusto della scienza? 2 come mai questo medico viene tirato in causa anche in ambiti che non lo riguardano per nulla ? ( es continua ad essere nominato persino in pagine "antirazziste" )3 come aiutare il dott montanari a trovare un po ' di serenità e non farsi sopraffare dalla rabbia ?( capisco che le ingiustizie e "sporcarie "come si dice in veneto, indignino ma non ci si puo ammalare d odio, bisognerebbe trasformare questa grande energia basata sull onesta professionale in qualcosa di costruttivo che non corroda chi la prova ma illumini tutt attorno. Evvabbe mi è venuta la predica da monaco buddista che non sono)

Se non ci fosse da piangere.... si potrebbe quasi ridere !

Purino....aveva fatto lo sborone dicendo che a ferrara non raccoglievano 50 firme.....sua solita figura emmerd sesquipedale...a cui peraltro ormai e' abituato e magari gli piace pure 😀 (y)

Anziché il 90 propongo il 47: morto che parla.

Per me questo personaggio vale come un due di picche!

Ma dai, come si fa credere a Burioni!!!! Però siamo in Italia.... Tutto può accadere

Ergastolo a lui e alla Lorenzin...come regalo di natale 😉

Noooo, nn ci credo, Burioni è pure del San Raffaele ??? Il TOP ... quando si dice che il Diavolo fa le pentole, i coperchi, la cucina e cura la ristrutturazione dell'immobile. Magari fa parte anche del CICAP

Guardare le cose con sguardo possibilista,osserviamo con mente aperta senza accettare o rifiutare a priori.

L'arringa è meravigliosa! 😂😂

Mitico dottor Montanari. Super!

Ridicolo come al solito. Peccato che è responsabile di tanto male...

Io da buona napoletana punterei più che altro sul numero 71 😂

Gentile Montanari, su una cosa però non si può obiettare... i prodotti omeopatici hanno la medesima efficacia del placebo.

Grazie dottore montinari spero che alluminio con Bubu faccia il suo effetto, ma lui mica é fesso non si buca

Che faccia da sveglio!!!

Sull'argomento Rispettiamo la Costituzione come ci invitava Giacinto Auriti

Puntuale come sempre dottore!!

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Chi ha un’ora abbondante da sottrarre a un talent show, a una discussione su una decisione arbitrale di calcio o ad altri interessi ineludibili (oggi il GR RAI ci ha fatto una sorpresa da togliere il fiato sul prossimo Festival di Sanremo) può guardare questo video.
In poche ore sono arrivate centinaia di commenti a Byoblu, io ho addirittura ricevuto una mail da Arequipa (Perù), e molti si chiedono come mai non abbiamo un soldo per andare avanti e, soprattutto, perché non abbiamo il microscopio (www.stefanomontanari.net/il-grillo-mannaro/)
La risposta la do da anni e non la ripeterò. Senza perdere tempo, perché non sacrificate una sola sacra pizza e ce lo compriamo tutti insieme?
Per le donazioni mirate all’acquisto del microscopio elettronico, i versamenti devono essere effettuati a favore di:
Stefano Montanari Microscopio
c/o Banca Popolare di San Felice 1893 filiale Modena B
IBAN IT67E0565212901CC0120104034
SWIFT CODE SFSPIT22
Con la causale DONAZIONE MICROSCOPIO
oppure www.stefanomontanari.net/ricerca-e-vita-3/
Nominalmente i conti sono intestati a me perché quando furono intestati a qualcun altro, il microscopio si comprò ma dopo poco l’apparecchio prese altre strade. In inglese si dice che chi ti frega una volta è un farabutto ma se ti fai fregare due volte sei un fesso.
Per la tranquillità di tutti, ripeto per l’ennesima volta che a controllare la raccolta, una raccolta dalla quale non è stato tolto un centesimo, è l’associazione Vita al Microscopio che ha sede a Roma e della quale né mia moglie né io siamo soci. Ad oggi, dopo 28 mesi, siamo arrivati a 221.899,10 Euro. Il microscopio costa 488.000 Euro e ne richiede 120.000 l’anno per essere mantenuto. Insomma, quanto introita, al netto delle tasse, un grande calciatore con la maglietta a righe in tre giorni di sudore.
Ora la palla è nel vostro campo. Naturalmente, nessuno è obbligato a contribuire ma chi non lo fa abbia almeno la dignità di non pretendere qualcosa da noi.

www.youtube.com/watch?v=5Nt_QzsU1LEAiutaci ad arrivare a 20 mila abbonati al canale Youtube, e cambieremo l'informazione in Italia: www.youtube.com/byoblu/join Oppure aiutaci con una do...
... See MoreSee Less

Video image

Comment on Facebook

Io farò il mio per quello che posso con le donazioni come già per byoblu. Non sapevo di questa cosa l'ho scoperta con questa intervista.... Forse ci sono altre persone che non lo sanno

Le ho scritto su Messenger . Grazie se dedichera' poco tempo per leggere . Le interessera' molto .

Ciao, ti ho scritto molte volte in privato senza ottenere mai una risposta

Siete due gran belle persone, cercherò di aiutarvi con quello che posso❤

DOC ilproblemone è cosa ci si fa dopo con il microscopio se non ascoltano nemmeno le prove già portate da voi e da molti con altri miscroscopi già essitenti ed utilizzati? Do qui una notizia Natalizia diciamo..circolano in giro dolcetti fatti di fintemandorle che contengono noccioli velenosi di albicocche e di pesche o mandorla amara al posto della mandorla dolce, contengono amigdalina e cianidrati (cianuro temo) in piccole parti e perfino scritti nelle composizioni sul retro della confezione, se vi sentiste male mangiandone denunciate i produttori mendaci, alcuni lo scrivono proprio nero su bianco uno dei produttori è "Dolciando" di Eurospin..secondo voi cari doc, è rischioso assumere queste sostanze? con o senza microscopio fare del bene ai corpi umani è buona cosa...per ora...pizze magari no, ma nemmeno dolcetti alle fintemandorle? Pace e bene e speriamo di mettere fine alla pupazzata dei vaccini che di vacca e di vacche hanno solo gli sponsor sporcaccioni....femmine o maschi che siano....e mandorle amare e veleni non fanno bene nemmeno dentro i pasticcini e le merendine dei bimbi quindi lo scrivo a tutti pure qui.

Ho sentito anche i complimenti verso di voi del professor Di Bella, un altro che ha il coraggio di essere Onesto.

In questo momento c è quel cazzaro di Medbunker che sta rosicando di brutto per il microscopio pagato fino a metà! Hahaha.....esiste un limite all idiozia!???

Consiglio di tentare più canali. Avete provato a mettervi su un sito di crowdfunding?

felice di averlo gia fatto.

Avete messo a disposizione del popolo, capacità , lavoro ed esperienza . Siete grandissimi!! Grazie.

Fatto. Purtroppo piccola, sono al momento senza lavoro.

mi metto un pro memoria per donare tutti i mesi!

Ma non fu già acquistato perché sequestrato da chi gli "serviva" ...?

carissimni Stefano e Morena, spero che oggi Claudio Messora vi abbia almeno chiesto scusa ! quando scrisse il "Microscopio maledetto 1" era molto più servile a Grillo di quanto lo sia adesso!!! Mi sa che oggi abbia valutato la situazione alla luce di quanto è accaduto anche a lui ... e menomale ... altrimenti, questo post non lo avrebbe mai scritto!

Interessantissima intervista, ben condotta - starei ore ad ascoltarvi! I miei complimenti per la tenacia con la quale, instacabilmente, affrontate questa situazione intollerabile. Avete la mia massima stima

Avete tutta la mia ammirazione. Ma trovo ingiusto e offensivo definire cretino chi non riesce a guardarci o parlarci... Forse ho frainteso la frase in questione? Può darsi..visto che ascoltavo facendo dell'altro contemporaneamente..spero tanto sia così... Buon proseguimento a voi!

Fatto!

Fatto... Cmq ci vorrebbe una campagna di crowfunding come suggerito.

Giusto

Grandi

Grazie infinite per il vostro contributo.

Avevo già visto un altro video pubblicato qualche anno fa. Quello in cui si parlava di vaccini inquinati con metalli pesanti. Per caso, oggi mi è capitato di guardare questo. Anche se ho lavorato per una quindicina di anni in un centro ricerche strapieno di coglionazzi, io non sono veramente nessuno, tuttavia qualche idea ce l'ho oppure l'ho avuta. Sulla mia pagina FB, sotto la rubrica pubblicazioni, si trova una mia lettera inviata quasi dieci anni fa al Prof. Antonino Zichichi ed in seguito a Carlo Rubbia. (Premio Nobel sempre refrattario ad ammettere una verità conosciuta anche dai bambini) Questo è solo il frutto dei miei ricordi scolastici terminati nel 1965. Naturalmente questi due signori non mi hanno cagato. Intanto sono passati dieci anni ed a parte le chiacchiere, non è stato fatto assolutamente nulla. Fra altri dieci anni, sarà forse troppo tardi ?

Siiiiiiiiiiii.......altro che SÌ a contribuire......!!! Onore al vostro lavoro. 💖

Guardato in diretta. Mi ha fatto piacere, sono informazioni importanti, Byoblu fa un buon lavoro

Già fatto, ma lo rifarò anche nella prossima settimana comunque grazie x tutto ciò che fate siete UNICI grazie di cuore!!!!!

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Qualche giorno fa ho presentato il libro “La Fumosa Storia dell’Uomo” e, quando è stato il momento delle domande (sì: a differenza di qualcuno io rispondo alle domande), si è cascati quasi inevitabilmente sui vaccini, un tema che non fa parte del libro ma che attrae irresistibilmente chi viene ad ascoltarmi.
Per l’ennesima volta mi è stato chiesto perché i vaccini non sono sperimentati e per l’ennesima volta ho risposto. Ora, ancora per l’ennesima volta, lo scrivo, sperando di non dover più perdere tempo con un’ovvietà, perché di ovvietà di tratta.
Prescindendo dagli occhi chiusi degli enti di controllo, dalla criminalità di certi sedicenti professori di università da burla, dall’abdicazione morale di una folla di medici e dalla complicità servile della cosiddetta informazione, è di fatto impossibile sperimentare un vaccino.
Iniettare un antimorbillo in qualche coniglio e aspettare una settimana per vedere di nascosto l’effetto che fa è un’irrispettosa presa per i fondelli, se non altro perché i conigli non si ammalano di morbillo. Iniettare un vaccino alla cavia costituita da un Homo sapiens neonato è criminalità pura e, comunque, non dice nulla. Ma la questione è perché sia praticamente impossibile sperimentare un vaccino.
Vedrò, allora, semplificando al massimo ma dicendo le cose come sono in realtà, di spiegare ancora una volta i fatti.
Quando si sperimenta un farmaco mirato a guarire o a mitigare una certa malattia, si prende un gruppo di persone che sia il più numeroso possibile. Condizione necessaria è che quelle persone siano malate della patologia in questione.
Il gruppo è diviso in modo casuale in due sottogruppi che chiameremo A e B. Ad A si somministra il farmaco in sperimentazione e a B un placebo, cioè un prodotto all’apparenza identico al farmaco ma privo del principio attivo.
Nessuno deve essere a conoscenza del contenuto di ciò che si somministra ad A e a B.
A sperimentazione conclusa, si controlla quanti soggetti componenti di A siano guariti o migliorati e quanti di B e, a quel punto, si apre una busta sigillata in cui sta un documento che svela che cosa è stato effettivamente somministrato ai due gruppi. Se tutto è stato fatto in modo onesto (cosa sempre più rara perché anche qui l’imbroglio è diventato quasi la regola) l’efficacia e l’eventuale tossicità a breve termine del farmaco risultano abbastanza chiari. Uso l’avverbio abbastanza perché il tutto si basa su princìpi statistici e la statistica ha bisogno di numeri molto grandi per regalare errori accettabilmente piccoli. Ma le ditte farmaceutiche non sono entusiaste di spendere soldi su numeri grandi né di aspettare che gli effetti a lungo termine si manifestino. Comunque sia, questo è ciò che avviene con i farmaci terapeutici.
I vaccini sono altra cosa. I vaccini non curano nulla ma, almeno nelle intenzioni dichiarate, servono a prevenire l’insorgere di una determinata malattia infettiva. Se questo non è l’obiettivo, non si tratta di vaccini ma di altro. Dunque, per sperimentarne l’efficacia è indispensabile lavorare su persone sane, cioè soggetti che non soffrono di quella malattia ma che potrebbero soffrirne.
È però evidente che, vaccino o no, non tutti si ammaleranno di quella malattia e risulta di fatto impossibile stabilire se chi non si è ammalato lo debba alla sorte o al vaccino. Un altro problema è quello del tempo: quanto tempo dovremo aspettare per vedere se la malattia insorge o no? C’è chi si può ammalare entro pochi giorni, chi entro decenni e chi mai. Ciò che si deve fare è controllare in anticipo chi possiede già gli anticorpi, e quei potenziali partecipanti vanno scartati. In chi resta, poi, si dovrà controllare quanti tra i partecipanti quegli anticorpi li sviluppano, in quale quantità e per quanto tempo quegli anticorpi restano presenti. Questo perché, al contrario delle malattie infettive contratte naturalmente, i vaccini danno (quando la danno) un’immunità solo temporanea per un tempo impossibile da pronosticare individuo per individuo.
In poche parole, per avere qualche informazione sufficientemente accettabile sull’efficacia dei vaccini occorrerebbe lavorare su una popolazione enorme e per tempi lunghissimi, il che è economicamente inaccettabile per le ditte farmaceutiche ormai abituate a moltiplicare a dismisura e rapidissimamente il denaro investito.
E, allora, che si fa? Semplice: si ricorre al più antico, al più sicuro e al più efficace dei sistemi: la corruzione. Nessuna sperimentazione, nessuna responsabilità civile e penale da una parte e, dall’altra, bustarelle più o meno grasse giù fino alle mortificanti elemosine che tanti medici si abbassano ad intascare, e il gioco è fatto.
Tanto, ci sarà sempre un professore corroborato da un tuttologo televisivo e da un minorato che tiene un blog a giurare che non c’è nulla di più sperimentato e perfino di controllato (e qui siamo alla farsa) dei vaccini.
Tutto fuori dalla medicina? Tutto illegale? Come si dice nel mondo dello sport distorto, conta solo vincere e, in questo campo di gioco, la vittoria equivale ad intascare soldi. Tanti soldi. È il denaro a far girare il mondo e, se ci saranno dei morti (e ce ne sono tanti, bambini in primis), li seppelliremo come desaparecidos derubati anche della memoria.
... See MoreSee Less

Qualche giorno fa ho presentato il libro “La Fumosa Storia dell’Uomo” e, quando è stato il momento delle domande (sì: a differenza di qualcuno io rispondo alle domande), si è cascati quasi inevitabilmente sui vaccini, un tema che non fa parte del libro ma che attrae irresistibilmente chi viene ad ascoltarmi.
Per l’ennesima volta mi è stato chiesto perché i vaccini non sono sperimentati e per l’ennesima volta ho risposto. Ora, ancora per l’ennesima volta, lo scrivo, sperando di non dover più perdere tempo con un’ovvietà, perché di ovvietà di tratta.
Prescindendo dagli occhi chiusi degli enti di controllo, dalla criminalità di certi sedicenti professori di università da burla, dall’abdicazione morale di una folla di medici e dalla complicità servile della cosiddetta informazione, è di fatto impossibile sperimentare un vaccino.
Iniettare un antimorbillo in qualche coniglio e aspettare una settimana per vedere di nascosto l’effetto che fa è un’irrispettosa presa per i fondelli, se non altro perché i conigli non si ammalano di morbillo. Iniettare un vaccino alla cavia costituita da un Homo sapiens neonato è criminalità pura e, comunque, non dice nulla. Ma la questione è perché sia praticamente impossibile sperimentare un vaccino.
Vedrò, allora, semplificando al massimo ma dicendo le cose come sono in realtà, di spiegare ancora una volta i fatti.
Quando si sperimenta un farmaco mirato a guarire o a mitigare una certa malattia, si prende un gruppo di persone che sia il più numeroso possibile. Condizione necessaria è che quelle persone siano malate della patologia in questione.
Il gruppo è diviso in modo casuale in due sottogruppi che chiameremo A e B. Ad A si somministra il farmaco in sperimentazione e a B un placebo, cioè un prodotto all’apparenza identico al farmaco ma privo del principio attivo. 
Nessuno deve essere a conoscenza del contenuto di ciò che si somministra ad A e a B.
A sperimentazione conclusa, si controlla quanti soggetti componenti di A siano guariti o migliorati e quanti di B e, a quel punto, si apre una busta sigillata in cui sta un documento che svela che cosa è stato effettivamente somministrato ai due gruppi. Se tutto è stato fatto in modo onesto (cosa sempre più rara perché anche qui l’imbroglio è diventato quasi la regola) l’efficacia e l’eventuale tossicità a breve termine del farmaco risultano abbastanza chiari. Uso l’avverbio abbastanza perché il tutto si basa su princìpi statistici e la statistica ha bisogno di numeri molto grandi per regalare errori accettabilmente piccoli. Ma le ditte farmaceutiche non sono entusiaste di spendere soldi su numeri grandi né di aspettare che gli effetti a lungo termine si manifestino. Comunque sia, questo è ciò che avviene con i farmaci terapeutici.
I vaccini sono altra cosa. I vaccini non curano nulla ma, almeno nelle intenzioni dichiarate, servono a prevenire l’insorgere di una determinata malattia infettiva. Se questo non è l’obiettivo, non si tratta di vaccini ma di altro. Dunque, per sperimentarne l’efficacia è indispensabile lavorare su persone sane, cioè soggetti che non soffrono di quella malattia ma che potrebbero soffrirne.
È però evidente che, vaccino o no, non tutti si ammaleranno di quella malattia e risulta di fatto impossibile stabilire se chi non si è ammalato lo debba alla sorte o al vaccino. Un altro problema è quello del tempo: quanto tempo dovremo aspettare per vedere se la malattia insorge o no? C’è chi si può ammalare entro pochi giorni, chi entro decenni e chi mai. Ciò che si deve fare è controllare in anticipo chi possiede già gli anticorpi, e quei potenziali partecipanti vanno scartati. In chi resta, poi, si dovrà controllare quanti tra i partecipanti quegli anticorpi li sviluppano, in quale quantità e per quanto tempo quegli anticorpi restano presenti. Questo perché, al contrario delle malattie infettive contratte naturalmente, i vaccini danno (quando la danno) un’immunità solo temporanea per un tempo impossibile da pronosticare individuo per individuo.
In poche parole, per avere qualche informazione sufficientemente accettabile sull’efficacia dei vaccini occorrerebbe lavorare su una popolazione enorme e per tempi lunghissimi, il che è economicamente inaccettabile per le ditte farmaceutiche ormai abituate a moltiplicare a dismisura e rapidissimamente il denaro investito.
E, allora, che si fa? Semplice: si ricorre al più antico, al più sicuro e al più efficace dei sistemi: la corruzione. Nessuna sperimentazione, nessuna responsabilità civile e penale da una parte e, dall’altra, bustarelle più o meno grasse giù fino alle mortificanti elemosine che tanti medici si abbassano ad intascare, e il gioco è fatto.
Tanto, ci sarà sempre un professore corroborato da un tuttologo televisivo e da un minorato che tiene un blog a giurare che non c’è nulla di più sperimentato e perfino di controllato (e qui siamo alla farsa) dei vaccini.
Tutto fuori dalla medicina? Tutto illegale? Come si dice nel mondo dello sport distorto, conta solo vincere e, in questo campo di gioco, la vittoria equivale ad intascare soldi. Tanti soldi. È il denaro a far girare il mondo e, se ci saranno dei morti (e ce ne sono tanti, bambini in primis), li seppelliremo come desaparecidos derubati anche della memoria.

Comment on Facebook

Professore, Dott. Montanari, sono un suo sostenitore da sempre. Non ci sono parole adeguate a ringraziarla per la sua onestà intellettuale e per la sua umanità. Ma si ricordi, per quello che può valere, che la nostra stima ed anche il nostro piccolo o grande contributo ci sarà sempre. Grazie

Dott.Montanari io ringrazio veramente il cosmo intero per averla conosciuta molto casualmente 5 anni fa attraverso qualche canale che neanche ricordo quale fosse!! Ero in spagna, in viaggio di ritorno verso l'italia, in macchina, misi il viva voce per condividere la verità con la mia famiglia, 8 ore di ascolto, fino a casa, x aprire gli occhi, per capire e per poi trovare la soluzione a mio figlio💙 Non è solo 1 scenziato. É per me un padre. La guida che ci vorrebbe a chiunque diventa genitore, con tanta confusione intorno e si lascia guidare dalla normale corrente😔 Non mi legge mai ma la seguo e la ringrazio in silenzio tutti i giorni💙

Grazie...che Dio protegga sempre ogni suo coraggioso passo.🙏❤🙏

Che tristezza quando la verità è evidente e viene negata nell ' indifferenza dei più. Grazie per il suo impegno a diffonderla.

Credo ci sia una confusione di base su quanto dice: l’efficacia dei vaccini non può venire facilmente testata relativamente alla loro efficacia come vaccini per i motivi che dice lei, sebbene sia possibile comunque raccogliere i dati sul l’incidenza di certe malattie in popolazioni vaccinate e non, ma la loro pericolosità a breve termine può venire testata eccome. Si può tranquillamente, per esempio, vedere qual è l’incidenza di casi di autismo fra bambini vaccinati e non vaccinati a 5 anni dalla somministrazione, e si tratta di tempi ragionevoli. Una volta stabilita con sicurezza la percentuale di rischio la si confronta con la percentuale di rischio delle complicanze della malattia da cui il vaccino protegge. Mi risulta che questi studi siano stati fatti.

Siamo ad un livello di dogmatismo che mi stupisco persino che il dott montanari abbiq ancora la possibilità di scrivere di queste cose . Certo è che non gliela fanno passare del tutto liscia ma intanto le notizie riescono ancora a circolare

Salve professore , cosa ne pensa dell epidemia di morbillo nelle isole Samoa? Grazie

Lo imparerò a memoria per i prossimi incontri alla asl. Grazie.

Immensa e doverosa stima ad un'anima come la sua. Grazie perché ancora una volta si "scassa" e si abbassa a rispondere e sempre con signorilità

Di recente ho avuto modo di conoscere la cronaca di morte di un apziente trattata in punto di morte con VACCINO STAGIONALE...era a poche ore dalla dipartita e lo sapevano benissimo le somministravano antospasmici, antidolorifici mentre nemmeno beveva piu'...piena di siero nel ventre e emissioni di vomito per liberare i polmoni poverina..la vaccinavano...così per aggiugere patogeni tanto per...PER??? DAI fatemela capire meglio questa cosa...si puo' vaccinare un moribondo pieno di patologie?

Gratitudine e stima a non finire! 💖

...quindi possiamo dire che chi si vaccina e non si ammala a tale pratica , o ha tanto fattore C o forse un buonissimo karma ? Lo so , farebbe anche ridere se non fosse per i migliaia di bambini e persone danneggiate ..anche a vita ..

È un piacere leggere il suo pensiero perché conosce bene la realtà dei fatti, ... e non ha menzionato le particelle degli adiuvanti presenti nei vaccini!

Tenga duro dottore lei e sua moglie non siete soli ❤

Grandissimo dottor Montanari, eccellente come sempre. Saluti.

Io sono sempre più delusa da tutto il sistema. Come si fa a chiamare una madre e dire di fare MPR e varicella per evitare la malattia stessa?!? O ancor meglio è ob bligatorio signora deve farlo necessariamente altrimenti come farà ad andare a scuola.?!?siamo stufe di sentire ste cazzate, quando i buffoni hanno deciso che con una semplice multa risolviamo il problema. Ma possiamo mai giocare con la salute dei nostri figli?

se non state morendo e siete capaci di scelta non vi fate dare antiemorragici....i vaccini non sono il solo male...sono tutti farmaci lesivi o quasi ormai..evitate se potete....gli antiemorragici ed i colinergici e i farmaci che sciolgono trombi funzionano ledendo le componenti sanguigne e le cellule presenti nel siero e nel particolato..DOC MI CORREGGA SE SBAGLIO..SONO O NO BUGIARDI I BUGIARDINI?

Dovrebbero fare il prelievo ematico prima e dopo la somministrazione del vaccino o placebo e vedere com'e' cambiato il livello degli anticorpi contro i patogeni iniettati.

Perfetta disamina! La realtà è questa e se l'intera popolazione nn prende coscienza di essere usata come cavia ma anche come bancomat non si riuscirà a fare marcia indietro su questo problema che di fatto è un TSO!!

Leggere queste cose è angosciante! Grazie comunque per aprirci gli occhi.

Carissimo Professore da qualche anno si assiste ad un assalto di vaccini a bimbi inermi con genitori confusi o impreparati. Trent'anni fa erano meno. Nel tempo si possono sviluppare malattie alla tiroide, stomaco, alle ghiandole ecc ?

Rispetto dottore. Comunque ci sono voci chiari che in futuro la media di vivere sarà più corta decisamente. Fumate senza fuoco non ci sono. Questo è l'interesse per vaccinare tutti questi vaccini con questa aggressività.

Ha ragione dott. Montanari il tutto è di una ovvietà disarmante ...e davvero preoccupante ...eppure ....

Ogni allusione a persone è del tutto "casuale" ..... 😉

Nella migliore delle ipotesi 👍

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Buongiorno a tutti, oggi niente radio, Gheri Guido è in tribunale quindi la trasmissione è rimandata a domani.
Per chi è interessato, domani sera Ore 20.30 presentazione del mio nuovo libro c/o Polisportiva Madonnina Modena.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Senza contradditorio ovviamente!

" SE vi è UNO Che CREDA Che l'Arte Medica Possa Compiere di PIU' di Quanto NATURA Permette, Egli Non Soffre Tanto di IGNORANZA Quanto, Piuttosto, di DEMENZA ." Leonardo da Vinci

Grande Montanari

Non c’entra nulla ma stasera a piazza pulita c è Burioni, contro L omeopatia😡

ho >Guido l'ova so quasi per schiudersi...se mi eiportano la cisterna di vino e si brindaaaaaa..e gliè avanzato..sai gli eran du spugneeee

Grazie della informazione.Volevo sottolineare che in questi giorni al Torino Film Festival,è stato presentato un docufilm di Elisabetta Sgarbi,dal titolo vaccini.Un manifesto pro vaccini,con la presenza completa di tutte le bocche da fuoco a favore di questo argomento compreso tutto il tam-tam mediatico sui giornali più diffusi a livello nazionale.Per quanto mi riguarda,non ho bisogno di queste cose,per decidere come comportarmi e scegliere.Dispiace che molti spettatori indifesi ed inermi verranno sommersi da questa informazione chiamiamo di regime,senza potersi difendere.Auguro che qualche regista illuminato,critico e spirito libero si imbarchi nella idea di fare un docufilm proprio per controbattere a questa impostazione.Io non sono un esperto di film e documentari...

Buongiorno

Grazie

Grazie...

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

“Sbatti il mostro in prima pagina!”

“E se il mostro non c’è?”

“Lo si inventa.”

Certo: lo s’inventa perché, oggi come al tempo dei circhi romani in cui le belve sbranavano esseri umani per il diletto del pubblico, il volgo pretende il sangue.

Il 22 febbraio 2018 la Guardia di Finanza fece con grande educazione il suo ingresso a casa nostra e pochi minuti dopo, con un’altra squadretta altrettanto educata, entrò nel nostro laboratorio. Ci furono sequestrati i computer, tutti i supporti informatici e documenti assortiti.

In un lampo, la cosiddetta informazione s’impadronì della ghiotta notizia e ci fu una torma di “benpensanti” che sentenziò sulla nostra colpevolezza senza necessità di un processo. Un noto domatore di somari popolarmente spacciato addirittura per scienziato si esibì immediatamente in tutto il suo splendore, gongolando in attesa delle mazzate che ci sarebbero arrivate, perché, come dice saggiamente il popolo, “la Guardia di Finanza non si muove per niente.”

Il risultato fu ovviamente zero perché, se non si vogliono fabbricare artificialmente prove, noi eravamo vistosamente innocenti e diventava impegnativo punirci per un delitto che, comunque lo si voglia guardare, non avevamo commesso.

La stangata, comunque, ci fu. Ci fu non dalla magistratura ma a causa dei problemi pratici ed economici provocati da quell’azione e continua ad esserci perché chi avesse tempo e voglia di entrare in quell’osteria sconfinata che è Internet, troverebbe ancora la notizia del sequestro e i commenti di chi ha espresso il suo giubilo.

Non parlo dei poveretti che, per una sorta di vendetta contro un destino che li ha voluti minorati, trovano sollievo e godimento nei guai altrui comunque generati, ma deontologia vorrebbe che i mezzi di cosiddetta informazione, così lesti ad impadronirsi della notizia del sequestro, pubblicassero con pari grancassa il finale. In questo caso un finale che risale addirittura a diversi mesi fa con l’archiviazione per “assoluta infondatezza” della denuncia. Ma la deontologia non paga.

Il comunicato stampa inviato ai giornali a precisazione della vicenda così palesemente mal rappresentata è caduto nel vuoto: nessuno l’ha pubblicato.

Da un certo punto di vista capisco chi gestisce la cosiddetta informazione: a chi importa che il condannato alla tortura sia innocente? Mica ci si diverte così.

E capisco anche il silenzio dei “professori” che hanno la lingua lunga e le gambe corte e che, per essere arrivati dove stanno, devono essere necessariamente non solo ignoranti e scarsamente intelligenti, ma disonesti a prova di bomba.

Vabbè: il comunicato stampa snobbato da una stampa costretta a far finta di niente, me lo pubblico da me:

* * *

Quando il 22 febbraio 2018 la Guardia di Finanza, in esecuzione di un decreto del Pubblico Ministero, sequestrò i nostri computer personali, nonché quelli rinvenuti presso il nostro Laboratorio Nanodiagnostics S.r.l., non pochi “leoni da tastiera”, in barba alla presunzione di non colpevolezza sancita dalla Costituzione, si affrettarono a sentenziare: i dottori Gatti e Montanari sono due mascalzoni. Il senso ultimo delle esternazioni feroci (per usare un eufemismo) che si susseguirono era, in buona sostanza, uno e uno solo: se la Guardia di Finanza si muove, è sempre per una ragione.

E la ragione, almeno apparentemente, c’era: nel 2017 era stata presentata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia una “denuncia per truffa con richieste istruttorie urgenti a carico dei signori Antonietta Gatti e Stefano Montanari”. A seguito di quella querela si originò un procedimento penale che ci vide sottoposti ad indagini per i reati di tentata truffa aggravata ed appropriazione indebita aggravata in relazione all’asserito utilizzo di un microscopio elettronico a scansione ambientale (acquistato attraverso una raccolta fondi popolare) anche per “scopo di lucro privato”, ossia non soltanto per lo svolgimento di ricerche scientifiche di interesse generale, ma anche per effettuare analisi scientifiche per clienti del nostro Laboratorio.

In realtà, quella denuncia era, per la gran parte, coincidente con altra che la stessa denunciante aveva presentato, nel 2014, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena e che era già stata archiviata, nel 2015 per “assoluta infondatezza della notizia di reato”, dal Giudice per le indagini preliminari in accoglimento della richiesta di archiviazione formulata dal Pubblico Ministero.

Nei giorni immediatamente successivi al sequestro, a causa delle gravissime distorsioni ai quali andò incontro, sul web, la relativa notizia, io Stefano Montanari mi trovai costretto a precisare che “…i fatti per i quali io e mia moglie risultiamo attualmente sottoposti ad indagini ad opera della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia non riguardano, a quanto ci consta, né il merito scientifico delle ricerche sulle nanopatologie che da moltissimi anni conduciamo con dedizione ed impegno, né tanto meno la raccolta fondi popolare che abbiamo recentemente lanciato per l’acquisto di un microscopio elettronico. Abbiamo piena fiducia nell’operato della magistratura e siamo certi che dimostreremo la nostra estraneità ai fatti ipotizzati a nostro carico.”.

E così fu, in effetti.

Un paio di settimane dopo il sequestro, il 12 marzo 2018, il Tribunale di Reggio Emilia Sezione Penale e del Riesame – al quale ci rivolgemmo con istanza motivata (ed ampiamente documentata) di riesame – annullò il decreto di sequestro impugnato (disponendo contestualmente la restituzione di quanto era stato sottoposto a vincolo reale): ne venne ritenuta dai Giudici la “infondatezza” in quanto esso era “sprovvisto del fumus dei delitti contestati”, ossia, in altre parole, poiché difettava il requisito, imprescindibile, della configurabilità degli ipotizzati reati di tentata truffa aggravata e di appropriazione indebita aggravata.

Merita di essere evidenziato, peraltro, il fatto che lo stesso Tribunale nel proprio provvedimento aveva dato atto, tra l’altro, che “…incontroverso è il diritto costantemente accordato a Montanari Stefano e a Gatti Antonietta Morena di fare uso del microscopio per quelle attività di ricerca in materia di nanopatologie alle quali già era stata preordinata la raccolta dei fondi presso la collettività…”.

Qualche mese dopo, il Pubblico Ministero, richiamandosi alle motivazioni addotte dal Tribunale del Riesame, chiedeva l’archiviazione del procedimento penale che pendeva a nostro carico.

Il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Reggio Emilia, con ordinanza depositata il 5 giugno 2019 emessa all’esito di udienza camerale, accoglieva la richiesta del Pubblico Ministero ed ordinava l’archiviazione di tale procedimento penale, ritenendo, tra le altre considerazioni in fatto e in diritto ivi svolte, che “…non si ravvisa alcuna condotta di appropriazione definitiva dello strumento; lo stesso risulta custodito presso l’ente comodatario attuale ossia ARPA Pesaro; né il fatto di utilizzarlo anche per finalità private e non solo per ricerche di interesse generale, ammesso che sia dimostrato o dimostrabile in ipotesi, potrebbe configurare da parte degli indagati una condotta di acquisizione del possesso o un contegno uti domini in relazione all’apparecchiatura…”, dando atto, peraltro, che “…il giudice dell’esecuzione ha escluso con sent. 20/10/2016 che sussistesse un vincolo di uso del microscopio senza fine di lucro…”.

Ancora oggi, a distanza di quasi due anni dal sequestro del febbraio 2018, se si inseriscono i nostri cognomi sui più famosi motori di ricerca compare, tra i primissimi risultati, la notizia di quel sequestro. Una notizia che ancora oggi qualcuno continua a strumentalizzare facendone un uso distorto e gravemente infamante. E’ questo il motivo per cui abbiamo deciso di rendere noto come si sia definito quel procedimento penale: lo dovevamo alla nostra onorabilità personale e professionale, che in questi anni è stata troppo spesso ingiustamente infangata, ma soprattutto lo dovevamo alla instancabile attività di ricerca scientifica cui abbiamo dedicato e continuiamo a dedicare la nostra vita, con lealtà, coraggio ed abnegazione.

Dott. Stefano Montanari Dott.ssa Antonietta Gatti
... See MoreSee Less

“Sbatti il mostro in prima pagina!”

“E se il mostro non c’è?”

“Lo si inventa.”

Certo: lo s’inventa perché, oggi come al tempo dei circhi romani in cui le belve sbranavano esseri umani per il diletto del pubblico, il volgo pretende il sangue.

Il 22 febbraio 2018 la Guardia di Finanza fece con grande educazione il suo ingresso a casa nostra e pochi minuti dopo, con un’altra squadretta altrettanto educata, entrò nel nostro laboratorio. Ci furono sequestrati i computer, tutti i supporti informatici e documenti assortiti.

In un lampo, la cosiddetta informazione s’impadronì della ghiotta notizia e ci fu una torma di “benpensanti” che sentenziò sulla nostra colpevolezza senza necessità di un processo. Un noto domatore di somari popolarmente spacciato addirittura per scienziato si esibì immediatamente in tutto il suo splendore, gongolando in attesa delle mazzate che ci sarebbero arrivate, perché, come dice saggiamente il popolo, “la Guardia di Finanza non si muove per niente.”

Il risultato fu ovviamente zero perché, se non si vogliono fabbricare artificialmente prove, noi eravamo vistosamente innocenti e diventava impegnativo punirci per un delitto che, comunque lo si voglia guardare, non avevamo commesso.

La stangata, comunque, ci fu. Ci fu non dalla magistratura ma a causa dei problemi pratici ed economici provocati da quell’azione e continua ad esserci perché chi avesse tempo e voglia di entrare in quell’osteria sconfinata che è Internet, troverebbe ancora la notizia del sequestro e i commenti di chi ha espresso il suo giubilo.

Non parlo dei poveretti che, per una sorta di vendetta contro un destino che li ha voluti minorati, trovano sollievo e godimento nei guai altrui comunque generati, ma deontologia vorrebbe che i mezzi di cosiddetta informazione, così lesti ad impadronirsi della notizia del sequestro, pubblicassero con pari grancassa il finale. In questo caso un finale che risale addirittura a diversi mesi fa con l’archiviazione per “assoluta infondatezza” della denuncia. Ma la deontologia non paga.

Il comunicato stampa inviato ai giornali a precisazione della vicenda così palesemente mal rappresentata è caduto nel vuoto: nessuno l’ha pubblicato.

Da un certo punto di vista capisco chi gestisce la cosiddetta informazione: a chi importa che il condannato alla tortura sia innocente? Mica ci si diverte così.

E capisco anche il silenzio dei “professori” che hanno la lingua lunga e le gambe corte e che, per essere arrivati dove stanno, devono essere necessariamente non solo ignoranti e scarsamente intelligenti, ma disonesti a prova di bomba.

Vabbè: il comunicato stampa snobbato da una stampa costretta a far finta di niente, me lo pubblico da me:

* * *

Quando il 22 febbraio 2018 la Guardia di Finanza, in esecuzione di un decreto del Pubblico Ministero, sequestrò i nostri computer personali, nonché quelli rinvenuti presso il nostro Laboratorio Nanodiagnostics S.r.l., non pochi “leoni da tastiera”, in barba alla presunzione di non colpevolezza sancita dalla Costituzione, si affrettarono a sentenziare: i dottori Gatti e Montanari sono due mascalzoni. Il senso ultimo delle esternazioni feroci (per usare un eufemismo) che si susseguirono era, in buona sostanza, uno e uno solo: se la Guardia di Finanza si muove, è sempre per una ragione.

E la ragione, almeno apparentemente, c’era: nel 2017 era stata presentata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia una “denuncia per truffa con richieste istruttorie urgenti a carico dei signori Antonietta Gatti e Stefano Montanari”. A seguito di quella querela si originò un procedimento penale che ci vide sottoposti ad indagini per i reati di tentata truffa aggravata ed appropriazione indebita aggravata in relazione all’asserito utilizzo di un microscopio elettronico a scansione ambientale (acquistato attraverso una raccolta fondi popolare) anche per “scopo di lucro privato”, ossia non soltanto per lo svolgimento di ricerche scientifiche di interesse generale, ma anche per effettuare analisi scientifiche per clienti del nostro Laboratorio.

In realtà, quella denuncia era, per la gran parte, coincidente con altra che la stessa denunciante aveva presentato, nel 2014, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena e che era già stata archiviata, nel 2015 per “assoluta infondatezza della notizia di reato”, dal Giudice per le indagini preliminari in accoglimento della richiesta di archiviazione formulata dal Pubblico Ministero.

Nei giorni immediatamente successivi al sequestro, a causa delle gravissime distorsioni ai quali andò incontro, sul web, la relativa notizia, io Stefano Montanari mi trovai costretto a precisare che “…i fatti per i quali io e mia moglie risultiamo attualmente sottoposti ad indagini ad opera della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia non riguardano, a quanto ci consta, né il merito scientifico delle ricerche sulle nanopatologie che da moltissimi anni conduciamo con dedizione ed impegno, né tanto meno la raccolta fondi popolare che abbiamo recentemente lanciato per l’acquisto di un microscopio elettronico. Abbiamo piena fiducia nell’operato della magistratura e siamo certi che dimostreremo la nostra estraneità ai fatti ipotizzati a nostro carico.”.

E così fu, in effetti.

Un paio di settimane dopo il sequestro, il 12 marzo 2018, il Tribunale di Reggio Emilia Sezione Penale e del Riesame – al quale ci rivolgemmo con istanza motivata (ed ampiamente documentata) di riesame – annullò il decreto di sequestro impugnato (disponendo contestualmente la restituzione di quanto era stato sottoposto a vincolo reale): ne venne ritenuta dai Giudici la “infondatezza” in quanto esso era “sprovvisto del fumus dei delitti contestati”, ossia, in altre parole, poiché difettava il requisito, imprescindibile, della configurabilità degli ipotizzati reati di tentata truffa aggravata e di appropriazione indebita aggravata.

Merita di essere evidenziato, peraltro, il fatto che lo stesso Tribunale nel proprio provvedimento aveva dato atto, tra l’altro, che “…incontroverso è il diritto costantemente accordato a Montanari Stefano e a Gatti Antonietta Morena di fare uso del microscopio per quelle attività di ricerca in materia di nanopatologie alle quali già era stata preordinata la raccolta dei fondi presso la collettività…”.

Qualche mese dopo, il Pubblico Ministero, richiamandosi alle motivazioni addotte dal Tribunale del Riesame, chiedeva l’archiviazione del procedimento penale che pendeva a nostro carico.

Il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Reggio Emilia, con ordinanza depositata il 5 giugno 2019 emessa all’esito di udienza camerale, accoglieva la richiesta del Pubblico Ministero ed ordinava l’archiviazione di tale procedimento penale, ritenendo, tra le altre considerazioni in fatto e in diritto ivi svolte, che “…non si ravvisa alcuna condotta di appropriazione definitiva dello strumento; lo stesso risulta custodito presso l’ente comodatario attuale ossia ARPA Pesaro; né il fatto di utilizzarlo anche per finalità private e non solo per ricerche di interesse generale, ammesso che sia dimostrato o dimostrabile in ipotesi, potrebbe configurare da parte degli indagati una condotta di acquisizione del possesso o un contegno uti domini in relazione all’apparecchiatura…”, dando atto, peraltro, che “…il giudice dell’esecuzione ha escluso con sent. 20/10/2016 che sussistesse un vincolo di uso del microscopio senza fine di lucro…”.

Ancora oggi, a distanza di quasi due anni dal sequestro del febbraio 2018, se si inseriscono i nostri cognomi sui più famosi motori di ricerca compare, tra i primissimi risultati, la notizia di quel sequestro. Una notizia che ancora oggi qualcuno continua a strumentalizzare facendone un uso distorto e gravemente infamante. E’ questo il motivo per cui abbiamo deciso di rendere noto come si sia definito quel procedimento penale: lo dovevamo alla nostra onorabilità personale e professionale, che in questi anni è stata troppo spesso ingiustamente infangata, ma soprattutto lo dovevamo alla instancabile attività di ricerca scientifica cui abbiamo dedicato e continuiamo a dedicare la nostra vita, con lealtà, coraggio ed abnegazione.

Dott. Stefano Montanari                                           Dott.ssa Antonietta Gatti

Comment on Facebook

Ce ne fossero di scienziati veri, onesti e preparati come voi. Altro che somari in giacca e cravatta che pontificano in tele. Stima e rispetto assoluti nei Vostri confronti.

Siete una luce nel buio di questo Paese. Non avete bisogno di "scagionarvi" da ciò che non avete commesso. Continuate così, urlando la Verità attraverso la vostra ricerca e i vostri libri. Grazie per tutto!

Onore alla forza e al coraggio che lei e sua moglie continuate a dimostrare nella vostra lotta per la verità. Siete un esempio e una speranza per molti.Grazie

Nessuno che ragiona ha mai avallato questo schifo che vi è capitato ...piuttosto che infangare la vostra onorabilità professionale vi hanno danneggiato, hanno danneggiato tutti noi che godiamo della vostra ricerca. Mi auguro che possiate ritornare alla normalità perché chi vi segue conosce le vostre vicissitudini. Cari saluti

siamo con voi perché siete la ricerca della verità , in un paese governato dalle bugie. La distorsione della realtà è lo strumento principale per manipolare il popolo.

Doc se ci dici pure da dove arriva l'alluminio sui terreni vengo a darti un bacino sul nasino di persona , promesso. @stefanomontanari.net

Giusta precisazione che proverò a divulgare. Conosco, ahimè, qualcuno che ancora oggi mi deride perché divulgo i suoi post, forte del falso di cui sopra. Non credo servirà a molto: l'asino per scelta, resta e resterà tale. Ma se non altro avrò modo, in futuro, di spiattellargli sul muso la sua giusta precisazione.

Ci pensiamo noi a diffondere la notizia... probabilmente non leggerà nessuno perché, di questi tempi, bisognerebbe sintetizzare brutalmente e magari farcire il tutto con un'immagine ad effetto. Ma tant'è. Tutta ma mia stima ed un personale ringraziamento a voi, che perseguite la verità con coraggio e perseveranza.

Grande stima per lei e sua moglie e grazie per quello che fate

Grazie grazie grazie . Siete una coppia stupenda sotto tutti i punti di vista. Stima rispetto e ammirazione. Le persone per bene vi amano.

Stima profonda e ammirazione per la vostra determinazione alla continua ricerca della verità. Grazie

Io non ho mai avuto dubbi sul vostro operato, i dubbi li hanno solo chi vi vuole affossare. Non saranno certe squallide burionate a farci cambiare idea.

Vi ringrazio infinitamente!devo molto a voi per la conoscenza che ho fatto mia❤️🙏🏻❤️

Io non ho più parole. Non voglio alimentare il negativo, il marcio che c'è. Sono grata a voi di fare.del bene in questo paese martoriato.

Io lo condivido. Grazie ad entrambi.

Pur non avendo avuto mai il piacere di incontrarvi personalmente , rinnovo mia stima e riconoscenza per il coraggio e l'impegno con cui state portando avanti la ricerca per stabilire la verità sui vaccini.

Grazie per fare informazione, quella vera. E i fatti lo dimostrano, anche grazie a queste tristi e brutte avventure. La verità prima o poi trionfa sempre.

Come sa i giornali fanno parte del regime. Non fermatevi, il vostro lavoro è fondamentale per avere un barlume di speranza nel nostro futuro ed in quello dei nostri figli. un abbraccio

Solo in un paese come il nostro le lobby comprano la parte marcia di questo paese. Grazie Dottori Montanari e Gatti di aver la forza di crederci nonostante tutto

Un esempio e una speranza per molti. Grazie per le vostre battaglie.

Massima solidarietà per due Persone stupende come Voi, i nostri grazie per il Vostro lavoro non saranno mai abbastanza. Saluti.

senza le vostre battaglie saremmo alloscuro di tante cose grazie infinite

Grazie di cuore per le vostre battaglie...💕

Grazie, ormai è risaputo che i grandi scienziati e medici, soprattutto in Italia, ostacolano i progetti che tutto vogliono, fuorché il benessere delle genti. Lo stanno riscontrando ora, altri vostri colleghi, con l'opposizione al 5G e non solo. Grazie, perché ad oggi, i veri eroi siete voi.

Siete unici, due persone magnifiche, grande rispetto e stima nei Vostri confronti. Grazie per quello che fate

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Che quelli che ci ostiniamo con ingenua ottusità a chiamare politici si sbranino l’un l’altro per poi amarsi follemente sbranandosi di nascosto, per sbranarsi pubblicamente di nuovo fino a giurarsi amore eterno fa parte dell’avanspettacolo italiota cui siamo addestrati e che, a ben vedere, a molti piace, vista la non reazione.
Forse qualcuno ci avrà fatto caso: indistintamente tutti i partiti (i più attempati dei quali non hanno l’età per andare alla scuola d’infanzia e la cui aspettativa di vita è lo spazio di un mattino) pontificano su tasse, su lavoro, su maltempo… e scaricano addosso all’occasionale nemico tutte le responsabilità del mondo per il disastro che viviamo.
Non ce n’è uno, però, che faccia cenno delle stragi che avvengono quotidianamente negli ospedali italiani a causa della loro sporcizia (www.rainews.it/dl/rainews/articoli/boom-di-infezioni-ospedaliere-in-Italia-49mila-morti-anno-9be9...). Questo significa che quella che qualche buontempone definisce “la migliore sanità del mondo” è di fatto un macello che si consuma nella sozzura.
E, sempre restando alla salute, nemmeno c’è un partito che s’impegni a cancellare l’orrore della legge che, fuori da ogni regola medica, morale e legale, impone un trattamento sanitario obbligatorio sotto forma di vaccini alla popolazione. Nemmeno i tanto esecrati nazisti erano arrivati a tanto. Chi un tempo dell’abolizione di quella turpitudine faceva un impegno di fronte agl’italiani ha rivoltato senza pudore la frittata, addirittura aggravando ciò che la signora Lorenzin aveva architettato. Ora l’ItaGlia che raglia si sta allegramente incamminando sulle tracce luminose dell’Argentina e di Samoa e di questo dobbiamo ringraziare chi a suo tempo ci vendette come stabulario e tutta la mafia che ci gratifica in punta di ago. Il fatto è, comunque, che i partiti tacciono in blocco.
Per non far torto all’intelligenza dei pochi che mi leggono, non mi dilungherò sull’ovvietà di questi silenzi.
Ora la mia domanda è: che diavolo vogliono gl’italiani?
Per parte mia, quando saremo a ridosso delle elezioni cercherò un partito, uno qualunque, che s’impegni formalmente e senza possibilità di reiterare le truffe ormai tradizionali a ripulire gli ospedali e ad abolire senza por tempo in mezzo la tratta dei vaccini. E devo essere certo che faranno ciò che promettono, una certezza che deve derivare da dimissioni già firmate in caso di fallimento o di voltafaccia.
Da qualunquista che sono, io darò il mio voto a qualunque partito con le caratteristiche di cui ho detto, non esistendo da tempo immemorabile alcuna ideologia e non disponendo di nessuna figura che abbia una statura anche solo microscopica di politico. Il voto lo darò e incrocerò le dita, sperando di veder scomparire per sempre dalla scena personaggi come tutti i grillini, come Grasso, come Tajani, come la Lorenzin, come Renzi e come tanti altri che, pur non avendo avuto occasione di fare guai troppo vistosi, sono in agguato.
... See MoreSee Less

Che quelli che ci ostiniamo con ingenua ottusità a chiamare politici si sbranino l’un l’altro per poi amarsi follemente sbranandosi di nascosto, per sbranarsi pubblicamente di nuovo fino a giurarsi amore eterno fa parte dell’avanspettacolo italiota cui siamo addestrati e che, a ben vedere, a molti piace, vista la non reazione.
Forse qualcuno ci avrà fatto caso: indistintamente tutti i partiti (i più attempati dei quali non hanno l’età per andare alla scuola d’infanzia e la cui aspettativa di vita è lo spazio di un mattino) pontificano su tasse, su lavoro, su maltempo… e scaricano addosso all’occasionale nemico tutte le responsabilità del mondo per il disastro che viviamo.
Non ce n’è uno, però, che faccia cenno delle stragi che avvengono quotidianamente negli ospedali italiani a causa della loro sporcizia (http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/boom-di-infezioni-ospedaliere-in-Italia-49mila-morti-anno-9be9182b-1e30-4d24-a166-9424981a3e3e.html). Questo significa che quella che qualche buontempone definisce “la migliore sanità del mondo” è di fatto un macello che si consuma nella sozzura.
E, sempre restando alla salute, nemmeno c’è un partito che s’impegni a cancellare l’orrore della legge che, fuori da ogni regola medica, morale e legale, impone un trattamento sanitario obbligatorio sotto forma di vaccini alla popolazione. Nemmeno i tanto esecrati nazisti erano arrivati a tanto. Chi un tempo dell’abolizione di quella turpitudine faceva un impegno di fronte agl’italiani ha rivoltato senza pudore la frittata, addirittura aggravando ciò che la signora Lorenzin aveva architettato. Ora l’ItaGlia che raglia si sta allegramente incamminando sulle tracce luminose dell’Argentina e di Samoa e di questo dobbiamo ringraziare chi a suo tempo ci vendette come stabulario e tutta la mafia che ci gratifica in punta di ago. Il fatto è, comunque, che i partiti tacciono in blocco.
Per non far torto all’intelligenza dei pochi che mi leggono, non mi dilungherò sull’ovvietà di questi silenzi.
Ora la mia domanda è: che diavolo vogliono gl’italiani?
Per parte mia, quando saremo a ridosso delle elezioni cercherò un partito, uno qualunque, che s’impegni formalmente e senza possibilità di reiterare le truffe ormai tradizionali a ripulire gli ospedali e ad abolire senza por tempo in mezzo la tratta dei vaccini. E devo essere certo che faranno ciò che promettono, una certezza che deve derivare da dimissioni già firmate in caso di fallimento o di voltafaccia.
Da qualunquista che sono, io darò il mio voto a qualunque partito con le caratteristiche di cui ho detto, non esistendo da tempo immemorabile alcuna ideologia e non disponendo di nessuna figura che abbia una statura anche solo microscopica di politico. Il voto lo darò e incrocerò le dita, sperando di veder scomparire per sempre dalla scena personaggi come tutti i grillini, come Grasso, come Tajani, come la Lorenzin, come Renzi e come tanti altri che, pur non avendo avuto occasione di fare guai troppo vistosi, sono in agguato.

Comment on Facebook

Allora dottore mi sa che farà come me, non andrà più a votare xche un partito come lo intendiamo noi non esiste!

Faccio notare che se il sistema permette impunemente di promettere senza mantenere, allora dovremmo rivederlo. Ma non possiamo pretendere che le regole le cambino lorsignori. Purtroppo siamo incapaci di trovare unione d'intenti per fare massa e rovesciare il tavolo per cambiare le regole a nostro favore. Quindi seguiteremo ad essere sudditi del potere, schiavi 2.0

"Non dispondendo di una figura che abbia una statura anche solo microscopica di politico"...mi fa morire! Stupenda descrizione azzeccata a pennello, anzi a "obiettivo".

PVU dott...Partito Valore Umano

....i partiti sono tutti uguali. Io non voto piu.

il problema è proprio "chi" votare...alla fine sono tutte pedine nel medesimo gioco ...!!!

Pregiatissimo Dottore, perché non scrive un post per " chiarire le idee" sulla notizia bomba degli ultimi giorni...e cioè che il virus del morbillo cancella la nostra memoria immunitaria e quindi contrarre la malattia significa perdere tutte le immunità precedentemente acquisite?! Qui siamo alla follia...

il problema e' duplice... primo che non ci faranno votare per un bel po'.( e quando sara' ora avranno gia' fatto danni...).. secondo che un partito come dice lei...non ci sara' mai purtroppo.

Montanari ministro! Subito... E chi altro. Condivido dottore, i grillini ci hanno preso per i fondelli con la storia dei vaccini. Si son presi un sacco di voti per poi peggiorare le cose.. purtroppo sulla salute non si dovrebbe scherzare come su tasse , spread ecc ecc.. E invece ci scherzano di brutto, e usano le persone per farlo.

Pensavo ieri la stessa cosa e mi soffermavo (nn solo ieri) alla stupidita' di tanta gente che da per oro colato ciò che gli propinano!! D'accordissimo con Lei dott. Montanari!

Anch'io ho sempre votato per quelli che promettevano un cambiamento condivisibile, ma sono stato sempre profondamente deluso

Non mollare mai!!!!! Sei la voce di tanti ...grazie.

Copio e incollo si può?

I grillini sembravano i migliori...alla fine hanno voltato la faccia proprio come tutti gli altri...non esiste un partito che fa gli interessi del popolo!!!

Come sempre un grande. Sull' astensione purtroppo il problema è serio perché i votanti anche se pochi decidono per tutti...

Pienamente d'accordo Dottore , ma io so a chi dare il prossimo voto al Partito del Valore Umano ( PVU ) per non rendere ancora vano il nostro voto . Grazie per quello che fa .

Sono le persone che dovrebbero muoversi ,e non stare ad arrovellarsi cercando un partito xche anche chi vorrebbe andare contro ormai è tardi c'è lo dice eu e tutti abbassano il cranio

Grazie. Non mollate mai siete la nostra speranza.

Mi meraviglio di lei egregio dottore che forse non ha ancora ben afferrato come funzionino certi meccanismi. Un partito del genere, come lei auspica, non potrebbe mai esistere.

ottimo, un altro astenuto alle prossime votazioni 🙂

Dire qualcosa in più o di diverso da quello che è stato detto è impossibile. Posso dire che condivido il pensiero analitico del Dr. Montanari e di chi lo segue. Io sono con voi.

bè..se la mette su questo piano temo che anche lei non voterà.

È un governo che a causa di una criminale legge elettorale cammina sul filo del rasoio spero che arrivi a fine legislatura portando a casa altre piccole cose, nel frattempi i genitori potrebbero svegliarsi e informarsi e non comportarsi da pecoroni

Pienamente d'accordo con lei!!! 👌👏👏👏👏👏

Concordo pienamente con Lei, dott. Montanari! Grazie, come sempre. E condivido anche su Facebook. Con piacere.

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

L’intervista settimanale con Gheri Guido andrà in onda domani (giovedì) alle ore 12.00.Per ascoltare le mie interviste in diretta su radio studio 54 potete scaricare la app: per
Apple apps.apple.com/it/app/radio-studio-54-italia/id976739919

Per Android: play.google.com/store/apps/details?id=com.studio54.radio
... See MoreSee Less

L’intervista settimanale con Gheri Guido andrà in onda domani (giovedì) alle ore 12.00.

Comment on Facebook

Dott Montanari, cosa ne pensa della coca cola prescritta da medici oncologici per alleviare gli effetti della chemio ???

2 months ago

Stefano Montanari

L’intervista andrà in onda domani (giovedì) alle ore 12.00.Per ascoltare le mie interviste in diretta su radio studio 54 potete scaricare la app: per
Apple apps.apple.com/it/app/radio-studio-54-italia/id976739919

Per Android: play.google.com/store/apps/details?id=com.studio54.radio
... See MoreSee Less

L’intervista andrà in onda domani (giovedì) alle ore 12.00.

Comment on Facebook

Ciao Stefano possiamo entrare in contatto ?

Buona Sera , gentile professore ! Vorrei farle alcune domande e mettermi in contatto con le in privato per una questione privata ! Ha un email dove posso contattarla direttamente ? E molto importante !

2 months ago

Stefano Montanari

L’avevamo preannunciato (www.stefanomontanari.net/un-libro-per-i-bambini-di-ogni-eta/): il libro LA FUMOSA STORIA DELL’UOMO (E DEI SUOI RIFIUTI) sarà in distribuzione a partire dal 28 novembre prossimo quando, alle 20 e 30, ci sarà la presentazione alla Polisportiva Madonnina in Via Don Pasquino Fiorenzo, 135 a Modena.
Credo che in quell’occasione sarà invitabile parlare non solo dell’argomento specifico di cui il libro tratta, vale a dire l’ambiente, ma anche di tanto altro.
A differenza di quanto accade in occasione della presentazione di altri libri di altri autori, le domande saranno benvenute.
... See MoreSee Less

L’avevamo preannunciato (http://www.stefanomontanari.net/un-libro-per-i-bambini-di-ogni-eta/): il libro LA FUMOSA STORIA DELL’UOMO (E DEI SUOI RIFIUTI) sarà in distribuzione a partire dal 28 novembre prossimo quando, alle 20 e 30, ci sarà la presentazione alla Polisportiva Madonnina in Via Don Pasquino Fiorenzo, 135 a Modena.
Credo che in quell’occasione sarà invitabile parlare non solo dell’argomento specifico di cui il libro tratta, vale a dire l’ambiente, ma anche di tanto altro.
A differenza di quanto accade in occasione della presentazione di altri libri di altri autori, le domande saranno benvenute.

Comment on Facebook

Ciao Stefano possiamo entrare in contatto ?

Questo il link: chng.it/Rwq4gPYh

Giulia Wuwù Bonetto

Facci sapere dove è possibile acquistare? Grazie

Egr.Prof.Montanari, chiedo scusa se esco fuori tema ma vorrei avere il Suo autorevole parere (per la stima che ho per Lei e per Sua moglie, nostro orgoglio nazionale), per sapere cosa pensa della petizione lanciata a favore della libertà di cura dei malati di cancro? Il Suo eventuale parere negativo mi aiuterebbe a rinunciare a sperare nella valanga di firme che ingenuamente attendevo fin dall'inizio (circa 2 settimane fa). Viceversa, se dovesse reputarlo un gesto comunque utile, oserei chiederLe un incentivo a spronare Lei stesso, magari anche attraverso questo stesso canale, chi ancora è restio a firmare e a sommare il proprio contributo gratis, perché altro non si richiede che una firma eppure perfino i diretti interessati restano sordi e muti. La ringrazio di cuore! Maria di Grazia

Lo comprerò sicuramente grazie dottore Montanari

Dov'è possibile acquistarlo?Ho gia acquistato il suo libro sui vaccini(edizione aggiornata).

La realta e ancora piu triste !

View more comments

2 months ago

Stefano Montanari

Ricevo ora da Robert Kennedy jr. alcuni risultati riportati da Children Health’s Defense relativi a comparazioni tra bambini vaccinati e non vaccinati.
Li riassumo di seguito. Per chiarezza, la patologia o la condizione elencata è quella rilevata nei bambini vaccinati e il segno + indica l’incremento rispetto a chi non è stato vaccinato.
Autismo + 760%
Disturbi del sonno +500%
Disturbi della parola +210%
Allergie +163%
Necessità di avere un supporto all’educazione +863%
Infezioni non relative all’influenza +440%
Mortalità nelle femmine +1.000%
Mortalità nei maschi +393%
Disturbi dello sviluppo neurologico nei nati a termine +370 %
Disturbi dello sviluppo neurologico nei prematuri +670%
Riniti allergiche +3.000%
Diabete in Finlandia: da 14/100.000 nei non vaccinati a 41/100.000 nei vaccinati
Diabete di tipo 1 in chi ha ricevuto tutte e tre le vaccinazioni antipolio: da 8,27/100.000 nei non vaccinati a 20,87/100.000 nei vaccinati
Asma nei vaccinati contro il Papilloma virus +801%
Pubertà prematura nei vaccinati contro l’epatite B +210%
Morbo di Crohn nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +301%
Colite ulcerosa nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +253%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza che furono vaccinate anche l’anno precedente +770%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza H1N1 e contro l’influenza corrente +1.140%
Narcolessia in Svezia dopo vaccinazione contro l’influenza suina +2.500%
Intussuscezione (invaginazione di alcuni tratti dell’apparato digerente) dopo vaccinazione contro il Rotavirus +580%
Atopia in Guinea Bissau dopo vaccinazione contro il morbillo +280%
Mortalità in Nuova Zelanda nelle bambine vaccinate contro la tubercolosi +245%
Mortalità nelle bambine vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse +568%
Mortalità nelle bambine indiane vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse e, insieme, con vaccino contro la tubercolosi confrontate con le bambine indiane vaccinate con uno solo dei due vaccini +240%
Mortalità nei bambini della Guinea Bissau dopo richiami vaccinali contro difterite, tetano e pertosse (1° richiamo +181%; 2° richiamo +436%)
Asma +1.140%
Rinite allergica (febbre da fieno) +1.000%
Mortalità nei bambini che hanno ricevuto la vaccinazione contro il morbillo e (vaccino trivalente) contro difterite, tetano e pertosse in confronto ai bambini che hanno ricevuto solo il vaccino contro il morbillo +259%
Sclerosi multipla nei vaccinati contro l’epatite B rispetto a chi non è stato vaccinato contro quella malattia +310%
Morte in culla (SIDS) associata ai vaccinati con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse 70% contro il 30% delle morti non associate a quel vaccino
Per evitare perdite di tempo, rendo noto che tutti i dati derivano da ricerche regolarmente pubblicate. A volte si potrà trovare la stessa condizione patologica con due risultati diversi (es. rinite allergica). La differenza nelle due pubblicazioni è quella normale quando si tratta di ricerche mediche. Il succo, però, resta immutato.

childrenshealthdefense.org/
... See MoreSee Less

Ricevo ora da Robert Kennedy jr. alcuni risultati riportati da Children Health’s Defense relativi a comparazioni tra bambini vaccinati e non vaccinati.
Li riassumo di seguito. Per chiarezza, la patologia o la condizione elencata è quella rilevata nei bambini vaccinati e il segno + indica l’incremento rispetto a chi non è stato vaccinato.
Autismo + 760%
Disturbi del sonno +500%
Disturbi della parola +210%
Allergie +163%
Necessità di avere un supporto all’educazione +863%
Infezioni non relative all’influenza +440%
Mortalità nelle femmine +1.000%
Mortalità nei maschi +393%
Disturbi dello sviluppo neurologico nei nati a termine +370 %
Disturbi dello sviluppo neurologico nei prematuri +670%
Riniti allergiche +3.000%
Diabete in Finlandia: da 14/100.000 nei non vaccinati a 41/100.000 nei vaccinati
Diabete di tipo 1 in chi ha ricevuto tutte e tre le vaccinazioni antipolio: da 8,27/100.000 nei non vaccinati a 20,87/100.000 nei vaccinati
Asma nei vaccinati contro il Papilloma virus +801%
Pubertà prematura nei vaccinati contro l’epatite B +210%
Morbo di Crohn nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +301%
Colite ulcerosa nei vaccinati con vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia +253%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza che furono vaccinate anche l’anno precedente +770%
Aborti nelle donne gravide vaccinate contro l’influenza H1N1 e contro l’influenza corrente +1.140%
Narcolessia in Svezia dopo vaccinazione contro l’influenza suina +2.500%
Intussuscezione (invaginazione di alcuni tratti dell’apparato digerente) dopo vaccinazione contro il Rotavirus +580%
Atopia in Guinea Bissau dopo vaccinazione contro il morbillo +280%
Mortalità in Nuova Zelanda nelle bambine vaccinate contro la tubercolosi +245%
Mortalità nelle bambine vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse +568%
Mortalità nelle bambine indiane vaccinate con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse e, insieme, con vaccino contro la tubercolosi confrontate con le bambine indiane vaccinate con uno solo dei due vaccini +240%
Mortalità nei bambini della Guinea Bissau dopo richiami vaccinali contro difterite, tetano e pertosse (1° richiamo +181%; 2° richiamo +436%)
Asma +1.140%
Rinite allergica (febbre da fieno) +1.000%
Mortalità nei bambini che hanno ricevuto la vaccinazione contro il morbillo e (vaccino trivalente) contro difterite, tetano e pertosse in confronto ai bambini che hanno ricevuto solo il vaccino contro il morbillo +259%
Sclerosi multipla nei vaccinati contro l’epatite B rispetto a chi non è stato vaccinato contro quella malattia +310%
Morte in culla (SIDS) associata ai vaccinati con vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse 70% contro il 30% delle morti non associate a quel vaccino
Per evitare perdite di tempo, rendo noto che tutti i dati derivano da ricerche regolarmente pubblicate. A volte si potrà trovare la stessa condizione patologica con due risultati diversi (es. rinite allergica). La differenza nelle due pubblicazioni è quella normale quando si tratta di ricerche mediche. Il succo, però, resta immutato.

 https://childrenshealthdefense.org/

Comment on Facebook

La popolazione mondiale deve diminuire.

Diamo ai nostri figli anche un alimentazione sana...oltre a non vaccinarli....e faremo ri-nascere una nuova umanità 🤗

E invece siamo solo dei complottisti per la massa ipnotizzata. governo di vigliacchi senza scrupoli.

Si chiama spopolamento programmato

Aiutooo il mio pediatra insiste a dirmi che i vaccini obbligatori vanno fatti... io non so più come difendermi ... voi come avete fatto???

Lasciatemi fare il solito sfogo...prenderei i politici e chi li vota e gli farei questo regalo personale....LA GHIGLIOTTINA..!!!!

Ancora per quanto tempo dovrà essere così....?

Come si fa a non prendere in seria considerazione questi dati?

Vaccinarsi NON vuole dire essere immune ti inietti una malattia che non hai puoi avere una reazione avversa invalidante anche mortale leggere il bugiardino. Medici ricercatori hanno dichiarato che il vaccino non è scientificamente provato che sia valido soprattutto procura reazioni avverse invalidanti anche mortale giudici hanno concesso risarcimento danno da VACCINO

Ma cosa ci vuole per far aprire gli occhi alla gente.....?

Grazie doc, sei un grande, uno dei pochi rimasti. 🙏

quindi fanno piu' morti i vaccini degli incidenti stradali ?

E dopo questi risultati, si muoverà qualcosa o ci sarà il solito silenzio totale?

Grazie Dottore.. Praticamente una strage 😭 perpetrata nel più totale silenzio con la complicità di chi governa 🤬

È da criminali continuare a imporre le vaccinazioni 😕

Peccato non sentirla più in radio... Percaso ha una rubrica su altra emittente?

Mille grazie Dott. Montanari!

E con questi dati non si potrebbe fare una Class Acton?

allucinante. E' sotto gli occhi di tutti ma la gente è cieca

Di preciso dove sono pubblicati questi dati? Vorrei capire su quale campione e che metodo hanno utilizzato. Grazie

Questi dati sembrano davvero allarmanti. Ma avrei varie questioni da sottoporle. Qui sono presentati dei dati in maniera davvero un po’ grezza. Immagino che, ad esempio, in Finlandia o in Svezia il numero totale dei non vaccinati sia notevolmente inferiore rispetto ai vaccinati, quindi nei grandi numeri di questi ultimi è più facile che si riscontrino molte più patologie rispetto ai piccoli numeri dei secondi e, così, a livello percentuale risultino poi questi dati così impressionanti. O mi sbaglio? Per essere davvero comparabili le quantità numeriche di vaccinati o non vaccinati dovrebbero essere le stesse. Comunque con questo non voglio certo sostenere che non siano dati veri, ma andrebbero forse rimodulati. Saluti

Ma si può fare di concreto x i nostri figli e per i nostri Nipoti?

E condivido, ché magari qualcuno si desta dal sonno.

Dottore, rispetto a che anni parliamo?

Almeno negli Usa quelle comparazioni le lasciano fare. Da noi quando?

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

Non ho competenza politica. Almeno, non per quella che è definita “l’arte del compromesso”, qualcosa che con la conduzione virtuosa della cosa pubblica, vale a dire la politica come deve essere, non ha nulla a che spartire. Anzi, tutt’altro.
Io sono un soldato semplice di questa povera penisola e, come sosteneva e forse sostiene ancora qualcuno, valgo uno e nulla di più.
Ho appena ascoltato i discorsi trionfalistici di chi ha raccattato il maggior numero di voti in Umbria e quelli di chi, dopo aver soffiato in un disperato trombone, restando in tema di strumenti a fiato ha ficcato le pive nel sacco. Discorsi che condividono una certa comicità. Discorsi che da una parte aprono alla speranza che la sconfitta sia il preludio di una scomparsa a livello nazionale che sarebbe dovuta già arrivare anni fa e discorsi che destano apprensione. Se i vincitori, infatti, non sapranno, non potranno o non vorranno dare segnali di saggezza, avremo visto svanire anche quel pur esile sogno.
La mia opinione è che i risultati ottenuti dagli sconfitti siano brillanti oltre misura. Riuscire ad ottenere che più o meno 4 elettori su 10 ripongano la loro fiducia in chi, oggettivamente, dovrebbe essere felice di non dover pagare i danni è cosa straordinaria. Ancor di più lo è, in particolare, il risultato conseguito dai grillini, un partito che, comunque, qualche voto se l’è portato a casa. Da addetto ai lavori penso che, per motivi puramente scientifici, sarebbe di grande interesse se gli elettori di quel partito lasciassero il cervello alla scienza una volta dipartiti da questa valle di lacrime oggi in stato di alluvione.
Ma i vincitori?
Questi hanno vinto perché sono, al momento, “i meno peggio”, e non so quanto sia onorevole per loro e incoraggiante per gli umbri una posizione simile. Certo, è vero: sono “i meno peggio”, ma non vorrei che lo fossero semplicemente perché non hanno avuto in mano il timone e non hanno avuto possibilità di esibirsi in barbarie.
Di fatto abbiamo sentito tante chiacchiere, ma non una parola che abbia un significato su ambiente e salute e, mi si consenta, quelli sono i due argomenti fondamentali. Poi c’è il resto, istruzione in primis. A seguire c’è il lavoro…
Si dirà, a ragione, che le elezioni appena celebrate non contano nulla perché Roma è altra cosa. Giusto o quasi, ma le regioni hanno una certa autonomia e, volendo, la si può anche esercitare. Ma per esercitarla è indispensabile volerlo fare e, a braccetto, saperlo e poterlo fare.
A Terni e dintorni io ho lavorato e posso assicurare che, almeno dal punto di vista ambientale, non c’è da stare allegri. Che cosa faranno i nuovi timonieri?
In tema vaccini, quale sarà la loro posizione? Si vorrà fare come i primi della classe di Bologna e di Firenze o si vorrà applicare la Costituzione?
Non ci resta che aspettare, sperando che non ci resti che piangere.
... See MoreSee Less

Non ho competenza politica. Almeno, non per quella che è definita “l’arte del compromesso”, qualcosa che con la conduzione virtuosa della cosa pubblica, vale a dire la politica come deve essere, non ha nulla a che spartire. Anzi, tutt’altro.
Io sono un soldato semplice di questa povera penisola e, come sosteneva e forse sostiene ancora qualcuno, valgo uno e nulla di più.
Ho appena ascoltato i discorsi trionfalistici di chi ha raccattato il maggior numero di voti in Umbria e quelli di chi, dopo aver soffiato in un disperato trombone, restando in tema di strumenti a fiato ha ficcato le pive nel sacco. Discorsi che condividono una certa comicità. Discorsi che da una parte aprono alla speranza che la sconfitta sia il preludio di una scomparsa a livello nazionale che sarebbe dovuta già arrivare anni fa e discorsi che destano apprensione. Se i vincitori, infatti, non sapranno, non potranno o non vorranno dare segnali di saggezza, avremo visto svanire anche quel pur esile sogno.
La mia opinione è che i risultati ottenuti dagli sconfitti siano brillanti oltre misura. Riuscire ad ottenere che più o meno 4 elettori su 10 ripongano la loro fiducia in chi, oggettivamente, dovrebbe essere felice di non dover pagare i danni è cosa straordinaria. Ancor di più lo è, in particolare, il risultato conseguito dai grillini, un partito che, comunque, qualche voto se l’è portato a casa. Da addetto ai lavori penso che, per motivi puramente scientifici, sarebbe di grande interesse se gli elettori di quel partito lasciassero il cervello alla scienza una volta dipartiti da questa valle di lacrime oggi in stato di alluvione.
Ma i vincitori?
Questi hanno vinto perché sono, al momento, “i meno peggio”, e non so quanto sia onorevole per loro e incoraggiante per gli umbri una posizione simile. Certo, è vero: sono “i meno peggio”, ma non vorrei che lo fossero semplicemente perché non hanno avuto in mano il timone e non hanno avuto possibilità di esibirsi in barbarie.
Di fatto abbiamo sentito tante chiacchiere, ma non una parola che abbia un significato su ambiente e salute e, mi si consenta, quelli sono i due argomenti fondamentali. Poi c’è il resto, istruzione in primis. A seguire c’è il lavoro…
Si dirà, a ragione, che le elezioni appena celebrate non contano nulla perché Roma è altra cosa. Giusto o quasi, ma le regioni hanno una certa autonomia e, volendo, la si può anche esercitare. Ma per esercitarla è indispensabile volerlo fare e, a braccetto, saperlo e poterlo fare.
A Terni e dintorni io ho lavorato e posso assicurare che, almeno dal punto di vista ambientale, non c’è da stare allegri. Che cosa faranno i nuovi timonieri?
In tema vaccini, quale sarà la loro posizione? Si vorrà fare come i primi della classe di Bologna e di Firenze o si vorrà applicare la Costituzione?
Non ci resta che aspettare, sperando che non ci resti che piangere.

Comment on Facebook

Ormai dovrebbe essere chiaro ed evidente che CHIUNQUE e ovunque vinca la "farsa" delle elezioni, Dovrà Eseguire degli ordini scritti su un "Agenda" dalle Élites Mondiali del Potere, e per essere più chiari, i personaggi che in qualche modo avrebbero vinto le "elezioni", NON hanno nessun potere Decisionale (tranne qualche stupidaggine di poca importanza per cercare di salvare la "faccia"). Dopotutto le Élites Mondiali hanno Dichiarato : Ridurre DRASTICAMENTE e con ogni "mezzo" la Popolazione Mondiale (E lo stanno facendo)! Dubito fortemente che si fermeranno di fronte a dei "politicanti" da 4 soldi . L'Unica possibilità di "salvezza" per la penisola Italiana, sarebbe se un Rilevante numero di Italiani e alla velocità della Luce, cambiasse il modo di Pensare e Agire, MA anche qui ho Fortissimi dubbi che possa verificarsi, QUINDI . . . .

Sono sempre le Multinazionali che dettano legge a questi maggiordomi politicanti, ci sarà SEMPRE da piangere lacrime amare.

quando non contano sono tutti contri i vaccini, la plastica, il 5G e gli armamenti....tutte cose che annientano l'essere umano.....quando poi invece governano i produttori di tutte quelle cose, con le buone o con le cattive, comandano su coloro che devono amministrare! Se la gente non si sveglia dall'ebetismo in cui è finita...siamo rovinati!

Anche i cartoni animati girano. Incitano discriminazione verso i non vaccinati.. definendoli buoni (vaccinati) e cattivi (non vaccinati). Cosi indottrinano bene sin da piccoli il concetto

Caro Professore, penso che i politici non ascoltino mai uomini di Scienza o di Cultura. O,semplicemente, i cittadini. Sono chiusi nella loro torre d'avorio,da dove rubano e comandano. Grazie sempre per le sue analisi lucide e precise.

In Trentino, a governo leghista, non c'è da stare allegri nè in tema ambiente, nè tantomeno un tema di salute.

La politica è il teatrino di sempre, è l'illusione che lasciano al popolo della libertà di scegliere. Come diceva Mark Twain, se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare.

Egr dottore, stamani gira un link sul fatto che il morbillo “ smemorizza” il sistema immunitario.. ovviamente pubblicato da un esponente politico. Assurdo

In Umbria ha vinto, ancora una volta, l'ignoranza e la delinquenza.

Non ho intenzione di lasciare il mio cervello alla scienza ma distoglierlo dalla politica e dedicarlo a fare qualcosa di utile. Detto questo perché riconosco i molti errori e perché no; le delusioni avute, in ogni caso visto quello che si trova in giro le soluzioni sono perseguire nella speranza forse utopisticamente o astenersi al partecipare a buffonante dette elezioni per dare al popolo la sensazione di democrazia.

Caro Dr.Stefano Montanari.. Chi spera che questi applichino la costituzione che calpestano da sempre, stiamo inguaiati! Le cose cambieranno SOLO quando i cittadini capiranno che votare e' inutile! I cittadini devono volere Il Potere legislativo che compete a loro, attraverso petizioni ai sindaci per l'applicazione di leggi a favore della Democrazia Diretta - vedi costituzione e vedi dlgs.267/2000 art.8 - Come vige nel comune di Ortisei (bz) e altri in italia ..ma mai dove governa il m5fetecchie! Chissa' come mai!

Immenso dottor Montanari, Lei è una delle poche isole rimaste in questo mare di ignoranza. Saluti cari.

per chi non lo sapesse questa è Terni di cui parla Stefano Montanari ( foto recente presa da Facebook) m.facebook.com/story.php?story_fbid=10221286130173351&id=1550224402&notif_t=feedback_reaction_gen...

"ma non vorrei che lo fossero semplicemente perché non hanno avuto in mano il timone e non hanno avuto possibilità di esibirsi in barbarie." Non sono d'accordo, i "vincitori" hanno avuto il timone in mano almeno una decina di anni, usati per far null'altro che danni irreversibili! Se poi vogliamo disquisire sul "più peggiore" (per dirlo alla Fedeli), possiamo solo tener a mente un antico adagio veneto: "Il peggio non è mai morto"; i sintomi ci sono tutti! L'unico augurio che ci si può fare è che, Quisling e ciarlatani vengano, anche brutalmente, scopati via dal Parlamento, ma temo che chi resterà potrebbe essere contato sulle dita di due mani ....

Da perugina, dico che siamo caduti dalla padella alla brace...Tesei ha gia' detto che vuole costruire l'inceneritore...questa gente ha vinto con slogan, e' priva di contenuti, ma NON priva di condannati in tutta Italia!

Buongiorno Dr. Stefano Montanari, purtroppo all'indomani della messa in atto del ddl Lorenzin, Luca Zaia presidente del Veneto (lega), ha provato a rifiutare la totale applicazione, con conseguente minaccia di commissariamento da parte dell'allora ministra, con immediata obbedienza da parte di Zaia per non perdere (forse giustamente, chi può dirlo) il posto.

Con la scrittura e le belle parole non si conclude nulla ; come non si conclude niente con i cortei silenti e cortesi.Se i gilet gialli si fossero comportati così ,nessuno al mondo ne avrebbe parlato.Alziamo il sedere e FACCIAMOCI SENTIRE!!!!!!!!!!

Dott. Montanari lo spero pure io che in questa Regione je i suoi nuovi amministratori badino veramente alla salute di tutti ad iniziare dai bambini.

Montanari, che cosa ne pensa del Movimento 3V che sta raccogliendo firme nella nostra (mia e sua) regione?

Salute, ambiente, educazione, economia. Noi ce ne stiamo occupando....

Niente! Non faranno niente! Mi sta asselendo la paura che ci stiamo dirigendo verso l'ennesima delusione!

Meglio Lega al PD/5*. Vediamo cosa faranno. Se son bravi, li rivoteranno, sennò andranno a casa. Meno peggio o meglio é irrilevante.

Eccellente analisi prof , come sempre . Grazie 🙏

Beh, incominciamo a incrociare le dita! Buona giornata!

Dopo aver capito che sono uno peggiore dell’altro le incoraggianti parole che usano sono di nullo valore, indipendentemente di chi sta al timone la direzione sarà sempre la stessa, verso la schiavitù.

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

Per ascoltare le mie interviste in diretta su radio studio 54 potete scaricare la app: per
Apple apps.apple.com/it/app/radio-studio-54-italia/id976739919

Per Android: play.google.com/store/apps/details?id=com.studio54.radio
... See MoreSee Less

Per ascoltare le mie interviste in diretta su radio studio 54 potete scaricare la app: per 
Apple https://apps.apple.com/it/app/radio-studio-54-italia/id976739919

Per Android: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.studio54.radio

Comment on Facebook

Podcast?vi adoro

Ciao Stefano possiamo entrare in contatto ?

Lei è un grande Montanari

👌👌

Si sente meglio che in FM

Dott.Stefano Montanari,per favore ,mi puo' dare indicazioni per poterla ascoltare ancora sul PC??? io ho solo quello... ma non trovo piu' nulla in spreaker Grazie

Ma sono udibili anche se la radio è stata silenziata?

Ma non ci sono tutte le interviste, e noi abbiamo fame di sapere !

Onnipresente Isaura Bianchi con le sue risate del c...o.

PER TUTTI I GENITORI DANNEGGIATI DA VACCINI ED ALTRO, METTETEVI IN CONTATTO CON LA SIGNORA FIORELLA RAPPA, CHE HA UNA RAGAZZA AUTISTICA DANNEGGIATA DAI VACCINI ! !, PRESENTE SU FACEBOOK, CHE STA OTTENENDO MIGLIORAMENTI STRABIGLIANTI CON SUA FIGLIA SARA , ANCHE CON GRANDE MERAVIGLIA DEL MEDICO CURANTE ! ! ! www.facebook.com/fiorella.rappa?fref=search&__tn__=%2Cd%2CP-R&eid=ARAlyWkQ9XsjcM126mBc-gWNrrfxMHo...

Per il PC??? non servono app... dove la ascolto ora?I podcast su spracker non ci sono 🙂 Grazie infinite 🙂

Ma non le pubblica più sul suo profilo?

Top🔝❤️‼️

Già fatto

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

m.youtube.com/watch?v=H-Z96_LNvQU&feature=youtu.beGrazie al vostro aiuto, siamo a "tanto così" da vera una televisione dei cittadini. Facciamo l'ultimo sforzo insieme! Con Paypal: paypal.me/byoblu. C... ... See MoreSee Less

Video image

Comment on Facebook

Ciao Stefano possiamo entrare in contatto ?

Jacopo

Michele Togni

Bella zio...

PER TUTTI I GENITORI DANNEGGIATI DA VACCINI ED ALTRO, METTETEVI IN CONTATTO CON LA SIGNORA FIORELLA RAPPA, CHE HA UNA RAGAZZA AUTISTICA DANNEGGIATA DAI VACCINI ! !, PRESENTE SU FACEBOOK, CHE STA OTTENENDO MIGLIORAMENTI STRABIGLIANTI CON SUA FIGLIA SARA , ANCHE CON GRANDE MERAVIGLIA DEL MEDICO CURANTE ! ! ! www.facebook.com/fiorella.rappa?fref=search&__tn__=%2Cd%2CP-R&eid=ARAlyWkQ9XsjcM126mBc-gWNrrfxMHo...

come fanno a usare il senato per questee cose da cocaina e eroina

Lo dovrebbero fare Santo. Un uomo.eccezionale!

Ho letto il libro lo definirei illuminante ..solo il titolo fa riflettere !!!

Bravo di bella E cura la gente povera senza niente così ai un posto in paradiso

Una Grande Anima che abbiamo avuto per Aiuto che la Luce sia con Lui

Mi scusi, ma le vaccinazioni consigliatissime per gli over 70 enni sulla polmonite, herpes zoster, influenza, tetano, pertosse dalla sanità italiana, gratuiti...... lei sostiene siano inutili over 65? Stanno amplificando tali campagne. La medicina non dice ciò che lei sostiene sul sistema immunitario degli anziani, possiamo chiarirlo?

Silvana Sella .....Per favore commenta ! Grazie !

Appena ordinato il libro. Mi arriva domani. Non vedo l'ora!!!

Non sono mai riuscita a capire quale sia questo metodo.

Molte delle cose dette sono verissime ... ma vorrei sapere di piu’ sul ruolo degli oncogeni

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

L’ignoranza è una condizione che accomuna senza eccezione tutti gli esseri umani. Al massimo, socraticamente, si può sapere di non sapere, il che costituirebbe un enorme passo avanti, specie se rientrasse nella consapevolezza di qualcuno che si ammanta di autocertificata onniscienza. E, ahinoi, di personaggi del genere non c’è carenza.
Lasciando pietosamente da un canto una ormai corposa e stucchevole collezione di bizzarrie, recentemente il professor Roberto Burioni (magari un giorno esibirà i documenti che certificano il suo cursus honorum) ci fece moderatamente divertire strepitando con l’isteria che gli è caratteristica contro chi aveva concesso la parola a qualcuno che non gli andava a genio. Nel caso specifico si trattava d’interventi in tema di salute nell’ambito di una manifestazione chiamata Modena Benessere che si è tenuta il fine settimana scorso.
Come è normale che sia o, almeno, come è normale che dovrebbe sempre essere, delle esternazioni del personaggio si è tenuto conto per quello che valevano, cioè nulla, gl’interventi ci sono stati (io ero con il dottor Giuseppe Di Bella) e la sala era talmente piena che non poche persone non sono state fatte entrare per motivi di sicurezza oltre che di capienza.
Ora questo personaggio che ormai è a livello di tormentone scrive un libro sull’omeopatia, un argomento di cui, in coerenza con se stesso, sa pochissimo e capisce ancora meno. L’ignoranza è quella condivisa dall’umanità aggravata, però, dal dilettantismo, aggravato, a sua volta, dalla grottesca presunzione, mentre la coerenza sta nel fatto di non avere idea di che diavolo sia la scienza e di non aver capito che cosa sia la medicina. Ma ora che il Burioni si è autocertificato come malleus maleficarum dove la strega di turno è l’omeopatia, eccolo tuonare contro l’Università di Modena la quale, horribile dictu!, tiene un corso proprio sulla demoniaca materia, quella che toglie business a Big Pharma.
A questo punto, appellandosi alla pazienza che si deve piamente esercitare quando ci s’imbatte in persone moleste e sopprimendo misericordiosamente le risate, ci si potrebbe interrogare quanto meno sull’autorità che questo personaggio avrebbe. Sì, perché, per motivi su cui preferisco sorvolare, costui è riuscito ad esercitare influenze pesanti su diverse istituzioni che, ancora una volta per motivi su cui preferisco sorvolare, non solo lo prendono sul serio ma, almeno saltuariamente, paiono disponibili ad assecondarne i capricci.
Aggiungo, non per lui che probabilmente non avrebbe intenzione di capire, che la facoltà di farmacia nella quale si tiene il corso è deputata ad insegnare che cosa siano i farmaci, vale a dire quelle sostanze che il Nostro fraintende, e i farmaci omeopatici sono, guarda un po’!, farmaci. Dunque, è indispensabile che il farmacista li conosca, e questo a prescindere dagl’interessi e dalle idiosincrasie di un quisque de populo non importa come abbigliato.
Mi rendo conto che parlare di lui significa attribuirgli una qualche importanza e mi rendo pure conto di come invitarlo per l’ennesima volta ad un confronto sia perfettamente inutile. Tralasciando le metafore gommistiche, astronautiche e altro e ricorrendo a quelle tennistiche a lui altrettanto care, il Burioni stravince giocando contro il muro. Ora sarebbe bello se si piazzasse dietro una rete e cercasse di fare almeno un quindici.
www.modenatoday.it/salute/roberto-burioni-critica-unimore-insegnamento-omeopatia-laurea-farmacia-...

P.S. del 24 ottobre – Ognuno è libero di agire come più gli aggrada e non è mio compito esprimere giudizi. L’Università di Modena si è presa la briga di rispondere, dicendo delle ovvietà, alle stramberie del tale Burioni come se le esternazioni di un signor Nessuno avessero qualche rilevanza (www.modenatoday.it/salute/replica-unimore-critica-insegnamento-omeopatia-modena-23-10-2019.html www.magazine.unimore.it/site/home/notizie/articolo820051000.html). Fosse stato per me, io mi sarei limitato a sorridere davanti a tanta ridicola spocchia, a tanta becera incompetenza e, se proprio avessi avuto tempo da perdere, avrei chiesto ragguagli alla scuola privata che paga lo stipendio al personaggio. In fondo, anche quella è classificata come università.
... See MoreSee Less

L’ignoranza è una condizione che accomuna senza eccezione tutti gli esseri umani. Al massimo, socraticamente, si può sapere di non sapere, il che costituirebbe un enorme passo avanti, specie se rientrasse nella consapevolezza di qualcuno che si ammanta di autocertificata onniscienza. E, ahinoi, di personaggi del genere non c’è carenza.
Lasciando pietosamente da un canto una ormai corposa e stucchevole collezione di bizzarrie, recentemente il professor Roberto Burioni (magari un giorno esibirà i documenti che certificano il suo cursus honorum) ci fece moderatamente divertire strepitando con l’isteria che gli è caratteristica contro chi aveva concesso la parola a qualcuno che non gli andava a genio. Nel caso specifico si trattava d’interventi in tema di salute nell’ambito di una manifestazione chiamata Modena Benessere che si è tenuta il fine settimana scorso.
Come è normale che sia o, almeno, come è normale che dovrebbe sempre essere, delle esternazioni del personaggio si è tenuto conto per quello che valevano, cioè nulla, gl’interventi ci sono stati (io ero con il dottor Giuseppe Di Bella) e la sala era talmente piena che non poche persone non sono state fatte entrare per motivi di sicurezza oltre che di capienza.
Ora questo personaggio che ormai è a livello di tormentone scrive un libro sull’omeopatia, un argomento di cui, in coerenza con se stesso, sa pochissimo e capisce ancora meno. L’ignoranza è quella condivisa dall’umanità aggravata, però, dal dilettantismo, aggravato, a sua volta, dalla grottesca presunzione, mentre la coerenza sta nel fatto di non avere idea di che diavolo sia la scienza e di non aver capito che cosa sia la medicina. Ma ora che il Burioni si è autocertificato come malleus maleficarum dove la strega di turno è l’omeopatia, eccolo tuonare contro l’Università di Modena la quale, horribile dictu!, tiene un corso proprio sulla demoniaca materia, quella che toglie business a Big Pharma.
A questo punto, appellandosi alla pazienza che si deve piamente esercitare quando ci s’imbatte in persone moleste e sopprimendo misericordiosamente le risate, ci si potrebbe interrogare quanto meno sull’autorità che questo personaggio avrebbe. Sì, perché, per motivi su cui preferisco sorvolare, costui è riuscito ad esercitare influenze pesanti su diverse istituzioni che, ancora una volta per motivi su cui preferisco sorvolare, non solo lo prendono sul serio ma, almeno saltuariamente, paiono disponibili ad assecondarne i capricci.
Aggiungo, non per lui che probabilmente non avrebbe intenzione di capire, che la facoltà di farmacia nella quale si tiene il corso è deputata ad insegnare che cosa siano i farmaci, vale a dire quelle sostanze che il Nostro fraintende, e i farmaci omeopatici sono, guarda un po’!, farmaci. Dunque, è indispensabile che il farmacista li conosca, e questo a prescindere dagl’interessi e dalle idiosincrasie di un quisque de populo non importa come abbigliato.
Mi rendo conto che parlare di lui significa attribuirgli una qualche importanza e mi rendo pure conto di come invitarlo per l’ennesima volta ad un confronto sia perfettamente inutile. Tralasciando le metafore gommistiche, astronautiche e altro e ricorrendo a quelle tennistiche a lui altrettanto care, il Burioni stravince giocando contro il muro. Ora sarebbe bello se si piazzasse dietro una rete e cercasse di fare almeno un quindici.
https://www.modenatoday.it/salute/roberto-burioni-critica-unimore-insegnamento-omeopatia-laurea-farmacia-modena-20-ottobre-2019.html
 
P.S. del 24 ottobre – Ognuno è libero di agire come più gli aggrada e non è mio compito esprimere giudizi. L’Università di Modena si è presa la briga di rispondere, dicendo delle ovvietà, alle stramberie del tale Burioni come se le esternazioni di un signor Nessuno avessero qualche rilevanza (https://www.modenatoday.it/salute/replica-unimore-critica-insegnamento-omeopatia-modena-23-10-2019.html  http://www.magazine.unimore.it/site/home/notizie/articolo820051000.html). Fosse stato per me, io mi sarei limitato a sorridere davanti a tanta ridicola spocchia, a tanta becera incompetenza e, se proprio avessi avuto tempo da perdere, avrei chiesto ragguagli alla scuola privata che paga lo stipendio al personaggio. In fondo, anche quella è classificata come università.

Comment on Facebook

Ho sempre curato le mie figlie, sin da piccolissime, con l'omeopatia. Sono sempre guarite. Sarebbero guarite lo stesso? Forse. Ma se così fosse, allora perché usare la medicina allopatica? L'omeopatia funziona come effetto placebo? Va bene. Ma strano che lo faccia su dei neonati. Semplici considerazioni di una mamma di tre figli...

Dottori meravigliosi: Mozzi , Berrino, Garoli, Caletti, mi hanno aperto un mondo nel considerare fondamentale il carburante che immettiamo nel corpo e che può apportare significative modifiche all'intero dna. Quindi grata a ricercatori, come lei dott. Montanari, per il vostro contributo a rendere migliore questa piccola umanità credendoci fino in fondo..... ambisco che i miei figli si ispirino a voi e possano contribuire al cambiamento indispensabile che ci attende. Grata di cuore....💚un cuore verde come la speranza.

Ho curato con prodotti omeopatici anche il mio cane con risultati sorprendenti , placebo be che ne sa un cane di omeopatia , quindi io la uso quando necessario e ho sempre avuto riscontro positivo , questo personaggio non sa niente di omeopatia come si arroga il diritto di parlane ,comunque il punto non cambia io sul mio corpo decido in totale autonomia quindi ciuppa

il dr Mozzi non vende medicine le sue teorie sono basate esclusivamente sulla dieta che nessuno obbliga a seguire. Personalmente ho potuto constatare la veridicità di alcune sue teorie sull'effetto di alcuni alimenti tipo il glutine o il formaggio, non ho smesso di mangiarli ma sperimentando, ho acquisito la consapevolezza del loro effetto su di me

Mi sporco io le mani per dire perché la fa sempre franca: è un massone. Si aiutano tra di loro.

non bisogna mai augurare del male alle persone , ma in questo caso per non farlo, si é chiamati a fare una grossa fatica!

Bubu semplicemente ha paura del fatto che la gente seppur con molta fatica si stia svegliando,è chiaro che chi costantemente lo foraggia profumatamente lo stia spingendo ad elargire pillole di scienza anche in campi che non riguardano le sue competenze(se mai le avesse).Ci vorrà ancora del tempo e una marea di tragedie ma il fenomeno Burioni è destinato ad eclissarsi.

In realta l unico obbiettivo primario del fenomeno denigratorio Di Burioni e di molti politici , scrittori e vips e’di influenzare il pensiero altrui...

Burioni dovrebbe fare altri post molto istruttivi per noi popolino che lui reputa "il nulla", per esempio dovrebbe domandarsi come mai c'è la maggior parte di sportivi e militari i quali contraggono malattie strane 🤔 ora va di moda chiamarle "malattie rare" Oppure le morti in culla e giovani che muoiono inspiegabilmente di infarto. Lui o è ignorante in materia medica oppure il suo scopo è appoggiare le multinazionali dei farmaci fregandosene del prossimo pensando di riempirsi solo le saccocce (tasche) È evidente che è questa ultima opzione!

Ma perché il signor bubu non smette di alimentarsi con cibi naturali ( frutta verdura ecc ecc. ) tanto non contengono nulla- si alimenti solo a pasticche così dirà che è scientificamente alimentato - e vediamo chi campa di più . Assurdo che un soggetto simile ancora sbraiti 🤮

Io penso che lo stato dovrebbe certificare ed investire un pool di professionisti per poter vagliare determinate competenze scientifiche, un pool di rinomata competenza scientifica come BUTAC e il CICAP

Poveretto. Che tristezza che un sommo scienziato come lui perda tempo con dei ciarlatani. Se tali fossero perché dare loro tanta attenzione?

Stimatissimo dottor Montanari prima o poi tutti i nodi vengono al pettine..... Le menzogne prima o poi vengono a galla..... Buon lavoro a lei e a tutti i medici seri che per fortuna esistono.... Grazie mille

Ma perché ancora non é morto?

Il grave è che Burioni ha raggiunto la posizione dalla quale può fare i danni maggiori ... e nessuno tenta nemmeno di emarginarlo ....

Bubu...settete 🤣🤣 gioca a nascondino va ...ma rimani nascosto x un bel po' va

....ma la gente avrà pure il diritto di ascoltare chi vuole e di farsi una idea propria su stile di vita, farmaci, terapie alternative o altro che la riguardi!!! A parlare non sono ciarlatani ma medici competenti ,a volte anche più competenti di colui che si arroga il diritto di giudicare tutto e tutti ... L’umiltà è sempre sinonimo di intelligenza!

Stefano Montanari la ringrazio e la ringrazierò sempre per il suo impegno, la sua dedizione e la sua lealtà intellettuale. Se si è perso Il Burrioni in TV dove per una volta diceva la verità, mentre chi diceva che i vaccini avendo inevitabilmente delle controindicazioni bisogna pesare le due cose la protezione e i danni invece che può causare. Arriva l uscita del Dottore Onnisciente e spirito santo "ecco, proprio perché ci sono controindicazioni che bisogna farli" finalmente la verità ci vogliono autistici, malati e probabilmente morti. Poi il video continua e continua a fare pessime figure... Se vuole lo trova nel mio profilo. Cari saluti Dottore anche se qualcuno la vuole sminuire lei rimarrà per noi sempre dottore

Ma questo Burioni non ha altro da fare?

Ammetto che la capacità di discernerne, quanto ci viene propinato, è spesso direttamente proporzionale alla cultura scolastica e lavorativa. L'opinione di ognuno di noi, legittima, si forma prendendo spunto da svariate variabili, condizionate spesso da pessimi strumenti, quali sono i social! Opinioni che poi però non ci trasformano in soggetti capaci di assurgersi a fini conoscitori di scienza e soprattutto ricerca, no...! Leggere post di qualche fantomatico personaggio che con puerili voli pindarici e latinismi vari ci vuole vendere fumo, magari annacquato, non porta a nuovi crediti formativi. Qui ci vuole lo studio vero, quello su carta. "...e sì, lo dice anche il mio fior fior di omeopata!" (Cit. sarcastica dello spettacolo di Aldo, Giovanni e Giacomo).

Avrei voluto esserci ma non ho potuto...questione di allergia al BIOSSIDO DI TITANIO per un impianto odontoiatrico...grazie Dr. Stefano Montanari...a lei e sua moglie <3

Ancora ascoltate burioni? Scusate se l'ho scritto minuscolo. Ignorare e ignorare. Buone burionate a tutti.

Da quando la seguo ho imparato a fiutare, dai toni e modi di esprimersi, i fans dello "scienziato" sopracitato. Sembrano fatti con lo stampino, tutti con lo stesso vocabolario.

Questo Signore RB si sta scavando la fossa con le sue mani, anzi con le sue azioni, ma almeno sa quanti milioni di abitanti scelgono uno stile di vita sano? Se lo sapesse non aprirebbe bocca a sproposito.

Ma che buffo questo signore! Davvero insegna in un Università? Privata spero!

View more comments

3 months ago

Stefano Montanari

Non è un libro scientifico a rigor di termini.
Nelle pagine della versione aggiornata di Immunità di Legge non troverete relazioni sulle analisi effettuate sui vaccini, discussioni su quanto male fanno tante delle porcherie, da sole (in purezza!) e in cocktail, che si trovano in tutta la gamma degl’ingredienti che corrono tra più o meno dubbia legalità e palese illegalità di regime o descrizioni dettagliate di quanto gli “eroi caduti per una guerra giusta”, così come un “luminare” ebbe a definire i bambini danneggiati dai vaccini, hanno subito e continuano a subire. Qui non troverete concetti fondamentali di tossicologia ignorati dietro ricatto dai medici e ignorati per manifesta inferiorità culturale da politici e giornalisti. Qui troverete quello che gli anglosassoni chiamano “food for mind”, cibo per la mente, un cibo che, se mangiato, salverebbe dall’anoressia culturale una folla immensa.
Il libro, scritto benissimo e che si leggerebbe d’un fiato se non fosse obbligatorio fermarsi a ragionare quasi ad ogni riga, offre fatti su cui è impossibile obiettare, comprese le sottolineature di tante delle assurdità meramente logiche eppure di successo che fanno parte del folclore vaccinale. In aggiunta, contiene considerazioni etiche a prova di qualunque sfida.
Curiosamente, la premessa si apre con una considerazione che nel succo è identica a quella che mia moglie ed io scrivemmo quando consegnammo il testo della nuova edizione di Vaccini: Sì o No?: non avremmo mai voluto tornare sull’argomento. Ottimisticamente, troppo ottimisticamente, noi come gli autori di Immunità di Legge ci eravamo illusi che il buon senso avrebbe avuto il sopravvento sulla follia e, quanto meno, l’imposizione vaccinale sarebbe stata cancellata lasciando ogni decisione alla libertà e al libero arbitrio di ognuno come sancito da qualunque approccio sano alla ragion pratica, cioè alla morale, e pure dalla nostra pur calpestata costituzione. Non solo non fu così, ma la nuova versione dello stesso regime si è sentito in dovere d’inchinarsi ancora più profondamente a chi comanda davvero. Insomma, oggi è peggio di ieri. Così, ecco l’edizione aggiornata del libro.
I vostri medici non lo leggeranno o, se lo faranno, cercheranno di non essere scoperti. Quanto ai personaggi trasformati d’incanto in maestri di pensiero, quelli che sono popolarmente spacciati per fari di sapere, ancora una volta, coerentemente con loro stessi, faranno finta di nulla e, comunque, si sottrarranno a qualunque tentativo di confronto. In fondo, al di là di ogni considerazione morale, hanno ragione loro: il loro compito è quello di fare i piazzisti dei vaccini e il loro successo dipende da quanto si vende. I media? Perché se ne dovrebbero occupare?
E, allora, leggetelo prima che sia bruciato in piazza come vuole una certa tradizione.
... See MoreSee Less

Non è un libro scientifico a rigor di termini.
Nelle pagine della versione aggiornata di Immunità di Legge non troverete relazioni sulle analisi effettuate sui vaccini, discussioni su quanto male fanno tante delle porcherie, da sole (in purezza!) e in cocktail, che si trovano in tutta la gamma degl’ingredienti che corrono tra più o meno dubbia legalità e palese illegalità di regime o descrizioni dettagliate di quanto gli “eroi caduti per una guerra giusta”, così come un “luminare” ebbe a definire i bambini danneggiati dai vaccini, hanno subito e continuano a subire. Qui non troverete concetti fondamentali di tossicologia ignorati dietro ricatto dai medici e ignorati per manifesta inferiorità culturale da politici e giornalisti. Qui troverete quello che gli anglosassoni chiamano “food for mind”, cibo per la mente, un cibo che, se mangiato, salverebbe dall’anoressia culturale una folla immensa.
Il libro, scritto benissimo e che si leggerebbe d’un fiato se non fosse obbligatorio fermarsi a ragionare quasi ad ogni riga, offre fatti su cui è impossibile obiettare, comprese le sottolineature di tante delle assurdità meramente logiche eppure di successo che fanno parte del folclore vaccinale. In aggiunta, contiene considerazioni etiche a prova di qualunque sfida.
Curiosamente, la premessa si apre con una considerazione che nel succo è identica a quella che mia moglie ed io scrivemmo quando consegnammo il testo della nuova edizione di Vaccini: Sì o No?: non avremmo mai voluto tornare sull’argomento. Ottimisticamente, troppo ottimisticamente, noi come gli autori di Immunità di Legge ci eravamo illusi che il buon senso avrebbe avuto il sopravvento sulla follia e, quanto meno, l’imposizione vaccinale sarebbe stata cancellata lasciando ogni decisione alla libertà e al libero arbitrio di ognuno come sancito da qualunque approccio sano alla ragion pratica, cioè alla morale, e pure dalla nostra pur calpestata costituzione. Non solo non fu così, ma la nuova versione dello stesso regime si è sentito in dovere d’inchinarsi ancora più profondamente a chi comanda davvero. Insomma, oggi è peggio di ieri. Così, ecco l’edizione aggiornata del libro.
I vostri medici non lo leggeranno o, se lo faranno, cercheranno di non essere scoperti. Quanto ai personaggi trasformati d’incanto in maestri di pensiero, quelli che sono popolarmente spacciati per fari di sapere, ancora una volta, coerentemente con loro stessi, faranno finta di nulla e, comunque, si sottrarranno a qualunque tentativo di confronto. In fondo, al di là di ogni considerazione morale, hanno ragione loro: il loro compito è quello di fare i piazzisti dei vaccini e il loro successo dipende da quanto si vende. I media? Perché se ne dovrebbero occupare?
E, allora, leggetelo prima che sia bruciato in piazza come vuole una certa tradizione.