Marcello Foa

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

4 months ago

Marcello Foa

"C'è stata una sproporzione, un chiaro squilibrio tra il voto popolare e una giuria composta da poche decine di persone che ha provocato le polemiche. Questo sistema funziona o no? Secondo me va corretto chiaramente proprio perché il pubblico si senta rappresentato".

E' quel che ho dichiarato oggi a Unomattina. Il voto della giuria popolare va rispettato e non stravolto. Ne terremo conto per la prossima edizione.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Pensa a fare il tuo lavoro dando voce al m5s che ha permesso la tua elezione e non al Pd e f. I o lega soltanto.

Aspettiamo i cambiamento in Rai.....e che lei smetta di pompare Salvino!!! Non se ne può più di vedere queste disparità! O è stato voluto dalla Lega proprio per questo?

Caro, ma non troppo,FOA Cercherò il modo per non dover più pagare il canone È offensivo, per noi Italiani, il modo in cui si sta gestendo l’informazione con i nostri danari Le auguro un cambiamento di rotta o le dimissioni

Dimettiti!! se prima ero favorevole alla tua elezione , ora sono mille volte favorevole alle tue dimissioni ,ci sentiamo traditi,DIMETTITI

Fazio nella sua intervista ha consentito a Macron di fare un monologo di 30 m a favore del mondialismo quasi senza fare domande. Il punto più basso della RAI è stato raggiunto. Foa! Intervieni! Perché permetti tutto?

Quando avremo una informazione più corretta evitando l'accanimento totale contro il Movimento? Si ricordi che si trova alla rai ( volutamente minuscolo ) grazie soprattutto all'appoggio dei nostri parlamentari. Sono stufa di pagare per un servizio asservito al pd e/o al cdx. Basta

Presidente Foa, per me lei è stato una grandissima delusione 😞

Anche oggi quei quattro deficienti su Rai 2, in una trasmissione sul calcio, sparano contro il M5S e contro il voto su Rousseau. Difendono i migranti irregolari. Grazie a Foa e a Salini l'informazione dei media è sempre alla mercè del potere politico. Ps. Segnaliamoli al M5S. Vanno licenziati. Oggi ci sono delle votazioni in Sardegna. Queste sono irregolarità da punire severamente.

Foa ma ci stai prendendo per il culo? questa e la voce del web ed e' anche la mia!

Cominci da qualcosa ma cominci quel cambiamento annunciato di cui la Rai ha assoluto bisogno ma che ancora non si vede..

Forse sarebbe il caso di scendere in piazza sotto la Rai, per farglielo capire...

Così non va ! Vero che Roma non si fece in un solo giorno , ma non possiamo aspettare tempi biblici per vedere il cambiamento.

Che schifo questa RAI! Che delusione! Non c’e’ mezzo programma che rispetti il pluralismo e che conceda spazio al m5s. Tutto è rimasto nelle mani del pd come prima, l’unica novità sono gli slinguettamenti alla Lega. Persino stasera su rai due, nello spazio dopo il tg c’era il solito dibattito con Padellaro, Vittorio Feltri e un certo Montanari, che hanno sparato il consueto fango sul m5s. Ma insomma, presidente, che vergogna! Il direttore Pedulla’ de La Notizia, ha dichiarato espressamente che sono tre anni che rai e Mediaset lo hanno fatto fuori e non lo invitano più, da quando ha iniziato a prendere posizione di difesa sul m5s ed è stato l’unico ad essere intellettualmente onesto, distaccandosi dagli orientamenti del mainstream. Sono stufa di vedere che concedete spazio ai soliti Minzolini, Cerasa, Feltri, De Angelis, Padellaro, Sallusti e lecchini vari di pd e forza italia e mai una voce amica con il m5s. Nessun italiano conosce le numerose misure che ha varato Di Maio, in questo governo, nessuno conosce le tante crisi aziendali risolte da Luigi, nessuno spende una parola a favore del reddito di cittadinanza, o al fatto che questi ragazzi si tagliano lo stipendio e hanno donato ai terremotati, alle piccole imprese e agli alluvionati. Solo fango e critiche, solo a farci due maroni sul tav e notizie inutili che non interessano a nessuno. Fate schifo pure voi!

Come mai non fai più post su FB? Non hai più il coraggio di scrivere niente? Dove sono le belle frasi di pluralismo ? Di informazione libera? Dove sono finite tutti quei FALSI buoni proposti? Siete tutti uguali!! PD-FI-LEGA, na banda di imbroglioni!! fate schifo!! Ma quale presidente!! Ma dove?? Ma per piacere!! FUORI DALLA RAI!!!

Complimenti per il suo lavoro di manipolazione mediatica. Dai risultati elettorali deduco che le sia riuscito benissimo! Che lavoro sporco è il suo!!!

Foa lei è scandaloso, è stato eletto perché la Rai sia imparziale, non vogliamo una Rai di parte. SI VERGOGNI E LASCI IL POSTO A UNA PERSONA PIÙ ONESTA.

Signor Foa credero'in lei solo quando vedro'tante zecche fuori dalla rai che noi paghiamo

Ci eravamo sbagliati. Ammettiamolo: Foa ha deluso su tutta la linea.

Presidente Foa ma lei guarda Rai Tre ? Guarda Rai News 24 ? Guarda l'informazione della Rai ? La Rai faceva schifo e continua a fare pena. Lei è una mancata promessa, una delusione evidente, lei e Salini pensavo foste realmente capaci a cambiare la Tv di Stato. Dimettetevi che è meglio.

Caspita, Foa che parla e prende posizione? Sono sorpreso, visto che da mesi lei tace su qualsiasi porcata venga fatta in Rai: dalle ospitate di Fazio, all'offesa dei papà nel programma della Dandini, fino a Luxuria che insegna omosessualità ai bambini: solo adesso si sveglia? Tenti di far qualcosa, perchè per quanto possiamo vedere, di questo famoso "cambiamento" non c'è traccia.

Il problema non è Sanremo in se, ma è come una piccola percentuale di dominanti influiscono senza vergogna, alla luce del sole, sulla nostra vita sociale senza aver alcun rispetto della democrazia e della opinione della gente comune. Buon lavoro Foa...c'è molto da migliorare.

Il verdetto è solo la punta dell'iceberg. Cominciamo dal vergognoso direttore artistico, dal suo vergognoso contratto, dal suo vergognoso conflitto d'interessi, dalla vergognosa selezione dei "cantanti" in gara, dalla vergognosa selezione delle rispettive "canzoni", dal vergognoso uso impropriamente politico del palco da parte dei presentatori e delle loro vergognose retribuzioni pagate dagli italiani. Il vergognoso esito finale è il risultato coerente di quelle vergogne "propedeutiche".

C’è una sproporzione anche nei tg a favore del centro destra, cerchiamo di essere più equilibrati

Per ora la Rai non mi pare per nulla migliorata,San Remo è solo la punta dell'iceberg.

View more comments

4 months ago

Marcello Foa

Insieme ad Anastasio, artista dall’animo sensibile. Che piacere incontrarlo qui a Sanremo! ... See MoreSee Less

Insieme ad Anastasio, artista dall’animo sensibile. Che piacere incontrarlo qui a Sanremo!

Comment on Facebook

Ma è possibile che gente navigata come lei e Salini ( e i vostri patroni Di Maio e Salvini) non abbiate ancora capito che o cambiate l'informazione o siete tutti morti? Quanti secoli sono necessari? Io al suo posto avrei già rassegnato le dimissioni con gran fracasso. Peccato, avevamo riposto grandi speranze in lei. Invece dovremo inserirla nella categoria dei traditori. Da Marcello Foà proprio non ce l'aspettavamo.

Scusi Direttore, ma quanto tempo Le serve per agire concretamente e cambiare la Rai? Sta prendendo in giro gli Italiani che le pagano lo stipendio! Si vergogni e si dimetta il prima possibile!

Marcello Foa per cortesia facci sapere a tutti noi che abbiamo sostenuto la tua candidatura alla presidenda rai : quali sono y problemi o ostacoli che ti impediscono di fare il cambiamento che avevi promesso , purtroppo ancora non si vede nemmeno l'ombra .... ti ringrazio e' scusa il disturbo .....

Non si è mai visto un Governo che ha la Rai contro. Programmi come Che tempo che fa, Cartabianca, In Mezzora, Presadiretta e tutti i Tg sono scandalosi. Ci ha profondamente delusi

Anche noi siamo sensibili....ci siamo sensibilmente rotti il cazzo di essere presi per il culo...

Non ho guardato Sanremo, aspetto il cambiamento

Egregio Dott. Foa, noi ,e siamo in tanti, stiamo aspettando un forte segno di cambiamento in RAI, in conseguenza della sua nomina a Presidente, che non arriva. Visto che ha deciso per ragioni di opportunità di non commentare più la vita politica di questo paese, le saremmo grati se evitasse di sollecitare la nostra pazienza con questi post di apprezzamento e di stima che, a confronto col contesto devastato della RAI, appaiono come delle prese in giro per quelli come me che non accendono il televisore da più di dieci anni. Le assicuro che nuocciono gravemente alla sua immagine. Con stima, nonostante tutto.

Dott.Foa ,in Rai il tanto auspicato pluralismo culturale non si vede ,soprattutto a Rai3 e Rainews 24 !

Quando scade il contratto di Agorà? La conduttrice è palesemente faziosa e non fa nulla per nasconderlo.

Da cittadina italiana provo grande imbarazzo nel sentire una tv di Stato tutta schierata a sinistra nell'informazione. Peccato, dott Foa, ero convinta Lei fosse un galantuomo che mantiene ciò che ha promesso, ciò per cui tanti italiani hanno esultato del Suo mandato in Rai. Non abbiamo più speranze, ora si fa strada la certezza di essere stati tutti gabbati. Mi stia bene

Sanremo vergognoso. Propaganda continua. La sua presidenza è un fallimento totale.

Buonasera sig.Foa, vorremmo tanto capire come il "cantante" Achille Lauro sia riuscito ad arrivare fino a Sanremo!! Ma come è possibile che passino questi testi?

Foa stiamo ancora in trepida attesa per la pulizia della RAI che ad oggi è ancora uno schifo immondo. Sono 50 anno che attendiamo, non farci attenderne altri 50. Soprattutto in RAI3, TG3 ed affini.

Foa, anche il Festival di Sanremo è stato ucciso dagli immigrazionisti Fino ad ora non hai fatto un cazzo, ripulisci la RAI dai sinistri oppure è meglio che ti dimetti. VERGOGNATI!!!

Il fatto che sia stata scartata la canzone dei New Trolls, ottima musica...mi fa pensare che la libertà di pensiero non esiste in questo Paese!

Quanto tempo ancora c'è di bisogno per cambiare questi " STREGONI DELLA NOTIZIA" ?🤔

Sto aspettando che in Rai buttate fuori Fazio e company se continua così mi abbono a Netflix e chiudo con la Rai e Mediaset

Marcello Foa Per favore metta in atto in Rai i cambiamenti per cui tutti noi abbiamo sostenuto la sua candidatura. Finora non é cambiato nulla! 😡😡😡

Caro Presidente non avendo guardato Sanremo ma ho letto alcune polemiche spero in un futuro di discontinuità soprattutto le canzoni dovrebbero essere votate da casa cioe' da coloro che pagano e non da elite in prima fila, spero nel ritorno di un vero conduttore o conduttrice.Un saluto.

Ma come è possibile fare una carognata simile con le votazioni di Sanremo? Una giuria che capovolge il voto popolare come in una dittatura e fate pure pagare 50 centesimi x voto per un imbroglio evidente....ma ci prendete per i fondelli?!? Ma chi ha scelto questa giuria di ballerine e nani di regime?

La RAI del NON Cambiamento. Tutto cambia affinchè nulla cambi.

Non sto guardando Sanremo Signor Foa sono molto delusa del suo operato in Rai non ce stato alcun cambiamento anzi è peggiorato Mi sono persa anche l'esibizione di Anastasio ma pazienza.

Pensa a ripulire la Rai dai partiti i palinsesti Rai sono pieni zeppi di programmi demenziali a quando un cambiamento di rotta?

Caro Marcello quando cominceremo a vedere il cambiamento in RAI ? Immagino sia un osso duro ... maledetti "merdias" controllati dal Deep State.

Oggi TG1: prima notizia clamorosa Sanremo. Di seguito: le opinioni del PD che definiscono questo governo come peraltro fanno tuti i santi giorni, un immane "disastro". Cambio dei vertici Consob: colpo di mano. Conte, Salvini e Di Maio, fanalini di coda e piccoli flash. Ampio spazio al papa. Non un accenno alle elezioni in Abruzzo. Ormai è un mantra quotidiano: tutto ciò che contiene la manovra sono danni irreversibili. Contano più le manifestazioni dei sindacati che gli interventi nei vari settori dell'economia. E' mai possibile che nell'attesa che venga quel giorno dobbiamo sopportare e subire tutto ciò? Intanto paghiamo canone e non si sfugge.

View more comments

5 months ago

Marcello Foa

Sono a Matera, da stasera Capitale Europea della Cultura.
Se pensiamo a com’e' nata questa iniziativa, cioe' dalla comunità civile, dai giovani, assume un significato particolare. All’inizio sembrava un’impresa impossibile, invece, ce l'hanno fatta.
In questo momento, il Sud ha un modello a cui ispirarsi. Se il Sud crede in se stesso ce la puo' fare. Ed è bello che la Rai possa testimoniare e portare questo messaggio nelle case degli italiani.
... See MoreSee Less

Sono a Matera, da stasera Capitale Europea della Cultura. 
Se pensiamo a com’e nata questa iniziativa, cioe dalla comunità civile, dai giovani, assume un significato particolare. All’inizio sembrava un’impresa impossibile, invece, ce lhanno fatta. 
In questo momento, il Sud ha un modello a cui ispirarsi. Se il Sud crede in se stesso ce la puo fare. Ed è bello che la Rai possa testimoniare e portare questo messaggio nelle case degli italiani.

Comment on Facebook

A quando la TV del cambiamento? A quando programmi decorosi? A quando una TV senza propaganda LGBT e PD? A quando un tg di reale informazione? gradita una gentile risposta. almeno una risposta per tutti, le mie domande sono identiche alle precedenti.

La tivù pubblica è infestata da parassiti, da gente messa lì dalla politica marcia che ci ha governato per anni. Vogliamo un cambiamento e, al momento, tutto rimane com'è.

Caro dott. Foa, cosa aspetta ad intervenire sui seminatori di bufale che infestano la Rai? Ne abbiamo le tasche piene

Ma i commenti li legge in questa pagina,o passa ??Spero si renda conto,che genere di spazzatura è diventata la Nostra cara Mamma Rai...si sperava in una rivoluzione con il suo avvento,ma mi sa che siamo passati dal fuoco alla brace,sono rimaste solo le sue belle parole,oltre ad una Rai sempre più a dire schifosa, sarebbe ancora un grosso complimento,abbiamo tifato per lei,sig,Presidente,ma se legge i commenti il mio compreso,capirà di quanto siamo pentiti ,per averla sostenuta,non tiri troppo la corda però,sta per spezzarsi,troppi abbonati obbligatoriamente sono stufi e schifati, ripeto per questo continuo vecchio marciume di informazione monopolizzata..!! E lei ne è il garante..!! Questo non gli fa certo onore..!!Vi ponga rimedio quanto prima o passi la mano sarà molto meglio per tutti mi creda..!!

Signor Foa avevamo tanta fiducia in lei, ma su RAI1 non è cambiato nulla. Hanno un modo di dare e commentare le notizie tutte di sinistra. E quasi tutte le trasmissioni non fanno altro che attaccare il governo. Faccia qualcosa!! Fino ad ora non si è visto nulla

Presidente , lei ha deluso le mie aspettative e speranze di una Rai pluralista e sincera. L' ossessiva campagna mediatica contro il M5S di tutte le reti Rai ormai è arrivata a livelli insopportabili. Io non vedo più i vostri tg e talk e poichè la diffamazione permea anche i programmi sportivi e d' intrattenimento, abbandonerò anche quelli. Come me lo faranno milioni di persone.

Con gente come Fazio in onda, per non parlare di altri, per me la tv è un fastidioso soprammobile.

se portassi anche 2 o 3 TG potabili ogni settimana ti potremmo augurare buon lavoro, per cio' che stai facendo ora ti consiglio le dimissioni immediate

Caro presidente Foa, le aspettative di un NETTO CAMBIAMENTO erano molto positive. Ad oggi ancora niente, devo sorbirmi il solito sciacallaggio di una informazione deviata.

Che delusione, Sig Foa! Non credo, non POSSO credere che non si possa intervenire sullo sconcio dell'informazione alla RAI. Pretendere dei servizi seri, che rendano conto di tutte le voci, di tutta l'enormità della realtà mondiale... non è chiedere troppo: è il minimo, con quello che paghiamo, noi tutti. Entrato nell'ingranaggio, anche Lei si è lasciato stritolare. Peccato, sembrava un essere umano di valore.😢

Gentile dott Foa, se non ha la forza né il carisma per fermare l'aggressione della lobby gay ai bambini in Rai la prego di lasciare il posto ad una persona con maggiore voglia di combattere. SO bene che questa lobby è così forte da poterla distruggere in poco tempo, ma l'interesse dei nostri figli viene prima. Quindi lasci spazio a chi ha l'età e la forza per combattere questa battaglia

Presidente, una vergogna del genere non può sfuggire. È gravissimo questo fatto. Ho ascoltato una parte del discorso fatto ai bambini.....agghiacciante!! Non le sembra ora di fare qualcosa per un effettivo e reale cambiamento? Grazie. m.ilgiornale.it/news/2019/01/21/lezioni-gender-in-rai-e-la-lega-porta-luxuria-in-vigilanza/1632222/

Lei è una grossa delusione. Sinceramente che Lei è a Matera a perdere tempo non me ne frega un accidente. Mi importa che riprogrammi la Rai visto che pago il canone e che sbatta fuori gente come Fazio Litizzetto Vespa ecc.... che non li posso più vedere. Io non guardo ormai la Rai da anni. Speravo con Lei in un cambiamento ma vedo che andiamo peggio. Mah! E poi Sanremo? Ma stiamo scherzando? Compensi milionari a Baglioni ecc..... un schifo veramente..... c’è poco da divertirsi... spero che gli italiani inseriscano il cervello e non guardino questa manifestazione che offende noi popolo sofferente.

Avevo fiducia in lei, è evidente che mi sbagliavo. Se prima non accendevo la TV ora la butterei volentieri dalla finestra

Si ma cambiamo la Rai di Stato. Da organo di partito a televisione di tutti gli italiani.

Presidente la stimo e la rispetto..capisco i contratti pregressi....ma qualche segnale di cambiamento della RAI ...credo cHe oramai si dovrebbe vedere....invece ancora il nulla

Ti stai rivelando una grande delusione. Hai scritto cose importanti, seminari a decine e poi, alla prova dei fatti, NIENTE! Vogliamo un'informazione corretta. Paghiamo un canone per quello, TU SEI PAGATO PER QUELLO. Fai il Tuo dovere, hai le capacità ed il dovere di farlo! Manca il coraggio?

Presidente Foa ma è mai possibile che ancora non si sia fatta pulizia di certi elementi che hanno distrutto la TV pubblica..? Speravo nella sua nomina ma vedo che invece di migliorare stiamo peggiorando, visti i compensi che verranno usufruiti da Baglioni e company.. e noi continuiamo a non guardare più i programmi Rai nonostante paghiamo il canone... 😏😏😏

Presidente Marcello Foa lei ha deluso e sta deludendo tutti quelli (tantissimi) che speravamo in una Rai diversa e migliore. Lei e Salini dovreste dimettervi presto.

Lei è a oggi, tale e quale a molti programmi Rai :un flop.

Avevamo fiducia e aspettative su di lei e invece delusione più assoluta : siamo ancora alla tv di Renzi. Non possiamo pensare che si sia fatto eleggere con l'intenzione di non cambiare niente! E la delusione è ancor più grande dal momento che ci propina spot senza dare alcuna risposta, sordo a tutte le rimostranze che le vengono civilmente presentate...

Foa, stiamo aspettando l'informazione libera, manca ancora tanto?

Si capisco... ma dia un segnale che in RAI Lei esiste, no perchè vedo che continuano a comandare quelli di prima

Le dico con il cuore in mano che avevo enormi speranze sul rinnovamento della Rai con lei alla guida. Invece posso constatare con delusione che il MoVimento 5 Stelle è stato ulteriormente penalizzato e questa è una vergogna in un paese che si definisce civile e democratico

Scusi, ho notato che al momento la RAI è ancora TelePD. Dice che si potrà fare qualcosa?

View more comments

6 months ago

Marcello Foa

“Cominciate col fare il necessario, poi ciò che è possibile e all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.”

Con questa bella frase di San Francesco d’Assisi vi auguro un 2019 di forza e di serenità, con l’auspicio di questo arcobaleno sul Monastero delle monache benedettine dell’isola di San Giulio.

Avanti con fiducia!
... See MoreSee Less

“Cominciate col fare il necessario,  poi ciò che è possibile e all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.”

Con questa bella frase di San Francesco d’Assisi vi auguro un 2019 di forza e di serenità, con l’auspicio di questo arcobaleno sul Monastero delle monache benedettine dell’isola di San Giulio. 

Avanti con fiducia!

Comment on Facebook

Cominci lei a fare qualcosa oltre a incsssare lo stipendio, la Rai e ' inguardabile

Aspettiamo che si muova qualcosa con l informazione ,non possiamo tenere la tv spenta in qualsiasi ora del giorno visto che paghiamo il canone !

Marcello Foa Dottor Foa intervenga con la massima urgenza sulla pericolosissima faziosità della Rai!!! Continua a passare come realtà oggettive le opinioni delle opposizioni!!!

Quando si cambia questa rai politicizzata dal patto del Nazareno?

Caro Presidente Foa, noi italiani speravamo nella sua nomina per essere informati seriamente e in modo imparziale non per assistere continuamente in ogni programma Rai alle tribune politiche rosse. Sono e siamo tutti delusi del suo operato, praticamente tutto è come prima, se non peggio. A Sanremo la musica e le canzoni sono diventate un evento marginale, ciò che piu' spicca è la propaganda politica del pd e di fi oggi in armonia profonda tra loro. Le ricordo che lei è pagato da noi italiani, le ricordo che Sanremo è un evento musicale non un dibattito, o meglio ancora un tam tam di pensieri filo-comunisti da inculcare sempre e comunque. Si muova e tolga questa schifezza da Sanremo. Tutti hanno annunciato che si parlerà di politica, bisio, baglioni e company, bene faccia il suo dovere se ci riesce. Altrimenti se non è in grado di assicurare imparzialità di informazione sulle reti Rai, di dimetta!!!

Belle parole. Dopo la sua nomina alla RAI ancora non le vediamo tradotte in pratica.

Il TG1 cos'è? Il megafono del pd? Per paura di scontentare coloro che ci hanno ridotto un paese senza speranza, continuano a dare notizie poco obiettive e a dar molta risonanza ai commenti del Pd, mentre di quelli fatti dal governo ci restano quelli riportati dai cosiddetti giornalisti. Guardi che di materiale per l'informazione c'è tanto! Mi ricordo Irene Tinagli che diceva che i ragazzi che se ne andavano a lavorare all'estero facevano bene e che non era un fenomeno preoccupante. Mentre lei se ne stava comodamente seduta ad affermare queste cose in televisione nessun giornalista osava contraddirla. Oggi si parla di reddito di cittadinanza e tutti i giornalisti di RAI uno dicono che è impossibile, che toglie risorse, ma a chi? Se i nostri giovani sono partiti per l'estero è stato anche grazie all'incentivo dei telegiornali del malaugurio che ogni giorno riportavano statistiche allarmanti sulla disoccupazione giovanile, come appunto la goccia cinese. Oggi questi incoraggiatori dell'emigrazione italiana sanno dirci di cosa si occupano all'estero tutti questi giovani? se alla fine hanno trovato un lavoro soddisfacente? Se si sono tutti sistemati, come mai i giornalisti sanno solo riportare un'immagine negativa della scuola pubblica del nostro paese? Si sono formati qui da noi, i famosi programmi Erasmus non hanno accresciuto le competenze di molti giovani perché costano e non tutti possono permetterselo. Lo so mio caro Presidente questi problemi non riguardano i vostri figli, per i quali trovate bei lavori anche in Italia, ma i figli del popolo. Fanno la valigia e via! Ma un'inchiesta su questo no? Invece sui giovanotti migranti africani è un continuo! Naturalmente edulcorate è strappa lacrime. Ma uscite mai dalle vostre redazioni situate nei quartieri alti? Nelle periferie delle città, nei piccoli centri sai quanti giovanottoni di colore circolano! Cosa fanno oltre che fornire una giustificazione alle varie cooperative e associazioni no profit che ci lucrano sopra? Sui treni dei pendolari, si muovono a gruppi senza biglietto. Nei giardinetti pubblici dei piccoli centri, ormai stazionano per l'intera giornata sotto gli occhi incuranti dei poliziotti e dei vigili e delle amministrazioni locali che preferiscono estorcere multe anziché vegliare sulla sicurezza dei cittadini. Mah i giornalisti super pagati della RAI di cosa si occupano? E i programmi spazzatura di RAI Uno, a parte l'eredità perché trovo Insinna bravo, comprese le fiction buoniste quando pensate di rimuoverle? Dov'è il cambiamento? Tutti quei programmi contenitore che ci propongono ogni giorno la vita meravigliosa degli attori e attrici, facendoci sentire un branco di stupidi perché ci limitiamo ad alzarci la mattina e andare a lavorare, perché non vengono sostituiti da programmi su musica, cinema e cultura? Ci avete presi per un branco di stupidi? Vi siete fatti il contenitore per mettere in mostra la vostra meravigliosa vita e ogni giorno ce la proponete come il migliore modello possibile, mentre i nostri giovani super specializzati se ne vanno via e altri poco formati sono arrivati con i barconi! Ma vi pare che si possa continuare a mentire così? La realtà è davvero fuori dalla vostra portata!

Comincia a fare una vera informazione non adattarti al sistema grazie!!!

tra l'impossibile da fare urgentemente è anche depennare i pessimi maestri come Luxuria😳

Marcello caro tu comincia a fare il.possibile: caccia a pedate nel.culo tutti i direttori e giornalisti che con la loro mancanza di etica hanno contribuito a ridurre questo paese in un posto per miserabili affaristi. Dajeee

Auguri Marcello dacci una informazione libera senza dipendenze politiche di qualsiasi colore, togli i finti giornalisti con stipendi da re tipo Vespa, ridai una etica di alta moralità nella tv pubblica, e il popolo del cambiamento te ne sarà grato per decenni.

Delusa che il cambiamento in tv non si sia visto. Informazione farlocca.

appunto COMINCIAMO A FARE IL NECESSARIO TUTELANDO I BAMBINI : “Appello a Foa: è questa la Rai del cambiamento nel 2019?” Mario Adinolfi, presidente del Popolo della Famiglia si rivolge con un video-appello lanciato via social network al presidente della Rai, Marcello Foa: “Dieci milioni di genitori che allevano oltre cinque milioni di bambini under 12 pretendono rispetto dalla Rai a cui pagano il canone, almeno nei giorni delle feste. Chiediamo a Foa e ai nuovi vertici di Raiuno che sia rimosso dalla programmazione del prossimo 4 gennaio il film di prima serata con un lungo e insistito bacio tra uomini. Questa è la Rai del cambiamento 2019? Il film si intitola Wine to Love, a dispetto del titolo è una produzione apulo-lucana, di Rai Cinema e Altre Storie. Il film ha avuto due giorni in pochissime sale il 18-19 dicembre, oplà, subito in prima serata su Raiuno. Unico altro film pronto di Altre Storie e Rai Cinema è Il Giorno più bello: indovinate un po’, storia di un matrimonio tra maschi”. Adinolfi attacca: “Marcello Foa, questa è la Rai del cambiamento 2019? Quella in cui certi programmi poco rispettosi della sensibilità delle famiglie italiane vengono spostati da Raitre a Raiuno in prima serata? Non siamo omofobi ma come Popolo della Famiglia non vogliamo essere costretti dalla tv a imbatterci in temi delicati per i nostri bimbi, che necessitano i tempi e i modi che ogni famiglia ritiene di dover adottare per essere spiegati, senza farseli dettare dalle intese tra Rai Cinema e una nota lobby”.

Rai3 al mattino manda in onda la rassegna stampa di RaiNews 24, come fosse un segno di pluralità. Gulp.. Oggi un'apologia universale a favore della rinascita del "POPOLO DEL PD"..... Tutti a parlare bene di questi traditori della Patria, e tutti a dare addosso a questo Governo, prossimo al crollo, perché non fa niente per i cittadini, per il lavoro, e per la crescita del Paese. Poi gli appelli di Zingaretti alla mobilitazione, di Giachetti e di Martina. Nemmeno un commento a favore del M5S. RAI DI TUTTO, DI PIÙ. Non se ne esce se continuiamo a subire. Il cittadino obbligato A PAGARE IL CANONE vuole di più, SENTIR PARLARE IN PRIMIS DEL SUO GOVERNO IN CARICA , SENTIRE I NOSTRI MINISTRI ,E NON GENTE CHE NON VOGLIAMO PIU', NON VOGLIAMO Più VEDERE IN TV : Berlusconi, Renzi, Martina, Bersani, Prodi, D'Alema, Maroni, Martina, Giachetti, Zingaretti, Fassino e tutti i compagni di merende,non ci interessano sono morti politicamente. Poi ci deve chiarire perchè in tutti i TG e Talk si parla a sfavore del governo in carica sempre del M5S che ha avuto il 32% alle elezioni e e invece di Salvini si parla sempre, in TUTTE LE SALSE. NON è INFORMAZIONE LIBERA E CORRETTA LA SUA, DEVE INFORMARE I CITTADINI ANCHE DI TUTTE LE BELLE COSE CHE FA IL M5S. DIAMOCI DA FARE: PROTESTIAMO TUTTI sulla pagina della RAI, sia su FB che su twitter e inondiamo di mail di protesta i dirigenti RAI usando l'hashtag #Disinformazione_STOP

Auguri Presidente! SIAMO in attesa del CAMBIAMENTO ALLA RAI.

Attendo fiducioso il cambiamento in Rai. Buon anno Presidente Foa.

La RAI è inguardabile non è cambiato nulla Da decenni circolo PD

Io aspetto un totale cambiamento in Rai ...cominciando dagli stipendi milionari!!! Noi i nostri MISERI stipendi ce li sudiamo profumatamente!!!!Bastaaaa 😡

Presidente Foa ,non si vedono ancora cambiamenti in senso pluraristico in Rai ,soprattutto in Rsi 3 e Rainews24 ! Quando ancora dobbiamo aspettare ?Eppure tutti noi paghiamo il canone ...

Buon Anno, specialmente di cambiamento in Rai. Abbiamo diritto ad un'informazione seria, corretta e rispettosa di noi cittadini che paghiamo il canone.

Marcello GLI ITALIANI vogliono un'informazione VERA, LIBERA..... contiamo su di te.... Buon lavoro e buon 2019.

Buon anno Presidente! E speriamo sia davvero un anno di cambiamento per la Rai perché non ne possiamo più!!!!

Grazie Presidente! La fiducia c'è, è riposta in lei e nel suo lavoro... Speriamo in una Rai pulita ed obiettiva, con informazioni vere, con meritocrazia e voglia di cambiamenti...basta con i super raccomandati e super pagati! Ci fidiamo di lei!

Tanti auguri Marcello a te e la tua famiglia. Che la umiltà e la semplicità di San Francesco possa arrivare grazie a te anche alla Rai dove da troppo tempo impera arroganza, prepotenza e manipolazione. Servono valori e semplici e sani ed al servizio del cittadino

troppe persone hann fatto vita da nababbi coi soldi degli italiani...usando prepotenza , arroganza, superbia, per loro tutto dovuto...basta....poveri italiani...paga di qua , paga di la....

View more comments

6 months ago

Marcello Foa

🎄 Il mio pensiero di Natale, raccontandovi in un minuto il mio impegno per una RAI pluralista e autorevole.
Tanti auguri a tutti voi!
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Intervenite cazzo e subito almeno sulla RAI non se ne puo' piu'. Rai 1 prima serata da spazio a Cottarelli che vuole commissariare il paese. Poi Fazio e Litizzetto che vomitano calunnie sul governo e sul ministro Toninelli. Rai 2 e 3 opposizioni all'attacco. Blob contro i nostri. Domeniche a sfottere i ministri. Mediaset 4.5.6 tutto il giorno a raccontare infamie e nefandezze sul M5S. Tragedie e tempeste in arrivo sui pensionati che vedranno le pensioni dimezzate e sulle tasse raddoppiate. Giovani sul divano a prendersi un Rdc senza lavorare. Pure striscia e i programmi non politici. La 7 all'assalto dell'alba al tramonto. Sky tg24 e Rai news scandalose. Giornalisti ospiti in tutte le Tv contro questa manovra fatta da incompetenti. Tutti i giornali, i sindacati, i vescovi contro gli aiuti ai più bisognosi. Alla faccia del Cambiamento nell'informazione. Sveglia Presidente . Buon Natale.

Perché ci costringete a pagare un “abbonamento” per un servizio pubblico che continua imperterrito a creare disinformazione? Praticamente pago per sentirmi dire, tutti i giorni dai vostri “giornalisti”, di essere un fascista/populista/ignorante/incapace di votare e di pensare/etc etc... non sarebbe ora di finirla???

Si Marcello il discorso va molto bene. Ma io mi chiedo come mai il tg3 continui indisturbato a fare proseliti verso la sinistra tutta, come mai su qualsiasi telegiornale della rai venga dato spazio alla disinformazione e alle falsità dette continuamente da esponenti del Pd. Come mai viene permesso a gente come Cottarelli di parlare senza contraddittorio facendo terrorismo psicologico sulla gente? Se deve essere cambiamento, questo deve essere fatto immediatamente e con forza. Non è possibile che la rai continui ad essere un organo di partito.

Caro presidente ci faccia un piccolo regalo per Natale.....VIA FAZIO E LITTIZZETTO!!!!

Dott. Foa non si è mai visto che le reti Rai attacchino in continuazione il Governo e le forze politiche che lo compongono. Contiamo su di lei per un'informazione corretta e imparziale. Buone Feste dal Salento

Rai 3 una vergogna .... servizi interi pro immigrati.! Di noi Italiani chi se ne occupa ? I giornalisti africani ? Fate schifo

Auguri presidente ne ha bisogno. Sia però più energico verso il cambiamento della Rai. Dissento con lei sul fatto dei palinsesti già in essere. Non è che il contratto per un programma può stabilire che un autore può fare e dire quello che vuole. Veda il caso Fazio, una vergogna inaudita per partigianeria e disonestà intellettuale, o Agorà Rai News, Linea Notte Tg3, condotti e diretti da veri militanti di partito e non da giornalisti, dove i quotidiani nazionali sono presi a base e testo di ogni discussione, come fossero le Sacre Scritture e, in aggiunta, con una pubblicità occulta a costo zero delle testate. Presidente Foa, lei deve cambiare e intervenire adesso per delle vergognose storture dei programmi di informazione e approfondimento. Troppa faziosità e arroganza siamo costretti a subire da utenti e cittadini che paghiamo il canone.

Per adesso sembra ancora tutta in mano alla vecchia politica.

Presidente Foa , Rai 3 e Rainws 24 non si possono vedere per quanto sono faziose !Ma neanche Rai1 e Rai2 si salvano:PLURARISMO,PLURALISMO,PLURALISMO,PLURALISMO per favore !

Dr Foa... allora, per favore, cominci velocemente a fare ciò che dice....! Non vedo "neutralità" nella RAI. Attendevamo hon ansia il cambiamento.....ma ancora NEMMENO UN SOLO ACCENNO

Per adesso la Rai fa schifo come prima, tantissimi auguri e speriamo in un vero cambiamento

Auguri...ma per quanto riguarda il cambiamento tanto auspicato sono delusa...troppo spazio alle opposizioni e poco al governo...già subiamo e spegniamo La7 e Mediaset.......

Fazio si è portato Open Arms in trasmissione. Stiamo scherzando???

Pensavo facesse qualcosa di più! In Rai ci sono le stesse facce di quando c'era il pd Fazio Littizzetto e company....ci siamo stancati vogliamo anche qualche rappresentante di quel popolo che ha vinto democraticamente le elezioni.... Buon Natale

Ieri il TG è stato vergognoso... siamo stanchi di ascoltare certe bugie sul nuovo governo.Voglismo una informazione veritiera e confidiamo nel suo pregevole lavoro. Auguri.

Inizi a cacciare il marcio e i miliardari dalla Rai

IL POPOLO DELLA FAMIGLIA DI BRESCIA CHIEDE RIMOZIONE DI BACIO GAY DA RAIUNO “Appello al presidente Foa: è questa la Rai del cambiamento nel 2019?” Il Popolo della Famiglia di Brescia si rivolge con un appello al presidente della Rai Marcello Foa: “Chiediamo che sia rimosso dalla programmazione del prossimo 4 gennaio un film di prima serata su Raiuno con lungo e insistito bacio tra uomini. Questa è la Rai del cambiamento 2019? Il film si intitola Wine to Love, a dispetto del titolo è una produzione lucana, di Rai Cinema e Altre Storie. Il film ha avuto due giorni in pochissime sale il 18-19 dicembre, oplà, subito in prima serata su Raiuno. Unico altro film pronto di Altre Storie e Rai Cinema è Il Giorno più bello: indovinate un po’, storia di un “matrimonio” tra maschi”. Il presidente nazionale del Popolo della Famiglia, Mario Adinolfi, attacca: “Marcello Foa, questa è la Rai del cambiamento 2019? Quella in cui le porcherie si spostano da Raitre a Raiuno in prima serata? Non siamo sessuofobici ma come Popolo della Famiglia crediamo che la bellezza del sesso viva di intimità, pudore, nascondimento persino. E soprattutto non vogliamo essere costretti dalla tv a imbatterci in temi delicati per i nostri bimbi, che necessitano i tempi e i modi che ogni famiglia ritiene di dover adottare, senza farseli dettare dalle marchette tra Rai Cinema e la nota lobby”. Giancarlo Archetti coordinatore provincia di Brescia Popolo della Famiglia mob. 3393263023 Popolo della Famiglia - Brescia [email protected] Facebook - YouTube www.ilpopolodellafamiglia.it

Vogliamo fuori la Agorà ,Fazio,e La Berlinguer...carta bianca

Pluralista ??? È ancora, o peggiorata, dalla parte delle opposizioni che continuano ad infangare, infamare e mentire sui fatti del Governo !!!! Non possiamo pagare pure il canone per sentire infamie e menzogne !!! Non sembri più superpartes ma di parte, per cui, se continui in questo modo, non devi più avere il ruolo che ti è stato assegnato dal governo attuale.

Per adesso sempre lo stesso. In Germania i giornalisti che raccontano balle vengono licenziati

Presidente cerchiamo di essere fiduciosi e speranzosi. Resta il fatto che per ora i tg sono inguardabili in quanto trasmettono fake news che, soprattutto le fasce più deboli come ad esempio gli anziani, purtroppo di bevono. Giusto prima di Natale parlavo con una anziana preoccupata perché al tg aveva sentito di un taglio delle pensioni minime, quando sappiamo bene che non ci sarà alcun taglio, anzi le più basse saranno aumentate. Non si può andare avanti con questo schifo!!! Speriamo in un suo intervento al più presto!!!

Caro direttore faccia germogliare le idee di cui parla e governi il vascello come vuole ma nell’attesa ci liberi di quei due...Fazio e litizzetto ....fino a quando questi due figuri resteranno al loro posto la sua credibilità sarà pari a 0...

Presidente nonostante lei la Rai è sempre piena di sinistri giornalisti e pseudo opinionisti (della sola opinione concessa) liberal europeisti. Il suo lavoro finora è una delusione. Spero mi smentisca. Buon Natale

Tanti auguri di buon Natale a Lei, ma, per cortesia rinnovi la Rai. Non se me può più di tanto pattume.

Sarà anche il nuovo presidente ma nessuno se n è ancora accorto....

View more comments

6 months ago

Marcello Foa

Quest’anno la RAI non ha fatto doni di Natale. Abbiamo preferito devolvere la cifra solitamente usata per gli omaggi natalizi, alle famiglie sfollate dopo il crollo del ponte Morandi di Genova.
L’amministratore delegato Fabrizio Salini ed io abbiamo consegnato l’assegno nella sede Rai di Viale Mazzini al presidente del Comitato sfollati del ponte Morandi, Franco Ravera, al portavoce Ennio Guerci e a Giuseppina Moretti coordinatrice di "Quelli del ponte Morandi”.
E’ stata una cerimonia sobria nella forma ma umanamente intensa. Le loro case verranno abbattute, il loro futuro è un’incognita, ma nemmeno una lacrima è scesa sui loro volti, che comunicavano compostezza e il desiderio, questo sì ardente, di veder rinascere la propria città, il proprio quartiere, di riavere, prima o poi una casa. Senza piagnistei, rimboccandosi le maniche con la dignità di persone vere.
E’ stato un onore, per me, stringer loro la mano e offrire la nostra incrollabile solidarietà.
... See MoreSee Less

Quest’anno la RAI non ha fatto doni di Natale. Abbiamo preferito devolvere la cifra solitamente usata per gli omaggi natalizi, alle famiglie sfollate dopo il crollo del ponte Morandi di Genova. 
L’amministratore delegato Fabrizio Salini ed io abbiamo consegnato l’assegno nella sede Rai di Viale Mazzini al presidente del Comitato sfollati del ponte Morandi, Franco Ravera, al portavoce Ennio Guerci e a Giuseppina Moretti coordinatrice di Quelli del ponte Morandi”.
E’ stata una cerimonia sobria nella forma ma umanamente intensa. Le loro case verranno abbattute, il loro futuro è un’incognita, ma nemmeno una lacrima è scesa sui loro volti, che comunicavano compostezza e il desiderio, questo sì ardente, di veder rinascere la propria città, il proprio quartiere, di riavere, prima o poi una casa. Senza piagnistei, rimboccandosi le maniche con la dignità di persone vere.
E’ stato un onore, per me, stringer loro la mano e offrire la nostra incrollabile solidarietà.

Comment on Facebook

Dottor Foa, alla Rai non vedo nessun cambiamento, quando i partiti saranno messi sullo stesso piano? È una risposta che deve dare a 11 milioni di elettori.

Ottima iniziativa A mio avviso se ne potrebbero fare moltre altre ad esmpio: risparmiare gli 8 milioni di Fazio e donarli ai terremotati, non solo Fazio ma tanti altri stipendi esagerati e inutili andrebbero devoluti a favore delle persone in difficoltà in questo modo sono sicuro che i cittadini italiani sarebbero ben contenti di pagare questa tassa

Complimenti per il gesto dott.Foa,a noi faccia un regalo che non siano quattrini,ma l'impegno per riportare in Rai giornalisti indipendenti e saggi che ci diano informazione vera,io pago il canone ma ho smesso di seguire la TV ,spero di riprendere credendo in persone come lei,non mi deluda grazie.

Adesso procedete alla pulizia totale togliendo conduttori faziosi e inutili pagati a peso d'oro, e si risparmiano altri soldini nostri

Complimenti! Fate anche qualcosa per rendere le informazioni un pò più obbiettive. Non se ne può più di queste informazioni e trasmissioni manipolate sistematicamente contro questo governo. Vogliamo essere informati correttamente e non manipolati. Tutto diventa sempre più fazioso. Grazie mille

Fate in modo che le informazioni siano obbiettive , c’è troppa manipolazione .

Ottima decisione , complimenti presidente! Spero che in futuro altre iniziative di questo genere possano avere come beneficiari i terremotati del centro Italia.

Pensi che innovazione e solidarietà potremmo portare liberandoci da uno stipendio Abnorme come quello di Fazio!!!😉👃🤞

👏 👏 A Foa ora attendiamo anche gli interventi sul campo sperando in una bella pulizia

Complimenti, buone feste, dopodiché buone pulizie in Rai, tutti noi comuni mortali ne abbiamo bisogno. Nel frattempo grazie.!

Finché non stralciate il contratto di Fazio e cacciate anche chi ha osato firmare una simile oscenità (e sarebbe anche da arrestare) è inutile fare i santarellini. È scandaloso che Fazio sia ancora in RAI. www.facebook.com/silenziefalsita/photos/a.736384599728044/1830909680275525/?type=3&theater

Complimenti ottimo gesto. Ma fazio e Littizzetto quando li buttate fuori dalla Rai che sono una VERGOGNA. Buon Natale Presidente Stia ad ascoltare gli utenti ogni tanto Grazie

Io e come tanti non udenti ci aspettiamo sottotitoli anche su altri vostri canali, oltre i tre principali, che non hanno tutti i programmi sottotitolati. Anche perché pure noi paghiamo il canone e se i programmi di questi tre canali non sono di nostro gradimento, siamo costretti a tener spento il televisore.

Dott. Foa, noi aspettiamo il cambiamento in RAI. Finora non è successo niente, Fazio sempre là con i suoi compensi megagalattici ecc.ecc.

Non ho visto grandi cambiamenti..forse i soliti noti non si possono rimuovere? Troppo potenti o raccomandati o cosa? E soprattutto ancora troppo critici con il nuovo Governo

Iniziativa molto bella e significativa. Il cambiamento comincia anche con questi gesti.

Presidente, da lei mi aspetto meno demagogia scontata e più pulizia nelle emittenti Rai. Ci sono programmi vergognosamente capziosi

benone. Attendiamo anche che si devolva lo stipendio di Fazio, Gramellini e co. 😉

Non sarebbe male riportare in auge qualche valore che trascende e supera le sole parole. Forse è ancora poco ma è un buon inizio. Tagliare gli immeritati stipendi a presentatori e autori di Che tempo che fa, potrebbe essere il successivo passo per un reale cambiamento in Rai Continui cosi

Sempre la stessa gente in Rai da una vita.... Fazio.... Vespa... e rinnoviamo.....!!!!!!

Ottimo! Bellissimo gesto, forse e’ la prima volta che succede? Inizia il cambiamento. 👏👏👏

Vedete che tutto si rigira nel modo migliore??????dalle piccole cose così che già si vede il cambiamento dell’Italia !!!!!!!per me sta cominciando una nuova Italia e ho grandissima speranza e fiducia in tutti voi che operate tutti i giorni auguri a tutti di buon natale 🎄!!!!

Anche perchè di regali a certi conduttori ed autori ne sono stati fatti a iosa fino ad ora...

continuare nel segno della stessa sensibilità e ... CAMBIARE la RAI

Complimenti Presidente! Adesso risparmiano sugli stipendi d'oro che ci sono altri italiani da aiutare!

View more comments

6 months ago

Marcello Foa

Questa è una lietissima sorpresa. L’editore Piemme ha deciso di ripubblicare il mio primo romanzo « Il ragazzo del lago », che narra la straordinaria storia di Aimone Canape, un giovane comasco di umili origini, che per una serie di strabilianti coincidenze, si trovò a vivere come un principe nell’aristocrazia tedesca degli anni Trenta, fino a trovarsi faccia a faccia con Hitler in un bunker. Rientrato in Italia, diventerà partigiano e nella sua Dongo si trovò faccia a faccia con Mussolini, in quel fatidico aprile del 1945.
È una storia vera, di grande umanità, avvincente. Il libro uscì per la prima volta nel 2010 , Aimone è morto nel 2016 all’età di 94 anni. Quel giorno il Times di Londra lo onorò dedicandogli un lungo ricordo.
... See MoreSee Less

Questa è una lietissima sorpresa. L’editore Piemme ha deciso di ripubblicare il mio primo romanzo « Il ragazzo del lago », che narra la straordinaria storia di Aimone Canape,  un giovane comasco di umili origini, che per una serie di strabilianti coincidenze, si trovò a vivere come un principe nell’aristocrazia tedesca degli anni Trenta, fino a trovarsi faccia a faccia con Hitler in un bunker. Rientrato in Italia, diventerà partigiano e nella sua Dongo si trovò faccia a faccia con Mussolini, in quel fatidico aprile del 1945.
È una storia vera, di grande umanità, avvincente. Il libro uscì per la prima volta nel 2010 , Aimone è morto nel 2016 all’età di 94 anni. Quel giorno il Times di Londra lo onorò dedicandogli un lungo ricordo.

Comment on Facebook

lasciatelo lavorare in pace! tra 6 mesi - 1 anno si potrà, sperabilmente.... notare un cambiamento! cosa pretendete da 1 persona che si trova difronte un moloch, una organizzazione incredibile!

Ottimo. Contiamo su di lei anche per un miglioramento della Rai che ha tanto bisogno della sua influenza positiva

Lo comprerò le storie vere mi affascinano sempre

Abbiamo un presidente Rai del quale essere finalmente orgogliosi.

Congratulazioni Marcello! 🙂

Bene lo comprerò sicuramente, Grazie 🙏

Gentile Presidente Foa, lei può essere contento per il successo del suo libro, ma dovrebbe esserlo molto di più se riuscisse a far ritornare la Rai un servizio PUBBLICO E IMPARZIALE, quale attualmente NON È, nonostante la sua nomina. Vogliamo il cambiamento anche e soprattutto in RAI, pagata coi NOSTRI SOLDI.

Direttore ma che l'hanno eletta per metterla zitto e muto in un angolino? Noi continuiamo a vedere le stesse facce e lo stesso schifo propagandistico di sempre, con la sinistra che ha colonizzato tutti gli spazi

Congratulazioni, ma quando sarà possibile guardare un tg non politicizzato in RAI?

Completamente delusa della Rai. Credevo a un fermo cambiamento. Vergognoso Fazio con l' immancabile presenza di Cottarelli che indirizza in modo subliminale quelle che dovrebbero essere le scelte economiche di questo paese. Si dia una mossa. Ci salvano solo le serie Tv. Buon lavoro

Ma non doveva rivoluzionare la rai? Io vedo sempre le stesse bugie e notizie di regime!

Sig. Foa il suo libro sarà senz'altro bellissimo ma.....la rai va solo in una direzione antidemocratica e non pluralista. Si affretti a cambiare perché è uno schifo e una vergogna. Il sistema televisivo è in mano ai soliti che continuano a perdere l'elezioni...non danno spazio a chi non la pensa come loro.

Ne sono contenta. Lo sarei di più se la Rai divrntasse imparziale e la finisse l'aggressione al Movimento nelle trasmissioni politiche e i TG

Presidente Foa Aspettavamo tanto la sua elezione a presidente della RAI Come tantissimo Stiamo ancora aspettando che si cambi questa Rai così faziosa e servile al vecchio regime e al PD Siamo stufi non è più possibile sentire ogni giorno h24 gettare insulti e fango al governo giuseppe conte Vogliamo una Rai imparziale Probabilmente sì mi sono accorto che Tg1 e Tg2 stanno piano piano cambiando ma troppo troppo piano.. Poi mi raccomando RaiNews24 che e' il covo del pd proci usurpatori della televisione pubblica ai loro fini e interessi politici per screditare qualunque momento del giorno il governo La preghiamo presidente foa faccia al più presto pulizia in RAI !!! Grazie e buon lavoro

Egregio Dr. Foa, suppongo sia un ottimo libro ma approfitto anch'io per sottolineare ciò che mi/ci sta più a cuore. Al goofy disse che per riformare la Rai ci vorrà tempo e che oltretutto non è la sua funzione di presidente quella più indicata a farlo. Purtroppo di tempo non ne abbiamo. Gli eventi accelerano di giorno in giorno, le europee si avvicinano a tutta velocità, la propaganda di regime rafforza il suo fuoco nemico e la Rai, i cui Tg mi sforzo di seguire con grande fatica, sembra quella di sempre. Quando, di grazia, cambierà veramente qualcosa?

Non si percepisce il minimo cambiamento in Rai. La sua presenza in Rai che molti di noi hanno caldeggiato è stata fino ad oggi disattesa.

Non sente il dovere di spiegarci perché lei è così completamente inutile in RAI?? Non che non si capisca, ma visto che non ci risparmia i successi dovrebbe ora narrarci i fallimenti

Bene!ma tutti aspettiamo un vero cambiamento in Rai.la Rai ancora in mano ai vecchi partiti di destra e sinistra e la Rai che ancora eroga stipendi pubblici assolutamente fuori luogo e da nababbi ai soliti conduttori!

Congratulazioni ma cerchiamo di fare qualcosa di più per la RAI. E' ancora inguardabile e di una faziosità indecente!

Congratulazioni ma x quanto riguarda la Rai non ci siamo proprio, dov’è il cambiamento che tutti stavamo aspettando? È rimasto il covo del pdRenzi, anzi ora si è aggiunto il (signor ) B in tutti il letamaio di FI. Vogliamo il cambiamento e lo vogliamo al più presto!

Ma in attesa della vostra rivoluzione pluralista in RAI, una pillolina di pluralismo No? Che so! Andrebbe bene anche un Claudio Messora in fascia protetta che parla di economia, anche all'una di notte ...

Egregio Sig. Foa, quando si deciderà ad attuare il cambiamento anche in Rai, in special modo all'informazione, non sarà mai troppo tardi. Siamo stufi, prenda delle decisioni urgenti. ORA!!

La rai presidente!!!!! La rai!!!! Ho capito che ci sono contratti sul quale non si può agire, ma lei come presidente non può caldamente consigliare a Fazio e company (la lista è lunga) di non far schifare gli italiani più di quanto sono già schifati da questa informazione? Se non può intervenire almeno due paroline di un caldo consiglio lo faccia. O neanche questo può fare in qualità di presidente ?

Ho letto il libro anni fa,molto bello e commovente,complimenti.Ora permettimi una piccola domanda,quando inizieremo a vedere una Rai veramente rinnovata,senza più partiti,specialmente Pd a fare da padrone?

Sig. Marcello Foa quando si cambia registro in RAI ? Sono stanco di sentire attacchi mediatici gratuiti al governo!

View more comments

6 months ago

Marcello Foa

Oggi sono stato eletto nel Consiglio di Amministrazione dell’EBU ((European Broadcasting Union), l’associazione che raggruppa le radio e le televisioni di servizio pubblico.
E’ un riconoscimento importante per la RAI, ottenuto grazie all’impegno di Monica Maggioni, membro uscente, e di tutti i collaboratori dell’ufficio Relazioni internazionali guidato da Simona Martorelli, nonché grazie al sostegno della BBC e di France Télévisions, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’EBU.
L’Assemblea, riunitasi a Ginevra, ha approvato all’unanimità.
Sono molto contento e mi rallegro di collaborare con Noel Curran, direttore dell’EBU, con me nella foto.
... See MoreSee Less

Oggi sono stato eletto nel Consiglio di Amministrazione dell’EBU ((European Broadcasting Union), l’associazione che  raggruppa le radio e le televisioni di servizio pubblico.
E’ un riconoscimento importante per la RAI, ottenuto grazie all’impegno di Monica Maggioni, membro uscente, e di tutti i collaboratori dell’ufficio Relazioni internazionali guidato da Simona Martorelli, nonché grazie al sostegno della BBC e di France Télévisions, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’EBU.
L’Assemblea, riunitasi a Ginevra, ha approvato all’unanimità.
Sono molto contento e mi rallegro di collaborare con Noel Curran, direttore dell’EBU, con me nella foto.

Comment on Facebook

Vedo anche post di critica, che come sempre accetto. Alcuni lamentano la mia assenza come opinionista ma il ruolo di presidente della RAI impone questo sacrificio: è una funzione istituzionale. Quanto alle riforme, siamo impegnati a realizzarle con l’Ad Salini e il CdA ma è un processo che non può essere istantaneo. La RAI è grande e complessa; inoltre i palinsesti sono già stati impostati. Ci vuole tempo per cambiare e per migliorare ma il nostro impegno per un’informazione davvero pluralista e sempre più autorevole, in sintonia con le aspettative dei cittadini, è immutato. Conoscendovi, so che mi capirete. Ci vuole solo un po’ di pazienza.

Congratulazioni e buon lavoro!

Finalmente qualcosa sta cambiando Presidente!!!! Il film miracoli dal cielo trasmesso nel giorno in cui si batt va all' asta la lettera di Dio di Einstein è stata un' ottima scelta!!! Film bellissimo che infonde speranza .... virtù della quale ultimamente si sentiva assoluta mancanza💪💪💪👍👍👏👏👏

Complimenti Marcello!

Una Annunziata che si permette di chiamare il nostro ministro e capo del movimento "giggino",come se fosse uno qualunque è stata almeno rimproverata??Fosse per me a casa a calci in culo!!

Caro Foa la prego di parlare con Salini e convocate insieme una riunione generale dove comunicherete a tutti i dipendenti che volete un'informazione giusta e equa. Noi 5 stelle non vogliamo trattamenti di favori. Vogliamo la verità. Il cambio di gestione si deve obbligatoriamente vedere subito perché la politica si fa ogni giorno e tutto questo fango che il Movimento riceve deve smettere adesso, non nel futuro. È dovere vostro dare la giusta informazione ai cittadini e per questo diete stati nominati. Lo spettacolo può aspettare, i cartoni animati, anche, la politica e noi no

Presidente la sua mano ancora stenta a vedersi. La Rai faceva e continua a fare pena. Poi l'informazione è inguardabile, programmi come Agorà, Porta a Porta, Fazio e il suo programma squallido, che orrore e quanta parzialità. Presidente Foa sia più incisivo, la Rai continua a deludere in obiettività e qualità.

Congratulazioni, attendiamo ancora con fiducia che si possa tornare a guardare un telegiornale della Rai. Per il momento niente di nuovo.

Mi dispiace , ma io ancora non riesco guardare un TG RAI ,sì qualcosa è cambiato " a favore di Salvini " tutto il resto e rimasto identico a prima ,tranne RAINEWS24 CHE è PEGGIORATA . Se si vuol cambiare si può ,l'ha fatto Berlusconi,Renzi , per noi del M5S niente è cambiato. Niente niente la RAI l'ha comprata Cairo?Comunque la pazienza sta finendo e io come protesta vado a farmi scorporare il canone dalla bolletta elettrica e mi auguro che molti grillini facciano la stessa cosa . Fino a prova contraria è il M5S che ha avuto 32% dei voti degli italiani e vorremmo più rispetto

Quindi, non solo sembra che la Rai sia ancora in mano al PD, ma ora incensiamo anche la bilderberghina Maggioni. Siete senza vergogna. Tsipras vi fa una pippa. Che con lei presidente, si debbano ancora sopportare le bestemmie di Cottarelli è una cosa che non si può accettare!

Comprendo la sua educazione, aspetto un suo intervento di pulitura per ritornare a vedere i programmi della Rai. Stanco di pagare Fazio & c. Buon lavoro Presidente

La Maggioni che va al Bilderberg non ci piace affatto. Come non piace Fazio e Cottarelli, o almeno non ci piacciono se fanno il monologo per il risanamento dei conti pubblici, senza contraltare. Mandiamo in TV Nino Galloni o Giovanni Zibordi o Valerio Malvezzi o Alberto Micalizzi o Marco Cattaneo e allora si che potremo iniziare a dire "grazie Presidente"

Congratulazioni dr Foa ma intanto vediamo in Rai ancora le vecchie facce (littizzetto, Fazio ecc ecc) che in ogni rete ed a tutte le ore criticano e dileggiano il governo attuale ed i suoi rappresentanti !!! Una volta c'era solo Rai Tre che criticava !!! Ora si sono coalizzate !!! A quando un po di pulizia, per una informazione più equilibrata ??

Io purtroppo non vedo ancora ombra dei frutti del suo lavoro...

Mi scusi, ma lei è presidente RAI, le chiedo questo perché nessuno se ne era accorto.

Buongiorno. Spero di vedere cambiamenti sostanziali in rai...perché è cambiato poco e non se ne può più

Allora dr Foa si può dire che lei non é riuscito a cambiare la Rai ma la Rai é riuscita a cambiare lei. Come si può omaggiare di qualcosa Monica Maggioni esponente del gruppo Bieldeberg?? Prima di entrare in Rai non lo avrebbe mai fatto!!

Speravo nel cambiamento dell'informazione con l'arrivo del nuovo presidente, speravo tanto che il massacro quotidiano dei nostri e del loro operato potesse essere arginato, pensavo che la RAI tornasse ad essere libera ed invece devo ancora registrare disinformazione e cattiveria nei confronti dei portavoce e dello stesso M5S.

Tutti i TG aprono con Salvini. Mai non si e' visto ignorare il Presidente del Consiglio come fanno i media con Conte. Ma quale "impostazione?" Le notizie TG debbano rispecchiare la realtà. Ci sono le regole da rispettare per i tempi dei partiti. Il M5S 33%, Lega 17/%.

Foa, ma li leggi i commenti e i vari social ? Eccotene uno, fresco fresco : " Foa, il nuovo presidente RAI, aveva garantito una vera obiettiva informazione ma i tre canali Rai, e non solo, hanno oscurato la manifestazione NO TAV. Il contrario è avvenuto per la “ADUNATA” della Lega. Non ci siamo. "

Monica Maggioni quella del Bilderberg?

Avevo deciso, dopo la sua nomina, di guardare ESCLUSIVAMENTE i tg della RAI, perché ho pensato, finalmente sapremo la VERITÀ. Ho notato che ANCORA persiste una informazione, non dico scorretta, come fino a poco tempo fa, ma "direzionata" sempre su ciò che fa comodo a una certa politica. Ho visto( per esempio) , tantissimi servizi sulla manifestazione SI TAV e quasi niente su quella NO TAV, dove la gente era molta di più, dove hanno partecipato anche alcuni dei" gilet gialli ".

Foa, congratulazioni per il nuovo portavoce berlusconiano. ma la rai la volete cambiare in meglio o, farla restare mediocre come è adesso?.

La pazienza ha un limite caro foa anche xche la rai la paghiamo noi e nn è accettabile continuare su questa riga.

Pago il canone e vorrei un'informazione libera e onesta e programmi televisivi decenti. Marcello Foa mi raccomando!... Non ne posso più!..conto su di lei.

View more comments

7 months ago

Marcello Foa

Pippo Baudo è il volto della RAI che gli italiani amano. Un grande professionista, un uomo autentico che si fa apprezzare, da sempre, per la sua autenticità, la sua garbata ironia, il suo calore umano.
E’ stato bellissimo rendergli omaggio a Roma in occasione della presentazione del bel libro “Ecco a voi Pippo Baudo. Una storia italiana”, scritto con Paolo Conti.

#pippobaudo #RAI (Foto di Marcellino Radogna)
... See MoreSee Less

Pippo Baudo è il volto della RAI che gli italiani amano. Un grande professionista, un uomo autentico che si fa apprezzare, da sempre, per la sua autenticità, la sua garbata ironia, il suo calore umano. 
E’ stato bellissimo rendergli omaggio a Roma in occasione della presentazione del bel libro “Ecco a voi Pippo Baudo. Una storia italiana”, scritto con Paolo Conti.

#pippobaudo  #RAI  (Foto di Marcellino Radogna)

Comment on Facebook

Caro Presidente Foa la invito a mostrare il suo volto in TV per spiegarci il perché non riesce a cambiare la RAI!

Caro Foa un popolo onesto sta aspettando da anni il cambiamento nella TV pubblica. Quando tempo ancora dobbiamo attendere per tornare ad avere una TV pubblica libera? Paghiamo il canone e abbiamo un diritto sacro santo di avere una TV pulita e vera.

Che ce frega de Baudo! La Rai continua ad essere la cloaca di sempre, piena delle solite fake-news del sistema atte a tenerci degli schiavi ignoranti e inconsapevoli! Sbrigati!!!!

Noi aspettiamo il cambiamento Sig. Marcello Foa, Lei guarda i tg e talk politici che vanno in onda? A lei pare che ci sia un cambiamento? Nemmeno palpabile il cambiamento, continuano ad essere faziosi, bugiardi, inguardabili, mi indigno ogni volta che provo a vedere un tg mi viene il voltastomaco mi creda, la nostra stanchezza è al limite, vorremmo una informazione intellettualmente corretta e leale tutto lì, capisco che non sia facile ma lei è stato scelto perchè riconosciuto come persona professionale e corretta. Offendono la nostra intelligenza, non si mettono in testa che noi siamo più informati degli stessi che per mestiere dovrebbero fare, non è concepibile una cosa del genere.. Scusi lo sfogo ma lei si deve rendere conto della nausea che ci provoca tutto questo. Buon lavoro P.S sperando di non dover fare un'altra gastroscopia.

Rai 3 Severgnini in aula con bambini per fare propaganda contro V.Raggi...bello no?

Ma perché i talk e i tg sono ancora tutti a sinistra? È vergognoso e intollerabile. Ma lei davvero era l'uomo del cambiamento o ci hanno preso per i fondelli?

Ci aspettavamo da Lei quell' onestà intellettuale che gridiamo a gran voce da anni...Ma al momento vediamo solo un'osannazione per il ministro Salvini...

Beppe Severgnini al massimo può parlare dei treni 🚞 su Sky ma fare politica denigrando un sindaco difronte a dei ragazzi studenti è una vergogna.

A quando una parziale bonifica della paludosa Rai3? Buon lavoro! P.s.: Fazio e Littizzetto a casa, grazie.

Si...tutto bello....ma io in RAI non vedo nulla di diverso da qualche mese fa......quando vi decidete a ripulirla per bene?

Ritengo giusto rendere omaggio a un grande personaggio che, fino a qualche tempo fa, faceva parte dell'ossatura del palinsesto RAI. Ma quello che emerge oggi, caro presidente, è la voglia di vedere qualcosa di nuovo che spezzi la pesante continuità, di una visione piddina del mondo, che ci ammorba da almeno 30 anni. Confidiamo in lei, presidente... buon lavoro.

non funziona più il giochetto di distogliere l' attenzione dalle questioni che contano,vogliamo paolo barnard in prima serata prima del tg ogni giorno con un programma di 15 minuti,in questo modo si informa,si fa concorrenza al biscione e la rai diventa servizio pubblico

Presidente Foa,a me di Pippo Baudo non me ne può fregar de meno, mi interessa invece molto di lei e della sua sana etica e morale.Auspico che la lascino libera di svolgere l incarico che le è stato affidato per il bene della Rai e del paese.

Non dimenticherò mai che il giorno dopo il pensionamento di Pippo Baudo gli è stato negato l'accesso alla Rai, il sui badge era stato bloccato!!! Messo alla porta in 12h dopo 40 anni di carriera mi è sembrato oltremodo ingiusto!!! Almeno un riconoscimento gli è dovuto!!! Grande Pippo!!!

Pippo baudo siamo al 2019 alla Rai serve gente giovane o restiamo indietro di 70anni , Oppure credete che la RAI la guardano solo gli 80enni???

sig Foà..vuole che i ragazzi rincretiniscono guardando la televisione incluso la RAI ?

Questo il cambiamento lo fa per il suo amico Ruspa...la Rai è peggio di prima e c'è sempre più merda per il movimento 5stelle!!! VERGOGNOSI!!!!

SONO DELUSA PERCHè IN Rai non si nota cambiamento alcuno: ho sperato e riposto molta fiducia in lei, ma vedo sempre stesse trasmissioni con conduzioni esageratamente di parte e contrarie al governo attuale. Pago il canone Rai e mi dispiace tornare a boicottarla. Fate presto.

Comunque stiamo pazientemente aspettando una mano di nuovo. Almeno la trasmissione stomachevole del finto Fazio e quell'animalina sguaiata che gli fa da spalla. MA NON È ORA CHE SI TOLGONO DAI CO ....ONI ???

Intanto visto la sentenza che riguarda Pippo Baudo cominci a restituire i 257 mila euro . Poi sulla Rai quando vedremo nei tg rai un servizio sul caso Unicef che riguarda i parenti di Renzi?

Rai 3 è uno scandalo ci vuole quel cambiamento radicale che tutto gli italiani onesti di aspettano. Una Rai libera .

#fFoa si sbrighi a fare un pò di pulizia alla #RAI togliendo programmi faziosi come quelli di #FAzio , #Agorà #Cartabianca programmi di parte come con Severgnini, Saviano disinformatori seriali ...basta !!! ..Io pago il canone e pretendo un'informazione libera..Anche sui #giletgialli i TG stanno mentendo sulle vere cause ...#RAIlibera e non più stregoni della notizia e mala informazione Marcello Foa

Signor Foa.....la prego di mettere mano in modo serio a questa rai. Fa letteralmente schifo! Grazie

La RAI è una lurida pattumiera maleodorante di personaggi al soldo dei partiti e dei loro sporchi interessi privati. Mi chiedo quali siano le tue intenzioni, non vedo nessun miglioramento e con questi post su Baudo fai veramente del tuo peggio.

Vendo la televisione a prezzo ragionevole perché la RAI e altro non si può guardare. Il presidente Foa mi sa che è solo una delusione

View more comments

8 months ago

Marcello Foa

Rieccomi per ringraziarvi e per dirvi: stiamo lavorando per una nuova RAI, pluralista e autorevole. ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Sono almeno 20 anni che non guardo più tg Rai... E quasi nessun altro programma, visto che pago il canone vorrei tornare ad informarmi , vorrei ascoltare un tg che dia notizie vere, grazie e in bocca al lupo

Agora' da spettatore la reputo una trasmissione faziosa e palesemente di sinistra , non siamo piu' al tempo Di Tele Kabul , ma possibile che la struttura di Rai 3 debba essere esclusivamente di sinistra? La RAI e' un servizio pubblico e deve avere il carattere dell'obiettivita'.; non e' un caso che poi quelli di RAI 3 approdano alla7 alltra TV palesemente schierata ,ma con la differenza che e' privata e non pubblica

La situazione dell'informazione in Rai è oggettivamente assai scadente, fuorviante ed ai limiti del ridicolo. Alcune trasmissioni, inoltre, sono evidentemente FAZIOse, spudoratamente schierate e finalizzate a promuovere nuovi personaggi, già ben COTTARELLI, se non addirittura bolliti... tanto per fare un esempio. Possiamo consolarci che comunque gran parte del pubblico ha capito che queste forzature, fatte per bucare lo schermo, si scollano sempre di più dalla realtà e anche questi PERSONAGGI, come vecchi comici sul viale del tramonto, stanno diventando macchiette di se stessi. Boicottare non basta, occorre davvero restituire la CULTURA alla Rai. Forza Presidente!!

Buon lavoro, attendo con speranza un'informazione seria e imparziale,e sono certa che con lei arriverà

pluralista la #RAI ? puoi ingannare qualcun altro ma non noi del MoVimento 5 Stelle che ti abbiamo regalato la poltrona...tutto ancora in mano al PD ..basta vedere #Agorà con la Bortone che sputa veleno contro il #governodelcambiamebnto e i Tg ,la #Annunziata su #RAI3 .#Fazio .....

Grazie per il messaggio. Saperla al lavoro per la Rai è la nostra ricompensa. Auguri per tutto quello che sta facendo. 🙂

Carissimo Dott. Foa, il Suo compito sarà durissimo, ma siamo tutti con Lei.....buon lavoro !

Sei invece ricomparso dicendo due bellissime parole democratiche: pluralismo e autorevolezza. Grazie e ancora complimenti per il nuovo impegnativo lavoro

Ci aspettiamo molto! Ci aspettiamo qualcosa che era impensabile fino a poco tempo fa. Ci aspettiamo una reale informazione pluralista

Un sincero augurio di un buon lavoro che immagino positivo per la liberta' di tutti ! Auguri professore

Grazie grazie grazie Sei la speranza di un'informazione di qualità e di pluralismo del servizio pubblico! Che la forza sia con te ✌️

Salve a tutti, Salve egr. Marcello Foa io ad oggi ancora non vedo in Rai 1 un tg che dia il giusto spazio al governo ed esponga alla collettività l'onestà e gli obiettivi del M5S. Rai 2 ho notato una forma di esaltazione alla Lega e su rai3 continuo a vedere una netta tendenza ad esaltare il piddi. Occorrerà ancora molto? Ed ho parlato solo dei tg per il resto credo sia identica a prima , accendo per brevi istanti poi spengo. Per più tempo non resisto.😶

Tranquillo Foa, hai da fare un lavoro immenso, buon proseguimento e buona domenica.

Grande Marcello, sappiamo che non hai le mani libere del tutto ma sappiamo che la tua presenza fara’ la differenza. Forse ti sei incarnato per questo🙏🏻

Grazie Presidente Foa per le gentili Parole...Ancora tanti tanti Complimenti e Buon Lavoro...!

Avanti tutta quindi nell' alveo dell'informazione degna di tale nome che e' uno dei principi fondanti di uno stato che dovrebbe essere democratico! Complimenti ancora e buon lavoro!!! Lo spirito libero.

Grazie Dr Foa x le sue parole pacate e gradevoli e si ricordi che abbiamo bisogno di un’informazione “libera”soprattutto,quella che da tempo auspica Messora e tutti noi naturalmente!

GUARDI AGORA' MATTINA DELLA BORTONE E VEDRA CHE SCHIFO CONTRO IL M5S TUTTI I GIORNI

Mi raccomando Marcello faccia bene ma faccia anche presto perché la informazione del servizio pubblico é diventata inascoltabile e inguardabile

Dott. Foa, bisogna fare presto, l’informazione di questi giorni è totalmente fuorviante e la Rai ha il dovere di informare correttamente il popolo di quello che accade in Italia e in Europa. Vogliamo un’Europa dei popoli più giusta ed equa e una buona informazione deve mettere a conoscenza che questa situazione è insostenibile.

Presto per favore!! Non se ne può più dei tre TG rossi e di FabioFazio che intervista Cottarelli!!!

Più programmi di inchiesta su tutte le porcherie che negli anni hanno distrutto questa meravigliosa Italia!! Via personaggi come Carlo Conti, Fazio, Clerici , Littizzetto spudoratamente schierati !!! Stiano a casa e si cerchino un lavoro! Abbiamo bisogno di libertà di freschezza di gioventù meritevole !!! Buon lavoro presidente 💪👍

Non nascondo di riporre grandi speranze nel suo operato. Spero di poter tornare a guardare i programmi Rai. Buon lavoro.

A me quello che interessa oltre che programmi migliori, anche una informazione che informi e che non sia di parte!

Foa,la prego faccia qualcosa per la disinformazione a pagamento canone..non ne possiamo più!

View more comments

9 months ago

Marcello Foa

Una grande emozione, un grande onore.
Grazie alla Commissione di Vigilanza per la fiducia e a tutti voi per il sostegno in questi mesi.
E ora al lavoro al 100% per la RAI!
... See MoreSee Less

Una grande emozione, un grande onore. 
Grazie alla Commissione di Vigilanza per la fiducia e a tutti voi per il sostegno in questi mesi. 
E ora al lavoro al 100% per la RAI!

Comment on Facebook

Auguri Presidente! La prima cosa da fare è riportare la prima serata alle 20:30, come una volta dopo carosello. Cancellare i programmi demenziali tipo pacchi e soliti ignoti, soap e americanate varie. In prima serata riportare film e programmi di qualità che, ripeto, devono cominciare alle 20:30. Basta con la stupidità in RAI. Ritorni la Cultura! Buon lavoro! ❤

Buon lavoro. E adesso repulisti in Rai,a cominciare dai TG, inascoltabili da anni!

Buon lavoro, e che ritorni la libertà di STAMPA, e se mi concede... La VERITÀ DI STAMPA

Mi raccomando, i telegiornali e i talk non possono più sembrare dei circoli proPD....

IL primo che dovrebbe mandar via a calci nel sedere e Fabio Fazio e a seguire Bruno Vespa.

Auspichiamo di risalire rapidamente la classifica della libertà di informazione.

Liberate la rai dai giornalisti faziosi e prezzolati. Cambiate i direttori dei tg. Vogliamo un’informazione libera! Non è possibile parlare per mesi di Spelacchio e tacere sullo scandalo Unicef e sui 6 milioni e seicentomila euro spariti nel nulla. Abbiamo diritto all’informazione veritiera. Basta partiti e lobbisti. Basta tacere sulle migliaia di vittime degli immigrati. Ricordiamo la giovane turista tedesca che a luglio è volata da un precipizio per sfuggire allo stupro di un magrebino irregolare e nessun tg ha diramato la notizia per non turbare le magliette rosse che erano in piena contestazione contro le politiche del governo. Non vogliamo più vedere Fazio pagato milioni di euro che fa servizio pubblico invitando Cottarelli a fare la solita pelosa propaganda filo europeista. Che finisca questa informazione serva del politicamente corretto e amica di certi partiti a scapito di altri. Congratulazioni Presidente Foa. Contiamo su di lei. 👍

Spero di poter tornare a seguire il tg1 dopo anni e mi auguro anche che tagli finalmente i maxi stipendi di certa gente sopravvalutata. Buon lavoro.

Sono fiduciosa nel pensare che Lei ascoltera' la voce dei telespettatori che inneggia ad un ritorno in TV di Alessandro Greco, con il suo programma Zero e Lode, che lo scorso anno andava in onda su Rai uno con buonissimi ascolti e che quest'anno non è stato riproposto, nonostante le richieste a furor di popolo, per mettere in onda un programma scialbo e inutile, ma condotto da Caterina Balivo, a quanto pare, grande raccomandata; non si può spiegare diversamente. Alessandro Greco forse non era simpatico al precedente presidente, come, ai tempi, non era stato simpatico Fabrizio Frizzi ❤️ all'allora Presidente Fabrizio Del Noce che lo tenne lontano da Via Teulada per tutto il periodo del suo incarico in Rai. Confidando nella sua serietà professionale, le auguro buon lavoro e le porgo le mie migliori congratulazioni.

Fuori dalla Rai tutti i pezzi più costosi, iniziando da Fabio Fazio !

Mi raccomando Marcello Foa conto su di lei!... Pago il canone e vorrei tornare a vedere la Rai.

Ed ora: Pacatamente, Serenamente, Democraticamente leva quei venduti analfabeti schiavi dei Massoni dai tg . Grazie.

Buon lavoro! Faccia una bella pulizia in Rai..Fazio e la sua amica i primi ad andare via,mi raccomando!

spero di ascoltare un'informazione libera e indipendente dalle lobbies e dai poteri forti...senza censura

Congratulazioni , spero di potere vedere un tg e qualche programma decente ,buon lavoro

Complimenti, presidente. Ci aspettiamo una RAI libera e moderna, non più ostaggio del pensiero unico.

BASTA CONDUTTORI POLITICI , O TG POLITICI , TUTTI CONTRO IL M5S , GRAZIE , BUON LAVORO ORESIDENTE

E ora spero di vedere un tg serio, da una vita che Non seguo la Rai!

Faccia in modo che posso, finalmente, sintonizzarmi sui canali Rai specie quelli di informazione.

Non guardo la Rai da una vita.. Escluso pochissimi programmi.. Il kilimangiaro.. E l Annunziata... Eppure pago il canone.. Non è giusto che io non debba vederla perché i programmi politici e i tg sono tutti filo pd

Marcello io non voglio un'informazione di parte che l'ho ascoltata per 50 anni... Vorrei un'informazione OBIETTIVA..... solo OBIETTIVA. BUON LAVORO.

Presidente, blocchi gli sprechi a favore di Fazio e della tappa torinese.... Non si può sperperare i soldi del canone con i contratti per il soccorso rosso al Pd morente.

Forza! Ridateci I una TV sana e leale che si possa guardare! Io l ho abbandonata da tempo ormai!

Caro Presidente adesso la Rai deve essere: Libertà è Onestà d'informazione 🤚🏼❤

In bocca al lupo! Vorrei una Rai con un informazione giusta e veritiera non al soldo dei partiti e lobbisti!

View more comments

9 months ago

Marcello Foa

UN ONORE RICEVERE IL PREMIO ORIANA FALLACI

Interrompo il mio silenzio istituzionale per dirvi che ieri sera a Firenze ho ricevuto il Premio Oriana Fallaci, giunto alla dodicesima edizione e promosso dall'associazione "Una via per Oriana". La cerimonia si è tenuta ieri a Firenze nell'anniversario della morte della giornalista e scrittrice, avvenuta il 15 settembre 2006.in memoria della grande giornalistca toscana. Il premio mi è stato consegnato da Armando Manocchia.

E' un riconoscimento che mi onora e che mi fa molto piacere. Benchè non tutte le sue idee fossero condivisibili, Oriana Fallaci costituisce un esempio di coraggio e di indipendenza itellettuale ovvero di quelle virtù che mancano nell'informazione di oggi, caratterizzata da un diffuso conformismo. La Fallaci ha avuto ragione e ha anche sbagliato sempre da sola, rispondendo alla propria coscienza e ai propri lettori e per questo il suo insegnamento è più che mai attuale.

Sono molto belle e lusinghiere le motivazioni del premio, in cui si afferma, tra l'altro, che "la scelta di Foa si spiega con il suo essere protagonista di un giornalismo serio, paladino del pluralismo e della libertà di stampa".

"La Fallaci tenne alta quella Speranza gridando con dolore il rischio di perderla e Noi cerchiamo, nel ricordo, di testimoniarla e di tenerla viva in nome del rispetto dovuto a Noi stessi ed a Quanti raccolsero quella sofferenza e la fecero: la fanno propria, affidandone la custodia ad Uomini in grado di esporsi e di esporre le proprie tensioni ideali; la propria dimensione intellettuale; il proprio impegno; le proprie capacità; la propria incorrotta professionalità contro il Fanatismo, contro la Mistificazione, contro l’asservimento, contro la Cultura della morte a sostegno della Cultura della Vita.
Marcello Foa è uno di quegli Uomini.
E se il coraggio, il talento, l’impegno di Oriana si spensero, pur imbattute, il 15 settembre del 2006, quelli di Marcello restano insoppressi poiché egli ha fatto sue, nella tenacia del quotidiano, quelle parole ferme".

E infine: "Marcello Foa ha fatto di queste nostre espresse intenzioni una sfida personale occupando il territorio di una Informazione che conferisce profondità e struttura al Pensiero; contenuto alla Notizia; sponda a quella funzione di Servizio sempre più disattesa dalla Stampa nazionale e non.
In questo suo esemplare percorso ci riconosciamo, decisi a condividerlo e ad appoggiarlo".

Io non so se merito davvero parole così importanti, ma non posso che ringraziare e rinnovare il mio impegno a servire il giornalismo con serietà e onestà intellettuale.
... See MoreSee Less

UN ONORE RICEVERE IL PREMIO ORIANA FALLACI

Interrompo il mio silenzio istituzionale per dirvi che ieri sera a Firenze ho ricevuto il Premio Oriana Fallaci, giunto alla dodicesima edizione e promosso dallassociazione Una via per Oriana. La cerimonia si è tenuta ieri a Firenze nellanniversario della morte della giornalista e scrittrice, avvenuta il 15 settembre 2006.in memoria della grande giornalistca toscana. Il premio mi è stato consegnato da Armando Manocchia.

E un riconoscimento che mi onora e che mi fa molto piacere. Benchè non tutte le sue idee fossero condivisibili, Oriana Fallaci costituisce un esempio di coraggio e di indipendenza itellettuale ovvero di quelle virtù che mancano nellinformazione di oggi, caratterizzata da un diffuso conformismo. La Fallaci ha avuto ragione e ha anche sbagliato sempre da sola, rispondendo alla propria coscienza e ai propri lettori e per questo il suo insegnamento è più che mai attuale.

Sono molto belle e lusinghiere le motivazioni del premio, in cui si afferma, tra laltro, che la scelta di Foa si spiega con il  suo essere protagonista di un giornalismo serio, paladino del pluralismo e della libertà di stampa.

La Fallaci tenne alta quella Speranza gridando con dolore il rischio di perderla e Noi cerchiamo, nel ricordo, di testimoniarla e di tenerla viva in nome del rispetto dovuto a Noi stessi ed a Quanti raccolsero quella sofferenza e la fecero: la fanno propria, affidandone la custodia ad Uomini in grado di esporsi e di esporre le proprie tensioni ideali; la propria dimensione intellettuale; il proprio impegno; le proprie capacità; la propria incorrotta professionalità contro il Fanatismo, contro  la Mistificazione, contro l’asservimento, contro la Cultura della morte a sostegno della Cultura della Vita.
Marcello Foa è uno di quegli Uomini.
E se il coraggio, il talento, l’impegno di Oriana si spensero, pur imbattute, il 15 settembre del 2006, quelli di Marcello restano insoppressi poiché egli ha fatto sue, nella tenacia del quotidiano, quelle parole ferme.

E infine: Marcello Foa ha fatto di queste nostre espresse intenzioni una sfida personale occupando il territorio di una Informazione che conferisce profondità e struttura al Pensiero; contenuto alla Notizia; sponda a quella funzione di Servizio sempre più disattesa dalla Stampa nazionale e non.
In questo suo esemplare percorso ci riconosciamo, decisi a condividerlo e ad appoggiarlo.

Io non so se merito davvero parole così importanti, ma non posso che ringraziare e rinnovare il mio impegno a servire il giornalismo con serietà e onestà intellettuale.

Comment on Facebook

ce bisogno di Lei alla RAI, un informazione leale e giusta ,la stimo molto spero che il mio sogno di vederla come Presidente si avveri , Congratulazioni per il premio , buona serata.

le meriti tutte e anche oltre.... sarai un Presidente Rai che segnerà la svolta per cultura impegno e soprattutto ricerca della verità sempre... abbiamo bisogno di Uomini come te ... congratulazioni Marcello!!

Marcello torna a scrivere, raccontaci qualcosa, tienici aggiornati. Tanti auguri per questo meritatissimo premio!

Meritare il premio ORIANA FALLACI è qualcosa di enistimabile valore; e lei lo merita tutto. COMPLIMENTI.

Ora dia lei un premio a noi cittadini italiani.....diventi direttore della TV di stato! Speriamo che il Berlusca si pieghi stasera!!!

C'è bisogno di un'informazione obiettiva e chiara, congratulazioni

Complimenti Marcello Foa , lei è davvero un esempio per il giornalismo italiano e non . Congrantulazioni .

Grandissimo Marcello. Prego con tutto il mio cuore affinché ti sia concesso l'onore e l'onere di presiedere la RAI ❤

Complimenti! Si merita il meglio per la sua onestà intellettuale, la sua competenza e la sua indipendenza!

Rispetto e comprendo la necessità del suo silenzio istituzionale, ma ci tengo a farle sapere che mi mancano molto le sue valutazioni e le sue analisi alle quali ci aveva abituato. Congratulazioni per il premio e ....Ad majora.

Dott.Foa,mi creda,Lei le merita! Spero di leggerLa quanto prima!Congratulazioni!

Sono felicissima per lei, questa prestigiosa riconoscenza è più che meritata e spero le verrà riconosciuta anche quella alla presidenza della Rai per la quale sono in trepidante attesa

Complimenti! La vogliamo per un servizio pubblico efficiente ed approfondito, quando ci sistema questa Rai? guardi che molte persone hanno fame di notizie veritiere, a parte la stampa senza dignità, internet è troppo dispersivo. Ci vuole un canale che insegni di politica e quindi vada nel dettaglio della passione che un popolo ha per il benessere della sua terra. Faccia quello che nessuno prima di lei è mai riuscito a fare, passi alla storia per la prima vera informazione libera de facto. grazie

Complimenti. La aspettiamo presto presidente

Complimenti...tutto meritato

Compliminti e non molli. L’Italia ha bisogno di persone come lei.

Congratulazioni vivissime per il premio. Mi unisco anche io al coro di chi sente la mancanza dei Suoi post!

TI meriti questo e altro...non mollare, continua così....ti stimiamo quanto il Grande Condottiere "Salvini"...Forza cambia la RAI e non solo....lo so che non si può pretendere tutto e subito...ma perché il corteo di Bologna per la libertà vaccinale non viene citato in nessun telegiornale della Rai? Non siamo fantasmi...anzi più ci oscurano e più forte urleremo....si può anche non essere d'accordo, ma l'informazione deve essere libera e non ostacolata dai poteri forti...atteggiamento vergognoso...ho sentito una sua intervista in merito all'obbligatorietà dei vaccini e finalmente abbiamo sentito parlare una persona obiettiva... grazie per quello che farai per un'informazione libera e vera... Grande Foa...

A chi se non a Te potevano da il premio della grande Oriana

Meritato onestamente, non faccia il timido e speriamo di vederla presto Presidente della Rai a tutti gli effetti, questo ce lo meritiamo noi tutti!!!

Le merita tutte quelle parole, non si sminuisca. Lei è una persona onesta e professionalmente seria :Complimenti 🌹

Bravo Marcello. Tieniti pronto adesso tocca a te

Grande uomo...un grande rispetto e ammirazione Congratulazioni....

nessun altro giornalista merita questo premio più di lei. congratulazioni.

View more comments

10 months ago

Marcello Foa

QUELLE VOCI SULLA MALATTIA DEL DALAI LAMA, ORA FORTUNATAMENTE SMENTITE.
RICORDO QUANDO MI DISSE: "COSI' DEVE COMPORTARSI UN UOMO ONESTO"

Ho avuto la fortuna di incontrare a tu per tu il Dalai Lama. Era il primo dicembre 2001 per un'intervista a il Giornale. Mi aveva accordato venti minuti ma alla fine me ne concesse quaranta perchè gli piacquero le domande che gli ponevo. Fu uno degli incontri più intensi a arricchenti della mia carriera e gliene sono ancora oggi profondamente grato. In queste ore si sono susseguite le voci di una grave malattia di Sua Santità, ora fortunatamene smentite. Queste voci mi hanno indotto a rileggere quella straordinaria intervista. Incentrata sulla spiritualità e sui valori della vita, che mi permetto di riproporvi di seguito. E' ancora straordinariamente attuale.
***

Comunica serenità, ma non misticismo. Nella sua vita ha subito molte ingiustizie, ma continua a essere gioioso e solare. Ride di gusto alzando e abbassando ripetutamente le spalle, come fanno i bambini.E davanti a un bimbo di 7 anni (mio figlio), il Dalai Lama si inchina, divertito, due volte, mentre a me stringe soltanto la mano, penetrando con lo sguardo nella mia anima. Siamo rimasti con lui all’ «Istituto Lama Thzong Khapa» di Pomaia, in provincia di Pisa, per 40 minuti. Un’intervista intensa, in cui il Dalai Lama, premio Nobel per la pace, ha parlato poco della sua terra, il Tibet - dal 1959 occupato dai comunisti cinesi-e molto di spiritualità. A pochi chilometri da Pomaia, a Cecina, cinquemila persone sono riunite da tre giorni per ascoltare le sue lezioni.

Perché tanti occidentali cercano nel buddhismo anziché nelle religioni monoteiste tradizionali la propria dimensione spirituale?

«Per diverse ragioni. Quando la gente sente che l’acquisizione dei beni materiali (case, auto, vestiti alla moda, eccetera) non basta per sentirsi felici, cerca una risposta ai propri bisogni spirituali. Il buddhismo tibetano non è dogmatico, ma fonda la ricerca del senso della vita sull’intelligenza e il ragionamento. Il primo Buddha disse: “O saggi e monaci, non accettate solo le mie parole per rispetto. Meglio fareste ad analizzarle criticamente e accettarle solo sulla base della vostra comprensione”. Non bisogna credere ciecamente, ma capire. E questo è in linea con la mentalità pratica di alcuni occidentali».

L’Italia è un Paese profondamente cattolico, eppure lei ha molti simpatizzanti da noi...

«Ne ho molti in Europa,ma soprattutto in Italia.Rispetto agli altri Paesi, gli italiani hanno una mentalità e una religiosità molto più accentuata. Grazie al cattolicesimo, quando si avvicinano alle altre religioni, sonomolto seri e motivati».

Ma si possono seguire gli insegnamenti buddhisti restando cattolici, ebrei o musulmani?

«Certo, questo è il mio auspicio. Io sono sempre riluttante nel dare un insegnamento religioso nei Paesi e alle persone non buddhiste, perché credo sia molto più saggio e sicuro che ognuno mantenga le proprie tradizioni.È giusto che i cattolici restino cattolici. Ma alcune pratiche buddhiste e i nostri messaggi come la compassione, l’amore, il perdono sono comuni al cristianesimo, all’ebraismo o all’Islam, benché abbiano spiegazioni diverse. In questo contesto il buddhismo tibetano può aiutare i fedeli di altre religioni a migliorare la propria spiritualità senza provocare crisi d’identità».

Lei crede a un Dio o a molti dei?

«Io non credo a un Dio creatore dell’universo. Per me Dio è un essere che è spiritualmente superiore. In questo senso ci possono essere molti Dei, molti Buddha. Ai miei occhi Gesù Cristo era un Dio, aveva una spiritualità superiore e ha ispirato milioni di persone. È stato un Maestro».

Se ho capito bene ogni persona può diventare un Dio o un Buddha, inteso come colui che ha raggiunto l’Illuminazione...

«Assolutamente sì».

C’è un’unica verità per tutte le religioni?

«No, ci sono molte verità teologiche. Ed è giusto che sia così. Ma tutte le religioni possono essere unite dal desiderio della compassione e dell’amore infinito».

Come posso io, occidentale, conciliare la spiritualità e le mie esigenze materiali come il sostentamento della mia famiglia? C’è una via di mezzo tra la religiosità dei monaci e l’uomo laico?

«Sì, semplicemente comportandosi in modo onesto, amorevole, corretto. Lei può guadagnare soldi, anche tanti, ma senza compiere abusi, mentire, rubare. Dev’essere in pace con se stesso e con i propri valori, rispettando gli altri, anche gli animali. Certo, se qualcuno cerca di ingannarci è giusto difendersi; ma il fatto di subire torti non deve indurci a farne a nostra volta. Questa è una via ragionevole per essere virtuosi, senza dedicare la propria esistenza alla spiritualità come fanno i monaci».

Lei insegna a non lasciarci guidare dall’odio e dal rancore, ma come ci si deve comportare quando si è vittime di una profonda ingiustizia?

«Io applico sempre la nonviolenza, ma capisco come le persone non religiose talvolta siano costrette a usare la forza, a essere duri. Quel che conta è la motivazione: la forza non è accettabile se mossa dal desiderio di vendetta. Lo è in casi eccezionali, quando lo scopo è aiutare il mio nemico a smettere di usare la violenza. Esempio. Lei riceve un pugno; se risponde picchiando per punire chi l’ha attaccata, non va bene; se lo fa per indurlo a smettere, sì. Fisicamente lo colpisco, ma mentalmente no. Anzi, cerco di fermare la sua violenza per il suo bene».

È quanto è accaduto per esempio in Afghanistan? Lei, all’inizio, era contrario all’intervento; ora dice di capire...

«Il regime talebano non era sostenuto dagli afghani, dunque in questo caso la violenza può essere giustificabile. Così come lo era durante la Seconda guerra mondiale e la guerra di Corea».

Accetterebbe una guerra per la liberazione del Tibet?

«No. Io sono sempre contrario all’uso della violenza. I talebani erano pochi, deboli, isolati; la Cina è grande e potente. Una guerra non è nemmeno immaginabile. E anche se lo scopo può essere giusto, la violenza contro i cinesi sarebbe molto, molto negativa».

Lei dice che i nemici di ieri possono diventare gli amici di domani. Lo pensa anche per i cinesi che hanno occupato il suo Tibet?

«Sì, e con tutto il cuore. Il popolo cinese è gentile e amorevole, i problemi sono causati da chi li governa. Ma non provo rancore nei loro confronti: un giorno potremo essere amici».

Alcune religioni enfatizzano il timore di una punizione divina o di una salvezza dell’anima. Perché il buddhismo no?
«È una questione di percezione. Nel buddhismo non c’è nulla di definitivo, non ci sono verità assolute, non c’è, per esempio, un peccato originale. Un’azione in molte circostanze è molto negativa, in altre può essere molto positiva. Il karma è la ricerca della causa e dell’effetto. Sempre, in questa vita e nelle prossime reincarnazioni. Con la mente e con il cuore».
... See MoreSee Less

QUELLE VOCI SULLA MALATTIA DEL DALAI LAMA, ORA FORTUNATAMENTE SMENTITE.
RICORDO QUANDO MI DISSE: COSI DEVE COMPORTARSI UN UOMO ONESTO

Ho avuto la fortuna di incontrare a tu per tu il Dalai Lama. Era il primo dicembre 2001 per unintervista a il Giornale. Mi aveva accordato venti minuti ma alla fine me ne concesse quaranta perchè gli piacquero le domande che gli ponevo. Fu uno degli incontri più intensi a arricchenti della mia carriera e gliene sono ancora oggi profondamente grato. In queste ore si sono susseguite le voci di una grave malattia di Sua Santità, ora fortunatamene smentite. Queste voci mi hanno indotto a rileggere quella straordinaria intervista. Incentrata sulla spiritualità e sui valori della vita, che mi permetto di riproporvi di seguito. E ancora straordinariamente attuale.
***

Comunica serenità, ma non misticismo. Nella sua vita ha subito molte ingiustizie, ma continua a essere gioioso e solare. Ride di gusto alzando e abbassando ripetutamente le spalle, come fanno i bambini.E davanti a un bimbo di 7 anni (mio figlio), il Dalai Lama si inchina, divertito, due volte, mentre a me stringe soltanto la mano, penetrando con lo sguardo nella mia anima. Siamo rimasti con lui all’ «Istituto Lama Thzong Khapa» di Pomaia, in provincia di Pisa, per 40 minuti. Un’intervista intensa, in cui il Dalai Lama, premio Nobel per la pace, ha parlato poco della sua terra, il Tibet - dal 1959 occupato dai comunisti cinesi-e molto di spiritualità. A pochi chilometri da Pomaia, a Cecina, cinquemila persone sono riunite da tre giorni per ascoltare le sue lezioni.

Perché tanti occidentali cercano nel buddhismo anziché nelle religioni monoteiste tradizionali la propria dimensione spirituale? 

«Per diverse ragioni. Quando la gente sente che l’acquisizione dei beni materiali (case, auto, vestiti alla moda, eccetera) non basta per sentirsi felici, cerca una risposta ai propri bisogni spirituali. Il buddhismo tibetano non è dogmatico, ma fonda la ricerca del senso della vita sull’intelligenza e il ragionamento. Il primo Buddha disse: “O saggi e monaci, non accettate solo le mie parole per rispetto. Meglio fareste ad analizzarle criticamente e accettarle solo sulla base della vostra comprensione”. Non bisogna credere ciecamente, ma capire. E questo è in linea con la mentalità pratica di alcuni occidentali».

L’Italia è un Paese profondamente cattolico, eppure lei ha molti simpatizzanti da noi... 

«Ne ho molti in Europa,ma soprattutto in Italia.Rispetto agli altri Paesi, gli italiani hanno una mentalità e una religiosità molto più accentuata. Grazie al cattolicesimo, quando si avvicinano alle altre religioni, sonomolto seri e motivati». 

Ma si possono seguire gli insegnamenti buddhisti restando cattolici, ebrei o musulmani?

«Certo, questo è il mio auspicio. Io sono sempre riluttante nel dare un insegnamento religioso nei Paesi e alle persone non buddhiste, perché credo sia molto più saggio e sicuro che ognuno mantenga le proprie tradizioni.È giusto che i cattolici restino cattolici. Ma alcune pratiche buddhiste e i nostri messaggi come la compassione, l’amore, il perdono sono comuni al cristianesimo, all’ebraismo o all’Islam, benché abbiano spiegazioni diverse. In questo contesto il buddhismo tibetano può aiutare i fedeli di altre religioni a migliorare la propria spiritualità senza provocare crisi d’identità». 

Lei crede a un Dio o a molti dei? 

«Io non credo a un Dio creatore dell’universo. Per me Dio è un essere che è spiritualmente superiore. In questo senso ci possono essere molti Dei, molti Buddha. Ai miei occhi Gesù Cristo era un Dio, aveva una spiritualità superiore e ha ispirato milioni di persone. È stato un Maestro». 

Se ho capito bene ogni persona può diventare un Dio o un Buddha, inteso come colui che ha raggiunto l’Illuminazione... 

«Assolutamente sì». 

C’è un’unica verità per tutte le religioni?

«No, ci sono molte verità teologiche. Ed è giusto che sia così. Ma tutte le religioni possono essere unite dal desiderio della compassione e dell’amore infinito». 

Come posso io, occidentale, conciliare la spiritualità e le mie esigenze materiali come il sostentamento della mia famiglia? C’è una via di mezzo tra la religiosità dei monaci e l’uomo laico?

«Sì, semplicemente comportandosi in modo onesto, amorevole, corretto. Lei può guadagnare soldi, anche tanti, ma senza compiere abusi, mentire, rubare. Dev’essere in pace con se stesso e con i propri valori, rispettando gli altri, anche gli animali. Certo, se qualcuno cerca di ingannarci è giusto difendersi; ma il fatto di subire torti non deve indurci a farne a nostra volta. Questa è una via ragionevole per essere virtuosi, senza dedicare la propria esistenza alla spiritualità come fanno i monaci». 

Lei insegna a non lasciarci guidare dall’odio e dal rancore, ma come ci si deve comportare quando si è vittime di una profonda ingiustizia? 

«Io applico sempre la nonviolenza, ma capisco come le persone non religiose talvolta siano costrette a usare la forza, a essere duri. Quel che conta è la motivazione: la forza non è accettabile se mossa dal desiderio di vendetta. Lo è in casi eccezionali, quando lo scopo è aiutare il mio nemico a smettere di usare la violenza. Esempio. Lei riceve un pugno; se risponde picchiando per punire chi l’ha attaccata, non va bene; se lo fa per indurlo a smettere, sì. Fisicamente lo colpisco, ma mentalmente no. Anzi, cerco di fermare la sua violenza per il suo bene».

È quanto è accaduto per esempio in Afghanistan? Lei, all’inizio, era contrario all’intervento; ora dice di capire... 

«Il regime talebano non era sostenuto dagli afghani, dunque in questo caso la violenza può essere giustificabile. Così come lo era durante la Seconda guerra mondiale e la guerra di Corea». 

Accetterebbe una guerra per la liberazione del Tibet? 

«No. Io sono sempre contrario all’uso della violenza. I talebani erano pochi, deboli, isolati; la Cina è grande e potente. Una guerra non è nemmeno immaginabile. E anche se lo scopo può essere giusto, la violenza contro i cinesi sarebbe molto, molto negativa». 

Lei dice che i nemici di ieri possono diventare gli amici di domani. Lo pensa anche per i cinesi che hanno occupato il suo Tibet?

«Sì, e con tutto il cuore. Il popolo cinese è gentile e amorevole, i problemi sono causati da chi li governa. Ma non provo rancore nei loro confronti: un giorno potremo essere amici».

Alcune religioni enfatizzano il timore di una punizione divina o di una salvezza dell’anima. Perché il buddhismo no? 
«È una questione di percezione. Nel buddhismo non c’è nulla di definitivo, non ci sono verità assolute, non c’è, per esempio, un peccato originale. Un’azione in molte circostanze è molto negativa, in altre può essere molto positiva. Il karma è la ricerca della causa e dell’effetto. Sempre, in questa vita e nelle prossime reincarnazioni. Con la mente e con il cuore».

Comment on Facebook

Tenga duro dott. Foa, la seguo dai tempi del Giornale fine anni 80. Il tempo è galantuomo e l’onesta’ intellettuale e la qualità prevalgono sempre !!!

Lei è un ottimo giornalista ma sopratutto un uomo onesto

Veramente una bella intervista,fa piacere leggerla

INTERESSANTE L'INTERVISTA ,mi è piaciuto molto L'INCHINO che IL DALAI LAMA FA A SUO FIGLIO.DIETRO QUESTO "GESTO" C'è TUTTO UN MONDO SPIRITUALE BELLISSIMO E DA PRENDERE COME ESEMPIO....

Una bellissima testimonianza. Grazie Dr. Foa, per averla condivisa con tutti noi.

Noi occidentali abbiamo molto da imparare.. L'approccio spirituale soprattutto che apre mente e cuore e ti spinge ad essere migliore.. 😘

Spero di vederla presto in carica...Buona serata.

Bellissima , grazie per averla condivisa.

Stupenda persona, lei e`stato molto fortunato ad averlo incontrato.

Il Dalai Lama, che Essere eccezionale e insieme a Foa!. Bella questa foto e l'intervista💕💓👍🙏

Non è malato. È una fake.

Grazie della condivisione.

GRANDE UOMO!!!!!!!!!!!!!!!!

Well said, Marcello

Stupenda filosofia.

Bellissima intervista ... Grazie

Grazie parole sagge!!!

Pregherò per questa bella persona 🙏

Pregherò per lui😢😢😢

I CITTADINI VOGLIONO FOA ALLA PRESIDENZA DELLA RAI! Per un vero cambiamento. Per favore Matteo Salvini e Luigi Di Maio, non arretrate di un solo millimetro!

Con tutto il rispetto per il Dalai Lama e per la sua saggezza, come cristiana devo affermare che dire che ognuno può diventare un Cristo o un Budda, contraddice la nostra Fede che non è né una filosofia né una religione, ma la sequela ad una Persona, Gesù, il Signore, vero Uomo e vero Dio, che ci fa figli nel Figlio, generato non creato della stessa sostanza del Padre, l'Unico Dio (il politeismo non ci appartiene). Gesù, il Cristo, si è fatto uomo per salvarci con la sua morte espiatrice, rigenerando la nostra natura ferita con la Risurrezione, ricollocata alla destra del Padre con la sua Ascensione. Questa è la nostra Fede. Chi Lo accoglie, lo sa, lo sente, lo vive...

Chi dice che Foa lancia Fake News, la notizia era stata battuta da Corriere della Sera... www.corriere.it/esteri/18_agosto_10/dalai-lama-malatoindia-cina-trattativasulla-difficile-success...

Ognuno creda quello che gli pare, ma quello che è intollerabile è la pretesa di imporre a tutti la propria religione. Ed è esattamente quello che hanno fatto e continuano a fare le religioni monoteiste ,cristianesimo in testa; sebbene la loro storia grondi sangue e coercizioni da tutti i pori. A me non interessa quello che dicono (i dogmi opinabili) bensì quello che fanno (la loro storia): e qui c'è da inorridire e stupirsi che siano ancora in auge. Ma, i "fedeli" sono come le tre scimmiette :non vedo,non sento, non parlo! Suprema ipocrisia e non c'è da stupirsi se ai "bravi cristiani" dogmatici qua sotto le parole del Dalai Lama facciano ribrezzo .

Dio creò l'uomo a propria immagine e somiglianza si ripete quotidianamente nella Santa Messa ed è esattamente quello che dice anche il Dalai Lama, ogni essere umano può elevare la propria spiritualità ad immagine e somiglianza di Dio, ogni uomo può creare la propria realtà!

Ma mettiamo qui sotto lo screen del post originale, in cui parlavi di Dalai Lama malato. Hai modificato un'ora dopo, quando ti sei accorto di aver scritto l'ennesima bufala. E quindi "quelle voci sul Dalai Lama malato" le hai alimentate anche tu. Il Presidente della Longobarda devi fare, altro che della Rai i67.tinypic.com/11j6woy.jpg

View more comments

10 months ago

Marcello Foa

Giuseppe Conte: “Foa assolutamente adeguato per la presidenza Rai”

Ringrazio il premier Conte per l’apprezzamento nei miei confronti.

👉http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2018/08/08/rai-conte-foa-assolutamente-adeguato_b0069c8a-fb31-4a8d-a3c8-4e2ff4f83e99.html
... See MoreSee Less

Giuseppe Conte: “Foa assolutamente adeguato per la presidenza Rai”

Ringrazio il premier Conte per l’apprezzamento nei miei confronti.

👉http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2018/08/08/rai-conte-foa-assolutamente-adeguato_b0069c8a-fb31-4a8d-a3c8-4e2ff4f83e99.html

Comment on Facebook

Quando il bomba cambio’ tutti i vertici rai compreso orfeo al tg1 etc... nessuno disse una parola. Vergogna paese di parassiti comunisti

Meglio chi è stato scelto dai dipendenti invece dalla politica, specialmente se ha parenti alle dipendenze di un ministro

Dopo questa lunga pausa ci aspettavamo proprio di ritrovarti al tuo posto Forza Marcello toglierai un po' di peli al sistema della informazione italiana

Auguri e buon lavoro presidente. !!! Etica, cultura e una corretta informazione speriamo rendano la ns tivu degna di primato E noi cittadini finalmente potremo pagare il canone senza lamentarci

Foa...non rinunci a fare la battaglia ..contro i nemici dei cittadini onesti !!.m.l.

In Italia più sei adeguato meno sei funzionale al sistema della casta.

Siamo in tantissimi, siamo legioni e moltitudini, a pensarla come il presidente Conte e, una cum Salvini, siamo ferreamente risoluti a sostenere la candidatura di Marcello Foa a presidente della Rai: il miglior presidente possibile! E resistere fino alla vittoria.

La verità è che questa presidenza per la casta è questione di vita o di morte....immaginiamo per un minuto tutto il circo mediatico contro questo governo che improvvosamente sparisce...come aprire una finestra su un mondo nuovo. #Foapresidente

Ancora una volta le parole del presidente Conte sono pienamente condivisibili. Spero veramente che il posto di presidente le venga assegnato, ne abbiamo estremo bisogno dopo tutti questi ultimi anni informazione deformata.

L’unica cosa che abbiamo bisogno: non fateci pagare il canone che con i 120 euri riattiviamo un po’ l’economiA

Sottoscrivo quanto afferma il Premier... Marcello Foa -è più che adeguato- per quella Presidenza. <3

Dott.Foa, lei é fin troppo adatto e funzionale...per questo hanno posto il veto...Siamo con lei, ( almeno lo é il popolo che vuole cambiare).Buon lavoro.La seguo.

Non molli la prego....tutta la mia ammirazione

Con questo, carissimo Marcello Foa si concretano le speranze di rinscita sovrana della nazione italiana. Avanti così.

Serve la Tempra e il Coraggio dei Giusti....in un mondo sull'orlo di un "inferno globale "... La cultura e' un Bene.da difendere a tutti i costi . Le do atto di essere quanto di Meglio auspicarsi !!!!!

Anche gli italiani pensano che tu sia adeguato, Marcello Foa!

Foa, nessun dubbio sul suo valore e adeguatezza. Chi sostiene il contrario è da ricovero immediato in un ospedale psichiatrico.

Se sfuma la presidenza Rai, la direzione di Rai uno è il minimo che ti dovrebbero dare, e li potrai promuovere la verità dell'informazione sputtanando i tuoi detrattori e i loro fantasmi nell'armadio.

Sei il migliore, grande Marcello Foa.. Gran parte degli italiani( quelli onesti) ti appoggiano...NON DEMORDERE! Avanti tutta!

Professionalità, personalità e onestà intellettuale..cosa vogliamo di più?

PresidenteGiuseppe Conte non molli noi vogliamo #foapresidenterai Ora come ora, ormai anche da anni la TV pubblica è inguardabile troppo politicIzzata non se ne può più Grazie

Hanno avuto la presidenza del senato... che altro vogliono 'sti perdenti berlusconiani!?

Ha uno stile tale da far sentire viva quella punta di orgoglio italiano, oramai dimenticato per colpa dei cazzari e vuoti politicanti Che hanno scorrazzato finora. Quando il gioco si fa duro, ci vogliono gli avvocati. E fatemela fare sta battuta!

Marcello, non esiste persona a questo mondo degna di poter dire che non sei adeguato! i meriti vanno riconosciuti a prescindere da tutto e quello che sta accadendo é INGIUSTO. #Foapresidente

I media sono di pessima qualità in Italia non c’è confronto sulle notizie si viaggia a senso unico , abbiamo bisogno di un informazione libera e sincera , io personalmente non accendo la tv da due anni aime però sono costretta come tutti a pagare un canone di una tv spazzatura

View more comments

10 months ago

Marcello Foa

Un messaggio ai giornalisti e un grazie a tutti voi. ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Carissimo Marcello sono profondamente offesa per la indegna campagna denigratoria che ti stanno tirando addosso. Ma sono ancora più convinta della stima che meriti incondizionatamente e che ti esprimo con sincero affetto. Buon lavoro e buona fortuna !

La sua professionalità è nota a tutti, ma forse non tutti si erano accorti della sua integrità morale. Abbiamo bisogno di persone dotate di buon senso ora più che mai!

Dr Foa...il punto e' uno : Lei e' troppo signore, troppo professionista serio, troppo intellettualmente onesto per questa gentaglia che la ha ostacolata....Evidentemente non ci meritiamo una persona per bene come Lei, noi che la apprezziamo e conosciamo la Sua pulizia d'anima e bravura, stiamo davvero soffrendo e siamo DISGUSTATI per quello che e' successo. Ancora vogliamo sperare in un miracolo...Comunque di una cosa possono esser certi quelli che non hanno voluto votarla..: sono finiti e se ne accorgeranno presto. GBY

Un messaggio cosi’ fa onore a lei ed a tutti noi che la stiamo sostenendo con fiducia e compostezza. C’e’ rispetto, coraggio, lealta’ e professionalita’ nelle sue parole. Lei e’ forte perche’ e’ una persona perbene e questo la protegge da tutto e da tutti. Resista e non molli siamo con lei.

Un Gentiluomo..... d'altri tempi!!!! Purtroppo in giro ci sono troppi lupi... duri a mollare l'osso, tante persone hanno fiducia in Lei, non molli!!!

Superiorità di tatto e di tratto!!! Lei E' un vero Signore, tanto di cappello!!! Continui così, sempre al Suo fianco, lo Spirito Libero.

l'integrità morale e l'onesta' sono le armi per combattere democraticamente un sistema basato sulla immoralità e la menzogna 🤥 avanti così Marcello, siamo con te!

Grazie per questa dichiarazione. Ammiro la tua etica professionale. Oggi l'etica e i valori sono merce rara, che non tutti sanno apprezzare. È anche per questo che avremmo una grave perdita nel non averti come Presidente Rai. Io ancora ci spero. Grazie per questa tua etica professionale e integrità morale!

Marcello... Non ti conosco personalmente ma mi sembri proprio una persona per bene... E tutto il caos che ti hanno gettato contro per me è la prova inconfutabile del fatto che... sei la persona perfetta per questo incarico! ✌ Chissà che dopo millenni non torniamo in tanti a guardare la Rai 😁

Evidentemente la societa (in)civile non è ancora pronta per un uomo della tua levatura. Sei un vero galantuomo. Hai tutto il mio sostegno e la mia più profonda ammirazione. Stai combattendo il potere con armi molto potenti ( correttezza, coeranza, educazione, gentilezza, raffinatezza, intelligenza ed un'enorme umanita accompagnata da un'irremovibile fermezza) che finiranno per disorientare coloro che ti osteggiano. La vittoria arriverà trionfalmente quando meno se lo aspetteranno. E nell'impossibile ipotesi che ciò non dovesse accadere, resterà la tua impronta, l'impronta di uno spirito libero che potrà essere calcata da tutti i cuori ribelli che vorranno lottare per la libertà! 🔥💖🔥

Marcello sei un grande e se ne sono accorte anche le donne... Che Spirito di Servizio, che signorilità, che educazione. Dopo Conte Salvini e Di Maio che hanno tre modi di incarnare il maschile molto diversi e molto belli, ecco lo stile dolce di Marcello Foa. Grande Orgoglio per il nuovo “men italian style”. 🔥🇮🇹🔥 www.facebook.com/1557673602/posts/10216421021628926/

Sì, va bene tutto, ma per l'amor di Dio, NON MOLLARE! Pensa a noi poveri italiani che da troppi anni ci becchiamo a tutte le ore becera propaganda di regime. Immagino che deve essere una prova durissima ma il popolo è dalla tua parte!

Un grande esempio di onestà intellettuale, etica e coerenza. Parole mai sentite prima da altri. Coraggio Dott. Foa, l’Italia che vuole cambiare è dalla sua parte.

Un gentlemen d'altri tempi, non tollerato dai "VASTASI" (maleducati !....l'ho voluto dire appositamente in siciliano, perché noi siciliani sappiamo che "vastasu" ha un significato che va al di là della semplice traduzione in italiano, che non possiede un termine adatto per tale traduzione...) che il berlusconismo ha creato in quest'ultimo quarto di secolo.....

Gentilissimo Dott. FOA la seguo e la stimo da un po’ di tempo e spero che lei riesca a svolgere nel pieno delle sue capacità professionali e senza alcun condizionamento il suo lavoro alla RAI. Aguri per il suo lavoro !

Lei e' un Galantuomo, abbiamo bisogno del Suo aiuto... 👍

Grande io non la conosco è onestamente ho appreso da poco del suo passato. Ma se tutti quelli che hanno distrutto il giornalismo italiani facendo del giornalista una marionetta che deve dire e fare quello che vogliono loro .Vuol dire che lei non si fa comprare

Come sempre, semplicemente ineccepibile. Una spanna abbondante sopra la media.

Siamo ansiosi di vedere una TV dove garbatamente si discuta e non si processi l’invitato (M5S)e che dia Notizie non opinioni! Grazie💐buon Lavoro

Non molli di un centimetro. Chi se be importa se FI é contraria. Mi é parso di capire che tecnicamente sia comunque possibile restare a fare il Presidente della Rai anche senza i 27 voti necessari. Se cosí fosse, allora resti a fare il presidente della Rai. Giornalisti come Lei dovrebbero essere clonati.

Marcello il popolo ti sostiene , tu sei il vero presidente , non mollare ,servirà a dare il colpo di grazia al pd e berlusconi 👏

Continuerò a seguire la rassegna di Byoblu. Almeno so che fanno informazione indipendente. Lei non merita il fango che le è stato tirato addosso e io non andrò ai piedi del feudo che è la Rai per farmi lanciare il pane secco che spacciano per rossette fresche.

Scusa Marcello, ma sono esterrefatta da ciò che sta avvenendo. La gente disinformata viene spinta a credere che tu sia una sorta di "impostore", i cui atti e firme non valgono nulla. Questo viene fatto circolare liberamente, non oso pensare se chiederai i danni di tutto questo. Sei stato indicato da Governo, Parlamento e Tesoro. Votato dal Cda Rai e non perchè sei il più anziano, ma evidentemente il più idoneo a guidare l'Azienda in questo momento. La Vigilanza, come alcuni sanno, ha la facoltà però di non ratificare le decisioni se intuisce che ci sia stato un colpo di mano di una parte all'interno di queste istituzioni, a garanzia dei cittadini, che dalla Rai traggono la certezza dell'informazione fondamentale per il loro vivere, della comunicazione e anche della formazione visto che oggi più che mai i media creano anche realtà. Però la Vigilanza, a sua volta deve rispettare dei limiti, cioè non può bocciare un nome perchè non piace a qualcuno, sia esso pure Berlusconi o Pinco Pallino. Berlusconi può dirlo: io non lo voglio. Ma i commissari non possono solo ubbidire. Devono relazionare il Parlamento in modo articolato e con prove effettive sulle motivazioni del dissenso, ristretto unicamente al tema della qualità e idoneità. Ora tu Marcello sei dei giornalisti italiani il più esperto, e io che conosco ciò di cui ti occupi, aggiungo forse l'unico, che oggi è in grado di riconoscere una informazione credibile da una fake news. E anche se sono in corso manipolazioni assai più orribili di cui poco o nulla sa la gente. Questo a chi non sta bene? Non certo al governo, che ti ha indicato, non certo al Tesoro, che ti ha espresso come suo manager per il Paese, non al Parlamento che ti ha votato, ma a una esigua parte di esso, che però vuole contare in modo autoritario obbligando una Commissione a non raggiungere il quorum con quei metodini che ben descrivi nelle tue conferenze. Adesso sappiamo chi sono i dittatori delle false notizie. A vantaggio di cosa? Di se stessi soltanto, visti vitalizi e prebende che il Parlamento non ha mai avuto, ai danni di tutta l'economia italiana e di ogni cittadino, visto - lo ricordo a tutti - che il Pd ha perso nelle regioni più rosse dove comandava da cinquanta anni e hanno votato Salvini! Ma questa indicazione di voto non va rispettata? Dunque, e queste sono regole democratiche inalienabili, come può il partito che ha perso le elezioni in modo totale dettare i nomi che vuole ovunque. Fin qui il Pd ha messo alla Rai i suoi preferiti, anche se sono personalità con responsabilità cruciali organiche al partito. Manager che si alzano dalla scrivania dei capi politici e ideologici di una parte e vanno a dirigere gli affari e gli interessi di se stessi dentro la Rai. E si lascia fare? Omettendo di dire che mentre i loro figli, nipoti, mogli, fidanzate, amanti e amichetti (occorre includere ora anche tutto il mondo gay) lavorano spudoratamente dove gli pare senza un briciolo di rispetto per le regole e almeno la facciata, i figli degli altri o lavorano con qualche amico del papà se il papà è di rango e ce la fa a trovargli un lavoretto, o non lavorano affatto come i milioni di giovani italiani disoccupati, quando non sono letteralmente spediti nelle tombe in quanto forse un giorno scomodi. Non capisco Mattarella, si crede uno stregone dei maneggi occulti e il capo di questi delinquenti?

È stato indecente! 🙁 Indecente quello che hai dovuto subìre da parte di Forza Italia! Non ti muovere e svolgi il tuo ruolo in qualità di "consigliere anziano"! <3 In attesa di capire cosa deciderà il Ministro dell'Economia e delle Finanze ti rinnovo la mia stima nei tuoi confronti. Saresti stato un ottimo Presidente per la RAI!

Guerra a Marcello Foa. Pazienza se pd e forza Italia perdono il controllo di cassa depositi e prestiti ed i suoi 400 miliardi , di Eni ,di Ferrovie etc. Pazienza se viene perso il controllo di oltre 800 miliardi del bilancio statale. Pazienza se si perde qualche membro di csm, corte costituzionale o presidente di authority. Guai a perdere la Rai di Augias, Mieli, Berlinguer , Marrazzo ,dei comici direttori dei tg con giornalisti senza alcuna dignità . Guai a perdere lo strumento di manipolazione del pensiero. Perdere la Rai è pericolosissimo. Gli italiani potrebbero conoscere la verità ed a quel punto, a loro, non resterebbe che scappare.

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

ATTENDO INDICAZIONI DALL’AZIONISTA, CON RISPETTO PER L’ISTITUZIONE E LE SUE REGOLE

Oggi ho informato i miei colleghi del Consiglio di Amministrazione che sono ancora in attesa di indicazioni dell’Azionista e che nel frattempo continuerò, nel pieno rispetto di leggi e regolamenti, a coordinare i lavori del Cda come consigliere anziano, nell'esclusivo interesse del buon funzionamento della Rai.
Voglio sottolineare che in queste prime riunioni il clima all'interno del Consiglio è stato ottimo, di confronto franco e leale con colleghi di grandissimo valore, e che lo spirito che ci unisce è quello di servizio per la più grande azienda culturale del paese.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

La scenetta politica per il rifiuto alla sua presidenza é stata osservata con attenzione da tutti gli italiani. Arrivo persino a sostenere che sia un fatto positivo,perché le maschere cadono ad una velocitá mai vista prima. E grazie anche a questo, il suo ruolo in Rai é ora sostenuto da almeno mezza nazione. Qualunque cosa accadrá ora, sará significativo e,in un modo o in un altro, un cambiamento ci sará. La osserviamo speranzosi e con orgoglio.

Si spirito di servizio e di soldi....certo che Salvini è x te un dio, a te la presidenza della Rai, poi assume tuo figlio nel suo staff, ke pacchia x la famiglia foa. Se hai altri figli da sistemare chiedi a di Maio e conte.. onestà onestà

Dottor Foa, le porgo i miei migliori auguri, in attesa di sviluppi positivi per la sua nomina a Presidente. Intanto vorrei capire quando sarà possibile avere dei TG seri in RAI, non più monopolizzati da renziani, ma da giornalisti che siano almeno degni di essere definiti tali. Sono francamente stufo di subire una parzialità indecorosa dalla informazione RAI. E penso sempre a tutti coloro che non hanno altre fonti oltre la RAI per informarsi, e sono tanti Grazie, e di nuovo Auguri.

Dott. Foa non molli abbiamo bisogno di una persona come lei con la schiena dritta ai vertici Rai, in bocca al lupo per il proseguo della sua attività.

Caro Foa fai presente a questi tuoi bravissimi colleghi che io da anni non vedo quasi più le tv nazionali e vorrei tornare a vederle al più presto....visto che le pago!

Visto che lo scoglio principale alla sua nomina sembra essere Berlusconi, bisognerebbe chiedersi se sia accettabile che il proprietario di una TV concorrente possa essere ammesso alle votazioni e, se non, semplicemente obbligarlo ad astenersi.per conflitto di interessi.

Lei è un Signore, diversamente da quei "vigliacchi" che per una ideologia politica da quattro soldi e che non hanno voluto guardare alla capacità della persona, l'hanno bocciata. Parte dell'elettorato di quei traditori ne trarrà le dovute conclusioni. Comunque sia le auguro buon lavoro.

Buon lavoro Dott. Foa,non molli,milioni di cittadini la sostengono,siamo stanchi di pagare il canone senza avere niente in cambio, vogliamo una Rai di tutti con programmi seri e non fotocopie delle TV private,grazie!!

I migliori auguri per la sua nomina, almeno per ora nelle modalità convenute. Può sempre contare sul nostro sostegno. E siamo in molti!

Insisti sulla tua elezione in Commissione vigilanza. Il popolo ha preso conoscenza e coscienza che sei l uomo adatto per coprire il ruolo di presidente Rai. Non mollare. Altrimenti ci rifilano uno ambiguo. Siamo stanchi dei compromessi che favoriscano sempre i falsi prudenti e ambigui e tornacontisti. Dii a Salvini di insistere ad oltranza. Dovranno accettarti anche i cavillosi di FI se non vogliono completamente scomparire dall agone politico ed elettorale.

Marcello Foa, per favore, nell'interesse di tutti, continui il suo incarico!

Dottor Foa non molli Siamo stufi di non potere seguire un TG Rai senza farci venire la nausea per quanto è fazioso Lei è un ottimo professionista, è stato scelto ed ora non si deve cedere ai ricatti di chi finora, con la TV di stato ha fatto i suoi comodi e a chi detiene TV private Buon lavoro!

Lei è un signore il suo modo di parlare la contraddistingue da questa massa di ciarlatani!!! Prosegua senza arretrare gli italiani onesti sono con lei!

I vecchi delinquenti della politica hanno paura dei giornalisti onesti che informano dei fatti senza essere sottomessi ad un padrone, hanno sempre manipolato l'informazione impadronendosi dei canali TV, la RAI è famosa per le cacciate nei confronti di chi non rispettava gli ordini partiti dall'alto imponendo un'informazione bavaglio, non rispettando noi poveri allocchi che paghiamo il canone per essere presi per i fondelli. Io spero che gli italiani si ribellino a questi soprusi con una bella mobilitazione davanti le sedi RAI. Tenete duro e non cedete. Siamo tutti con Foa, rimani.

Sappiamo chi è il nemico e sappiamo che è grosso, ricco e potente. Non mollare. ✌️

La Rai ha bisogno di lei, Dott. Foa!! Speriamo che Lega e 5Stelle continuino a sostenerla come merita <3 Nel frattempo mi auguro che chi vota(va) Forza Italia si sia reso conto di come stanno le cose...

Complimenti Marcello per la persistenza rimani nel CDA per noi, con i diritti di anzianità puoi fare molte cose finché si trova una soluzione parlamentare, un decreto che tolga lo scifo di regola dei due terzi fatta per compromesso e spartire le poltrone, non siamo più d'accordo, prenditi le tue prerogative e cambia le cose, grazie

Almeno divestasse presidente potrebbe limitare un po' don Matteo e gli stessi spettacoli che ogni giorno da anni la RAI propina al povero bue italiano. Sempre contro al frame, sempre liberi intellettualmente

Prima o poi anche il malcostume dell'informazione pubblica usata contro i cittadini dovrà finire. Marcello Foa è certamente un punto di riferimento per questo genere di "rivoluzione culturale". La maggioranza degli italiani è (probabilmente) dalla sua parte. Vedremo quanta resistenza riusciranno ad opporre gli apostoli del sistema ordoliberista.

Dott. Foa, resista! Come ho già avuto modo di scrivere, questa ennesima bassezza di cui Lei è stato vittima (insieme a chi in Lei ha fiducia, e siamo tanti) si ritorcerá contro chi l'ha orchestrata e messa in atto, dato che essa ha rivelato, se ancora ce ne fosse bisogno, che l'asse PD-FI è ancora saldo, e che il patto del Nazzareno non è mai venuto realmente meno. Sarà l'ennesimo suicidio politico di due partiti ormai sulla via di una (peraltro meritatissima) prossima estinzione.

Buon lavoro dunque, speriamo che il suo contributo possa migliorare la qualità dei prodotti televisivi Rai. Noi La sosteniamo, per la sua lealtà, per la sua schiettezza e per la sua autentica volontà di migliorare la televisione di Stato.

Non se ne può più,di questo nazareno allungato,come sempre e come al solito,escono le porcherie al momento giusto.PD e Forza Italia non conoscono vergogna con l'aggiunta di LEU.Dott Foa,nessuno è migliore di lei per far si che la RAI possa finalmente diventare una grande azienda.

Bravissimo Marcello !! Dimettersi avrebbe fatto solo il gioco di chi, da sempre, con falsità, protervia e sicumera, mette il bavaglio alla vera informazione. La situazione è decisiva e bisogna giocarcela fino in fondo. Non è il momento di essere buoni, bravi, corretti e gentili (e quindi in definitiva sciocchi e irresponsabili), ma di essere FORTI. Siamo con te !!

Grazie....gli italiani ne hanno le scatole piene di una informazione drogata che fa violenza ai cittadini! L'unica soluzione era spegnere la TV Spero che grazie a te si invertano le cose è la RAI POSSA finalmente chiamarsi servizio pubblico e non la portavoce del PD

PER FAVORE.....NON CI LASCI... Ci aiuti a cambiare questa televisione cosi' violenta. Come giri canale, ci sono sempre film di violenza oppure ci dobbiamo consolare con cucine, cuochi, mangiare mangiare mangiare..... Dibattiti teleguidati da partiti, non se ne puo' piu'.

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔵Prendo atto con rispetto della decisione della Commissione di Vigilanza della Rai. Come noto, non ho chiesto alcun incarico nel Consiglio che mi è stato proposto dall'Azionista. Non posso, pertanto, che mettermi a sua disposizione invitandolo a indicarmi quali siano i passi più opportuni da intraprendere nell'interesse della Rai. ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Questa è una lotta tra chi vuole mantenere il carrozzone politico con tutti i privilegi ma soprattutto con gli scheletri e chi vuole fare a piccoli passi un cambio etico e morale verso la giustizia sociale.. È una guerra!!

FOA PRESIDENTE RAI IN BARBA A PD E FI? PARE DI SI. "Le regole sono regole. Se la Vigilanza non ratificherà l'elezione di Marcello Foa alla presidenza della Rai, il medesimo Foa - in quanto consigliere anziano - continuerà a presiedere il cda Rai fin tanto che in Vigilanza non si sboccherà la situazione", dice Gianluigi Paragone, senatore del M5S con un passato da vicedirettore di Rai2 oltre che di conduttore di varie trasmissioni nella tv pubblica e privata. Ma scusi, non è un modo per aggirare la volontà del Parlamento e lo spirito della legge secondo cui il presidente - in quanto figura di garanzia - deve essere eletto anche coi voti dell'opposizione, tant'è che prevede il quorum qualificato dei 2/3? "Ma figuriamoci. Succede in tutti i consigli di amministrazione che la presidenza - in attesa di alcuni passaggi formali - tocchi al consigliere anziano. Non è colpa mia se il più anziano nel cda Rai è proprio Foa. Evidentemente la fortuna aiuta gli audaci". Leggi tutto: www.repubblica.it/politica/2018/08/01/news/paragone_rai_foa-203116314/

Dopo il caso Savona, ora è la volta del caso Foa. Questi dinosauri non intendono mollare l'osso! Dovremo invocare la caduta di un meteorite per accelerarne l'estinzione? Spero tanto che alla fine lei possa ricevere l'incarico, altrimenti sarebbe un'altra occasione persa per avere una Rai più sana.

Continua a lottare,stiamogli addosso,quelli che parlano di un uovo e neanche una parola su 6 milioni di italiani in stato di povertà devono essere distrutti! Avanti tutta,senza paura!

Di una cosa sono sicuro: Pd e Forza Italia hanno davvero poco da festeggiare. Pagheranno un conto salatissimo per questa ennesima mossa mafiosa... E Lei, in un modo o nell'altro, avrà sicuramente un nuovo ruolo da ricoprire. Sono schifato, ma mi sforzo di cogliere il lato positivo. I Cinque Stelle non sono alleati della Lega, e ciò nonostante sono infinitamente più leali ed affidabili dell'alleato storico Berlusconi. La Lega, anche se per molti aspetti continua a non piacermi, ha solo da guadagnarci smarcandosi da FI e avvicinandosi alle posizioni civili e democratiche del MoVimento. Credo che il "caso Foa", in un modo o nell'altro, darà un ulteriore contributo a questo riassetto di equilibri.

Comunque, grazie alla sua nomina, sia in TV che sul web la sua fama si è accresciuta a dismisura in pochi giorni. Ha dato la possibilità a milioni di cittadini di fare la sua conoscenza e di recepire le sue opinioni che io condivido in pieno. Questo non è poco. Dott. Foa, con la Rai o senza Rai, Lei avrà un grande futuro. La sosterrò sempre e con Lei anche il libero giornalismo indipendente.

Questi di Forza Italia sono una vera vergogna. Ma ciò che ormai si evince, è il fatto che sono usciti chiaramente allo scoperto come alleati del PD e della sinistra. Spero che Salvini è la Lega ne traggano le conseguenze e blocchino qualsiasi tipo di ulteriori accordi con questo partito. NON SONO PIU' AFFIDABILI...

Piena solidarietà. Non si arrenda. Non si dimetta. Quella banda di stregoni delle fake news non vincerà. Lei ha la piena attenzione degli Italiani che hanno capito tutto e la difenderanno. Quella banda di comunisti non vincerà! Se questa è l'Italia, siamo finiti. Basta!

Spero tanto che la lega mandi definitivamente a quel paese forza Italia

La decisione della Commissione costituisce la conferma del Suo Valore! Vada avanti, abbiamo bisogno di persone come Lei nel mondo dell'informazione. In bocca al lupo!

Lei presidente della Rai è quello che vuole la maggioranza del popolo italiano...non si molla!!!!!!!!! facciamo un referendum io sono obbligata a pagare il canone e ho diritto di scegliere chi deve rappresentarmi

Lei è uno dei rari giornalisti liberi... Ne hanno il terrore. Pd e Forza Italia continuano a lavorare alacremente per la loro estinzione. Per una settimana ho sperato di vederla in quel ruolo. Peccato.

E' lei il nostro presidente, in quanto consigliere anziano lei ha tutto il diritto di ricoprire il ruolo che le spetta. Non faccia nessun passo indietro, abbiamo bisovno di una Rai libera dalle influenze dai loschi figuri che da anni ne stanno facendo scempio al solo scopo di dare una informazione di parte a discapito della parte buona del paese.

Ma veramente esiste qualcuno in Italia che pensa che il PD e gli altri favorevoli all'accoglienza indiscriminata degli immigrati lo siano per il bene degli immigrati, per spirito di compassione!!! È come pensare ancora che Berlusconi, Renzi, Lorenzin, Formigoni, Verdini, Santanche, De Lorenzo abbiano imposto i vaccini perché preoccupati per i nostri figli e per i poveri immunodepressi!!! È come pensare che Berlusconi sia contrario alla nomina di Foa e vuole lui scegliere il candidato per tutelare meglio la libertà di informazione!!!

Non si dimetta! Questa è la preghiera che non le rivolgo solo io ma milioni di Italiani. Lei deve essere il presidente del nostro servizio pubblico e lo potrà essere ancora, come consigliere più anziano, se non fará un passo indietro. Non si dimetta ... siamo in guerra ... ormai è chiaro a tutti che l'informazione libera fa paura, per questo non bisogna arretrare. La prego... dipende solo da lei.

Caro Foa Lei è l'ultima vittima di un lungo e triste canto del cigno di un ex leader che passati gli 80 anni, forse in preda ad uno sbalzo di umore, ha preferito silurare un personaggio di grande cultura e carisma come lei per la pure gelosia che nutre nei confronti di un rampante leader, con la metà dei suoi anni, che sta facendo risultati impensabili.

Non ho parole per la pochezza delle opposizioni, in particolare per Forza Italia che tuttavia non stupisce. Spero ci sia davvero un sistema (come suggeriva ieri Claudio Messora) per farle comunque svolgere quel ruolo. Lei è più che meritevole, e l'informazione di questo povero paese ha un gran bisogno di professionisti onesti come lei.

Da componente anziano, assuma la presidenza, "futtitinne"! I furbi vanno sconfitti con le loro stesse armi, ne va del futuro di questo paese.

Se non si partecipa a riunioni a porte chiuse ( Bilderberg-Maggioni), cosa tra l'altro deontologicamente incompatibile col ruolo di giornalista e presidente della Rai, visto il fatto che ciò che viene detto in queste riunioni rimane segreto, e non si è presidente in Italia della commissione trilaterale (Maggioni), il presidente della Rai non lo puoi fare. Marcello, siamo con te!!!

Verrebbe voglia di sperimentare questa alleanza FI , PD, L€U nelle urne. Berlusconi si e' autoseppellito , politicamente. I suoi uomini, hanno dato la dimostrazione definitiva di essere solo dei burattini comandati a gettone, come i vecchi juke box. Orma i non rappresentano più nessuno, tra gli elettori di centro destra. Il suo sacrificio, presidente Foa, almeno a qualcosa servirà. A toglierci dai piedi un partito di plastica, come il suo proprietario.

Sei troppo Signore, Marcello. Forza Italia è uscita fuori allo scoperto, segnalandosi per quello che è sempre stato: un partito dell'estabilishment, della conservazione ed un affidabile alleato del PD. Direi che si sono scavati la fossa. Gli ultimi creduloni che ancora li votavano (i sondaggi li danno al 7-8%) da oggi, probabilmente, non lo faranno più... o si voteranno direttamente il PD. Comunque, grazie Marcello. Ci hai messo la faccia, la storia, l'onestà intellettuale che chi ti conosce da tempo apprezza e stima immensamente. Non tutto è perduto... e non è stato invano.

Lei è il più anziano nel cda,deve continuare nel ruolo per cui era stato nominato presidente,gli italiani hanno capito ,vogliamo un informazione più libera e equilibrata!!!

Mi spiace moltissimo mi creda. Se ce ne era bisogno ancora per capire , abbiamo un ulteriore prova che PD e FI sono le due facce della stessa medaglia. Non molli presidente....

Salvini deve imporsi con forza perché non ha fatto discussioni sul nome della Casellati al senato. Lui è corretto mentre quelli di FI sono politicamente scorretti!! 👿

Ora abbiamo visto tutti le posizioni di FI, possiamo solo sperare che gli elettori di questo partito lo abbandonino in massa. Spero che ci siano ancora speranze per Lei.

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

Ringrazio il CdA della Rai per la fiducia accordatami e attendo con rispetto il voto della Commissione Parlamentare di Vigilanza della Rai.
Esprimo apprezzamento per il clima molto costruttivo della riunione odierna e sono davvero lieto di partecipare a un Consiglio composto da personalità così competenti e preparate.
Nel ricordare il mio percorso professionale ho ribadito il mio impegno a garantire l’autonomia dei giornalisti per un’informazione di servizio pubblico che sia autorevole, indipendente e autenticamente pluralista.
La Rai è una risorsa per il Paese e non solo per l’informazione, risorsa che va onorata e difesa nell’interesse esclusivo dei cittadini.
Le logiche della partitocrazia sono estranee ai miei valori e alla mia cultura che, invece, contemplano un solo impegno incrollabile: quello nei confronti di un giornalismo libero, trasparente e intellettualmente onesto, senza pregiudizi ideologici.
... See MoreSee Less

Ringrazio il CdA della Rai per la fiducia accordatami e attendo con rispetto il voto della Commissione Parlamentare di Vigilanza della Rai.  
Esprimo apprezzamento per il clima molto costruttivo della riunione odierna e sono davvero lieto di partecipare a un Consiglio composto da personalità così competenti e preparate.
Nel ricordare il mio percorso professionale ho ribadito il mio impegno a garantire l’autonomia dei giornalisti per un’informazione di servizio pubblico che sia autorevole, indipendente e autenticamente pluralista. 
La Rai è una risorsa per il Paese e non solo per l’informazione, risorsa che va onorata e difesa nell’interesse esclusivo dei cittadini.
Le logiche della partitocrazia sono estranee ai miei valori e alla mia cultura che, invece, contemplano un solo impegno incrollabile: quello nei confronti di un giornalismo libero, trasparente e intellettualmente onesto, senza pregiudizi ideologici.

Comment on Facebook

Complimenti e buon lavoro. Sono certo che Lei saprà ben interpretare quell 'informazione che finora è stata spudoratamente di parte a vantaggio di un pensiero politico. L'informazione deve essere " obiettiva" senza secondi fini atti a indottrinare ideologicamente i fruitori del servizio RAI che, sono sicuro, tornerà ai vecchi splendori.

Mi rallegro e spero davvero che ci sia un cambiamanto REALE della comunicazione, nella comunicazione. Le persone perbene in questo Paese ci sono e anche se hanno poca voce, pagando un canone, hanno ampiamante diritto DI RICEVERE UNA INFORMAZIONE DEGNA DI UN PAESE CIVILE. Quella attuale era ed è penosa e avvilente...e poi dove sono finiti quei bei programmi di livello di anni e anni fa...? Aspettiamo cose belle, e si ricordi....che gli italiani NON HANNO BISOGNO DI UN TALK POLITICO AL GIORNO (che non è vero che "toglie il medico di torno", semmai stronca i medesimi per il livello becero a cui sono arrivati)..... Un paio di trasmissioni alla settimana sono più che sufficienti e SAREBBE ANCHE MOLTO MEGLIO abolire le figure dei conduttori a favore dei "moderatori" che devono solo vigilare che si si rispettino le regole ...chi non si ricorda dei vari Zatterin e Jader Jacobelli ...nelle amate tribune politiche?.in quel genere di trasmissioni tutti avevano gli stessi tempi per esprimersi e gli stessi per replicare e soprattutto si mettevano in grado gli ascoltatori di capire qualcosa, cosa CHE ORAMAI NON AVVIENE DA TEMPO. Infiniti auguri.

Forza Italia deve decidere se essere responsabile del cambiamento o scomparire. Auguri La Rai è stata dalla nascita lo specchio Delle urne. Oggi è uguale. Foa, piaccia o no, rappresenta ciò che oggi il Paese pensa. Idem Del noce o Baldassarri prima. Lagnarvi serve a poco. Non capirlo è da partigiani di qualcuno o rosicate per qualcun'altro. E se qualche illuminato o forbito si lagna per la deriva "reazionaria del paese".. È solo il risultato dei vostri capolavori. 13 anni di smantellamento del sistema stato e dello stato sociale. Appecorati verso l'eurocrazia. Risultato: questo. Ergo ..poche lagne o indignazione. È farina del vostro sacco. Uno stato reazionario "reagisce" sempre a qualcosa. A sto giro ha reagito a voi spocchiosi,classisti, inetti , suppostoidi boniniani dalla puzza sotto il naso e alla vostra politica odia poveri.

Nonostante il dissenso politico nei suoi confronti pare che la sua nomina anche anche con parere contrario della commissione di vigilanza sia cosa fatta, visto che lei è il consigliere più anziano mi corregga se sbaglio. Comunque sono con lei tifo x lei e la stimo molto. Se poi mi licenzia qualche personaggio mangia stipendio e inutile le do un bacio 😁👍👋

Se lei parla di un giornalismo intellettualmente onesto e libero allora ecco che parte del Centro-Destra la farà fuori......da quelle parti ciò che è onesto e libero non ha grandi spazi!

Caro Foa, quando ho sentito che era stato nominato alla presidenza della Rai non ci credevo. Poi ho iniziato a crederci davvero, fino a quando ho capito che le cose non sono così facili. Qualcuno più arguto di me mi ha suggerito che il suo nome fosse stato fatto da Salvini per liberarsi una volta per tutte di Berlusconi. Il suo un nome troppo distante da certe posizioni. Spero non sia così.

Ormai Pd e Fi viaggiano insieme, Lei sta inaugurando un'informazione onesta e veritiera,un giornalismo imparziale,spero lo possa realizzare in questo caos che è diventato il paese, un completo rovesciamento dei valori moral e della realtà.La Rai deve ritornare ad informare gli Italiani e non più ad essere di parte!

Spero davvero con tutto il cuore che il voto sia a Lei favorevole, la seguo da svariati anni e posso dire che Lei gode di tutta la mia stima: un Giornalista serio (il maiuscolo non è un errore), preparato, competente ed estremamente corretto. Sarebbe finalmente un Presidente Rai con la P maiuscola.

Attenzione! Cercasi vera Informazione. Perché se non state accorti, la propaganda può trasformare un moscerino in un elefante e un elefante in un moscerino. E' ciò che è accaduto sostanzialmente finora. So, Marcello Foa is so much welcome in RAI.

Spero lei non abbia intenzione rinunciare! Se non ha voglia farlo per lei (cosa che arrivo comprendere) lo faccia pensando al bene degli italiani. Non avendo mai avuto una guida seria non se ne rendono conto, ma hanno teste obnubilate dal pressappochismo. Se non si fa qualcosa (anche la minima) rischieranno non capire mai la distanza intercorrente dal vero al falso. So chiederle uno sforzo enorme, ma se non si inizia mai accendendo luce inutile prendersela, poi, con la cecità. Mi faccia due favori! Affidi un programma a broccoli e la smetta spendere con la Botteri. Se fa queste due cose è già in una botte di ferro! Auguri

Nutro anche io la speranza della conferma. Gia il fatto in se’ denota se non altro un onesto tentativo di cambiamento, ma... Temo che, visto il clima politico di questa nomina, le legheranno mani e piedi.

Se Foà ce la fa, forse l’informazione in Rai diventa professionale, competente e precisa. Non si dimentichi che Marcello Foà ha avuto un percorso notevole in Svizzera, dove il pressappochismo, le pagliacciate e altre peculiarità come l’essere di parte non sono all’ordine del giorno. Forza Marcello, come Salvini, anche tu ce la farai.

Avrei voluto aspettare domani per farle le congratulazioni,ma.dopo aver visto il video di Messora, ho deciso di fargliele adesso,comunque vada,dott Foa,grande stima per lei!

Insomma alla fine si è occupata la Rai come gli altri governi, dov'è il cambiamento, un posto a me (5 stelle) l'altro a te (lega), si urlava contro l'occupazione della Rai, quando erano gli altri!!!

Qualcuno ha parlato di un possibile passo indietro e io lo temevo e c'ero rimasta male. Ho letto con gioia il suo comunicato e mi compiaccio per lei ma soprattutto per gli italiani se la sua nomina andrà a buon fine!

Questione quanto mai complicata, la possibilità di realizzare un cambiamento radicale nel Paese passa anche attraverso la gestione del Quarto Potere. O si rivolge verso il pluralismo, la diffusione dei fatti prima che delle opinioni, o il regresso della cultura popolare resta non reversibile. Foa è una delle persone più adatte a realizzare questi obiettivi, resta da vedere con quale supporto e in che contesto. Credo sia uno degli aspetti cruciali per il futuro italiano.

Auguro che Lei venga insediato, glielo auguro per il bene di questo Paese sottoposto per tanta parte, purtroppo, fino a ieri, per anni, a un processo "stalinizzante" di lavaggio del cervello.

Marcello contiamo su di lei per recuperare questa povera azienda che non possiamo più seguire: né radio né tv! Non è ammissibile la faziosità di ogni trasmissione, di ogni giornalista, sono soltanto indirizzati verso una sola parte politica... ne ho la nausea! Ormai non sento più neanche le mie trasmissioni preferite😕

Ricomincerò a guardare la Tv, ultimamente preferisco i social, sono stufa di programmi riciclati e tg anti italiani, spero solo nessuno metta i bastoni tra le ruote..

La sua nomina Dott. Foa è un altro segno di grande cambiamento. Noi vogliamo giornalisti come lei. Sono felice per la mia generazione di cinquantenni e passa. Siamo stati coraggiosi, ci siamo spalleggiati l'un l'altro e il domani sarà tutto da costruire e in meglio. Approfitto qui per ringraziare un settantenne. Senza di lui, non saremmo qui. Beppe Grillo.

E poi come dice Claudio Messora, in mancanza del presidente e in sede vacante, è il vice presidente il facente vece, che per statuto deve essere il membro più anziano del cda... ovvero Marcello... 😉

#MarcelloFoa docet. Piena solidarietà al Presidente #Rai, Marcello Foa. Non si arrenda. Non si dimetta. Quella banda di #stregoni delle #fakenews non vincerà. Lei ha la piena attenzione degli #Italiani che hanno capito tutto e la difenderanno. Quella banda di comunisti non vincerà! Se questa è l'#Italia, siamo finiti. Basta!

in base a quello detto fino a poco fà F.I e Pd non voteranno Marcello Foa mi chiedo quali nomi propongono f.i e pd ? un tg serio e onesto in merito al lancio delle uova che ha ferito all'occhio una sportiva italiana di colore dovrebbe anche aggiungere che pochi giorni prima in quella stessa città sono state colpite dalle uova anche 2 ragazze e un pensionato, non se ne è parlato perchè loro sono bianchi e italiani al 100% se foa non fosse confermato e i prox sondaggi daranno f.i. e pd alle stesse percentuali o forse meno significa che hanno fatto flop.

Sarebbe un sogno avere una persona libera e competente come lei alla presidenza della RAI. Capiamo bene le ragioni della campagna diffamatoria che hanno messo in moto contro di lei.

Liberi e Uguali insieme con Forza Italia fa saltare la nomina a presidente Rai di Marcello Foa, voce libera, non allineata e anti-mondialista. Un caso da manuale: la scaltra Destra liberista del Danaro tutela il proprio interesse economico, la sciocca Sinistra libertaria del Costume la legittima servizievolmente con la propria idiozia cosmica. Diego Fusaro

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

Un solo pensiero: grazie! ... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Nomina meritatissima, tornerò dopo anni a seguire i canali Rai, nella speranza che la fogna mediatica del passato sia finalmente sepolta.

Probabilmente tornerò ad essere un telespettatore della RAI. Marcello Foa è in assoluto la miglior scelta, uno dei pochissimi giornalisti italiani corretti, onesti, perbene. Se non riuscirà lui a cambiare la RAI vorrà dire che è impossibile farlo

Tanti auguri! Nessuno meglio di lei può assolvere a questo compito, con l´onesta intellettuale e la competenza che la contraddistingue da sempre. Congratulazioni.

Congratulazioni. 🎉 Sarai la persona giusta per un cambiamento epocale. Sempre se la politica, Conte , Di Maio, Salvini restino coerenti con ciò che deve essere fatto. Tu cambierai l’informazione ! Grande 🙌🏼

È emozionante ascoltare questo suo video messaggio!!! Si goda la meritata vacanza così da avere rinnovate energie per l'impegno che l'aspetta!!! Grazie davvero per la sua onestà intellettuale!

Buon lavoro! Ci aiuti a tornare a guardare ancora la cara "Mamma Rai" perché della orribile "Matrigna Rai"degli ultimi tempi non se ne poteva davvero più!!!!

Io sono davvero felice per questa nomina. La seguo da tanto, per cui conosco bene la sua serietà, il suo buonsenso, e la sua professionalità. Vedere che un incarico così prestigioso, è stato assegnato ad una persona che lo merita, mi riempie di gioia. Le auguro davvero buon lavoro e tanta serenità. Congratulazioni vivissime.

BUON LAVORO MARCELLO! Nani e ballerine, pariolini manipolatori e lustrascarpe di ogni tempo hanno riempito le nostre case con la menzogna, l'unica vera comunicazione cui essi sono sempre stati avvezzi... Eppure la musica sta cambiando e quella mano sulla bocca servirà solo a sopportare meglio il lezzo che esala dalle vostre ombre...Questo spero che diventiate, le ombre della stagione più buia che la RAI ha mai attraversato. Oggi, agli dei piacendo, un raggio di luce ha squarciato quel buio portando Marcello Foa alla Presidenza della RAI! Marcello è un uomo dalla schiena dritta, mai chinatosi ai poteri forti, un attento analista delle tecniche di manipolazione dell'informazione che hanno contribuito a piegare le gambe al nostro popolo. Un ringraziamento doveroso va rivolto a Claudio Messora, che anni fa lanciò Marcello con una delle sue intervista di Byoblu (Claudio...sei sempre il solito!!) Forza Marcello, avanti tutti insieme con la schiena sempre dritta! Alberto Micalizzi www.facebook.com/100005796992056/posts/842584942611398/

Marcello probabilmente anche FI non sosterrà la tua nomina e quindi è probabile che non riuscirai ad essere il Presidente, per l'ennesima volta non viene messa in discussione la professionalità, il CV ma le tue idee e la tua libertà di opinione. A prescindere da come andrà a finire questa storia, avrai sempre la massima stima e fiducia di tutti coloro che credono nel merito, nell'indipendenza e nella vera professionalità, che contrastano da sempre le assegnazioni clienterali facilmente controllabili e manipolabili.

Complimenti, Marcello Foa, ho avuto il privilegio di conoscerti e apprezzarti. Sei una persona libera, intellettualmente onesta, sai benissimo quale sia il ruolo dei media, come strumento di democrazia e non solo di informazione. Perché la vera informazione rende liberi. Abbiamo pure pranzato insieme, se ricordi.... Un abbraccio grande grande 💖 twitter.com/Lantidiplomatic/status/1022886834421067778?s=19

le rivoluzioni della Vita sono le esperienze più belle, buon lavoro Marcello Foa Evviva l'Italia Evviva le inchieste e il Giornalismo al servzio del Popolo! un Saluto alla Grecia per i Giorni tormentati che sta vivendo

Complimenti, soprattutto per l'onestà intellettuale che apprezzo molto. le auguro di mantenerla!

Congratulazioni! Credo che non poteva essere fatta scelta migliore. Con te ora la RAI potrà tornare a svolgere il suo ruolo libera dai condizionamenti politici. Lontana dalle logiche della spartizione che l'hanno condizionata in tutti questi anni!

Caro Marcello Foa, con te finisce l'era delle tenebre, della manipolazione, dei think tank che vogliono sostituire la democrazia con i poteri oligarchici. Ovvero, ce lo auguriamo, perchè sappiamo bene lo smisurato potere di certe organizzazioni, ma noi siamo con te.

Congratulazioni prof. Foa. Spero ,dopo tanto tempo , di tornare a pagare il canone tv contenta. Durante questi ultimi anni mi è sembrata una vera estorsione per i prodotti scadenti e d’una ignoranza stratosferica, che ci sono stati propinati! Buon lavoro e... coraggio, perché sarà dura, temo 👍👋

Complimenti vivissimi e buon lavoro! Sono felicissima che finalmente la Rai sia in buone mani. Attualmente è molto scadente e l'informazione è a senso unico, assolutamente intollerabile

L'annuncio della sua nomina mi ha lasciato a bocca aperta! Stupore di tipo piacevole, si intende, abituato a nomine di altro genere dal passato. Non potrei pensare ad un candidato migliore. Fantastico! Buon lavoro e in bocca al lupo per il lavoro che la attende! Credo che chiunque la conosca un minimo abbia di che gioire... 🙂

Quindi adesso torni e si metta subito al lavoro! Dal governo giallo verde ci aspettiamo (e stiamo vedendo ) belle e buone cose . Lei è una di quelle. Buon lavoro !

Penso che il miglior augurio sia questo: Lo Spirito Santo vegli su di lei, la guidi nel suo lavoro e la ispiri nelle sue decisioni senza mai lasciare che il mondo o il denaro prendano il posto dell'uomo e della vita. Che lo Spirito Santo la accompagni sempre.

Marcello Foa presidente della Rai. Finalmente il giornalismo di Montanelli alla guida della Rai. Pochi giorni fa, credo unico, Marcello Foa ha ricordato Indro Montanelli, nella ricorrenza del 22 luglio scorso quando egli ancora non sapeva sarebbe diventato il presidente della più grande azienda radiotelesiva non solo italiana. Nel racconto sincero e importante e nei documenti che ha postato ci sono tanti dei particolari che anche io da ex Giornale mi sono ostinata a raccontare in questi anni e nei tempi più bui e difficili, quando sembrava che un modo alto e controcorrente di pensare il giornalismo fosse sepolto da scandali, volgarità e ottusità per quanto mi riguarda anche in vicende personalissime che intrecciano una storia di questa straordinaria tremenda Italia. In questa dedica al "nostro direttore per sempre" di Foa c'è tutta la rivoluzione che attendono questi tempi e gli anni futuri. E sono certa che Marcello ci riuscirà, perchè ha uno stile personale coraggioso e dignitoso, ma soprattutto perchè come lo sono io è un giornalista "appassionato di sistemi", cioè capire i sistemi perchè il nostro dovere è la verità. Forza Marcello con tutto il cuore.

Sincere congratulazioni. E' sicuramente la persona più idonea a ricoprire tale ruolo. Sono sicuro che con Lei finalmente in RAI si possa avere quell'imparzialità che purtroppo in questa azienda sta mancando da troppo tempo!!!Buon lavoro !!!

C'è molta fiducia! ! Speriamo molto in lei e le auguriamo di resistere agli squallidi attacchi dei poteri forti che per anni hanno imbavagliato e monopolizzato la stampa mondiale. Buon lavoro e facci sognare!!💪💪💪

Congratulazioni, credo siamo in tanti a condividere questa bella bellissima e inaspettata notizia. Auguri avrai un bel lavoro da fare. Finalmente una finestra diretta in nome della veria’ e non della menzogna.

Sig. Marcello Le confesso che fino a qualche ora fa nn la conoscevo nn ostante mi reputo un attento osservatore della vita politica e sociale del nostro Paese. Da subito per cercare di avere un minimo di giudizio ho ascoltato alcune sue analisi nei confronti dei media e ho capito che il 4 di marzo e ancor prima nel 2013 nn mi sono sbagliato. Come Le dicevo, condivido totalmente le sue analisi ma una cosa che Lei nn dice o forse nn ho ancora ascoltato è che il sistema già ha messo mano per fermare la Rete e in particolare FB. In tal proposito Le volevo chiedere, visto che andrs a dirigere la RAI, pensera di creare un social tutto Italiano o Europeo aperto al Mondo in modo da difendere l'ultima frontiera dell'informazione ?

Congratulazioni Marcello Foa! La sua nomina sta provocando molti mal di pancia 😂😂😂 e qualcuno si sta mangiando pure i gomiti 😂😂😂 Buon lavoro e in bocca al lupo!

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

Sono orgoglioso ed emozionato per la nomina a presidente della Rai, che è giunta inaspettata nell’arco di pochissime ore.
Ringrazio di cuore il primo ministro Giuseppe Conte, i vice premier Matteo Salvini e Luigi di Maio, il sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti, il ministro dell’economia Giovanni Tria per la fiducia accordatami.
Mi impegno sin d’ora per riformare la Rai nel segno della meritocrazia e di un servizio pubblico davvero vicino agli interessi e ai bisogni dei cittadini italiani.
Sin dai tempi del mio maestro Indro Montanelli, mi sono impegnato per un giornalismo intellettualmente onesto e indipendente e da oggi rinnovo questo impegno morale nei confronti dei giornalisti e di tutti i collaboratori della Rai.

Grazie di cuore al Gruppo Corriere del Ticino per questi splendidi anni trascorsi assieme. E’ stato un onore, lascio con commozione una squadra meravigliosa.
... See MoreSee Less

Sono orgoglioso ed emozionato per la nomina a presidente della Rai, che è giunta inaspettata nell’arco di pochissime ore. 
Ringrazio di cuore il primo ministro Giuseppe Conte, i vice premier Matteo Salvini e Luigi di Maio, il sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti, il ministro dell’economia Giovanni Tria per la fiducia accordatami. 
Mi impegno sin d’ora per riformare la Rai nel segno della meritocrazia e di un servizio pubblico davvero vicino agli interessi e ai bisogni dei cittadini italiani. 
Sin dai tempi del mio maestro Indro Montanelli, mi sono impegnato per un giornalismo intellettualmente onesto e indipendente e da oggi rinnovo questo impegno morale nei confronti dei giornalisti e di tutti i collaboratori della Rai.

Grazie di cuore al Gruppo Corriere del Ticino per questi splendidi anni trascorsi assieme. E’ stato un onore, lascio con commozione una squadra meravigliosa.

Comment on Facebook

Avanti tutta 🇮🇹

Complimenti e coraggio!

La scelta MIGLIORE. Non riesco ancora a crederci... mi sembra di sognare. Sono felicissimo, PER TE, innanzi tutto, che meriti le migliori soddisfazioni professionali nella vita, ma anche per NOI, che finalmente avremo un degno Presidente della RAI. GRAZIE per tutto quello che hai fatto e che, sono certo, farai. Ringrazio anch'io questo governo per aver fatto questa scelta. Grazie, signor Primo Ministro, Giuseppe Conte. Grazie Di Maio! Grazie Salvini. E grazie anche a Tria. BUON LAVORO, meraviglioso ed inatteso Presidente. 😉

Una bella notizia che dimostra quanto questo governo stia provando ad innescare un catartico cambiamento di rotta. Congratulazioni e buon lavoro Dottor Foa ( e mi raccomando...lotta senza quartiere alle fake news! 😉 )

Marcello Foa Lei è l'unico giornalista che io oggi riesca a leggere senza farmi avviluppare dalla tentazione di prenderla a calci. Il Suo ingresso in RAI è garanzia di serietà e qualità.

Veramente contento per la nomina. Forse riprenderò a vedere la RAI...forse. Certo è che se continueranno ad esserci Botteri...Annunziata...Giannini...Fazio...Litizzetto, allora è meglio che rimanga su internet.

Una persona competente al posto giusto! Tanti auguri e buon lavoro! Voglio vedere una RAI completamente diversa! Ribaltatela! APRITE i cassetti e tirate fuori tutto! Tanti auguri ancora, Marcello! 🙂

Complimenti. Speriamo ora che tutte le verità bollate come fakenews senza essere state mai smentite,senza alcun confronto e con uno stile che ricorda quello dell'inquisizione contro Galilei, troveranno spazio in Rai in nome del pluralismo e della libertà di critica e di ricerca. Buon lavoro.

Congratulazioni!!!!! Felicissima!!! Aspettavo da anni che ci fosse una rivoluzione in Rai, e con Lei Marcello sono strasicura che ci sarà!! E' un primo passo per un'informazione libera e corretta!! Non sarà certo una passeggiata, ma Le auguro un buon lavoro e sono sicura non ci deluderà!!Non potevano fare scelta migliore!!!👏👏👏👏 Un abbraccio virtuale!!

Non ci credo! Svegliatemi! Come se avessero nominato me! Una grande gioia e contentezza e il riconoscimento ad un professionista che stimo moltissimo! Uomo di grande coraggio. Auguri a tutta l’Italia. E viva il giornalismo di qualità! Ora riaccendo la televisione che da quasi 5 anni non accendo e non ascolto più, disgustata dalla distorsione della realtà e dalla bassissima qualità delle informazioni che ci riversavano addosso. Marcelo! Interceda per noi! 😂😂😂🙏 e ci faccia sentire finalmente buone notizie ! Soprattuto veritiere. In Ticino ha fatto grande differenza con la sua presenza mediatica! Grazie mille per tutto quello che ha fatto per noi ticinesi.

Ma quanto sono felice, tanto quando si è formato questo governo,mi è sembrato di respirare per la prima volta,i miei polmoni si sono dilatati all’improvviso,una sensazione di cambiamento e di libertà di dignità. E come se mi fossi accorta improvvisamente che noi Italiani esistiamo, ci siamo,e possiamo parlare dire la nostra senza paura,finalmente,quella velo, quella cappa di pesantezza che ci opprimeva si è strappato si sta aprendo. E noi? respiriamo,parliamo e danziamo incontro a un futuro tutto nuovo per il mio popolo. Grazie Giuseppe Conte, Luigi Dimai, Matteo Salvini, Paolo Savona e tutti.

allora votare conta davvero, da ex convinto astensionista non ne ero convinto, ma mi devo ricredere. buon lavoro e, soprattutto, buona fortuna, il difficile comincia ora!

La diffusione di bugie pericolose, soprattutto quando si parla di salute, è una cosa gravissima. A causa di queste bugie molte persone fanno scelte sbagliate, non si curano, non vaccinano i figli. La conseguenza di questo è la morte di alcune persone. Il neo-presidente della RAI, Marcello Foa, in questa intervista inanella - parlando di vaccini - una serie di menzogne inqualificabili. In Svizzera la gente non si vaccina ma sta ugualmente bene, il morbillo è una sciocchezza, dodici vaccini sono troppi (gliel'ha detto un suo amico), fanno venire le allergie, provocano uno shock, danneggiano l'equilibrio del sistema immunitario. Insomma il repertorio solito dei cavernicoli antivaccinisti, che hanno fatto dell'ignoranza e dell'egoismo la loro regola di vita. Dopo avere sparato questa serie incredibile di falsità, dice che in molti stati la gente si vaccina spontaneamente. Certo, lo fa perché è informata correttamente. Se questo signore si crede di potere fare disinformazione mortale con i soldi del nostro canone, magari affidando la comunicazione su questi temi delicatissimi ai cialtroni che gli hanno detto queste baggianate (alle quali lui, giornalista, ha avuto la colpa di credere, visto che le fonti dovrebbe saperle distinguere), si sbaglia. Penso sia il caso di dirglielo con grande decisione. Le balle mortali con i nostri soldi non le racconterete MAI. Qui l'incredibile intervista youtu.be/YWUA2x4Q87M

Quando mi era arrivata l’agenzia della sua nomina pensavo ad uno scherzo, invece è tutto meravigliosamente vero. Oggi è un bel giorno per l’Italia, buon lavoro Presidente!

Congratulazioni vivissime Sig. Foa, ho fiducia che grazie a lei ricomincero' a vedere dei TG italiani. Spero lasci anche il Corriere del Ticino in buone mani. In bocca al lupo.

Auguri e complimenti! Finalmente con lei, ci sará un cambiamento radicale riguardando la vera informazione obiettiva e imparziale. La RAI tornerà ad essere un vero servizio pubblico. Buon lavoro

Che notizia meravigliosa. L'ho letta sul FQ dieci minuti fa e ho fatto un salto sulla sedia. Uno dei pochissimi Giornalisti, con la G maiuscola, che stimo e che seguo da anni. E' la prima volta in vita mia che vedo come Presidente della RAI una persona che si è distinta per la ricerca della verità e che si è preoccupato di divulgarla a noi del popolo. Che meraviglia. Sarà bello guardare finalmente un TG 123 senza sentirsi profondamente presi per i fondelli. In bocca al lupo e complimenti vivissimi!

Congratulazioni! Non ho più la TV dal 2006, anche per come è diventata la RAI. Spero mi faccia cambiare idea. Auguri di buon lavoro e rifugga dai leccac..o!

troppo felice.... congratulazioni!! è un sogno per noi... finalmente Verità e Cultura si incontrano e si fondono... in bocca al lupo e un abbraccio Patrizia

Wow....Non può immaginare quanto sia contenta della sua graditissima nomina. Io non sto guardando i TG da oltre un mese. Sul suo impegno non ho dubbi, sulla sua onestà nemmeno. Con la stima che le ho sempre riservato, le esprimo le mie congratulazioni e continuerò a seguirla con il massimo interesse. COMPLIMENTI Dott. Prof. SIG. FOA

E' la notizia più bella degli ultimi mesi, insieme alla vittoria del 4 marzo, alla formazione del Governo Conte e alla chiusura dei porti. Qualcosa di paragonabile alla nomina di Fontana come ministro della Famiglia, per capirci. Presidente Marcello Foa, sono troppo contento per trovare le parole giuste, quindi mi limito a farle i miei migliori auguri! Finalmente un presidente RAI che è in sintonia col popolo e non con minuscole élite lontanissime dal comune sentire! Un abbraccio! P.S.: E ora corro a leggere i siti delle testate radical come L'Espresso, che staranno già rosicando a sangue e sputando veleno! 😀

Complimenti Marcello. Sono emozionata e felice, finalmente le cose cambiano in meglio per il nostro popolo e la vera informazione. Tieni duro e occhio agli spin doctor e potentati vari.

É una grande responsabilità perché questo paese ha urgente bisogno di cultura, arte, musica e programmi di qualità. La Rai deve tornare ad educare le masse alla bellezza, come faceva un tempo.

Aria fresca. finalmente, in quella cloaca maleodorante che è diventata l'informazione della RAI. ... Magari ora un posticino anche a Milena Gabanelli, a Claudio Messora, a Mauro Giordano, distribuiti tra rai1, 2 e 3, ....non sarebbe male....😃 Buon lavoro!

Egr. Dott. Foa se lo merita, la sua etica e professionalita' sono un esempio anche per coloro, come me, che non fanno i giornalisti ma apprezzano un lavoro ben fatto ! Grazie di aver accettato e buon lavoro ! Con stima Ugo

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

Buona serata a tutti voi da Skyros, in Grecia. Un’isola magica. ... See MoreSee Less

Buona serata a tutti voi da Skyros, in Grecia. Un’isola magica.

Comment on Facebook

si riposi che dovra affrontare delle battaglie , mi sembra un posto magico che bello, buona serata

La televisione pubblica aveva proprio bisogno di una persona come lei Marcello.. Auguroni e complimenti per l'incarico!!!

Dalla foto si vede benissimo che la linea dell'orizzonte è piatta

Congratulazioni Marcello Foa per la tua nomina e per noi l'augurio che tu possa fare di un carrozzone mediatico senza senso una vera, tempestiva e soprattutto veritiera azienda di informazione. Un compito arduo ma che gli Italiani si meritano. Complimenti.

Ci sono stata per due estati consecutive alcuni anni fa. Splendida, selvaggia, con turismo pressoché completamente greco... si mangiano aragoste spettacolari ... ottima scelta Presidente!!

BELLISSIMA LA GRECIA! INDIMENTICABILE SANTORINI! SPERO CHE PRESTO RITORNI TUTTO NELLA NORMA! LA MIA SOLIDARIETA' PER TUTTI COLORO CHE SONO STATI COINVOLTI NELLA RECENTE TRAGEDIA!

Congraturazioni al nuovo Presidente della Rai Marcello Foa!!!

A settembre pure io in Grecia,buona continuazione di vacanze

Scappa da lì,potrebbero colpire anche te con le armi a energia diretta a microonde 😪😪

Buona serata, presidente

Auguri presidente

Tanti auguri per la nomina!

Congratulazioni !!!

Auguri PRESIDENTE! Che bello!

Complimenti per la nomina a presidente della RAI, Marcello! E, soprattutto, un grandissimo in bocca al lupo! C'è tanto lavoro da fare 😀

buone vacanza...ma adesso abbiamo bisogno di Lei qui alla RAI...☺️☺️☺️

Congratulazioni presidente rai !

Complimenti per la nomina in Rai e buon lavoro! Finalmente tornerà un'informazione imparziale!

Congratulazioni! Non potevamo avere presidente migliore! In bocca al lupo

FELICE VACANZE PRESIDENTE!

Vacanza indagatrice???

Nominato in Rai. Complimenti

VIVISSIME CONGRATULAZIONI 👍🏼👍🏼👍🏼 ....peccato per la vacanza ma ne vale sicuramente la pena In bocca al lupo 👍🏼

Sì riposi presidente

Complimenti Auguri Sig Marcello !!!!!

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

Paradossi: Matteo Salvini propone di rendere obbligatorio il crocifisso nei luoghi pubblici ma #Famigliacristiana lo paragona a Satana.
Qualcosa non torna. O sbaglio?
... See MoreSee Less

Paradossi: Matteo Salvini propone di rendere obbligatorio il crocifisso nei luoghi pubblici ma #Famigliacristiana lo paragona a Satana. 
Qualcosa non torna. O sbaglio?

Comment on Facebook

Bisognerebbe invitare alla coerenza alcune testate giornalistiche; suggerire esse che il baricentro del cristianesimo è mutato da tempo, non essendo più quello autoritario, sebbene si stenti ancora a crederlo. Il messaggio di Salvini dovrebbe esser chiaro: rispetto della coscienza morale degli italiani (come del mondo) basata sulla libertà di scelta e non sull'obbedienza. Mantenere un crocifisso in un'aula non significa nullificare altre confessioni religiose ma semplicemente essere autentici anche con sé stessi, non impedisce a nessuno di ricercare la propria spiritualità, semmai offre spunto per confrontarsi con le altre.

Non cominciamo molto bene... L'Italia è uno Stato laico, rendere obbligatorio il crocefisso nelle scuole o luoghi pubblici è QUESTO un paradosso. Il pensiero e gli atti di Salvini NULLA hanno a che fare con i precetti cristiani, criticare quella copertina è QUESTO un paradosso, se si è credenti e si segue la Parola di Dio. Mescolare politica e religione come fa Foa non è un paradosso, è squallido.

Semplicemente perché l'Italia è uno stato laico, il crocifisso salvini se lo tenga in casa. Nei luoghi pubblici ci si metta la costituzione.

Caro sig. Foa...ma quando la fa Famiglia Cristiana una copertina sui preti pedofili mettendo nomi e cognomi?????????!!!!!! Che la chiesa copre???? Il Crocifisso a prescindere il credo é la nostra identità e radice di nazione...che proprio la chiesa cattolica disonora!!!!!!!! Ma ci faccia il piacere lei e Famiglia Cristiana!!!!!!!!!!!!!!!!

Qualcosa non torna in te, presidente Foa; prova a pensarci: la conosci la vita e gli insegnamenti di Cristo, il primo profugo della storia? Il passo del Vangelo ' bussate e vi sarà aperto'? ' in ogni povero, affamato, perseguitato ci sarò io'? Ecco questo fanno i veri cristiani, la maggior parte dei preti ( comunisti, per voi...), questo fa il Papa (Comunista!!) , contro il quale si scaglia Salvini...il quale parla di ruspe, barconi, fa morire la gente in mare...e tutto ciò per i voti, per il potere. Mi sembra logico che per un cristiano egli rappresenti satana, presidente...o no? Per Lei invece basta l'ennesima cialtroneria post-elettorale, l'obbligatorietà del crocefisso, per stupirsi...dica al suo protettore che strumentalizzare il simbolo della morte di Cristo supera ogni limite di spregiudicatezza politica e morale; in quanto a Lei, se la rivoluzione culturale della "Nuova Rai" è questa...siamo messi proprio bene. .

Non fa nessun paragone, in realtà. Si limita a usare le stesse parole usate nel Vangelo. Ma siccome il vangelo lo si conosce per aforismi si pensa subito a un confronto. Perchè ad averlo letto davvero,il vangelo, si guarderebbero bene dal citarlo e tirarlo in ballo visto che richiede atteggiamenti diametralmente opposti a quelli di salvini: accoglienza, reciproco aiuto, gratuità..

Non torna nulla. Non torna che uno che utilizza strumentalmente il crocifisso per tornaconto politico, sia contro l'accoglienza dello straniero prevista esplicitamente dal Vangelo, la parola di Dio. Se Salvini afferma cose opposte al Vangelo vuol dire che diffonde il verbo di Satana, quindi il titolo di Famiglia Cristiana è uno dei titoli più coerenti degli ultimi 50 anni. È preoccupante che tu sia il Presidente della Rai.

In un momento storico così difficile come questo i tutti nostri punti di riferimento sono stati attaccati al cuore.. Famiglia.. Chiesa Patria. L'Informazione è caduta nell'errore di vendersi l'anima e non ha informato i cittadini delle porcherie che stavano facendo alle nostre spalle. Io l'ho seguita poco.. non ho più fiducia nella carta stampata. Un giornalista in riferimento a un mio commento ha paragonato il grave stato economico e sociale degli Italiani alla Nuova Repubblica di Weimar.. la culla del nazismo.. offendendo ancora di più noi cittadini che per avere votato democraticamente siamo diventati razzisti xenofobi fascisti e lebbrosi. Sbagliano persino il periodo storico in cui collocarci.. siamo più in quello del film Lettere da Berlino.. in cui cittadini scambiandosi disperatamente piccole frasi fecero cadere una dittatura. Io sono ignorante.. non ho una cultura tale da permettermi discorsi di alta politica e finanza. Sono un numero che alla fine del mese però paga tasse e tutto quello che riesce nel possibile tra mille difficoltà. Pago alla fonte con tasse e balzelli... Non abbiamo più figure istituzionali di riferimento stabile come chi guida la Chiesa... E lo Stato.. una figura nella quale non mi riconosco.. Ho un figlio.. piccolo.. di 10 anni e ho conosciuto maestre che combattono tra mille difficoltà.. che amano il loro lavoro e i nostri ragazzi. Tanti italiani.. piccoli italiani non come Marchionne si alzano con il cuore pieno di paura e vanno al lavoro.. e al 15 del mese se va bene iniziano a non respirare piu. Confido nella Sua professionalità e nell'attenzione che avrà per noi. Gli ultimi.. vituperati da tutti. Buone ferie e buon lavoro

A parte che esporre la croce non qualifica il Cristiano, Secondo me Salvini è nel giusto perché sta mettendo ordine dove non deve essere il caos ed è compito suo questo e lo sta facendo bene. costanzamiriano.com/2018/07/27/lordine-e-lintelligenza-delle-cose-per-fare-la-volonta-di-dio/

Stiamo aspettando, ansiosi e speranzosi, la prossima copertina col prete sorpreso, in macchina, con una bambina di 10 anni, intento a pratiche "poco confessionali". Quello, però, non è abbastanza peccaminoso da essere considerato degno di denuncia, evidentemente.

Il crocifisso è un simbolo di non violenza. Perché quando i romani vennero a prenderlo, Cristo disse ai suoi di tenere ferme le mani e le spade. Il crocifisso è un simbolo di trascendenza. Insegna che la fede ha una dimensione verticale - che porta a Dio - e una dimensione orizzontale - che ci unisce ai fratelli. Il crocifisso è un simbolo di speranza. Racconta di come il più grande dolore possa diventare, nelle mani di Dio, una strada fatta di amore. Per Crucem Ad Lucem Voi che oggi vorreste utilizzarlo come un'arma, come un simbolo di discriminazione, come un monito da sbattere in faccia a chi professa una diversa fede, tenete bene a mente due cose: 1) In Italia non esiste una religione di Stato, il nostro è un Paese laico. 2) Papa Francesco decise, come primo viaggio apostolico del suo pontificato, di celebrare messa nel campo sportivo di Lampedusa: da allora, non ha mai smesso di pronunciare chiarissime e ferme parole a favore di una incondizionata e caritatevole accoglienza di tutti i migranti - da ogni parte del globo essi provengano, a prescindere dal motivo che li spinge a viaggiare. La croce insegna che Dio si è fatto piccolo, umile e debole per amore degli uomini. Evitate per cortesia di strumentalizzarne il significato per le vostre miserrime battaglie elettorali. Questa volta scherzate col fuoco. Roma A.D. 2018 Per Crucem Ad Lucem Prof. Guido Saraceni

Quindi secondo lei è più cristiano chi ha il crocefisso appeso in casa ma chiude i porti ai migrati di chi invece fa di tutto per aiutare questi poveretti che fuggono da guerra e miseria, ma magari non va neppure in chiesa la domenica. Conta l'apparenza non la sostanza! Complimenti!!!

I politicanti strumentalizzano le religioni per raccattare voti, se avessero un minimo di dignità e volessero davvero il bene del Paese ne farebbero rispettare la Costituzione dove dice che siamo una Repubblica LAICA!

Marcello Foa non torna perché Salvini sta strumentalizzando un simbolo cattolico per la fare propaganda elettorale e post-elettorale di un partito la cui linea politica e retorica si discosta diametralmente dalla dottrina sociale della Chiesa e dalla spiritualità evangelica. Famiglia Cristiana ha preso questa posizione perché la gran parte dei cristiani preferisce il cristianesimo proposto da Salvini e non quello proposto dalla CEI e da Papa Francesco e per una questione di salvezza delle anime e non solo di Misericordia verso chi ha bisogno bisogna gridare allo "scandalo" (in termini scritturali, "scandalo"). Qualcosa non torna no!

Diciamo che, per la Chiesa, il diavolo è chiunque metta un bastone tra le ruote dei suoi intralazzi e dei suoi affari. Un commento estremamente sintetico, il mio, ma che dovrebbe bastare ad essere inteso a chi è in grado di intendere.

Proprio lei non avrebbe dovuto neanche porla questa domanda, forse lo ha fatto sapendo quanti imbecilli ci cascano. La posizione di Famiglia Cristiana è netta, chiara e coerente. Il crocifisso di salvini è solo speculazione e sciacallaggio.

Il crocifisso deve stare nelle chiese e basta .L Italia a differenza dei Paesi musulmani non fa' derivare le sue leggi dalla religione , Sarei curioso di sapere se Salvini che lo vuole imporre è un cattolico praticante 🙂

Sbaglia. E' stato paragonato a Pietro, perché la frase pronunciata da Gesù fu rivolta all'apostolo. Tristissimo constatare che i cattolici non conoscano per nulla il proprio culto..

Se i cattolici fossero stati meno accidiosi avrebbero messo i crocefissi a spese loro dove erano stati tolti. Conosco una situazione in cui è stato fatto e nessuno si è mai lamentato. Così non mi piace, mi sembra una strumentalizzazione politica. E poi, che ci fa un crocefisso alla parete se nessuno lo considera? 🙁

Ma sui social Marcello Foa si distingue anche per le tante condivisioni e i retweet dei post di Francesca Totolo, la cosiddetta "patriota" e sostenitrice di Matteo Salvini, autrice tra l'altro della fake news sulle unghie laccate di Josefa, la migrante sopravvissuta al naufragio nel mare della Libia.

Buongiorno. Secondo me invece tutto torna. I satanisti, quelli veri,affiliati a logge e cose varie, operano il ribaltamento della realtà. Accusano gli altri di essere il male, mentre in realtà lo sono loro stessi. Nulla è cambiato rispetto a 2000 anni fa, Nostro Signore ci ha già detto tutto. E, per sfortuna loro, ha detto anche come andrà a finire 🙂

quella che un tempo si chiamava Chiesa di Pietro oggi è diventata un rivoltante mutante gesuitico-comunista-mondialista, che ha sì una religiosità ma anti-cristica, in molti perfettamente inconsapevole

La chiesa va rinnovata e pulita dai suoi pedofili, ormai è in un declino irreparabile, si è vero Salvini difende la chiesa ma viene paragonato a satana, che strana chiesa!!!!!!!??????

Ciò che non torna é che anche nella gerarchia ecclesiastica, a partire dal Pontefice, sta prevalendo una forma deteriore di "universalismo" spacciato per libertà ed uguaglianza. Il problema é che la Libertà presuppone il rispetto delle leggi (anche quelle che regolano l'accesso ad un paese sovrano) e che l'uguaglianza significa parità di diritti e doveri, non cancellazione o negazione delle differenze, o peggio rinuncia alla propria identità per non "offendere" quella altrui. É la stessa mistificazione portata avanti in campo economico dove l'abbattimento delle barriere commerciali e l'eliminazione di ogni ostacolo alla libera circolazione dei capitali e del lavoro sta impoverendo ampi strati della popolazione e distruggendo le specificità e la qualità delle produzioni locali. Che la Chiesa non sia argine ma complice di questa follia é preoccupante...

Famiglia cristiana pubblica stupidaggini, ma anche Salvini dovrebbe lasciar perdere i crocifissi, che non piacciono a noi NON credenti, non c'è bisogno di essere musulmani

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔴CASO BENALLA, DA COMUNICATORE DICO: CHE ERRORE, MACRON!

E' incredibile l'errore di comunicazione commesso da Emmanuel Macron. Quando devi smentire non devi mai usare la negazione, perchè il subconscio tende a trascurare il "non". Il grande linguista americano George Lakoff lo spiega magistalmente da anni sin dal titolo del suo celebre saggio "Non pensare all'elefante". Vi invita a non pensare a quell'animale e tu lettore, cosa stai facendo in questo momento? Stai pensando all'elefante. Con la sua improvvida dichiarazione di ieri, il presidente francese ha commesso due sbagli colossali.

Il primo: nessuno in Francia, sui media e nel mondo politico, aveva formulato il sospetto che il capo dell'Eliseo avesse una relazione amorosa omosessuale con la sua guardia del corpo Benalla. L'indiscrezione girava sul web e nei salotti ma un conto è il pettegolezzo, ben altro peso ha una presa di posizione ufficiale. Incredibilmente è stato lo stesso Macron a sdoganare il non detto e dunque da oggi e per gli anni a venire l'argomento non è più tabù.

Il secondo errore: riprendendo Lakoff, se tu dici "Benalla non è il mio amante", la gente pensa che lo sia o che possa esserlo. E' lo stesso autogol che commise Nixon ai tempi del Watergate quando negò in diretta tv qualunque responsabilità nel celebre caso di spionaggio ai danni del Partito democratico. Anch'egli ricorse alla negazione. Avrebbe dovuto dire: io sono innocente. E invece milioni di americani pensarono che fosse colpevole o che potesse esserlo. Il dubbio divenne plausibile.
Com'è andata a finire lo sappiamo. Macron farà la stessa fine?
A Parigi c'è chi comincia a pensarlo, di certo sono milioni i francesi che, gaffe dopo gaffe, prepotenza dopo prepotenza giudicano Emmanuel Macron inadeguato alla funzione per la sua personalità, per la sua megalomania, per la sua mancanza di equilibrio.

Il sogno è già infranto.

#macron #benalla
... See MoreSee Less

🔴CASO BENALLA, DA COMUNICATORE DICO: CHE ERRORE, MACRON!

E incredibile lerrore di comunicazione commesso da Emmanuel Macron. Quando devi smentire non devi mai usare la negazione, perchè il subconscio tende a trascurare il non. Il grande linguista americano George Lakoff lo spiega magistalmente da anni sin dal titolo del suo celebre saggio Non pensare allelefante. Vi invita a non pensare a quellanimale e tu lettore, cosa stai facendo in questo momento? Stai pensando allelefante. Con la sua improvvida dichiarazione di ieri, il presidente francese ha commesso due sbagli colossali.

Il primo: nessuno in Francia, sui media e nel mondo politico, aveva formulato il sospetto che il capo dellEliseo avesse una relazione amorosa omosessuale con la sua guardia del corpo Benalla. Lindiscrezione girava sul web e nei salotti ma un conto è il pettegolezzo, ben altro peso ha una presa di posizione ufficiale. Incredibilmente è stato lo stesso Macron a sdoganare il non detto e dunque da oggi e per gli anni a venire largomento non è più tabù.

Il secondo errore: riprendendo Lakoff, se tu dici Benalla non è il mio amante, la gente pensa che lo sia o che possa esserlo. E lo stesso autogol che commise Nixon ai tempi del Watergate quando negò in diretta tv qualunque responsabilità nel celebre caso di spionaggio ai danni del Partito democratico. Anchegli ricorse alla negazione. Avrebbe dovuto dire: io sono innocente. E invece milioni di americani pensarono che fosse colpevole o che potesse esserlo. Il dubbio divenne plausibile.
Comè andata a finire lo sappiamo. Macron farà la stessa fine?
A Parigi cè chi comincia a pensarlo, di certo sono milioni i francesi che, gaffe dopo gaffe, prepotenza dopo prepotenza giudicano Emmanuel Macron inadeguato alla funzione per la sua personalità, per la sua megalomania, per la sua mancanza di equilibrio.

Il sogno è già infranto.

#macron #benalla

Comment on Facebook

Ma quello e un ebete, reagito spontaneamente perché era la.situazione che lo toccava personalmente. Per il resto recita che li dicono. Da bravo pappagallo

Macron non è che un uomo di paglia. Questo politico, nato quasi dal nulla, è una pedina creata in laboratorio da Jacques Attalì, un esponente di quel Marxismo culturale che è uno degli aspetti problematici di questa Europa. Banchiere, eminenza grigia di molti politici francesi, Attalì è uno dei padri del Trattato di Maastricht, quel trattato che ha stretto un cappio intorno al collo dei popoli europei. Infatti Attalì è un fautore del mondialismo e della Europa schiava della UE e delle banche. Poliamore, eutanasia degli anziani che gravano sul bilancio dello stato, teorizzazione dell'uomo-migrans sono solo alcuni dei capisaldi del pensiero di Jacque Attalì membro di quelle elites culturali laico-massoniche che governano le sorti di miliardi di persone. E all' elites per comandare servono sempre politici corrotti, deboli, ricattabili, con qualche scheletro nell'armadio. Proprio come questo miserabile Arcobaleneggiante di Macron

Se ha una love story con quel giovanottone a me non importa ovviamente nulla, ma spero che affondi per tutti gli altri validissimi motivi che ho per trovarlo un burattino ipocrita, spregevole, pericoloso, irresponsabile.

Non mi interessano le sue deviazioni sessuali, so solo che il suo governo e quello di altri stati europei che noi consideriamo cugini, amici o alleati, sono i peggiori nemici dell'Italia. Con il beneplacido del governo precedente stavano riuscendo nel loro intento. Per esempio i Francesi, la Germania, la Spagna non vedono di buon occhio la nostra supremazia commerciale su determinati prodotti, quindi vogliono fare di tutto anche con mezzi disonesti di farci fallire approfittano della complicità dell'UE, belli quelli.

Quando il pathos prende il sopravvento sul logos, e si sa di non avere ethos, si incorre in simili banali errori di comunicazione usando la NEGAZIONE. Ma il problema più grave e profondo di #Macron è il fatto che sia uno PSICOPATICO che odia la gente comune; un viziato e deviato, dalla violenza subita dalla ex insegnante (attuale moglie) 39enne quando lui era 15enne; ha un'Io spropositato e pretende che tutto gli sia dovuto.

Certo che la storia nei secoli si ripete. L'omosessualità nel passato è stata spesso un pretesto per far fuori avversari poltici scomodi, it.wikipedia.org/wiki/Storia_degli_omosessuali_nella_Germania_nazista_e_durante_l%27olocausto Trovo assolutamente provinciale la diffusione di un pettegolezzo che non è documentato dal sostegno di nessuna prova. A che pro? E se anche fosse, dove è il problema? Ci sono milioni di persone sposate che vivono una doppia sessualità, basta fare un giro su internet per rendersene conto, quindi di cosa dovremmo stupirci?

Sarebbe stato meglio per tutti se avesse vinto Marine Le Pen...

Il suo problema non è con chi va a letto, ma le politiche liberiste che porta avanti per conto dei grandi poteri economici e finanziari.

Foa, sono fedele al motto latino: excusatio non petita accusatio manifesta.

Macron non e' normale a prescindere. Andare a letto a 15 anni con una che puo' essere tua madre e poi sposartela. Ma stiamo scherzando? A me pare uno psicopatico...

L'omopsicopatico Macron è tra i leaders più pericolosi del pianeta. Può causare danni incalcolabili in Francia, in Europa, nel mondo intero.

Tutto calcolato, è una cosa voluta per abbattere ogni pregiudizio e alimentare la propaganda gay che ormai ha invaso ogni ambito. Con la festa della musica avvenuta all'Eliseo alcune settimane fa si è spianata la strada verso ciò che è accaduto in questi giorni. Ormai non ci scandalizziamo più di nulla e la finestra di Overton ormai è arrivata all'ultimo traguardo, non solo un presidente sposato con una anziana che l'ha sedotto da ragazzino (presto si sdoganerà la pedofilia) ma pure con un amante gay. Manca ancora qualcosa?

Egregio Foa, lei è acculturato ma i nostri nonni, in questo caso, dicevano "la prima gallina che canta ha fatto l'uovo"! (che poi è la stessa cosa, quindi colti o ignoranti Macron è finito).

Vediamo il pupetto dei Rothschild come se la cava adesso con questa storiella. O magari nulla é casuale e hanno già deciso di metterlo da parte visto che nei sondaggi le preferenze dei francesi verso di lui sono collassate.

IL DITO INDICA LA LUNA....Macron non e' piu' funzionale per chi l'ha messo in carica .

Povero micron, mò lo lascia pure il suo amichetto... e gli tocca tenersi la vecchia rancida...

A mio parere il suo scopo era proprio quello di farci pensare all'Elefante,per sviare l'attenzione dal vero scandalo di questa vicenda, che ci presenta una gestione del potere violenta, antidemocratica e al di sopra della legge da parte di Macron. Come prova che non si trattava di un errore, vi faccio notare che ha definito un ''tradimento'' il comportamento del suo bodyguard-massone ,una parola che evoca una relazione amorosa,pronunciata poco dopo aver detto che ''Non è il suo amante'' ... Vero o no che sia, lasciar intendere che sono amanti potrebbe portare delle persone a pensare: '' Macron non ha colpe, si fidava di lui perchè lo amava... e l'amore rende ciechi''

Quel Macron non mi ha mai convinto e difatti mi sa che farà la fine di Renzi

" Excusatio non petita accusatio manifesta" vien da pensare ma, che non l' abbia detto solo cosi, ironicamente...

Non é il suo amante, é stato solo un flirt. Non é vero amore, forse intendeva dire questo.

Un errore , certo ...Ma è giusto così ! Amo pensare che Qualcuno ha deciso così , perché era ora di cominciare a ridimensionare lo sfrontato ragazzo pieno di se' ! E' la stessa cosa che ho pensato quando la Clinton ha perso le elezioni : per quanto possa apparire inadeguato , imprevedibile e strano Trump , ritengo che non farà tutti i danni che avrebbe fatto quella cinica , assetata di potere , unicamente in quanto potere ..Mi sbaglio ? Noi umani ci illudiamo di " " fare " la storia , ma il vero Padrone e' Lui , come deve essere ! Buon lavoro a lei e che Dio la assista !!!

Ha letto l’ultimo articolo di Blondet? Stanno cambiando rotta per esigenza...e troviamo anche un nostro vecchio amico Monti...si prevedono anni duri. www.maurizioblondet.it/la-caduta-di-macron-decisa-dai-suoi-creatori/

Esatto! Le sue tendenze sessuali e affettive non interessano i francesi che si aspettano ancora un abbassamento della pressione fiscale e più regole per la sicurezza del popolo...

Excusatio non petita accusatio manifesta. Lo dicevano i latini, ben prima di Lakoff. I mediocri e i debosciati fanno la fine dei mediocri e debosciati.

Sapere che questo signore possa essere il suo amante è il meno. Mi sono invece preoccupata di un'eventualità che stesse mettendo in piedi una specie di polizia parallela privata.

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

#Marchionne e il senso della vita: una carriera straordinaria, un patrimonio da 600 milioni ma ne valeva davvero la pena?
Un dramma umano che ispira domande esistenziali. E non riguardano solo lui.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Questo commento è diventato virale e non riesco a rispondere a tutte le reazioni. Devo però ringraziarvi per la qualità dei commenti: salvo poche eccezioni, tutti hanno colto il signficato esistenziale delle mie riflessioni e anche chi non ha condiviso il mio pensiero lo ha fatto con intelligenza e tatto. Abbiamo dato prova di civiltà e di qualità; una rarità di questi tempi, grazie davvero.

Ne è valsa la pena? Io invece dico di di si, non si può giudicare una vita di una persona.....come si può dire non si è goduto la vita? magari è propio tutto quello che ha creato già gli dava piacere......per favore non fate quelli che avete capito il senso della vita daiiiiiiiiii siate leali con voi stessi

Tutto vero ma... che c’entra Marchionne che in questo momento andrebbe solo rispettato come essere umano con un doveroso silenzio? Che ne sa il sig. Foa di quello che albergava/a nel cuore di Marchionne? Io non lo conosco, lui lo conosceva così a fondo da poterlo portare ad esempio come qualcuno che ha sprecato la sua vita nell’accumulo? Magari Marchionne (a parte giudizi etici e moralistici) come uomo aveva trovato nel lavorare giorno e notte la sua dimensione, la sua pienezza, che non sarà probabilmente la pienezza di un Buddha ma che potrebbe essere una pienezza ben migliore di una gran quantità di esseri umani che svendono la propria vita per molto meno. Io non credo che si possa lavorare con tale trasporto e continuità per una vita intera solo per accumulare ci deve essere un daemon che gli appartiene e che io non conosco. Insomma a mio parere usare l’esempio di una persona che sta morendo in questo modo è irrispettoso e anche un po’ vigliacco. Sarebbe stato interessante se il sig. Foa e tanti altri che in questi giorni ‘usano’ (e non scelgo a caso il termine) la fine di Marchionne si fossero confrontati con lui mentre vivo e vegeto poteva rispondere alle loro domande e perplessità.

Ma cosa ne sa delle sue passioni e dei suoi piaceri? Aveva una compagna di 20 anni più giovane che amava tantissimo, due figli, la passione per i buoni vini, belle case, amici coi quali amava giocare a carte, e poi non può essere il lavoro in sé, se appagante e soddisfacente una passione e un piacere? Pensiamo a noi stessi e non giudichiamo le vite altrui, soprattutto di chi non può più interloquire, un po' di rispetto, per favore.

Non sono d'accordo, gentile signor Foa, con questo intervento; non penso proprio che Marchionne fosse schiavo del suo ego. È una prospettiva interessante ma che non calza al manager italo-canadese, laureato in filosofia, che ha semplicemente cavalcato la sua straordinaria intuitività, unita ad una determinazione invidiabile. Dormiva poco? Non aveva passioni? Questo non lo sappiamo, il cuore delle persone ci è oscuro: magari ha coltivato dentro di sé un grande romanzo come "Guerra e pace" senza aver mai trovato il tempo - e forse la voglia di scriverlo davvero. Ripeto, non lo possiamo sapere. La vacuità di una vita di apparenze e sciocche cose vane mi sembra sia attribuibile ad altri cicisbei del nostro tempo.

Bella domanda!!ma, comunque sia, non sta a noi giudicare. Se ha fatto quanto ha fatto, se si è impegnato come si è impegnato, se a tutto ciò ha sacrificato o intenzionalmente dato buona parte della sua vita, sta in altro luogo ed entità giudicare. Nascendo ha scelto e vivendo ha scientemente, o inconsciamente, cercato soddisfare compito prefissatosi. In questi momenti l'unica cosa che è possibile fare e' interpretare nel silenzio delle nostre coscienze.

“I reached the pinnacle of success in the business world. In others’ eyes, my life is an epitome of success. However, aside from work, I have little joy. In the end, wealth is only a fact of life that I am accustomed to. At this moment, lying on the sick bed and recalling my whole life, I realize that all the recognition and wealth that I took so much pride in, have paled and become meaningless in the face of impending death. In the darkness, I look at the green lights from the life supporting machines and hear the humming mechanical sounds, I can feel the breath of god of death drawing closer … Now I know, when we have accumulated sufficient wealth to last our lifetime, we should pursue other matters that are unrelated to wealth … Should be something that is more important: Perhaps relationships, perhaps art, perhaps a dream from younger days Non-stop pursuing of wealth will only turn a person into a twisted being, just like me. God gave us the senses to let us feel the love in everyone’s heart, not the illusions brought about by wealth. The wealth I have won in my life I cannot bring with me. What I can bring is only the memories precipitated by love. That’s the true riches which will follow you, accompany you, giving you strength and light to go on. Love can travel a thousand miles. Life has no limit. Go where you want to go. Reach the height you want to reach. It is all in your heart and in your hands. What is the most expensive bed in the world? Sick bed … You can employ someone to drive the car for you, make money for you but you cannot have someone to bear the sickness for you. Material things lost can be found. But there is one thing that can never be found when it is lost — Life. When a person goes into the operating room, he will realize that there is one book that he has yet to finish reading — Book of Healthy Life. Whichever stage in life we are at right now, with time, we will face the day when the curtain comes down. Treasure Love for your family, love for your spouse, love for your friends. Treat yourself well. Cherish others.”

Non sono d’accordo! Era la sua vita, fare il manager era fors’anche la sua passione ed il suo talento... Chi siamo noi per argomentare se ne valesse la pena? Riconducendo poi tutto all’umana invidia dei 600 milioni guadagnati? Cosa c’entrano? È una considerazione puramente bidimensionale e materiale del tutto. I soldi sono solo la parte monetaria, una derivata della vita che conduciamo ogni giorno e non il driver essenziale delle nostre scelte. La ricchezza è il privilegio di poter scegliere Si parla di Marchionne e dei suoi 600 milioni, quando però celebriamo ed osanniamo Marco Simoncelli, morto giovane ma facendo esattamente ciò che desiderava da sempre. Ne valeva la pena? O Ueli Steck morto rincorrendo il sogno di chiudere in velocità due ottomila... e per chi ama la montagna, sa che scalare una cima è la celebrazione del perfettamente inutile... Ne valeva la pena? O Manolo, il mitico “padre” dell’arrampicata moderna, che ha condotto una vita (raccontata nella sua biografia, lui che ha avuto la fortuna di scriverla “Eravamo immortali”) di rischio continuo e totale... Ne valeva la pena? O Federer...? O Ronaldo...? O...? Per loro sicuramente si. E non si parla del loro patrimonio. Per Marchionne, probabilmente anche, indipendentemente dal suo patrimonio...e dalle migliaia di persone che Grazie a lui hanno continuato a lavorare: anche i giornalisti che oggi scrivono di lui e se valesse davvero la pena vivere una vita così

Gentile dott. Foa, la seguo da molto tempo e ho sempre condiviso e cercato di divulgare i suoi pensieri. Questa volta devo dire che in poco più di 1min ha fatto emergere la sua sensibilità e le nostre. Ho superato da poco i 40anni, non ho una famiglia da accudire se non i miei genitori, ho studiato parecchio e continuo a farlo (Laurea, Master, PhD). L'amore per la vita è esattamente il contrario della carriera. Lo vivo ogni giorno nella mia precarietà lavorativa, e le posso dire questo non rimpiango il mio percorso e soprattutto non invidio coloro i quali, come Marchionne, vivono per il carrierismo. La vita è una sola sembra una frase fatta, ma l'affetto, l'amicizia, l'amore e la salute non hanno prezzo. Veramente non invidio questo genere di persone, al di là del mio giudizio negativo sulle doti manageriali del dott. Marchionne. Un caro saluto e buona vita!

Il suo intervento Foa apre le basi per un pensiero futuro. Questo è il punto di partenza su cui ragionare, non ci è dato sapere se Marchionne si sia reso conto o meno ora che la vita gli sta sfuggendo di mano, ma una cosa è certa, egli era ricco ricchissimo ma di certo non felice. È sul concetto di felicità che bisognerebbe ragionare per trovare la via, non di cose complesse e articolate, ma di un principio semplice, semplicissimo, essenziale... ❤

Foa, lei è persona che stimo molto, ma, dopo aver ascoltato il suo pensiero affidato al video, mi permetto proprio per la stima di cui in precedenza, di proporle un spunto di riflessione. Lei crede davvero che Marchionne abbia fatto tutto per danaro? Lei crede davvero che Marchionne abbia avuto la famosa "bava alla bocca" per i propri investimenti? Lei pensa davvero che non fosse persona che in piena coscienza del valore e del limite del danaro? Ora mi permetta di suggerirle lo spunto di riflessione serio. Quanto fatto da Marchionne sta al di sopra di tutto quanto in precedenza, è proprio altro. Già dopo soli tre anni le maggiori banche al mondo hanno tentato più e più volte di cercare con ogni modo di poterlo avere come AD. Gli hanno offerto non ponti d'oro ma di platino tempestato di diamanti, smeraldi, rubini e via discorrendo. Eppure è rimasto ben soddisfatto alla FIAT che ha reso il settimo produttore player nel mondo dell'auto. Purtroppo la malattia lo sta portando via ancor prima di aver realizzato ciò che aveva progettato e che avrebbe posto l'intero Gruppo al pari, se non superiore, degli altri 5 gruppi. Scrivo di 5 gruppi perché sono più che convinto che stesse dialogando con l'unico gruppo che potrebbe essere sinergico alla FCA che lei dovrebbe ben conoscere. Ne nascerebbe un Gruppo che sicuramente riuscirebbe a far ridurre tutti gli altri alla stregua di gregari.

"Ne è valsa la pena?" Per quanto ho capito ascoltandolo e leggendo di lui Sergio Marchionne era un uomo giusto. Non si dava arie e parlava con tutti. Era molto intelligente e coraggioso. La sua attività era quella di migliorare le cose nelle aziende in cui lavorava con idee innovative frutto della sua preparazione ed intelligenza. Viveva bene per il denaro che prendeva? Ma sapete quanta fatica fa un uomo nella sua posizione? Ne è prigioniero, dalle sue decisioni dipendono le sorti di un mucchio di lavoratori, a tutti i livelli, non può sbagliare, gli errori costano cari. Fumava... dormiva poco... Che vitaccia ! In ogni caso doveva smettere l'anno prossimo, già programmato da tempo. A volte uno rimanda sempre il momento in cui deve confrontarsi con la vita nel suo significato ultimo, che pur avendo studiato filosofia, non lo esime da scelte veramente radicali. Non credo gli importasse molto dei 600 milioni... Ringraziamolo per quello che ha fatto.

Più che altro, una riflessione andrebbe fatta sull'ipocrisia dei media, che fanno coccodrilli su un moribondo non ancora morto gonfi di apologia, senza una minima critica sul peso che il rilancio della Fiat ha rappresentato per gli operai. Io non sono uno che da addosso ai morti, men che meno a chi sta morendo, ma se vogliamo parlare di Marchionne, parliamone in tutti gli aspetti del suo operato, non solo in quegli che ai padroni fa più piacere leggere. Avere rispetto per morti e moribondi non vuol dire essere per forza ipocriti e ruffiani. Preciso, a scanso di equivoci, che la mia è una critica verso la maggior parte dei media ma non di Lei, caro Foa.

L'ego è il nostro peggior nemico. I più grandi psicanalisti in questi ultimi decenni ci hanno raccomandato di mettere l'Io al primo posto, come panacea di tutte le avversità. Credo sia arrivato il momento del Noi per risollevarci.

Era fatto così. Il lavoro per lui era tutto. Forse anche un divertimento. Per fortuna non tutti siamo uguali. Credo che se potesse ritornare giovane farebbe esattamente la stessa cosa. La stessa vita.

Infatti: che vita è quella di accumulare soldi senza avere rapporti di famiglia e umani in generale? Senza prendersi il tempo di ammirare le cose belle della natura, senza passioni artistiche e o letterarie come ascoltare una sinfonia o una bella canzone, una risata con amici ecc. E adesso dalla vita cosa ha veramente avuto? (alla fine vivere è amare e appassionarsi, il resto é decorazione ).

Giusta riflessione dott Foa. Sono tre giorni che siamo tempestati da un diluvio di chiacchiere inutili. Nessuno si è arrischiato a dire qualcosa di simile a quello che ha detto lei. La stessa riflessione l'ho fatta io quando morì Steve Jobs. Questi personaggi, condannano se stessi ai lavori forzati e poi basta un niente e tutto crolla. Eppure Marchionne ha studiato filosofia, ma a quanto pare non gli è servito. Basterebbe che questi "capitani d'industria" ricordassero un vecchio proverbio sempre valido . " Nella bara non ci sono tasche" . Ad maiora

Anche io penso proprio di no. Ho tre figli e una vita ben diversa dove le soddisfazioni sono di altro genere. Ma per lui magari la felicità era tutta li. Saper di sostenere tanti lavoratori con il suo impegno

La sua passione, evidentemente, era salvare aziende, renderle il più efficienti possibili, formare lavoratori. Non a caso, quando gli fecero notare il successo della nuova Giulia, lui rispose che non era tanto felice per la Giulia, quanto per i giovani manager e ingegneri italiani, da lui selezionati in modo viscerale. Concordo in pieno con lei sul fatto di sapersi accontentare e dire grazie, tuttavia esistono persone fatte per essere instancabili e raggiungere obiettivi che ben pochi altri al mondo riuscirebbero a raggiungere. Dunque, credo che Marchionne fosse un uomo felice.

Un pensiero filosofico che condivido in pieno dott. Foa, lei è tra le persone che stimo e rispetto di più! Un abbraccio

Concordo pienamente. Nisergadatta M. Diceva “tutto quello che puoi perdere non ti appartiene”

Interessante riflessione Dott.Foa.Da brianzolo , conosco il valore del lavoro e cosa ha prodotto la passione illuminata di molti imprenditori , la tenacia nel portare avanti una idea , una impresa , un sogno.Non ho approfondite informazioni per giudicare ciò' che ha fatto Marchionne.Non sono un economista.Ma se è la passione ciò' che lo ha guidato , come sembra , allora si , nel contesto economico e sociale in cui ha agito io penso di SI .Rifarebbe tutto quello che ha fatto.Buona serata.

Caro Foa, la tua domanda é legittima, anch'io oggi mi ponevo la stessa questione. La risposta che mi sono dato, da operatore sanitario quotidianamente a contatto con persone malate, é che, si, Marchionne ha fatto bene a vivere in quel modo. Non esiste un modo "giusto" per vivere, ognuno di npi vive in modo diverso, molto semplicemente occupiamo il nostro tempo svolgendo quello che sappiamo fare meglio e che ci dà più soddisfazione, non può essere una colpa svolgere bene e a tempo pieno il ruolo di a.d. Lui quello sapeva fare e lo faceva meglio di chiunque e questo gli dava piena soddisfazione. Non possiamo vivere pensando continuamente che di lì s poco moriremo, sarebbe infinitamente triste. Anche chi come me lavora sempre in prima linea con la malattia cerca di non pensarci troppo, si ride e si scherza in mezzo alla sofferenza, coscienti che prima o poi sarà il nostro turno, é triste ma si sorvola, altrimenti saremmo morti seppur vivi. Ha vissuto bene Marchionne, si é realizzato pienamente, l'anno prossimo si sarebbe ritirato dalla carica e presumibilmente si sarebbe goduto i tanti soldi guadagnati, non farà in tempo. L'unico vero rimprovero per lui e insegnamento per noi é: NON FUMATE, il fumo alla lunga uccide. Ciao Marcello.

Giustissima riflessione. Per molti anni ho lavorato per multinazionali, da qualche anno sono tornato a casa dalla Svizzera per ragioni famigliari. Ho sicuramente perso molto per quanto riguarda la carriera, ma non solo non ho rimpianti; sono proprio felice della mia scelta. Spero che Marchionne non si sia mai pentito della sua scelta di vita.

Condivido in pieno! Ho sempre cercato di dosare bene il cuore e la testa nella vita. Devo dire che il più delle volte ha prevalso il cuore e non me ne pento. Queste scelte mi hanno regalato i ricordi e le sensazioni più belle della mia esistenza... Buona serata

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔷 A PROPOSITO DI GIORNALISMO. RIPENSO A MONTANELLI QUANDO MI DISSE: "CARO FOA..."
GLIENE SONO ANCORA GRATO
Il 22 luglio 2001 Montanelli ci lasciava e mi perdonerete se questa volta mi permetto un post personale e non di analisi politica. Indro fu l’idolo della mia adolescenza. C’era chi sognava il Che Guevara e chi solo calciatori, io divoravo i suoi libri, leggevo i suoi articoli su il Giornale, che egli fondò quando ero bambino e se sono diventato giornalista lo devo, verosimilmente, a lui, perché fu Montanelli a far nascere in me la passione per quella che resta la più bella professione del mondo.

Iniziai a Lugano, da studente lavoratore, alla Gazzetta Ticinese e poi al Giornale del Popolo. Non avevo tempo di andare all’università: studiavo a casa al mattino e al pomeriggio andavo in redazione, fino a tarda sera. Poi, quando avevo 26 anni, accadde il miracolo: fui assunto proprio al Giornale dal mio idolo e da subito con la carica di vice responsabile degli Esteri. Il primo giorno di lavoro bussai alla sua porta, per ringraziarlo, ancora una volta, per quella straordinaria opportunità. Indro usciva da una delle sue ricorrenti depressioni, era cordiale ma malinconico, mi guardò con i suoi occhi azzurri ancora velati dal male oscuro, fu cortese e alla fine mi disse: “Mi raccomando, non deludere”. Quegli occhi che con il passare delle settimane tornarono ad essere scintillanti.

Da subito, poco più che pivello, partecipavo alle riunioni di redazione e presto fui messo alla prova sul campo. Mi mandò a Mosca poco prima del crollo dell’Unione sovietica e a Berlino a seguire la riunificazione economica delle due Germanie. Quando rientravo mi riceveva nella sua stanza, pregandomi di raccontare gli aneddoti, gli imprevisti, le emozioni che avevo provato in quei viaggi. Lo faceva con tutti noi, soprattutto con i piu giovani, che erano i più entusiasti e per i quali dimostrava un’ affettuosa simpatia , come se volesse rivivere, tramite i nostri palpitanti racconti, quei momenti, lui che divenne direttore suo malgrado e che nell’animo continuò a sentirsi innanzitutto un inviato speciale, forse il più grande di tutti i tempi.

Poi, nel dicembre 1992, una sera pensai di scrivergli una lettera. Erano i tempi di Mani Pulite e l’Italia era attraversata da tensioni e trasformismi che mi turbavano e, chiuse le pagine, nel cuore della notte, la vergai. Il giorno dopo gliela portai nel suo ufficio, che varcavo sempre in punta di piedi, in giovanile e ineludibile rispetto per il mio mito. Indro la prese e, senza leggerla, la ripose sulla scrivania, congedandomi. Non mi aspettavo nulla e nulla mi fece sapere. Dopo due giorni la pubblicò nella rubrica più letta, quella in cui dialogava con i lettori, titolandola “Sul carro degli onesti” e aggiungendo una sola riga di commento:

” Questa lettera, caro Foa, potrei averla scritta io”

Il giorno dopo scesi in tipografia e recuperai l’originale con la frase scritta a penna di suo pugno. Sono passati quasi 25 anni da quel giorno e questo resta il ricoscimento più bello e fino ad oggi più intimo, non avendone mai parlato pubblicamente prima d'ora.

Talvolta mi sorprendo a pensare cosa scriverebbe Montanelli di questa Italia se fosse ancora tra noi. Domanda sciocca: la storia non si fa con le ipotesi e Indro apparteneva al suo tempo. Però di una cosa sono certo: mai avrebbe approvato la violenza verbale di certa stampa e avrebbe denunciato con forza il conformismo intimidatorio, che ben conosceva avendolo subito per lunghi anni della sua carriera. Era un anarchico conservatore, ma soprattutto un uomo libero che riteneva doveroso per un giornalista pensare con la propria testa, soprattutto quando è scomodo e rischioso uscire dal coro, perché solo così si onora davvero la professione.

Questo insegnava a noi, suoi giovani allievi, e non l’ho mai dimenticato
... See MoreSee Less

🔷 A PROPOSITO DI GIORNALISMO. RIPENSO A MONTANELLI QUANDO MI DISSE: CARO FOA... 
GLIENE SONO ANCORA GRATO
Il 22 luglio 2001  Montanelli ci lasciava e mi perdonerete se questa volta mi permetto un post personale e non di analisi politica. Indro fu l’idolo della mia adolescenza.  C’era chi sognava il Che Guevara e chi solo calciatori, io divoravo i suoi libri, leggevo i suoi articoli su il Giornale, che egli fondò quando ero bambino e se sono diventato giornalista  lo devo, verosimilmente, a lui, perché fu Montanelli a far nascere in me la passione per quella che resta la più bella professione del mondo.

Iniziai a Lugano, da studente lavoratore, alla Gazzetta Ticinese e poi al Giornale del Popolo. Non avevo tempo di andare all’università: studiavo a casa al mattino e al pomeriggio andavo in redazione, fino a tarda sera. Poi, quando avevo 26 anni, accadde il miracolo: fui assunto proprio al Giornale dal mio idolo e da subito con la carica di vice responsabile degli Esteri. Il primo giorno di lavoro bussai alla sua porta, per ringraziarlo, ancora una volta, per quella straordinaria opportunità. Indro usciva da una delle sue ricorrenti depressioni, era cordiale ma malinconico, mi guardò con i suoi occhi azzurri ancora velati dal male oscuro, fu cortese e alla fine mi disse: “Mi raccomando, non deludere”. Quegli occhi che con il passare delle settimane tornarono ad essere scintillanti.

Da subito, poco più che pivello, partecipavo alle riunioni di redazione e presto fui messo alla prova sul campo. Mi mandò a Mosca poco prima del crollo dell’Unione sovietica e a Berlino a seguire la riunificazione economica delle due Germanie. Quando rientravo mi riceveva nella sua stanza, pregandomi di raccontare gli aneddoti, gli imprevisti, le emozioni che avevo provato in quei viaggi. Lo faceva con tutti noi, soprattutto con i piu giovani, che erano i più entusiasti e per i quali dimostrava un’ affettuosa simpatia , come se volesse rivivere, tramite i nostri palpitanti racconti, quei momenti, lui che divenne direttore suo malgrado e che nell’animo continuò a sentirsi innanzitutto un inviato speciale, forse il più grande di tutti i tempi.

Poi,  nel dicembre 1992, una sera pensai di scrivergli una lettera. Erano i tempi di Mani Pulite e l’Italia era attraversata da tensioni e trasformismi che mi turbavano e, chiuse le pagine, nel cuore della notte, la vergai. Il giorno dopo gliela portai nel suo ufficio, che varcavo sempre in punta di piedi, in giovanile e ineludibile rispetto per il mio mito.  Indro  la prese e, senza leggerla, la ripose sulla scrivania, congedandomi. Non mi aspettavo nulla e nulla mi fece sapere. Dopo due giorni la pubblicò nella rubrica più letta, quella in cui dialogava con i lettori, titolandola “Sul carro degli onesti” e aggiungendo una sola riga di commento:

”   Questa lettera, caro Foa, potrei averla scritta io”

Il giorno dopo scesi in tipografia e recuperai l’originale con la frase scritta a penna di suo pugno. Sono passati quasi 25 anni da quel giorno e questo resta il ricoscimento più bello e fino ad oggi più intimo, non avendone mai parlato pubblicamente prima dora.

Talvolta mi sorprendo a pensare cosa scriverebbe Montanelli di questa Italia se fosse ancora tra noi. Domanda sciocca: la storia non si fa con le ipotesi e Indro apparteneva al suo tempo. Però di una cosa sono certo: mai avrebbe approvato la violenza verbale di certa stampa e avrebbe denunciato con forza il conformismo intimidatorio, che ben conosceva avendolo subito per lunghi anni della sua carriera. Era un anarchico conservatore, ma soprattutto un uomo libero che riteneva doveroso per un giornalista pensare con la propria testa, soprattutto quando è scomodo e rischioso uscire dal coro,  perché solo così si onora davvero la professione.

Questo insegnava a noi, suoi giovani allievi, e non l’ho mai dimenticato

Comment on Facebook

Quel giorno, Montanelli le ha passato il testimone e lei sta onorando le sue battaglie al meglio. Non dimentichi, caro Foa, che il compimento massimo per ogni maestro è quello di essere superato dal proprio allievo.

Di solito, questo tipo di ricordo finisce per essere autoreferenziale e mellifluo. Marcello, sei invece riuscito nella straordinaria impresa di comunicare un ricordo di un maestro da cui traspare tutta la profonda ammirazione, riconoscenza, umiltà, pur senza diventare patetico. In pieno "foa style". Anche stavolta, la tua lettera riscuoterebbe il pieno consenso del tuo maestro. Chapeau. P.S. è sempre un piacere, leggerti. Come lo era per gli scritti del grandissimo Indro.

Fantastico! Complimenti per avere avuto un simile maestro e soprattutto per assomigliargli tanto😀

Sia lode agli anarchici conservatori. Per esserlo ci vogliono cuore, lucidità e coraggio. Adesso tocca a lei.

bellissimo !!!

Qualche giorno fà, su Rai Storia credo, cose che puoi vedere solo in piena estate. passò un servizio che Montanelli fece sulla speculazione edilizia di Rapallo e sullo stesso rischio che correva la collina alle spalle di Portofino. Quel servizio blocco il mio smanioso e irrequieto zapping dovuto forse più all'insofferenza che ad una vera ricerca di qualcosa per la forza con la quale Montanelli incalzava i politici della zona mettendoli di fronte a quello che sarebbe potuto accadere di li a poco, spogliandoli di tutte le loro interessate ipocrisie...ma quello che più mi ha colpito è stato come tante cose di questa Italia malata si sarebbero potute curare se ci fossero stati 100 Montanelli e forse è proprio perchè aveva capito questo, che lui cerco di "allevarne" quanti più possibile...

Fondò anche la Voce , perché si rifiutò di fare il trombettiere del Governo Berlusconi .Fu profetico sul Cavaliere e sui danni che avrebbe causato la sua discesa in campo.La Voce fu presto costretta a chiudere .Ma quella di Montanelli è viva più che mai ancora oggi ed è sempre contro corrente .

"La deontologia professionale sta racchiusa in gran parte, se non per intero, in questa semplice e difficile parola: onestà. È una parola che non evita gli errori: essi fanno parte del nostro lavoro. [...] Gli sbagli generosi devono essere riparati, ma non macchiano chi li ha compiuti. Sono gli altri, gli sbagli del servilismo e del carrierismo- che poi sbagli non sono, ma intenzionali stilettate- quelli che sporcano." (Indro Montanelli, "Il dover essere del giornalista oggi") Questo breve estratto, posto nel retro del mio libro di deontologia del giornalista mi ha sempre colpito molto...nulla di più vero. Anche io mi chiedo spesso cosa scriverebbe Montanelli di questa Italia. Grazie dott. Foa...perché " è scomodo uscire dal coro" ma abbiamo bisogno di esempi da seguire, di onestà e imparzialità.

Grazie per aver condiviso con noi questa testimonianza.

Grazie di averci raccontato, mi sono commossa, adoro Montanelli e il suo modo di fare giornalismo.

Un bellissimo ricordo caro Marcello Foa, grazie per averlo condiviso.

Che bello leggere parole così intimisticamente dolci dettate da ricordi appaganti e lenitivi. Il tutto poi è avvolto da un'aura di struggente "saudade" Buona giornata, Marcello.

Ciao Marcello, ho letto con un sorriso il tuo articolo in quanto mi ha trasmesso la felicità del ricordo di un grande uomo, nonchè il mio giornalista preferito. Ho sorriso in quanto l'esempio che hai citato sul tuo personale mito giovanile Montanelli al posto dei calciatori, l'ho detto "paro paro" un paio di settimane fa ad un conoscente parlando dei nostri eroi in adolescenza. Purtroppo non l'ho conosciuto personalmente, ma sono felice che un uomo e giornalista che stimo come te, lo abbia potuto conoscere e "servire" professionalmente.

Un grande Uomo, Montanelli ! Complimenti a lei Signor Foa ! E la S maiuscola è voluta !

Che bello leggere ogni tanto qualcosa che fa bene al cuore!!!

Grazie per aver condiviso con noi questi tuoi ricordi.

Indro è stato sempre l'idolo del mio papà e mi ha lasciato in eredità tutti i suoi libri!

Bravo Marcello è un piacere leggerla ed è un esempio di onestà intellettuale viva e pura in un mondo dove invece si ascolta solo violenza verbale.

Bello leggere cose belle (ogni tanto).

Parole toccanti. Grazie

Anch'io sono stato un suo assiduo lettore sia quando scriveva al Corriere sia dopo. Ed ho anche la raccolta di tutti i suoi libri di Storia e dei suoi saggi. Era trasparente come un bicchiere d'acqua e si leggeva sempre come bere un bicchiere d'acqua. Credo che sia difficile trovare un giornalista talmente chiaro e preciso da farsi capire da tutti. Lui e la Fallaci............conterranei e "maledetti toscani"..........in senso ironico e di rispetto naturalmente. Entrambi sopratutto ONESTI.

...condivido il rispetto e la stima per un uomo e per un professionista da cui molti sedicenti "giornalisti" contemporanei avrebbero tanto, ma proprio tanto, da imparare.

ricordo ancora il giorno in cui acquistai il Giornale nr 1

La ringrazio per aver condiviso questo straordinario riconoscimento che fotografa le doti di umanita' di un personaggio dalle qualita' professionali ineguagliabili.

Grazie per aver condiviso tutto questo con noi,

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔴La Germania è davvero più morale dell'Italia? E' giunto il momento di abbandondare un ingiustificato autorazzismo e di trattare con i tedeschi senza timore reverenziale, come spiego qui: bit.ly/2uznQsv ... See MoreSee Less

🔴La Germania è davvero più morale dellItalia? E giunto il momento di abbandondare un ingiustificato autorazzismo e di trattare con i tedeschi senza timore reverenziale, come spiego qui: https://bit.ly/2uznQsv

Comment on Facebook

I tedeschi hanno di apprezzabile, come dice qualcuno qui, la snellezza della burocrazia, per il resto lasciamo stare. Lo ripeto da anni che la presunta onestà tedesca è molto spesso solo presunta. Lavoro con l'estero e le due aziende che hanno fallito lasciando debiti da mila euro alla mia erano entrambe tedesche. Quando vengono qui sono di una tirchieria e micragnosità spaventosa. farti offrire un caffè da un tedesco una chimera. In compenso sono sempre pronti a puntare il dito contro i difetti italiani, anche se però qui in vacanza ci vengono e pretendono sconti e trattamenti da nababbi perché noi siamo il terzo mondo e funziona così.

chi segue questa unione europea, cadrà sotto i colpi della germania come accaduto per la Grecia

Se non avessimo avuto i savoia ad unificare il Paese a modo loro non avremmo avuto una burocrazia che impantana tutto e crea solo problemi e meandri x fregare meglio, non si sarebbe razziato mezzo Paese x riparare i debiti dell'altra metá, non avremmo perso la faccia con tutto il mondo avendo tradito due volte gli alleati, prima e seconda guerra mondiale, saremmo stati meglio organizzati e non avremmo (forse) fatto due guerre mondiali da massacro

I crucchi possono solo essere invidiosi. Noi Italiani da seduti sorpassiamo sempre i tedeschi che corrono e questo non gli va giù (in generale). Ci sono comunque (pochi ma buoni) tedeschi che ammirano l'Italia. Ma devo pure ammettere che qui in germania tanti piccoli problemi quotidiani (burocrazia, parcheggio auto, piste ciclabili, mezzi pubblici, sicurezza sul lavoro ecc...) qui praticamente non esistono. Per questo li ammiro.

lo dico da anni...e lo vedo nella vita quotidiana. Purtroppo l'italiano medio è esterofilo e preferisce lamentarsi con il solito "eh ma all'estero non funziona cosi!". Gente che non ha viaggiato e non guarda alle cose in maniera obiettiva.

Si, sono proprio un popolo superiore! E lo vedremo meglio tra un po', quando salterà deutshe bank, carica di derivati.

Non meritano ne’ hanno mai meritato alcun timore reverenziale. Anzi, ne siamo proprio stufi.

Purtroppo i primi a denigrare il nostro Paese e portare in palmo di mano quelli del nord Europa,sono stati i Sinistri di casa nostra.Pur di affossare il Centro-destra e in particolare Berlusconi,da anni concedono interviste in cui sparano a zero sull'Italia

Mi viene in mente quella puntata di Omnibus in cui lei dott. Foa assieme a una giornalista di repubblica ( e mi sembrava strano), di cui non ricordo il nome, le avete cantate al giornalista tedesco proprio sul comportamento del sistema bancario. Mi sono divertito un mondo.

Ma cosa parlano a fare ‘sti crucchi che invadono in massa da sempre per le vacanze la nostra Italia! E come se la godono! Io vado regolarmente in Germania, abitando in Olanda vicino alla frontiera belga (ci ho anche abitato), e relativamente vicino alla frontiera tedesca. Devo dire in grande onestà (non picchiatemi) che la Germania mi ha sbalordita con la sua bellezza. Natura, castelli, laghi...mi sono usciti gli occhi dalla testa. Più bella dell’Olanda secondo me. Ma non ci andrei mai ad abitare manco se mi dassero vitto e alloggio gratis. Almeno qui in Olanda c’è un po’ di sentimento e “calore”; là in Germania sono dei Hunde! (Con rispetto per i cagnolli 🐶).

Ne avrei da raccontare.

Una analisi molto chiara di questo libro ma anche di una nazione che riesce ad essere si brillante , ma spingendo gli altri paesi nel baratro .Speriamo che il nuovo governo tenga testa alla arroganza tedesca che calpesta chiunque ne ostacoli il cammino .Hanno provato a diventare padroni dell’Europa scatenando una guerra mondiale ne sono usciti umiliati e distrutti nonostante l’enorme catastrofe che hanno causato sono stati aiutati a rimettersi in piedi ,ma non demordono e ora invece dei cannoni usano la finanza per ottenere la supremazia.

Bravissimo e complimenti per la nomina

Come dar torto a Paul Valery quando diceva: Le grandi virtù dei tedeschi hanno creato più mali di quanti vizi abbia creato l'ozio. 😉

Finalmente uno che parla di come si deve trattare i tedeschi da tedeschi

Non ho trovato nessuna spiegazione...

Emblematico il caso aeroporto di Berlino.

Perfetta analisi. condivido grazie !!.

Soluzione:- Smettete di comprare qualsiasi prodotto fatto in Germania, comprese le auto che costano di più e non valgono di più.

sì, senza il minimo dubbio: la Germania è molto più morale dell'Italia.

È da mo che lo penso e lo dico in giro ! Grazie 🙏 e complimenti 🎊

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

UFFICIALE: QUERELO L'ESPRESSO

Ebbene sì, ho deciso di querelare L'Espresso. Ieri ho dato mandato ai miei legali, Angelo Ricotti ed Ettore Traini, di procedere in tal senso nei confronti dell'autore dell'articolo Vittorio Malagutti e del direttore Marco Damilano. Sono consapevole che i tempi rischiano di essere lunghi, ma poco importa: il comportamento del settimanale è stato inqualificabile e chiaramente diffamatorio. Allora è giusto procedere per le vie giudiziarie.

Colgo l'occasione per ringraziare il Presidente del gruppo che ho il piacere di dirigere, quello del Corriere del Ticino, Fabio Soldati, e tutto il Consiglio di amministrazione per aver deplorato con elegante sdegno le "insinuazioni, palesemente infondate dell'Espresso".

Altre azioni legali saranno intraprese in Italia e in Svizzera nei confronti dei siti che hanno ripreso l'articolo del settimanale romano senza dar conto delle smentite o che hanno scritto articoli dalle intenzioni chiaramente ingiuriose.
... See MoreSee Less

UFFICIALE: QUERELO LESPRESSO

Ebbene sì, ho deciso di querelare LEspresso. Ieri ho dato mandato ai miei legali, Angelo Ricotti ed Ettore Traini, di procedere in tal senso nei confronti dellautore dellarticolo Vittorio Malagutti e del direttore Marco Damilano. Sono consapevole che i tempi rischiano di essere lunghi, ma poco importa: il comportamento del settimanale è stato inqualificabile e chiaramente diffamatorio. Allora è giusto procedere per le vie giudiziarie.

Colgo loccasione per ringraziare il Presidente del gruppo che ho il piacere di dirigere, quello del Corriere del Ticino, Fabio Soldati, e tutto il Consiglio di amministrazione per aver deplorato con elegante sdegno le insinuazioni, palesemente infondate dellEspresso.

Altre azioni legali saranno intraprese in Italia e in Svizzera nei confronti dei siti che hanno ripreso larticolo del settimanale romano senza dar conto delle smentite o che hanno scritto articoli dalle intenzioni chiaramente ingiuriose.

Comment on Facebook

I soliti fissi frequentatori TV, sono pagati per farlo! La nostra fortuna è che lo spettatore ,ha preso coscienza e non sta più al loro gioco, pensa di suo e se sono riusciti a smantellarsi, è anche per tutte le falsità ,messe in campo!

Non vedo l’ora che questo governo provveda per dare ai cittadini una Rai con un’informazione decente e onesta, sono stanca di questo giornalismo palesemente di parte e in malafede. Forza Marcello ti siamo tutti vicini. Con stima e affetto 🤗

Grandissimo giornalista, giornalista vero al contrario di tanti giornalai in Italia. Probabilmente l'importo della querela superera' l attuale fatturato di quella rivista 😀

Ottimo! Perché alcune persone e alcune testate giornalistiche hanno il diritto di pontificare giudicare e diffamare senza uno straccio di prova e senza mai rettificare le notizie diffuse anche quando si dimostrano palesemente false? È normale e giusto che ci siano "gli intoccabili"? Grazie Marcello Foa e piena solidarietà per questa decisione.

Lei è un professionista troppo corretto e stimato per cui suscita grande indignazione l'attacco di certi "giornalistucoli" alla sua integrità morale. Fa benissimo! La incoraggio a mettere a tacere gli "indegni".

Grande Marcello Foa! Massima stima e solidarietà per il vergognoso attacco ricevuto. Che giustizia venga fatta

Ha tutta la mia stima! Ha fatto bene....nonostante resti il rammarico perche' bisogna arrivare alle querele...per tutelarsi da certa stampa...che vive solo di menzogne...come siamo caduti in basso....

Bene così, alcune testate giornalistiche devono capire di non essere intoccabili. Chissà che in Italia, piano piano, non si arrivi ad avere un informazione libera e svolta con alta professionalità. Per ora siamo ben lontani.

A tutto c'è un limite, la sopportazione ha un limite. Il limite si è esaurito.

Ma non è che a questi da fastidio che con i tuoi due volumi (gli stregoni della notizia ) sia svelato come ci prendono x i fondelli?

Grandissimo! Rappresenti tutti noi, schifati da questi pennivendoli pseudo-giornalisti che si sentono pure intellettuali!

Grande Direttore! Vediamo se Damilano si toglie quel riso insopportabile dalla faccia!

Cade un astro dell'informazione , L'Espresso perché' e' diventato disinformazione...avanti tutta...

Benissimo! A tutta forza. É tempo che i bugiardi la paghino cara.

Devono ridimensionarsi. Fabbriche di menzogne! Benissimo Marcello Foa

Andare a far del bene .... e Farsi accoltellare alla schiena.... ne vale la pena??? Purtroppo ci sono paesi che alla fine “abbandoni” e dici “ ma che affondino pure!!!!” Mi dispiace x te. Ma ciò non leverà mai la tua grande onestà professionalità e umanità

Bravo Marcello, sono con te. E' ora che qualcuno inizi a pagare per la diffamazione. Questi sinistrati credono di poter fare il bello e il cattivo tempo con la disinformazione.

Applausi!!!

Snellire la burocrazia x fare giustizia verso questi ormai stracci di giornaletti tenuti in piedi da finanziamento pubblico soldi di partiti e favoritismi...

Aspetteremo pazienti per festeggiare con lei !!!

Sono completamente dalla sua parte sig Marcello Foa

Bene signor Foa, bisogna che imparino ad essere onesti

Bravo! Ci tenga informati su come procedono le cose.

Eccellente, hai fatto bene!

QUANDO CI VUOLE CI VUOLE

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔴TRUMP E PUTIN INVOCANO LA PACE. IL SUMMIT DELLA SPERANZA

Hanno dimostrato una grande voglia di superare le inimicizie tra Russia e Stati Uniti: quello di Helsinki è un summit da salutare con favore. Il mio commento in un minuto.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

E' stato scioccante che Trump abbia voluto iniziare l'incontro con un colloquio da solo con Putin ( e i 2 traduttori ) , questo ha mandato in crisi tutto il mainstream . Se Putin gli passa le informazioni , la mafia khazara ha le ore contate , credo ne vedremo delle belle .

perfetta conferenza stampa, due leader che possono davvero cambiare le cose...alla faccia dei liberali USA e qualche idiota repubblicano come McCain...Putin ha parlato anche di Soros!!!!GB!

Trump si muove con molta circospezione perché sa che il suo vero nemico é il deep state. Mi auguro che l'incontro porti un cambiamento effettivo e che l'Europa capisca che si deve sganciare dall'abbraccio mortale degli states.

Che sia l'inizio di un "Nuovo Giorno" per l'Umanità (I ed E) ... uno spiraglio sulla Realtà (I ed E) al netto dei millenari mosaici condiziona_menti medianici e mediatici! Coelivio.

mi sembra una lotta tra il bene e il male, la finanza e un contropotere, e il cotropotere e nello stesso tempo un nuovo potere,e non so se sarà per il popolo o contro il popolo

Grazie come sempre Suo commento !.

Sempre saputo 😄👏

Mi auguro (davvero) che non saremo ora costretti ad assistere a "violente" manifestazioni di ripercussioni da parte di quelli che si definiscono "pacifici" rispetto a queste dichiarazioni dei "guerrafondai" che cercano una nuova via di stabilità e di pace!! È questa epoca di paradossi!! (vedi la sinistra che ci ha venduto, noi e i nostri diritti, alle elite finanziarie e neoliberiste!)

Ma di che pace parli? Putin continua ad ammazzare poveri civili.

Trump e Putim rappresentano delle minaccie incombenti sulle nostre democrazie libere apra gli occhi gli indifferenti saranno giudicati dalla storia come complici!

l'UE sta pace non la vuole... perché?

gioite gente, Trump annuncia il giorno prima che l'UE (quindi noi) è sua nemica, e poi flirta con Putin, se vi piace così!

Caro Marcello,il presidente Trump, appena tornato a Washington è stato accolto da un fuoco di dichiarazioni velenose per le sue aperture a Putin. Trump ha corretto come al solito le sue dichiarazioni fatte a Mosca. Insomma, l'ennesimo carpiato, dove il presidente USA si rimangia parzialmente le dichiarazioni distensive nei confronti della Russia. La credibilità dovrebbe essere la moneta sonante in politica, (non parlo di quella italiana, naturalmente) ma in questo caso vedo solo carta straccia. Sbaglio? Un cordiale saluto.

Bravissimo. Chiaro, elementare, sintetico. E' quanto ho pensato anch'io su due piedi. Purtroppo queste riflessioni sono state seguite dalle tragicomiche smentite di Trump.

Marcello Foa, non solo è un sovranista, filorusso, no euro, anti gender, bufalaro, simpatizzante di forza nuova, ma è anche un cavernicolo antivaccinista. In parole più semplici: è un cretino. Tutti i partiti in passato hanno lottizzato, ma a differenza della Lega hanno fatto attenzione a non imbarcare dei cretini manifesti..

concordo.... Marcello .

Gesù santo cosa tocca sentire

la pace con la guerra che essa conduce in Ucraina? Su su su siamo seri

Foa, un bravo giornalista.

Mooolto interessante. Ultim'ora: Putin chiede l'arresto di George Soros in epica conferenza stampa con trump - Putin offre di interrogare mueller sulla collusione Russia - l'olocausto nucleare e la questione della Crimea risolta durante il vertice di pace secondo il presidente www.facebook.com/1397602159/posts/10212691748194085/

Russiagate è esistito eccome, non segui l'iter conclamato ammesso anche da Trump

Aggiungo solo grazie Suo commento!

e i lefrists USA democratici e anchosimili nella malafede e stupidita' in utto il mondo!!! e certi repubblicani 'di sinistra' come McCain...hanno criticato anziche' ELOGIARE Trump per l'incontro e la DISTENSIONE!...le sinistre pare siano ugualmente in malafede in tutto il monfo😡

Hanno ottenuto più gli incontri Trump e Putin dei inutili incontri europei di Bruxelles

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

IL CORRIERE DEL TICINO DEPLORA LE INSINUAZIONI DE L'Espresso, PALESEMENTE INFONDATE

Questa mattina, il presidente del Gruppo del Corriere del Ticino, Fabio Soldati ha pubblicato questa nota:

"Nel suo ultimo numero, il settimanale italiano "L'Espresso" ha ipotizzato un collegamento tra i partiti italiani "Lega" e "Cinque Stelle" con il gruppo del Corriere del Ticino, tramite il proprio amministratore delegato Marcello Foa.

Indipendentemente dalla posizione già presa dall'amministratore delegato, che ha qualificato tali insinuazioni come falsità e che sta valutando un'eventuale azione legale, il Consiglio di Fondazione del Corriere del Ticino ribadisce la propria assoluta indipendenza da qualsiasi movimento politico, e a maggior ragione da partiti o movimenti di altre nazioni.

Il Consiglio di Fondazione è garante di tale indipendenza, sancita negli statuti che prevedono, tra altro, "il ravvicinamento degli animi fra i partiti politici che perseguono la pacificazione e la prosperità del Paese" e "il principio della laicità delle Stato, con doveroso rispetto della religione cattolica, professata dalla grande maggioranza della popolazione ticinese" principi che sono alla base dell'autorevolezza che ha sempre caratterizzato il nostro quotidiano.

Le insinuazioni de "L'Espresso", palesemente infondate, non appartengono alla nostra cultura giornalistica".

Da parte mia non posso che ringraziare il presidente e tutto il Consiglio. E a tutti voi dico: non finisce qui.
... See MoreSee Less

IL CORRIERE DEL TICINO DEPLORA LE INSINUAZIONI DE LEspresso, PALESEMENTE INFONDATE

Questa mattina, il presidente del Gruppo del Corriere del Ticino, Fabio Soldati ha pubblicato questa nota:

Nel suo ultimo numero, il settimanale italiano LEspresso ha ipotizzato un collegamento tra i partiti italiani Lega e Cinque Stelle con il gruppo del Corriere del Ticino, tramite il proprio amministratore delegato Marcello Foa.

Indipendentemente dalla posizione già presa dallamministratore delegato, che ha qualificato tali insinuazioni come falsità e che sta valutando uneventuale azione legale, il Consiglio di Fondazione del Corriere del Ticino ribadisce la propria assoluta indipendenza da qualsiasi movimento politico, e a maggior ragione da partiti o movimenti di altre nazioni.

Il Consiglio di Fondazione è garante di tale indipendenza, sancita negli statuti che prevedono, tra altro, il ravvicinamento degli animi fra i partiti politici che perseguono la pacificazione e la prosperità del Paese e  il principio della laicità delle Stato, con doveroso rispetto della religione cattolica, professata dalla grande maggioranza della popolazione ticinese principi che sono alla base dellautorevolezza che ha sempre caratterizzato il nostro quotidiano.

Le insinuazioni de LEspresso, palesemente infondate, non appartengono alla nostra cultura giornalistica.

Da parte mia non posso che ringraziare il presidente e tutto il Consiglio. E a tutti voi dico: non finisce qui.

Comment on Facebook

Ops, ma puta caso l'hanno fatta Presidente della tv pubblica di Stato

(....) e a maggior ragione da partiti o movimenti di altre nazioni. Quindi quelli dell'Espresso già solo per questa motivazione dove pensano di andare attaccando il CdT?

Il Corriere del Ticino è indipendente.. loro no.. fanno parte della cultura dei gruppi che tanto gli piace. Se non sbaglio fa parte del Gruppo Gedi con Editore Marco De Benedetti.. o forse mi sbaglio. Sono venuta a conoscenza che la maggior parte dei quotidiani e stampa estera fanno parte di questo Gruppo con Enpa che ne è azionista. Se fosse così l'informazione a mio parere è condizionata. La stesse veste grafica di molte testate giornalistiche ne è quasi la prova. Cambia solo il nome del quotidiano ma non la sostanza. Ma io sono ignorante.. stufa delle menzogne... E di una informazione che troppe volte ha tradito se stessa. Tutta la mia solidarietà a Lei e a tutti i suoi collaboratori.

È tutto da verificare ...

Cioè l'espresso dice che foa é vicino al governo? E questi lo fanno presidente della rai?!?!? Mahhh...da non credere...🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Deplorevole L’Espresso. Sono finiti, fanno da sempre disinformazione, la gente se ne è accorta, non vendono più copie e se la prendono con chi invece l’informazione la fa con stile e professionalità. Un abbraccio Marcello. Solidale con te e tutta la tua redazione!

l'espresso una volta era una rivista rispettabile , da qualche anno ha la credibilità di una rivista di gossip di bassa lega, come d'altronde il 99% della stampa italiana... grazie a Foa sto scoprendo il giornale con cui trovo sempre più affinità di idee e valutazioni critiche

Repubblica e Espresso, miserabili giornali di partito. Creatori di falsità e fango da lanciare ai nemici politici ed economici. La " PARZIALITA " è il loro motto. Al guinzaglio del loro padre padrone "de maledetti", nume tutelare del PD.

Querelare!

In questo caso una querela è d'obbligo! Ridimensionare un infame organo del Ministero della Verità, non ha prezzo! Poi, per noi, c'è la sublime soddisfazione di colpire nel portafoglio uno che di soldi ne ha sottratto parecchi all'Italia e impunemente!

No ma infatti, inaspettatamente, hanno fatto il mio di nome come presidente della Rai. A volte, guarda te, il caso.

Ancora indeciso Marcello? Difenda se stesso e i suoi lettori da questo giornalismo nauseante...lasci perdere la tolleranza.

Ahahah ma allora c’era il collegamento vista la nomina?

Ahaha Ahahah Ahahah, buffoni ridicoli.

ESPRESSO un settimanale fazioso a scorta dei pdioti!

Non riescono a concepire un editore libero dalla politica, essendo il loro gruppo il megafono del PD

allucinante,ma le proveranno tutte...tutti uniti nel CRIMINE...

QUERELATEEEE. Debbono smetterla questi "giornalisti" a servizio del potere. É fondamentale che Il cambiamento avvenga soprattutto anche attraverso l'eliminazione di chi non svolge un servizio di INFORMAZIONE equidistante e neutrale. Questa gente é la penna armata di poteri del sistema assoldata per rendere loro un servizio: disinformare . La disinformazione la paragono al tradimento, all'ipocrisia, al furto della verità. Spregevole, i peggiori tra i disvalori

Beh, forse qualche legame c'è 😂😂😂

Ma quando toglieranno le sovvenzioni pubbliche alla stampa?

Infatti ora èpresidente della Rai...

Essere attaccati dall’Espresso deve essere considerato un onore

Denunci...ma cosa è diventato l'Espresso?

Sparano alla cieca. Oramai sono alla canna del gas...

Cazzo quante cagate. Ma fino a ieri sapevate chi era Foa? Avete mai letto l'espresso? Brutto dover passare le vacanze a Cesano Maderno ma potete sempre fare una passeggiata nn dico leggere un libro ..

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

Torno rapidamente sulla Fake News gas nervino usato a Douma. Allora Saviano lanciò la campagna "tappiamoci la bocca", con largo seguito.
Ora si tapperà anche gli occhi e le orecchie. Per non vedere, né ascoltare le verità storiche.

Nell'ultima ControRassegna di Claudio Messora su ByoBlu si parla anche di lui.

www.youtube.com/watch?v=ytq0cLAeOhsDona oggi, resta libero domani. Con Paypal: www.paypal.me/byoblu. Con altri mezzi: www.byoblu.com/sostienimi/#comesidona —— LE ARMI COMICHE D...
... See MoreSee Less

Video image

Comment on Facebook

TORNIAMO AI PROGETTI SERI : TORNIAMO ALL' IDENTITÀ DEL M5S Bisogna marcare la differenza con la Lega, e non solo per non perdere elettori, ma per preservare l' identita' del Movimento. Questo e' un difficile momento, in cui rischiamo di restare impantanati a causa di un accordo assurdo con la Lega, che, scatenando il razzismo degli Italiani, sta cannibalizzando il più evoluto M5S : LA DEMOCRAZIA DIRETTA, SCOPO DEL M5S, E' L' OPPOSTO DELLO STATO AUTORITARIO VOLUTO DA SALVINI !!!!! Non ci vuole molto a capirlo : La democrazia diretta si basa su iniziative e decisioni collettive : E' corale, partecipativa e creativa. La destra invece crede al dominio di un uomo solo che si muove per gli interessi di una minoranza : I Ricchi Crea uno stato di polizia e spegne le iniziative e le intelligenze di noi cittadini che dobbiamo solo subire decisioni prese dall' alto. La propaganda continua di vecchia memoria dovrebbe rendere ciò accettabile. Cosa dovrebbe fare il M5S ????? 1 ) STACCARSI DA QUESTO GOVERNO INFAME Portare avanti da solo i progetti e porre l' accento sulla sua differenza dalla Lega !!!! 2 ) PROMUOVERE LA DEMOCRAZIA DIRETTA NEI COMUNI AMMINISTRATI DAL M5S Cosa ci impedisce di creare delle Case del Popolo e di organizzare incontri dovunque : nei Giardini Pubblici, nelle Chiese abbandonate, nei Paesetti, nei Centri Sociali, sulla Spiaggia d' Estate ?????? Si creerebbe quell' entusiasmo di cui abbiamo bisogno : Cominciamo ad educarci alla Democrazia Diretta e smettiamola col solo arido computer : Restiamo umani !!!! Gli strumenti potrebbero essere questi : Assemblee per discutere dei desideri collettivi Bilancio Partecipativo per decidere delle risorse Luoghi reali o informatici per prendere le decisioni, dopo aver riflettuto, lontani dall' esagerata influenza dei leader. 3 ) LA DEMOCRAZIA DIRETTA PER TUTTI NOI !!!!! Non si e' mai chiarito come arrivare in modo non-violento dalla Democrazia Rappresentativa, che rappresenta gli interessi dei grandi poteri, alla Democrazia Diretta, che rappresenta il volere del popolo, la sua creatività ed intelligenza e che prende le decisioni di fondo sulla sua stessa comunità. 4 ) CAMBIARE LEADER Di Maio rischia di far fare al M5S la fine che ha fatto fare Renzi al PD per ambizione e testardaggine : Gli ha fatto perdere Identità e quindi consensi. FRACCARO o FICO SONO MOLTO PIU' DEGNI !!!!!

SAVIANO E' UN EROE : HA FATTO INDAGINI PERICOLOSISSIME !!!! Altro che radical -chic

Che noia ,se ti vogliono uccidere ti raggiungono in capo al mondo scorta o non scorta Falcone e Borsellino sono l'esempio , francamente il sig. Saviano non ci interessa . Grazie come sempre

Vabbè Messora

È sopratutto una questione di struttura ricettiva mentale ... sempre meno persone hanno un innato e sviluppato Buon Senso che mostra loro il vero lato delle varie situazioni ... ad oggi, la capacità di valutazione passa attraverso delle lenti distorcenti che sono dei mirati processi di acculturamento ... secoli fa sopratutto religioso , attual_mente invece attraverso gli studi scolastici ... oltretutto, il potere mediatico del sionismo, non è che favorisce le carriere delle Persone di Buon Senso, ma di quelle dotate di elegante e raffinato "senso comune" inconscia_mente favorevole alla loro milenaria causa: il dominio da parte del "popolo eletto", non accorgendosi così, di fare una figura di cacca! m.facebook.com/sharer.php?fs=8&fr=%2Fprofile.php&sid=263590411067263&refid=18&ref=content_filter&...

Solo una parola.....RIDICOLI! Grande Marcello

Adesso capisco perché e' stato eletto ai vertici rai

la Luciana Littizzetto mi ha bannato dal commentare sulla sua pagina dopo averle segnalato questa cosa. Come é brava e coerente!! L'emblema dell'onesta' . Simpatica e sincera.

www.facebook.com/haaretzcom/videos/10156380630401341/ Mentre i sionisti locali come Saviano si stracciano le vesti per avere in Italia una nazione "no borders" (senza confini) ecco che nella loro patria elettiva (che Roberto Saviano definisce "nazione dell'accoglienza") sta per essere approvata una norma che decreta per legge la nascita di intere città "solo per ebrei". Non solo strade e pulizia etnica de facto ma apartheid per legge. Ma se li chiami razzisti diventi antisemita e fb ti chiude il profilo.

Non so perche ma mi sentivo fin da inizio che la notizia riguardante l'Assad non era veritiera😨Cari saluti al Prof.Foa

Saviano non è altro che un pagliaccio!

Grande Marcello Foa

ma saviano è sotto scorta da ben 25 anni , ci sarà ben un motivo?

Speravo da tempo che Saviano si tappasse la bocca: ebbene l'ha fatto ma per il motivo sbagliato. Che patetici tutti quei personaggi che si son visti nel video, ora bisognerebbe che dessero una smentita per quello che hanno fatto, smentita che non arriverà mai. Per il futuro però possiamo sperare che Saviano smetta di usare anche la penna ( o il computer).

Nulla di chic in questo figuro.

Non vedo Non sento Non parlo Ecco cosa dovrebbe fare Saviano!!!

Saviano porta il Vilipendio ad un livello parossistico-compulsivo. Non solo, ma il suo approccio e la sua "analisi" degli accadimenti internazionali risultano equilibrati quanto potrebbe essere misurata la richiesta di un caffé da parte di un cliente - affetto da sindrome di Tourette - che entra per la prima volta in un bar. É un personaggio che misura le sue menzogne solo in funzione del suo IBAN. Come se non bastasse, nella migliore delle tradizioni é il classico cazzabubbolo (ometto piccolo e presuntuoso, cit. Zingarelli) dedito al chiagni e fotti e che ha il coraggio di dichiarare tra l'altro di vivere una vita di merda. Fosse cosî, non sarebbe un qualcosa di totalmente immeritato. Speriamo che il Buon Dio allevi le sue sofferenze fulminandolo, magari con una saetta cosí precisa da risparmiare la sua scorta. Sorte della scorta che per il Saviano-pensiero, si trattasse di qualche altro personaggio sgradito, sarebbe comunque un qualcosa tanto marginale quanto collaterale.

Bravo Marcello. Idee e stile di scrittura, fanno miracoli. Grazie.

Scusate la volgarità ma qualdo uno parla col c... dovrebbe tapparsi quello...

Buongiorno Marcello Foa. La rassegna di Messora già ascoltata. 👍

le immagini di Saviano Boldrini e altri...fanno pariglia con quella di P. Colin che esibisce la provetta all'Onu....

sempre più ridicoli...possibile che non se ne rendano conto? O forse se ne rendono conto ma, piuttosto che ammettere la figura di merda, perseverano....a fare figure di merda.

Glerta Sadedini

È più forte di me, nn riesco proprio a sentire Saviano che pontifica.

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

IN SIRIA NESSUN GAS NERVINO, IL BAMBINO MESSICANO NON ERA UN IMMIGRATO. MA I GIORNALISTI NON SI SCUSANO MAI?

Nelle ultime settimane altri esempi di clamorosi scoop smentiti dai fatti. Vere e proprie Fake News che però la grande stampa non rettifica, pensando che il pubblico dimentichi tutto, ma tra i giornalisti fortunatamente c'è chì non ci sta, come spiego qui: bit.ly/2mapVX7IN SIRIA NESSUN GAS NERVINO, IL BAMBINO MESSICANO NON ERA UN IMMIGRATO. MA I GIORNALISTI NON SI SCUSANO MAI?

Nelle ultime settimane altri esempi di clamorosi scoop smentiti dai fatti. Vere e proprie Fake News che però la grande stampa non rettifica, pensando che il pubblico dimentichi tutto, ma tra i giornalisti fortunatamente c'è chì non ci sta, come spiego qui: bit.ly/2mapVX7
... See MoreSee Less

IN SIRIA NESSUN GAS NERVINO, IL BAMBINO MESSICANO NON ERA UN IMMIGRATO. MA I GIORNALISTI NON SI SCUSANO MAI?

Nelle ultime settimane altri esempi di clamorosi scoop smentiti dai fatti. Vere e proprie Fake News che però la grande stampa non rettifica, pensando che il pubblico dimentichi tutto, ma tra i giornalisti fortunatamente cè chì non ci sta, come spiego qui: https://bit.ly/2mapVX7

Comment on Facebook

La guerra alle Fake News va intesa nel senso che: Le Fake News le gestiamo solo noi....

Federico Di Cerbo

😱😱😱🤐🤐🤐

basta!!!...siamo in un momento di assrdita' politica come mai visto prim!!!....come si sono permessi gli Italiani di non votare come caproni per i soliti????

Il rapport OPAC, in effetti, non parla di gas nervino ma di CLORO. Fake news, mica tanto. Agenti chimici ce n’erano. Per i bambini separati dai genitori e rinchiusi, è tutto verissimo. Solamente la foto non si riferisce a quel fatto. Ma risulta comunque evocativa della realtà che si illustrava.

Infatti ; non si SCUSANO MAI !..

Certo pseudo giornalisti andrebbero chiamati con i giusti aggettivi : il più volgari possibili ! Tanto si meritano

Fake news per continuare a manipolare le persone....che invece di approfondire...ci credono!

Sign Foa, è possibile regolamentare l'ordine dei giornalisti con una graduatoria sulla credibilità nel lavoro svolto? Fino a che punto è permesso ad un giornalista di implementare un articolo con sue personali vedute politiche? Non basterebbe semplicemente l'edizione dettagliata e completa della notizia senza opinioni? Grazie

Ormai siamo al "giornalismo di repertorio". Neanche alzare il culo e andare alla frontiera messicana a a documentare i fatti... da centinaia o addirittura migliaia di chilometri, seduti al pc, si googla il topic, un po' di copia e incolla, i qualche tocco di Photoshop e... siamo tutti giornalisti.

"... e sono tanto semplici li uomini, e tanto obediscano alle necessità presenti, che colui che inganna troverrà sempre chi si lascerà ingannare." -- Nicolò Machiavelli, "Il Principe", XVIII

Appunto

Peccato Marcello che Giornalisti come te, scarseggiano nel mainstream. Basterebbe chiedere a Saviano la rettifica...

Infatti, vogliamo articoli senza la personale opinione dei giornalisti. Questa non è una delle prime regole che si imparano??

Su quella del bambino dietro la grata avevo condiviso un articolo che spiegava bene l'origine dello scatto. Ora qualcuno sta facendo girare quella del ragazzo decapitato in piazza a Mosul (2106) adducendo l'atto al suo essere gay. Invece, se si riprendono gli articoli dell'epoca, si scopre che fu ucciso in quel modo barbaro e secondo la legge del fondamentalismo islamico, per aver ascoltato musica occidentale.

E fa bene a non starci in quanto ogni qualvolta escono immagini simili la maggior parte delle persone abbocca.

"mai come ora c’è bisogno di autenticità, di aderenza alla realtà, di onestà intellettuale" Dov'è l'Uomo?

Questi pseudo-giornalisti sono solo arroganti e ignoranti perché sono stipendiati dalle élites.

Occhio che adesso si inventeranno che hai aiutato a far scappare qualche nazista in sudamerica... Tipo in Venezuela...

Il più grande esempio di farsa giornalistica manipolata da schiavi che non hanno alcun amore per i popoli e per le nazioni

Non si scuseranno mai, dopotutto, non tutti possiedono la sua onestà intellettuale! 💙

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔴 L'ARTICOLO DE L'ESPRESSO? IL NULLA ASSOLUTO

Questa mattina ho letto l'articolo integrale pubblicato da L'Espresso che parlava di me e devo dire che sono rimasto deluso: tutto qui? Giornalisticamente rappresenta il nulla assoluto. Non c'è niente: non una notizia, non un'analisi. Solo illazioni e fantasiose connessioni per tentare di giustificare l'astrusità di un titolo sensazionalistico e intenzionalmente diffamatorio perché non circostanziato.

Giornalismo di bassa lega, robaccia. L'ennesimo sintomo del declino, anzi della decomposizione di una testata un tempo gloriosa, che si sta liquefacendo da sè , sconfessata dai propri lettori che non leggono più l'Espresso da tempo. E d'altronde come potrebbero con copertine come questa?

Mi sa che è il destino che si merita.
... See MoreSee Less

🔴  LARTICOLO DE LESPRESSO?  IL NULLA ASSOLUTO

Questa mattina ho letto larticolo integrale pubblicato da LEspresso che parlava di me e devo dire che sono rimasto deluso: tutto qui? Giornalisticamente rappresenta il nulla assoluto. Non cè niente: non una notizia, non unanalisi. Solo illazioni e fantasiose connessioni per tentare di giustificare lastrusità di un titolo sensazionalistico e intenzionalmente diffamatorio perché non circostanziato.

Giornalismo di bassa lega, robaccia. Lennesimo sintomo del declino, anzi della decomposizione di una testata un tempo gloriosa, che si sta liquefacendo da sè , sconfessata dai propri lettori che non leggono più lEspresso da tempo. E daltronde come potrebbero con copertine come questa?

 Mi sa che è il destino che si merita.

Comment on Facebook

Grazie di cuore, a tutti voi. intanto l'Espresso non riesce a convincere nemmeno i propri lettori. i commenti sul sito sono eloquenti. Vi mando tre schermate

E tre

E due

Purtroppo non solo l'Espresso è ridotto a carta straccia , ma, tranne qualche voce isolata, l'intero panorama giornalistico!

Ma lei non ha mai scritto cose false? Vede non ci credo, lei cosi al di sopra delle parti non sarebbe li, ma l'avrebbero annientato. Forse è più bravo di altri a raccontare qualche bufala al posto giusto.

La copertina dovrebbe far ridere (di Makkox) ma non riesce nel suo intento. Il giornale diretto da Marco Damilano (facciamo sempre nomi e cognomi) non sa fornire informazioni, nel 99% dei casi, se non di pura propaganda. Aspettiamo i pianti della redazione quando verranno fatti tagli (un giornale così non potrà non averne). A quel punto sarà lecito domandare dove fossero tutti quando scrivevano articoli senza capo ne coda

I tagli ai finanziamenti ai giornali saranno presto una realtà e con i fatturati costantemente in perdita (mediamente il 50% di lettori in meno negli ultimi 10 anni) vedremo come se la caveranno questi pseudogiornalisti modello damilano, tutti-propaganda e niente verità.

È da tempo che sappiamo che La Repubblica- L'Espresso, e i cosiddetti "giornaloni" (Corriere, etc.) non sono organi di informazione ma megafoni delle elite radical chic e del pensiero unico che hanno la funzione di indottrinare i loro lettori e di screditare chi non è con loro

Sulla provenienza dei soldi con cui il cretino di Rignano compra la villa silenzio tombale. Probabilmente perché sanno che sono regalie delle banche e case farmaceutiche a cui l'imbecillotto ha fatto favori.

Gia’ liquefando ma ... togliendo i finanziamenti l’agonia sarebbe piu’ rapida !!! Accidenti il mio spirito umanitario esce sempre fuori

Giornalisti idioti che per allinearsi ai poteri forti economici fanno marchette... articoli sensazionalistici e pseudo-inchieste abortite già nella mente distorta di chi spinge ... Giornalisti che possono poi dire io c’ero ! Per ricevere un domani altrettanti favori ... Ma per questa mafia oligarchica nera ... non c’è più futuro 😂😂😂 Idioti😎

Dr.Foa, siamo tutti con lei. Quelli dell'Espresso sono tali idioti che......meritano di essere denunciati e costretti a...pagare, perché il loro capo-bastone è troppo abituato a non pagare mai !

beh, per togliere le sovvenzioni alla stampa, potete cominciare proprio da qui ... 🙄 tanto dietro c'é chi prende prestiti e non li rimborsa ...

Fate una vignetta sui soldi scomparsi , e mai restituiti della ex Margherita !!!

Fatte come me, non comprate più la Repubblica di domenica con l'inserto Espresso!!!!!

Cosa potevamo aspettarci caro Foa da un giornalino che ha ricevuto MLD di finanziamenti pubblici e di proprietà dei più grandi evasori della storia

Spero quanto prima il vice ministro Di Maio, tolga i finanziamenti pubblici a questi giornaletti e giornalai che manco carta straccia riescono a vendere più

Guardate i lati positivi, stanno rosicando ma rosicando così tanto che io li ignorerei di più ... si stanno auto eliminando ... lasciamo che la natura abbia il suo corso ... la loro estinzione è prossima grazie a madre natura.

buon senso vuole che cada nel dimenticatoio ...non merita risposta... nè visibilità, tuttavia siamo ai colpi di coda di un sistema che non si dà pace per aver perso e il fango schizza ovunque.... a questo punto li denuncerei chiedendo una bella somma da devolvere alla lotta anzi alla crescita del Populismo ...:-) buona domenica Marcello Foa

Incredibile copertina. Arrivano davvero a tanto? Mi metto sul lato della satira, al di là del significato politico. Non fa proprio ridere, nemmeno sorridere. È di profilo proprio terra a terra. Ho come l'idea che li manteniamo ormai solo noi con i soldi che gli passa lo Stato.

Quindi? Niente querela? Io non gliela farei passare liscia, non dimentichiamo che sono i complici dello sfascio del Paese.

Egr. Marcello Foa basta ignorarli sono degli ipocriti farisei al servizio della finanza e Vaticano.

Stiamo rasentando la follia allo stato puro: mai visto un simile accanimento! Comunque, dimenticano che il Governo ha il popolo dalla sua parte e che le varie illazioni non fanno che accrescere il supporto e la difesa dei suoi rappresentanti .

Propaganda, Live & Open®. Un esposto all'ordine dei giornalisti? Non produrrà effetti, ma resta agli atti. (Continuo a pensare che anche una querelina ci starebbe tutta.)

L'Espresso.....è l'immagine di una sinistra ,capitalista legata ai poteri forti e mai dalla parte dei cittadini, che si sta autodistruggendo....per la fortuna degli italiani....

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔴 CHE DITE? QUERELO L'ESPRESSO O MI LIMITO A UNA RISATA?

Ieri sera il settimanale L'Espresso ha pubblicato sul proprio sito l'anticipazione di un articolo che uscirà domani, in cui, tenetevi forte, si sostiene che la cassa della Lega sarebbe in Svizzera e si lascia intendere che il sottoscritto avrebbe avuto un ruolo chiave in questa misteriosa e sofisticata operazione.
Un lettore mi ha detto: devi querelare. Non so, deciderà il mio avvocato ma l'articolo è così bislacco e la tesi proposta talmente infondata nelle argomentazioni, nonché colma di fantasiose e diffamanti insinuazioni, da essere semplicemente ridicola.
Il collega che l'ha firmato, tale Vittorio Malagutti, ovviamente non mi ha interpellato in fase di stesura, violando le più elementari norme del giornalismo d'inchiesta, e questo la dice lunga sulla serietà di una testata un tempo autorevole.
Se lo avesse fatto, gli avrei detto che il pranzo a Lugano con Steve Bannon, citato nell'inchiesta come episodio fondamentale, era talmente segreto che si è svolto alla presenza, tra gli altri, di Roberto Antonini, un giornalista della RSI (il quale ne diede conto pubblicamente), e di Danilo Taino del Corriere della Sera. Non c'è che dire, un tavolo di loschi congiurati.
E al solo pensiero che si possa fare un'inchiesta con questi criteri a me scappa davvero da ridere.

espresso.repubblica.it/attualita/2018/07/06/news/sovranisti-si-ma-con-la-cassa-in-svizzera-1.3246...
... See MoreSee Less

🔴 CHE DITE? QUERELO LESPRESSO O MI LIMITO A UNA RISATA?

Ieri sera il settimanale LEspresso ha pubblicato sul proprio sito lanticipazione di un articolo che uscirà domani, in cui, tenetevi forte, si sostiene che la cassa della Lega sarebbe in Svizzera e si lascia intendere che il sottoscritto avrebbe avuto un ruolo chiave in questa misteriosa e sofisticata operazione.
Un lettore mi ha detto: devi querelare. Non so, deciderà il mio avvocato ma larticolo è così bislacco e la tesi proposta talmente infondata nelle argomentazioni, nonché colma di fantasiose e diffamanti insinuazioni, da essere semplicemente ridicola.
Il collega che lha firmato, tale Vittorio Malagutti,  ovviamente non mi ha interpellato in fase  di stesura, violando le più elementari norme del giornalismo dinchiesta, e questo la dice lunga sulla serietà di una testata un tempo autorevole.
Se lo avesse fatto, gli avrei detto che il pranzo a Lugano con Steve Bannon, citato nellinchiesta come episodio fondamentale, era talmente segreto che si è svolto alla presenza, tra gli altri,  di Roberto Antonini, un giornalista della RSI (il quale ne diede conto pubblicamente), e di Danilo Taino del Corriere della Sera. Non cè che dire, un tavolo di loschi congiurati.
E al solo pensiero che si possa fare uninchiesta con questi criteri a me scappa davvero da ridere.

http://espresso.repubblica.it/attualita/2018/07/06/news/sovranisti-si-ma-con-la-cassa-in-svizzera-1.324608?ref=HEF_RULLO

Comment on Facebook

Grazie a tutti per la solidarietà e per i commenti. Questa mattina ho letto l'articolo integrale sull'Espresso e rappresenta giornalisticamente il nulla più assoluto. Non c'è niente: non una notizia, non un'analisi. Solo illazioni e fantasiose connessioni per tentare di giustificare l'astrusità di un titolo sensazionalistico. Tutto quì? La mia prima intuizione era corretta: ridicoli, sono solo ridicoli!

Quereli pure direttore. Giornalisti onesti e non asserviti come Lei non possono essere diffamati da quel "giornale" che è l'Espresso (la cui vera utilità mi astengo dall'esternare). Poi la grossa risata La farà quando verranno condannati al risarcimento danni. Vediamo poi se Damilano si toglie quel riso insopportabile dalla faccia!

Scusa Marcello, ma credo proprio che la querela sia una pratica che deve cominciare a diventare necessaria con questa sinistra al caviale che non può più pensare di poter dire quel che vuole senza conseguenza alcuna. Capisco che per un giornalista mettersi contro altri giornalisti non sia piacevole, ma proprio per amore verso la professione, mi chiedo, è possibile continuare a lasciare impuniti coloro che la stuprano ormai quotidianamente da anni? Se si invertisse il senso loro non avrebbero dubbi e nessuna considerazione, e rischi di fare la fine di Alberto proprio con questo giornale, ricordiamiolo. E poi c'è un altro punto: alla fine della fiera la gente terrà a mente le parole scritte da costoro e non la tua risata, anzi si chiederà: "ma se non era vero perché non ha querelato?".

DEVE querelare. E deve costituirsi parte civile nel processo penale che potrebbe seguire (magari destinando in beneficenza l'eventuale risarcimento). Se non lo facesse resterebbe un'ombra, e questo non sarebbe giusto: inoltre, è ora che chi fa 'informazione' comprenda la responsabilità che DEVE discendere dalla funzione di giornalista.

buon senso vuole che cada nel dimenticatoio ...non merita risposta... nè visibilità, tuttavia siamo ai colpi di coda di un sistema che non si dà pace per aver perso e il fango schizza ovunque.... a questo punto li denuncerei chiedendo una bella somma da devolvere alla lotta anzi alla crescita del Populismo ...:-)

Caro Marcello io che ti conosco dalle scuole elementari, e conosco la tua etica, direi che devi querelare almeno per mettere un punto fermo alla vicenda. Poi ribatti ed attacca via social noi ti seguiamo.

In questi casi querelare non è un dirtto ma un obbligo. Chi fa informazione ha il dovere morale di utilizzare il mezzo per perseguire la verità e non la menzogna per interessi propri o di altri. Quindi se io fossi in lei lo farei immediatamente.

Ricordi che un'inchiesta di Camilla Cederna, giornalista dell'Espresso, molti anni fa fece dimettere il Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Tutto falso ...la stessa fu condannata (magistrati amici? ) solo dopo l sua morte. QUERELA !

Proprio perché ridicolo,volutamente diffamatorio,sarebbe giusto querelare L'Espresso che non è nuovo a questi comportamenti(ricordiamo il recente caso del governatore della Sicilia).Chissa' che non imparino le regole del buon giornalismo

La querela è inutile: da una parte non lo legge più nessuno, dall'altra ha la credibilità del giornale dell'orso Joghi. Querelandoli concederà solo un po' di visibilità a quei castori rosicatori e la vendita di 2 copie in più.

La Svizzera NON è, da molto tempo ormai, un rifugio per denari non dichiarati o di provenienza illecita. È ora di smetterla di mettere nella testa della gente questa [email protected]@ata perché lede l’immagine di un Paese tra i più seri, MENO CORROTTI e avanzati di questo schifo mondo. Pertanto non è possibile che ci siano fondi illeciti perché visto che la pista è falsa anche la presenza di denari è inventata. La sinistra è invece ora che dichiari chiaramente perché Di Pietro non ha potuto colpire il PC nel ‘94 viste le centinaia di milioni di dollari iniettati segretamente da Mosca fino alla caduta del muro di Berlino... sono veramente degli ipocriti pagliacci !

L'imparziale magistratura troverà il modo di tutelare l'espresso , ma credo sia arrivato il momento di portare alle loro responsabilità questi professionisti del fango...

Querela tranquillamente magari tra qualche anno visti i tempi della magistratura una delle sue case in Svizzera quel losco di De Benedetti la dovrà scucire 😉! Grande Marcello avanti cosi!

Secondo me, deve querelare o denunciare, per etica professionale... un giornalista dovrebbe, informarsi, approfondire, e poi scrivere... un gruppo di "giornalisti" scrive veline preparate da altri... senza contradditorio, Grazie a questo sistema, l'osservatorio per i diritti umani in Siria ha potuto, per anni essere l'unica fonte di informazione in un conflitto... cosa che onestamente non sta' "ne in cielo ne in terra" Cordialemte

Uno studio della mia università ha catalogato l informazione di Espresso e Repubblica a livelli di regime totalitario come obiettività e informazione oggettiva. Un po' come Il Manifesto.

Caro Marcello, ci sono gli estremi per una querela, per fare imparare a certa gene che deve comportarsi in modo professionale e non diffamando senza alcun elemento a supporto. Sono i tipici casi di propaganda, finalizzati alla demonizzazione dell'avversario

Se l'articolo è veramente stracolmo di invenzioni come dice lei allora la querela è d'obbligo. Anche perché credo sarebbe un errore lasciare impunito un atto di diffamazione compiuto da un testata ufficiale che, come tale, in teoria, dovrebbe anche prendere il finanziamento pubblico all'editoria. Sbaglio?

Restare in silenzio dopo queste accuse, anche se ridicole, significa superiorità morale ma debolezza materiale. In un mondo fatto di materialismo e fake news, molto meglio reagire con querele, anche se ci pesano e fanno perdere tempo utile. Questo è rispondere al loro modo disonesto di combattere, meglio essere coerenti e all'altezza del gioco sporco che conducono.

Comunque sono davvero alla frutta. Hanno perso ogni freno inibitorio, sembra che si stiano volontariamente suicidando, tutta la sinistra, non passa giorno senza una figura da peracottai. Quali in effetti sono sempre stati

Non siamo più negli anni settanta, oggi In Svizzera non esiste più il segreto bancario, e aprire un conto a Lugano piuttosto che a Brescia è la stessa cosa, dopotutto è la globalizzazione, non erano per un mercato globale, e una finanza galattica?

Sulle falsità del gruppo editoriale in questione basta ricordare i falsi dossier e le false interviste del duo Bonini D'Avanzo nel 2006/2007 in occasione del caso Litvinenko. Tutto provato e confermato da indagini e contro-interviste indipendenti. Sono decenni che fanno politica, non giornalismo. Per ammissione pubblica addirittura di Scalfari secondo il quale il giornalismo deve convincere ed educare. Di querele ne meriterebbero non una, visto che l'OdG non mi pare sia mai intervenuto per certe nefandezze anche gravissime.

Devi querelare, assolutamente! Spero che i tuoi legali decidano di farlo. Siamo milioni, non siamo Trolls e siamo con tutti voi che sostenete questo governo.

con tutto il rispetto, sarebbe ora che iniziate a querelare queste testate che sino adesso Vi hanno riempito di insulti con lo scopo di screditare chi non è in linea con il loro pensiero unico.

Devi querelare... Semplicemente perché, passa l'idea che i giornali possono scrivere tutto ed il contrario di tutto.... Oggi è toccato a lei ieri ad altri e domani a chi? Vanno semplicemente rimessi in riga... Se vogliamo un paese giusto chi sbaglia deve pagare...

..tengo incorniciato un articolo de’ L’Espresso in cui, a proposito dei legami tra grandi banche e multinazionali del settore in cui operavo , citava la dittarella di cui ero uno dei soci; tanto potenti che, poi, una multinazionale ha dato l’ordine (a persona nota) di farci chiudere... e così è stato.

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

🔴 VITTORIA!

Il Parlamento europeo respinge la direttiva sul Copyright che avrebbe limitato la libertà sul web. Se ne riparla a settembre con alcune modifiche, dunque bisognerà vigilare. Intanto godiamoci la vittoria!
Il mio grazie a tutti voi in questo brevissimo video e un saluto dalla bellissima Puglia.
... See MoreSee Less

Comment on Facebook

Grazie anche a persone come lei che hanno il coraggio di parlarne

Non é ancora finita peró. Continuano a far pressing....

Beneeee 🥂 Ne ero certo !

318 no, grazie ragazzi 💪

Ottimo lavoro... continuiamo a vigilare 😉

Signor Foa, sono un pugliese,la raggiungo subito per un autografo😂

Stamattina il PD ha pubblicato un post a sostegno di quella legge. E lì che si ha avuto dunque la conferma sarebbe stata bocciata.

Grazie a te che fai vero giornalismo.

Avanti così! Non si molla!

Però non mollano, sono caparbi i lestofanti

Suoniamogliele Il vicentino Combattente Grande Marcello

Grazie anche a Wikipedia, che si e' auto-oscurata per protesta...

💪🏻

Ogni tanto una buona notizia (y)

Bella soddisfazione ! Grazie Marcello Foa e Claudio Messora!

Grazie a te , Marcello .

Per ora felice così.... vigiliamo!

Wwwwwwwwwwwwwwww!!!!!!!!!!!!!grazieClaudiograzieMarcello

Evvivaaaaa!!!! Un successo x tutti noi!

Ottimo

Puntando un bel faro, alle fine qualcuno, per il momento, si è preso del tempo. Non spegniamolo. Ti consiglio il Salento.

Evviva! Ma non abbassiamo la guardia!

Aspettavo con ansia il risultato del voto. Fra le 25.000 firme c'era anche la mia 🙂 Buona giornata

E una vittoria della libertà ..... Grazie..!!!

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

CI SIAMO: 25 MILA FIRME CONTRO LA CENSURA DEL WEB. E ANCHE LA LEGA DICE NO

Domani l’Europarlamento voterà la normativa che attraverso il grimaldello del Copyright, introdurrrà una forma sofisticata di censura. Claudio Messora è riuscito a raccogliere 25 mila firme e sono orgoglioso di averlo aiutato in questa doverosa mobilitazione civica.

Di Maio l’altro giorno si era schierato contro il provvedimento, ora anche la Lega, per iniziativa dell’onorevole Alessandro Morelli, esprime una dura condanna.
"Mettere il bavaglio al web per favorire le grandi aziende, spesso controllate da banche e finanza, non e' la soluzione per difendere i diritti d'autore. La direttiva europea che ambisce a creare un mercato unico digitale e che, teoricamente difende il copyright, in realta' nega la possibilita' di divulgare informazioni sui social e sul web e rappresenta un chiaro ostacolo alla libera informazione. Giusto tutelare il copyright ma nel rispetto della pluralita' e della liberta' di divulgazione delle notizie. Ottima la scelta di Wikipedia Italia di manifestare platealmente quanto potrebbe succedere se l'Europa vincesse contro i diritti dei singoli di esprimersi su web". ha dichiarato il deputato della Lega.

Proteste, intanto, anche in altri Paesi. Ora il voto in aula: vincerà, a sorpresa, il buon senso?

www.youtube.com/watch?v=w99nlPw_COADona oggi, resta libero domani. Con Paypal: www.paypal.me/byoblu. Con altri mezzi: www.byoblu.com/sostienimi/#comesidona —— 25 MILA SPARTANI ...
... See MoreSee Less

Video image

Comment on Facebook

Stamattina ho mandato un SMS a "prima pagina" con cui segnalavo che durante la rassegna stampa non era stato nominato l'evento del parlamento europeo sul web. Mi hanno chiamato loro chiedendomi di intervenire in trasmissione. L'ho fatto e il conduttore ha detto che non ne ha parlato perché sui giornali non c'era... Ne parlerà domani...

Spero Marcello diventi il prossimo direttore della Rai. O almeno del TG1. Giornalista eccezionale.

Io il mio l'ho fatto firmando, ora speriamo bene!

Fiero di far parte dei 25 mila spartani ! Grazie agli instancabili Claudio Messora e Marcello Foa per promuovere questa battaglia di libertà !

"vincerà, a - s o r p r e s a, il buon senso?" Questa è davvero formidabile !

Il ritorno dei popoli non si può fermare

Grazie Marcello di averci permesso di aderire, avvisandoci per tempo. Adesso speriamo nel buonsenso

🤞

Nel rispetto della pluralita se no che nome avra odierna dittatura?

Oddio... speriamo nel buonsenso.... ma sono abbastanza pessimista.

...o vinceranno i lobbisti ?

Io ho firmato!

Grazie come sempre !!.

View more comments

11 months ago

Marcello Foa

Un magnifico articolo di Carlo Freccero, pubblicato da L'antidiplomatico, sul pensiero unico che domina la cultura, i media, la sinistra. Ve lo raccomando!

www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_resistenza_di_losurdo_al_pensiero_unico/6_24555/
... See MoreSee Less

Un magnifico articolo di Carlo Freccero, pubblicato da Lantidiplomatico, sul pensiero unico che domina la cultura, i media, la sinistra. Ve lo raccomando!

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_resistenza_di_losurdo_al_pensiero_unico/6_24555/

Comment on Facebook

È confortante leggere articoli così, ti fa sentire meno solo

Letto e condivido....Ma....C'è tempo x invertire il processo ? ...E con quali metodi ? ( esclusi quelli che , contemplando vittime , sarebbero in contraddizione al presupposto del pensiero esposto ).....Siamo già in guerra , è comunque Storia , di conseguenza , dovremmo " solo " ( !!! ) agire di conseguenza . Ma , la conseguenza e' Morte . E questo..il pensiero unico , lo aborrisce , perchè I Consumatori e gli Schiavi collaborativi , non si uccidono ... si " Decerebrano " e si utilizzano....Si uccidono , invece , tutti quelli che non si riesce a sottomettere , perche' contendono risorse al Mercato . Quello che più mi disgusta e' il terrore diffuso , nello sfuggire al Pensiero Unico al DOGMA , di essere giudicati disumani ...

Carlo Freccero è un appuntamento fisso al Festival della Comunicazione di Camogli: un grande!

Anche Carlo Freccero sarà nostro ospite a Pietrasanta!

Infatti è COSÌ devi essere rosso di sinistra e puoi dire è offendere chi vuoi hai sempre ragione ma fossero loro i veri fascisti i veri razzisti

L' ho gia letto ....interessantissimo !!!

Sinistra vittima della propaganda? O coautrice?

assolutamente vero...

Marta

Veramente interessante

Io direi che la realtà va ben al di là di quello che si dice nell’articolo, bello ma in certo qual modo all’acqua di rose...

Non si possono dire le cose come realmente stanno x non incorrere in strani " incidenti " . Capisc à mè

Interessante ...quanto allarmante

Da leggere, bella ed esaustiva sintesi della nostra storia presente

Se molti più "ben pensanti sinistrorsi" si leggessero senza pre_giudizi i PROTOCOLLI SI SION ed il PIANO KALERGI, nel prendere atto che programmi sociali ideati decine di anni prima, si stanno fatal_mente concretizzando nell'ultimo decennio, capirebbero subito di essere stati criminalmente usati come brave marionette. settembrebianconero1974.forumcommunity.net/?t=420006 www.globonews.it/george-soros-ed-il-piano-kalergi/ Capirebbero che la presunzione dei CAPI POLITICI del "popolo eletto", rasenta la pazzia. www.libreidee.org/2014/07/ben-gurion-padre-di-israele-massacrate-donne-e-bambini/

Gian Domenico Mazzocato

Freccero è uno dei pochi della sinistra che stimo. Infatti iene considerato un peccatore eretico per la propria libertà di pensiero.

Freccero lo metterei in Rai come direttore

È un tempo questo che ci mette alla prova. In molte vicende c'è una confusione tale che non ci consente di trarre un sano giudizio: puoi leggere tutto e il contrario di tutto. Qual'e' il criterio, dr. FOA, per non essere burattini nelle mani di chi la sa lunga? Grazie per il brano di H.Hesse, è molto bello

View more comments

12 months ago

Marcello Foa

PER VOI E PER L'ITALIA: E' ORA DI RISALIRE

Come ogni fior languisce e giovinezza
cede a vecchiaia, anche la vita in tutti
i gradi suoi fiorisce, insieme ad ogni
senno e virtù, né può durare eterna.
Quando la vita chiama, il cuore sia
pronto a partire ed a ricominiciare,
per offrirsi sereno e valoroso
ad altri, nuovi vincoli e legami.
Ogni inizio contiene una magia
che ci protegge e a vivere ci aiuta.

Dobbiamo attraversare spazi e spazi
senza fermare in alcun d’essi il piede,
lo spirto universal non vuol legarci
ma su di grado in grado sollevarci.
Appena ci avvezziamo ad una sede
rischiamo d’infiacchire nell’ignavia;
sol chi è disposto a muoversi e partire
vince la consuetudine inceppante.

Forse il momento stesso della morte
ci farà andare incontro a nuovi spazi;
della vita il richiamo non ha fine…
Su, cuore mio, congedati e guarisci!

Il brano è intitolato Gradini e lo ha scritto uno dei più straordinari e ispirtati scrittori nel nostro tempo, Hermann Hesse. L'ho letto poche ore fa nella sua piccola e deliziosa dimora a Montagnola, sopra Lugano, ora Museo Hermann Hesse.
Ve lo propongo come riflessione serale. Riguarda ognuno di noi.
Riguarda un magnifico Paese, l'Italia, che ha voglia di far guarire il suo grande cuore, troppo a lungo oppresso.
... See MoreSee Less